MONTEFIASCONE - Nellambito delle celebrazioni del centenario della prima guerra mondiale, il comune di Montefiascone, in collaborazione con lassociazione culturale "lalbatros", ha organizzato per sabato 12 dicembre alle ore 16, presso la Rocca dei Papi, un incontro pubblico per rievocare i principali avvenimenti che hanno caratterizzato la presenza dellItalia nella prima guerra mondiale, al quale prenderanno parte studiosi di storia contemporanea, di storia militare, filosofi, storici dellarte e giornalisti.. Lincontro "Sotto il cielo dItalia - la prima guerra mondiale nella cultura contemporanea" sarà aperto e presieduto dal sindaco di Montefiascone, Luciano Cimarello, che unitamente a Mario Trapè, presidente del consiglio comunale, e di tutta lamministrazione comunale, ha voluto questa giornata dedicata alla memoria dei 181 caduti in guerra di Montefiascone e per rendere omaggio a tutte le vittime. Durante lincontro interverranno Raniero Benedetto, storico e studioso del Novecento ...
Lottavo volume di "Breve storia della Prima Guerra Mondiale" si concentra sul controverso intervento americano nella Grande Guerra: la politica estera statunitense era stata improntata allisolazionismo e il presidente Thomas Woodrow Wilson aveva incentrato la campagna per le elezioni del 1916 tutta sulla pace. Lo scoppio della guerra e il protrarsi della stessa in Europa misero tuttavia a dura prova la neutralità americana, scossa soprattutto da motivazioni economiche, oltre che morali.. Contenuto: Breve storia della Prima Guerra Mondiale vol. 8 - Lintervento americano. Download (size): 1 file zip (mp3 ...
Gioca Prima Guerra Mondiale su FunnyGames.it! Ti trovi nel bel mezzo della prima guerra mondiale e sei un pilota di caccia. Colpisci più nemici che puoi prima che finisca la benzina!
La guerra aerea è stato un importante fronte della prima guerra mondiale, anche se non può essere ricondotto ad un luogo fisico definito. La distinzione della guerra aerea come componente a sé del conflitto dipende dal fatto che questo periodo vide per la prima volta luso su vasta scala dellaereo come strumento strategico e tattico. Per la prima volta, inoltre, emersero le specialità della ricognizione, della caccia e del bombardamento, per le quali furono costruiti aeroplani dedicati. Lo scoppio della prima guerra mondiale il 28 luglio 1914 seguì di pochi anni il primo volo con un aeroplano, effettuato dai fratelli Orville e Wilbur Wright a Kitty Hawk, in Carolina del Nord, il 17 dicembre 1903Limpiego operativo dellaereo come fattore preponderante di superiorità nei conflitti fu teorizzato dallitaliano Giulio Douhet, che in un suo scritto del 1909 sottolineò per la prima volta che il dominio bellico dellaria sarebbe stato altrettanto importante di quello delle rotte marittime. ...
(Il maggio radioso, come lItalia entrò nella Prima guerra mondiale) Dal maggio radioso del 1915, che portò allingresso dellItalia nella Prima guerra mondiale, sono trascorsi cento anni.
(Il maggio radioso, come lItalia entrò nella Prima guerra mondiale) Dal maggio radioso del 1915, che portò allingresso dellItalia nella Prima guerra mondiale, sono trascorsi cento anni.
Giovedì 14 febbraio 2019, ore 18.30, nellambito della rassegna Italia, Francia e Germania: un contronto europeo contributi e dibattiti. Al termine della I Guerra Mondiale, con il crollo dei grandi imperi e la definizione di nuovi confini, ha inizio in Europa una nuova era, caratterizzata da deportazioni, movimenti di rientro nei paesi di origine, conflitti…
Regolarmente partecipiamo con Labaro dellAssociazione a tutte le manifestazioni delle varie Associazioni Patriottiche e dArma, e nel programma delle manifestazioni del Novantesimo della conclusione della prima Guerra Mondiale, organizzato dal Comune di Novara, dalla Provincia e da Assoarma, a cui siamo associati, abbiamo presenziato il 24 ottobre al Convegno sulla 1° guerra Mondiale presso lAuditorium della Banca Popolare di Novara, e siamo intervenuti sulla Mostra della Grande Guerra presso lArchivio di Stato, il giorno 25 ottobre abbiamo partecipato allinaugurazione del Museo Storico Novarese "Aldo Rossini" , nel quale è esposto il 1° Labaro dellA.N.V.G.D. di Novara, mentre il 2 novembre siamo stati presenti alla Commemorazione dei Caduti in Guerra presso il Colle della Vittoria e al Cimitero Urbano, il giorno 4 novembre Raduno con Prefetto, Sindaco,rappresentanti di tutte le armi e labari, con deposizione di corone presso il Monumento dedicato agli Eroi Caduti in Guerra, poi ...
Ciao Claudio, Questa non e la prima guerra mondiale della rete, ma bensi la terza guerra mondiale che e iniziata e nessuno se ne e accorto. E la guerra che tutti i governi del mondo stanno facendo ai loro cittadini per togliere anche la poca liberta di cui godevano. Doco poca perche la vera liberta non lha mai assaggiata nessuno.. Chiaramente tutti combattono la loro guerra localmente e partono da livelli diversi perche i vari paesi del mondo sono abituati ad un livello diverso di liberta. Negli stessi stati uniti che noi prendiamo spesso come esempio di liberta , i cittadini si lamentano di cose analoghe, restrizioni a cui non erano abituati.. Se abbiamo delle mandrie di pecore e dobbiamo farle salire sul camion che le portera al macello dovremo partire per ragrupparle dal punto in cui le pecore sono.. Se sono sparse per i pascoli doveremo ragrupparle in un unico pascolo, spingerle dentro un recinto e poi da li farle salire sul camion. Se sono gia nello stesso prato le dovremo solo ...
La Grande Guerra La prima guerra mondiale è conosciuta anche con il termine di "Grande Guerra" perché così apparve alle popolazioni che vi si trovavano coinvolte. Era una guerra "Grande" non solo per estensione dei fronti e per numero degli stati coinvolti: mai prima cerano stati tanti soldati in trincea, tante armi in dotazioni agli eserciti, tante industrie impegnate a sostenere lo sforzo bellico.. E inoltre il mondo veniva da cento anni di "quasi pace".. Per gli anziani della prima parte del 900 "pace" significava "prima del 1914". Dalla resa di Napoleone le guerre erano state poche, lontane e senza conseguenze. Cera stata la guerra di Crimea (1854-1856) [1] , la guerra civile americana (1861-1865) , le guerre di espansione della Prussia (1866 e 1871) e dellItalia (1859-61 e 1866). A questi scontri si aggiunsero i conflitti coloniali e le battaglie tra paesi imperialisti: nelle città europee gli echi di queste guerre giungevano quasi come racconti davventura, circondati da unaurea ...
I cambiamenti tecnologici in atto stavano mutando anche il modo di combattere la guerra in mare: i miglioramenti delle tecniche siderurgiche portarono alla produzione di migliori leghe di acciaio, aumentando la qualità e lo spessore delle corazze al punto che lartiglieria secondaria risultò inefficace contro bersagli ben corazzati; si verificò quindi un continuo incremento della frequenza di tiro e del calibro dei cannoni, con maggiore prevalenza dellarmamento secondario[27]. Fu introdotto il giroscopio e sistemi centralizzati per il controllo del tiro, che portarono a ulteriori miglioramenti nellefficacia delle artiglierie: la gittata utile dei proiettili, fino ad allora limitata a meno di 2.000 metri, passò a 7.000-10.000 metri[28]. Il pezzo britannico BL 15 inch Mk I, un cannone navale da 381 mm sviluppato per la classe Queen Elizabeth di navi da battaglia, arrivò inizialmente a una gittata utile di 17.900 metri con alzo di 20°, prestazione notevole che fu aumentata solo nel ...
Dalla memoria della grande guerra ai sentieri di pace LIstituto Comprensivo Darfo 2, a partire dallanno scolastico 2013/2014, ha ideato e realizzato un progetto didattico incentrato sulla prima guerra mondiale e sulle dinamiche belliche con le classi quinte della scuola primaria. Promosso dal lavoro in sinergia con il Circolo culturale Ghislandi, con lA.N.A Vallecamonica, lAssociazione Arte al Ponte, il Comitato Genitori Darfo 2, le associazioni del territorio e le amministrazioni locali ...
La Prima Guerra Mondiale rubò la vita ad oltre 650 mila soldati italiani ed iniziata nellestate del 1914 si concluse nel novembre del 1918. Con unimportante e significativa iniziativa, lAmministrazione Comunale di Filettino ha voluto tenere viva la memoria dei Caduti, come dovere morale e monito per le nuove generazioni, per laffermazione degli ideali di pace e come riconoscenza verso il tributo di sangue che tutte le famiglie italiane hanno dato per lunificazione dellItalia. Per tutti i soldati di Filettino caduti in guerra, attraverso la banca dati del Ministero della Difesa, sono state acquisite le informazioni riguardanti la data e la causa di morte e le eventuali onorificenze riconosciute. LAmministrazione Comunale ha richiesto al Ministero della Difesa, per ciascuno di loro, le medaglie ricordo sulle quali verrà inciso il grado, cognome e nome del Caduto. Il vero significato della medaglia commemorativa dellAlbo dOro è proprio quello di ricordare la dignità di ogni caduto e di ...
di Marco Toscano Nuovo appuntamento con le letture del nostro amico Marco Toscano intorno alla prima guerra mondiale, e alla guerra in generale. Cari di storiAmestre, lautobiografia di Robert Graves (1895-1985), Addio a tutto questo, ha in copertina (mi riferisco alla traduzione italiana del 2005) la scritta "Un grande libro contro tutte le guerre. The Times". Conosciuto per i suoi studi sui miti greci, Robert Graves era di ottima famiglia: il padre Alfred Perceval era irlandese e la madre, Amalie Von Ranke, tedesca, era bisnipote del famoso storico Leopold. Cresciuto in una casa londinese con bambinaia e servitù, Robert era destinato a un college a Oxford quando scoppiò la guerra. Volontario a diciannove anni nel 1914, fu mandato al fronte in Francia, mentre i suoi cugini e i suoi parenti materni combattevano con lesercito tedesco. Partecipò alle battaglie della Somme come ufficiale; ferito e dichiarato morto, si salvò e venne ricoverato in un ospedale a Oxford; quando si ristabilì, fu ...
Due fiumi per un solo progetto che - ispirandosi al volume di Rocco Di Bono intitolato "Dal Bradano al Piave" (Telemaco edizioni) - approfondirà il rapporto fra la Basilicata e la Prima Guerra Mondiale.. Secondo lo storico Antonio Gibelli, autore de "La Grande Guerra degli italiani", la Basilicata in relazione al numero di abitanti nel 1914 è stata in proporzione la Regione che in asoluto ha versato il più alto contributo in termini di vittime al primo conflitto mondiale. 7.489 tra caduti e dispersi; 2.112 tra mutilati ed invalidi secondo quanto riportato dallIstituo del Nastro Azzurro - Federazione di Potenza.. Il "progetto culturale" coinvolgerà, a partire dal prossimo anno scolastico, gli istituti dei nove comuni dellAlto Bradano (Oppido, Genzano, Acerenza, Banzi, Forenza, Lavello, Tolve, Palazzo San Gervasio e Pietragalla)" e gli altri che aderiranno in tutta la regione coinvolgendo gli studenti in laboratori di ricerca da confrontare con i coetanei dei paesi nord Italia, lungo le ...
Esattamente cento anni fa, lItalia era coinvolta nella Prima Guerra Mondiale insieme ai più importanti stati europei. Il conflitto era scoppiato nel 1914, ma la nostra nazione vi partecipò a partire dallanno successivo. La cosiddetta "Grande Guerra" fu sicuramente uno degli eventi più sanguinosi e devastanti di tutti i tempi; a morire furono soprattutto i soldati, che, troppo spesso e scriteriatamente, furono mandati allassalto dalle trincee divenendo facile bersaglio per le mitragliatrici nemiche. Personalmente, fui molto impressionato dai fatti che si svolsero durante questa maledetta guerra; questo sentimento scaturì sia dalla lettura di alcuni romanzi famosi di Erich Maria Remarque e di Emilio Lussu, sia dalla visione di film come Orizzonti di gloria e Uomini contro, che mettevano in luce lincredibile cinismo dei generali di tutti gli eserciti, i quali usavano gli esseri umani come pedine di un gioco, condannandoli a morte sicura. Anche nel campo della poesia esistono veri e propri ...
Nel nostro immaginario - a cento anni dallo scoppio - la prima guerra mondiale è piena di lande devastate, soldati feriti e morti, trincee infangate con soldati che cercano di sopravvivere in attesa del prossimo assalto, da eseguire o da subire. Ma è un immaginario in bianco e nero. Quindi, con le caratteristiche tipiche della fotografia in bianco e nero: leffetto straniante, di allontanamento o di concentrazione su dettagli singoli, di separazione consapevole nel tempo e nello spazio ...
Dopo aver vinto il premio per il migliore personaggio maschile alla seconda edizione del concorso nazionale di drammaturgia "La riviera dei monologhi" di Bordighera (IM), essere stato rappresentato presso teatri comunali e scuole pubbliche di Piemonte e Lombardia, lo spettacolo SOLO - Una vita di Quizzy Teatro torna ad Alessandria, in Cittadella, sabato 29 luglio, alle 21, nellambito della rassegna estiva di spettacoli 2017 organizzata dal Comune.. La prima guerra mondiale è vista attraverso gli occhi di un ragazzo, uno tra i milioni di anonimi protagonisti del conflitto. Antonio Trentin (interpretato da Fabrizio Pagella) desidera unemancipazione, unaffermazione di se stesso e della propria individualità, al contrario di quanto vorrebbero il padre (artigiano calzaturiero e proprietario di unavviata bottega, ansioso di offrire una stabilità lavorativa al figlio), la madre (donna votata alla "quiete" domestica e al rispetto delle convenzioni sociali) e il "Professore" (conscio di poter ...
... Le posizioni fondamentali del comunismo rivoluzionario non sono cambiate, semmai sono ancor pi intransigenti nella lotta contro la democrazia borghese, contro il nazionalismo e contro ogni forma di opportunismo, vera intossicazione letale del proletariato (6). ( il comunista ; N 149; Giugno 2017). Ritorne indice. Dopo l intermezzo, nei precedenti numeri 147 e 148 di questo giornale, dedicato alle posizione del gruppo Die Internationale e alle Tesi sulla guerra di Rosa Luxemburg (Junius) e della risposta di Lenin, riprendiamo il filo delle posizioni della nostra corrente di Sinistra dal XIV congresso del PSI, tenutosi ad Ancona, in poi, riferendoci ovviamente alla Storia della Sinistra comunista, primo volume, in particolare ai capitoli 15-17 (1), che pubblichiamo di seguito.. Verso la guerra in Europa. Il congresso di Ancona, XIV del PSI, si era chiuso il 29 aprile del 1914 e il partito si preparava ad una prova di forza, peraltro del tutto sul terreno ...
Da giovedì 10 a venerdì 18 maggio lassessorato al decentramento e alla partecipazione e lIstituto comprensivo 7 in collaborazione con lAssociazione Nazionale Bersaglieri, sezione di Vicenza, organizzano "Ricordando la prima guerra mondiale..", mostra dedicata alla Grande Guerra allestita nellaula magna della scuola secondaria di primo grado di via Mainardi e aperta da martedì a venerdì dalle 8 alle 18 e il lunedì dalle 8 alle 17 ad ingresso libero ...
Libri storici sulla Prima Guerra Mondiale , immagini originali, lettere e storie da leggere sulla Grande Guerra. Spedizioni in tutta Italia.
La disputa tra interventisti e neutralisti rispetto alal Prima guerra mondiale oppse a due fronti nel della filosofia italiano: polo napoletano dominato da Croce si oppose alla città di Firenze - sede dellIstituto francese e sede di circoli letterari e artistici vicini al Futurismo e al Bergsonismo. Fin dallinizio della guerra, i periodici fiorentini La Voce e Lacerba pubblicarono frequenti attacchi alla cultura germanica. Croce reagì dalle pagine di
... Signore, Padre di tutti gli uomini, accogli il grido dei piccoli, degli inermi, delle vittime della guerra e mostra la Tua predilezione per loro fermando ogni violenza fratricida, ogni progetto di distruzione e di iniquità.
Domenica 24 Maggio un minuto di raccoglimento in memoria dei Caduti.. Si rende noto che la Prefettura di Chieti ha informato il Sindaco di Mozzagrogna che la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha disposto, a seguito della Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 18 maggio u.s., che domenica 24 maggio 2015, alle ore 15.00, venga osservato un minuto di silenzio e raccoglimento su tutto il territorio nazionale, in memoria dei caduti della Prima Guerra Mondiale, in occasione del centenario dellingresso dellItalia nella grande Guerra.. Scarica lAvviso. ...
Bellissimo e rarissimo berretto da campo, modello 1909, per Maggior Generale in Comando di Brigata del Regio Esercito, usato durante la prima guerra mondiale...
Storia - Appunti - la situazione dei vari paesi alla fine della Prima guerra mondiale, la nascita del Fascismo e il potere di Mussolini. Relazione di storia sul primo dopoguerra utile per lesame di terza media… Continua ...
Novellara (RE) 22 maggio 2015 - In occasione dellanniversario dei 100 anni dalla Prima Guerra Mondiale (1915-2015), il Comune di Novellara intende celebrare lavvenimento, a partire dal 24 Maggio (data dellentrata in guerra dellItalia), con una serie di iniziative. Domenica mattina alle ore 10.30 in Collegiata Santo Stefano Don Carlo svolgerà una messa con benedizione…
Annali della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli (1990-1991). Strikes, social conflict and the first world war. An international perspective è un libro a cura di L. Haimson , G. Sapelli pubblicato da Feltrinelli nella collana Annali Fondaz. Giangiacomo Feltrinelli: acquista su IBS a 57.07€!
Appunti di storia contemporanea sulla Fine della Belle Epoque e linizio della Prima Guerra Mondiale basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni dell’università degli
Per saperne di più sulla Scozia e sul suo coinvolgimento nella prima guerra mondiale con una cronologia dei principali eventi dal 1914 al 1919.
Per saperne di più sul Black Watch, il reggimento militare di élite della Scozia, e sul suo ruolo durante la prima guerra mondiale.
1916 è un gioco molto intenso e sconsigliato ai bambini, unavventura grafica avvincente e ambientata nel periodo della prima guerra mondiale.
Le origini della Prima guerra mondiale. E-book. Formato PDF è un ebook di William Mulligan pubblicato da Salerno nella collana Piccoli saggi - 9788884028488
Il monumento Monumento ai caduti del rione Borgo nella prima guerra mondiale in AbcRoma la guida di Roma. Con la mappa e gli itinerari puoi visitare i monumenti di Roma
Puntata molto interessante: ma vogliamo parlare di Massonerie, alla base della Prima Guerra Mondiale? Perché i Massoni Inglesi e poi americani amano tanto la Sicilia? Ecco qui una opinione sulla famiglia Florio tratta da Facebook: Vincenzo Florio fu iniziato alla Massoneria il 21 agosto del 1820 ad appena 21 anni. E risaputo che la Sicilia deteneva il 90% delle riserve mondiali, indispensabile per la produzione della polvere da sparo e quel maiale di Florio era il principale punto di riferimento, monopolista tra laltro, degli inglesi in Sicilia. Nel 1840 costitui la Anglo-Sicilian Sulphur Company Limited appoggiato dalla MASSONERIA Inglese, con Benjamin Ingham e Agostino Porry per la produzione e la commercializzazione di acido solforico e derivati dello zolfo, e si arricchi con lo sfruttamento delle risorse dellisola che in tutto cio non ne traeva alcun vantaggio: naque cosi La Questione degli Zolfi, principale causa della nostra rovina. Ancora….se la memoria non mi inganna il ...
LeBook La prima guerra mondiale di Liddell Hart Basil H., edito da Rizzoli libri in formato ePub su TIMREADING. Acquista il libro digitale e risparmia!
Hitler eroe della prima guerra mondiale? Una bufala. Scopri le ultime notizie e gli approfondimenti sui fatti del giorno su giornalettismo.com.
Appunti di Storia contemporanea sulle cause e sulle conseguenze della Prima Guerra mondiale per lesame del professor Graziosi. Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: la Triplice
Trento - La Prima Guerra mondiale ha avuto ricadute sociali devastanti a livello di perdite umane, ma per capire davvero un conflitto occorre guardarne e
Con la fine della I guerra mondiale ed essendo lItalia risultata vittoriosa nel conflitto, alla conferenza di pace di Parigi richiese che venisse applicato alla lettera il patto (memorandum) di Londra, aumentando le richieste con la concessione anche della città di Fiume a motivo della prevalenza numerica delletnia italiana nel capoluogo quarnerino. Così non fu a causa del parere contrario del presidente Wilson, che non avendo sottoscritto il patto non si considerava ad esso obbligato. La Francia inoltre non vedeva di buon occhio una Dalmazia italiana poiché avrebbe consentito allItalia di controllare i traffici provenienti dal Danubio. Il risultato fu che le potenze dellIntesa alleate dellItalia opposero un rifiuto e ritrattarono parte di quanto promesso nel 1915. LItalia dal canto suo fu divisa sul da farsi, e Vittorio Emanuele Orlando abbandonò per protesta la conferenza di pace di Parigi. Le potenze vincitrici furono così libere di proseguire la conferenza di pace senza la ...
Prima guerra mondiale ,conquista ,Col di Lana ,bandiera ,tricolore ,Italia ,Beltrame A. ,Domenica del Corriere ,propaganda ,periodici ,giornali ,I G.M. ,I Guerra Mondiale ,Prima Guerra Mondiale ,La Domenica del Corriere , Prima Guerra Mondiale , ...
REGGIO EMILIA - Più di cento anni sono trascorsi dalla prima guerra mondiale, passata agli annali della storia come la Grande Guerra.. Di come si visse in città il conflitto mondiale si parlerà nella prossima puntata de La Clessidra, domenica 5 marzo, alle 21.30 su Telereggio (replica sabato 11 marzo alle 23). LItalia entrò in guerra il 24 maggio del 1915. Abbiamo ricostruito le conseguenze di quellevento nella nostra provincia, che fu una retrovia del fronte per quanto riguardava rifornimenti, trasporti e cure dei feriti, ma pagò anche un elevato prezzo di sangue con 6mila morti e 3mila mutilati, altre migliaia di invalidi per ferite e malattie.. Telereggio Reggio Emilia guerra La clessidra storia clessidra officine reggiane le reggiane guerra mondiale prima guerra mondiale ...
Di seguito lintervento di Marina Sereni al convegno di Foligno dedicato alla Prima Guerra Mondiale.. Mi è stato affidato un titolo molto impegnativo "Dalla memoria della guerra limpegno per la pace" che cercherò di affrontare senza prendere troppo tempo. Parto da una considerazione di contesto: credo sia stato molto giusto promuovere su scala nazionale ed europea eventi ed iniziative per ricordare il primo conflitto mondiale. E credo che abbiano fatto bene lUmbria e la nostra città ad inserirsi nel programma nazionale con una nutrita serie di appuntamenti di grande interesse e qualità. Perché la Prima Guerra Mondiale rappresenta uno spartiacque nella storia del nostro paese e del nostro continente.. Abbiamo ricordato da poco i 150 anni dellUnità dItalia: la Prima guerra mondiale fu drammaticamente la prima vera prova di quella unità perché mise in contatto e in relazione italiani di ogni parte della penisola. Basti pensare che furono mobilitati 5 milioni di soldati, la quasi ...
Acquisizione ormai "consolidata" della storiografia di tutti i tipi, è la I guerra mondiale è stata lorigine diretta di una rivoluzione profonda; ed è soprattutto da "quella" Guerra e da questa "rivoluzione" che discendono e dipendono molte delle vicende attuali, a cominciare dal «tramonto dellEuropa» come protagonista nel mondo.. Certo, comunque, che fa impressione ancora adesso andarsi a sfogliare le cronache di quel tempo che pure è, appunto in termini temporali, lontanissimo da noi perché risale a novantanni fa, al 1914-1915.. Fa impressione, colpisce nei sentimenti - ma anche nella ragione e nella spinta allanalisi - quello che di poco noto emerge ad esempio in una pubblicazione da poco in edicola e che esce con il sottotitolo de "le grandi battaglie dei fronti europei"; con immagini originali che mostrano "gli scenari della prima, vera carneficina della Storia" e con qualche "retroscena" sullItalia in guerra. Leggiamo ancora che, nelle cronache del conflitto "difficilmente si ...
Ciao. Ti ringrazio per le parole di apprezzamento verso il mio blog e, come puoi notare, ho visitato il tuo trovandolo particolarmente interessante. Ritengo, infatti, che la Grande Guerra non abbia avuto, sia da parte degli storici che degli operatori mediatici, unanalisi sufficientemente approfondita. Non so se la scelta sia casuale, frutto di superficialità o puramente premeditata, ma credo che rappresenti una grave lacuna per la nostra civiltà. Bisogna considerare, infatti, che la storia del Novecento e persino lattuale situazione politica, sociale ed economica, sono diretta conseguenza di quel conflitto sanguinario. Conoscerlo meglio, quindi, consentirebbe di scoprire numerosi aspetti la nostra società. Pertanto, non posso che complimntarmi per il tuo lavoro. Metterò volentieri il tuo blog nellelenco dei siti amici. Buona giornata.. Filippo. ...
Previsioni meteo Melrose gunnery range e Dati Melrose gunnery range con aggiornata allerta meteo Melrose gunnery range. Tieniti aggiornato con le previsioni meteo 16 giorni Melrose gunnery range
Quadro sui militari britannici e il calcio durante la Grande Guerra. Cuadro sobre los militares británicos y el fútbol durante la Gran Guerra.
Questi prigionieri andavano su per le campagne, per di qua e per di là con le trattrici e due o tre rimorchi attaccati dietro, a raccogliere bombe e granate. Passavano per la strada e facevano tam tam tam tam. Molto piano, 1 km allora ... e un prigioniero tedesco era seduto su questo rimorchio. Ha fatto per saltare giù ed è scivolato sotto le ruote, che erano di ferro. Quello della trattrice si è fermato e io sono andato là vicino. Una volta si era molto più religiosi di adesso, "se credea tant nel Signor", e io vestito come adesso, descòls [scalzo], sono andato là dovera questo povero soldato sotto le ruote del trattore e mi son messo a recitare una requiem eterna, perché dicevano che quando uno stava per morire era bene presentargli lanima al Signore. Credo di aver fatto unopera di bene ... e i cinque soldati tedeschi a vedermi non si sono neppure mossi. ...
NAPOLI - Incredibile ritrovamento nella Galleria Borbonica. Gli speleologiche lavorano nella Galleria di via Morelli hanno ritrovato un raro ordigno risalente alla Prima Guerra Mondiale; una vera e propria coincidnza ha voluto che questa scoperta venisse fatta in occasione del centenario del primo bombardamento subito dalla città nel 1918. Lordigno è stato esaminato dagli esperti del 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta, coordinati dal Comando Forze Operative Sud di Napoli, che sono riusciti a identificare il tipo di bomba, ovvero una "Bombarda" da 240 mm utilizzata dal Regio Esercito sul fronte italiano, che era svuotata del suo contenuto esplosivo. La presenza di un simile tipo di ordigno inevitabilmente ha destato degli interrogativi su come possa essere arrivato in un posto così difficile da raggiungere, suggerendo uninteressante ipotesi, ovvero che la Galleria Borbonica di via Morelli possa essere stata un deposito di armi durante la prima guerra mondiale. Anche se Napoli non fu ...
Nome Edmondo Matter Data e luogo di nascita Mestre (Venezia), 22 agosto 1886 Forza armata Regio Esercito Arma Fanteria Corpo o Specialità Reparto 9ª compagnia, 3º battaglione, 55º Reggimento fanteria Marche Brigata o unità Brigata fanteria Marche Grado Capitano, comandante della 9ª compagnia Guerre Prima guerra mondiale (Battaglia di Monte Piana) Prima guerra mondiale…