Dentifricio: Il dentifricio è un prodotto finalizzato alla pulizia, alla manutenzione dell'estetica ed alla salute dei denti. Assieme allo spazzolino viene utilizzato comunemente per promuovere l'igiene orale.Spazzolino da denti: Lo spazzolino da denti è uno strumento per l'igiene orale il quale consente di rimuovere impurità, in particolare placca, da denti e gengive.Fluoruro di cesio: Il fluoruro di cesio è il composto chimico di formula CsF. È un composto ionico; all'aspetto è un solido bianco igroscopico.Listerine: 66,5 Mln €Fluorosi: La fluorosi è l'effetto dell'assunzione a lungo termine di quantitativo eccessivo di fluoro durante la fase di amelogenesi nei denti permanenti.Carie dentaria: La carie dentaria (dal latino careo, "essere privo") è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto, dentina) su base infettiva, che origina dalla superficie e procede in profondità, fino alla polpa dentale. A causarla sono i comuni microrganismi presenti nel cavo orale, principalmente quelli adesi al dente nella forma di placca batterica, che se non mantenuti sotto controllo attraverso le comuni pratiche di igiene orale, o nel caso di abbassamento delle difese immunitarie, riescono a dissolvere la matrice minerale e organica che costituisce il dente, creando lesioni cavitate.Fluorizzazione dell'acqua: La fluorizzazione dell'acqua è una pratica che consiste nell'aggiungere o sottrarre dall'acqua ioni fluoro al fine di mantenere una concentrazione di fluoro tale da diminuire l'incidenza di malattie dentarie (carie e fluorosi) nella popolazione.Steviolo: Lo steviolo è la forma agluconica dello stevioside e del rebaudioside, composti presenti nelle foglie della pianta Stevia rebaudiana e derivati.Franz Hein: ==Vita==Placca batterica: La placca (più specificamente la placca batterica) è un aggregato (biofilm) di germi tenacemente adesi tra loro e alle superfici dentali, che promuove e sostiene le comuni patologie orali: carie e parodontopatie. La deposizione di sali di calcio e di fosfati la trasforma in tartaro.Xilitolo: Lo xilitolo, anche chiamato zucchero del legno, è un alditolo composto da cinque atomi di carbonio utilizzato come succedaneo dello zucchero tradizionale. Lo xilitolo viene estratto da betulle, fragole, lampone, prugna e anche dal grano.Gengivite: Per gengivite si intende infiammazione dei tessuti gengivali, caratterizzata da gonfiore, arrossamento, calore e sanguinamento conseguenti all'accumulo di placca. La malattia è reversibile dopo rimozione delle cause responsabili.NanoindentatoreBisturi diamantato: Il bisturi diamantato è un particolare tipo di bisturi con punta realizzata in diamanti sintetici, inventato nel 1955 da Humberto Fernández Moránhttp://cbe.ivic.Salvia officinalis: La pianta che viene chiamata popolarmente salvia senza altre qualificazioni, o salvia comune, è descritta con il nome scientifico di Salvia officinalis, una delle quasi 1000 specie appartenenti al genere Salvia.Rivelatore a gas: In fisica delle particelle un rivelatore a gas è un rivelatore di particelle, cioè un dispositivo che rivela la presenza di particelle, ed eventualmente altre grandezze, come l'energia cinetica. Se una particella che passa attraverso un gas ha un'energia sufficiente per ionizzarlo produce delle coppie elettrone-ione lungo la sua traccia.Glucosio ossidasi: La glucosio ossidasi è un enzima appartenente alla classe delle ossidoreduttasi, che catalizza la seguente reazione:Subossido di carbonio: Il subossido di carbonio, o diossido di tricarbonio, è un ossido del carbonio con formula chimica C3O2 e formula di struttura O=C=C=C=O. I suoi quattro doppi legami cumulativi ne fanno un cumulene.Lattoperossidasi: La lattoperossidasi è una perossidasi, un tipo di enzima, che si trova nel latte. Tale enzima possiede attività antimicrobica e antiossidante.