di Roberto Olivato. E stata una sferzata contro lapatia e lassenza di valori a cui è giunta la nostra società, quella che il vescovo Simone Giusti ha energicamente espresso nel corso dellomelia, alla Messa che lAssociazione Combattenti e Reduci aveva fatto celebrare in memoria dei Caduti di tutte le guerre alla chiesa di San Ferdinando abbiamo perso il rispetto non solo verso gli altri, ma verso noi stessi. Quando una nazione si svuota di valori e di ideali, perde la propria identità e la nostra nazione ha perso di credibilità nellambito internazionale, non solo per la crisi economica, un male mondiale, ma anche per non essere più in grado di far capire chi siamo. Lattacco alla società del consumismo che antepone il denaro a qualsiasi tipo di valori morali, non è stato lunico argomento trattato dal vescovo Giusti che ha così proseguito sia il Papa che il presidente Napolitano hanno auspicato una rinascita dei valori morali, perché senza tali valori non esiste una ...
Adesso è chiaro che la questione morale nasce dalle persone, da quello che fanno, da come trattano gli altri, da come usano il potere e il denaro e, se sono uomini, da come usano le donne. Nel caso di Berlusconi mi pare che la questione morale, al di là della vicenda familiare su cui nessuno ha titolo per giudicare ("non giudicate", dice il Vangelo), consiste nella scelta di usare il grido di dolore della moglie come il terremoto dellAquila: una disgrazia da trasformare in profitto, una mazzata da giocare per vincere ancora, uno stacco pubblicitario per prendere voti, unemozione pubblica per un profitto privato. ...
Acquista online il libro Etica dellassenso. Se accettare i principi morali sia un problema della volontà di Paola Premoli De Marchi in offerta a prezzi imbattibili su Mondadori Store.
A livello individuale, i principi morali riguardano i criteri che le persone utilizzano per valutare le proprie azioni e quelle altrui. A livello di società,
I partiti si stanno disfacendo piano piano e il PD in risposta a Berlusconi che aveva parlato di questione morale in quel partito ha risposto che loro avevano candidato un sacco di inquisiti. La risposta giusta sarebbe stata "Noi non abbiamo candidato nessun inquisito". Purtroppo non lhanno potuta dare. Travaglio parla anche delle indagini di De Magistris e degli effetti presenti e futuri. ...
Laura Puppato, candidata alle primarie del centrosinistra, interviene sulla cosiddetta "questione morale" allindomani di tutti gli scandali che stanno attraversando, a vario titolo, in vari partiti, su più regioni, la politica italiana.. "Giudico fondamentale sia inserita la norma di decadenza dalle cariche pubbliche in presenza di un "rinvio a giudizio". Decadenza sia del rappresentante politico che dei responsabili istituzionali. Che ci siano pene più severe per chi, svolgendo cariche pubbliche, abusa della fiducia dei cittadini e dei suoi colleghi politici, per scopi personali, quali ad esempio peculato e frode".. Laura Puppato continua precisando che la "decadenza automatica e fatto propedeutico a far tornare la fiducia nella classe politica. Chi vuole cancellare il finanziamento pubblico ai partiti va contro lEuropa, dove i finanziamenti esistono ma sono giustamente ridotti rispetto al plafond italiano. Fare politica senza fondi assume un significato grave: solo chi ne ha potrà ...
A pochi giorni dal caso Lodi e dallinchiesta a carico del sindaco PD, Simone Uggetti, la politica torna a riflettere su corruzione e questione morale: ora nel mirino cè anche il sindaco ...
Lecce - Una volta la questione morale era la questione per eccellenza del fare politica. Ci si preoccupava di dare in pasto allelettorato un ventaglio di
Servizio. Ascolta laudio registrato lunedì 6 agosto 2012 in radio. La politica, la questione morale, la magistratura, la partitocrazia, la corruzione, il...
Il reintegro dei consiglieri regionali Roberto Conte e Alberico Gambino, entrambi condannati per gravi reati, deciso dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi conferma lesistenza di una questione morale irrisolta nella coalizione del ... - 1
Era il 1981: Berlinguer lanciava la questione morale e nel Pci il suo principale avversario fu Giorgio Napolitano. Uno stralcio del racconto di quegli anni, tratto da
La questione morale si pone in tutti i campi della condotta umana, ma quando viene posta nella sfera della politica assume un carattere particolarissimo. In tutti gli altri campi, la questione morale consiste nel discutere quale sia la condotta moralmente lecita e, viceversa, quale sia illecita, e per avventura, in una morale non rigoristica, quale sia indifferente, via via nei rapporti economici, sessuali, sportivi, tra medico e malato, tra maestro e scolaro, e così via. Ciò che non è generalmente in discussione è la questione morale stessa, ovvero che vi sia una questione morale, che in altre parole sia plausibile porsi il problema della moralità delle rispettive condotte. Ripensavo a questa riflessione di Norberto Bobbio (che risale ahimè a 30 anni fa) ieri sera, mentre da casa seguivo la diretta streaming della seduta del Consiglio comunale di Gorizia. In una delle ultime sedute (la prossima è prevista per i giorni 27 e 28 marzo p.v.) prima del rinnovo previsto per il prossimo 11 ...
Nessuna "vita civile"è possibile senza "comportamenti morali sia dei singoli che dei corpi intermedi e di tutte le istituzioni".Monito del presidente della Cei e arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco:difficoltà politiche,crisi economica, questione morale, emergenza educativa Nessuna "vita civile" è possibile senza "comportamenti morali sia dei singoli che dei corpi intermedi e di tutte le istituzioni": è lammonimento del cardinale Angelo Bagnasco. "Una parola sulla cosiddetta questione morale", ha detto Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, in un passaggio del Te Deum di fine anno nel capoluogo ligure. "Non ne parlo perché se ne parla oggi a livello mondiale, a volte a proposito, e forse a volte a sproposito; ma perché è di permanente attualità. Infatti, nessuna vita civile, nessuno sviluppo potrà essere vero e raggiungere lo scopo - creare giustizia in ogni campo sociale - se non è ispirato ad una visione etica e a comportamenti morali sia dei singoli che dei corpi ...
Intanto la doppia morale del M5s continua ad essere il bersaglio preferito del Pd, scatenato soprattutto dopo le parole della candidata 5 Stelle a Roma, Virginia Raggi, che se da un lato si dice daccordo con Davigo, dallaltro si indigna: "gli avvisi di garanzia non devono essere utilizzati come manganelli".. "Vedo che il tirocinio da Previti non è stato così inutile" ironizza il dem Ernesto Carbone.. Ma dal Pd laffondo contro il M5s è bilanciato dalla tiepida reazione dem a livello locale. "Ci auguriamo per Parma soprattutto che il sindaco non subisca un processo in merito a questo" afferma il segretario del Pd di Parma ed anche Paolo Calvano, segretario regionale del Pd dellEmilia-Romagna ricorda che "nel nostro ordinamento la contrarietà di una condotta emerge definitivamente al terzo grado di giudizio".. ...
Un panico morale è un panico collettivo su una questione considerata essere una minaccia, o scioccante, per le sensibilità della società "per bene". Vengono spesso portati alla luce da reporting selettivo[rw] sensazionalistico nei media ed esagerati dagli "imprenditori della moralità", una categoria che include politici in cerca di attivisti per la propria causa. I panici morali possono risultare nellesplosione fuori proporzioni di un fenomeno reale, oppure nel credere che un fenomeno non reale sia vero. I panici morali dipingono spesso un diavolo popolare[rw] caricaturale o stereotipato su cui si focalizzano le ansietà della comunità, come è stato descritto dal sociologo Stanley Cohen che ha coniato il termine nel suo studio Folk Devils and Moral Panics, che esaminava la copertura dei media delle rivolte tra le bande di motociclisti mod e rocker negli anni 60.[1][2] Dove un panico morale ruota attorno ad un gruppo i cui membri sono consci della loro subordinazione, il comportamento ...
Il titolo è in parte errato. In verità Dio non è morto perché non può esistere. Ma ho voluto rifarmi ad una famosa espressione di Nietzsche (La gaia scienza), che aggiunge: "e noi labbiamo ucciso". Voleva così dire che finivano tutti i valori morali fondati sul cristianesimo. Dovevano essere trovati nuovi valori morali per evitare il nichilismo. E qui Nietzsche sbagliò tutto. Egli pensò che, venendo a mancare i vecchi valori morali, fosse necessario inventarne di nuovi sostituendo a Dio il superuomo, una umanità superiore con una guida elitaria. Sulla base di questa concezione il nazismo credette di trovare in Nietzsche la sua guida morale. Ma Nietzsche non fu mai un antisemita. Fu sfruttato dal nazismo contro le sue intenzioni. Non si trova in Nietzsche una sola frase in cui si dica che il popolo tedesco rappresentasse una umanità superiore. Anzi, vi sono alcuni passi in cui Nietzsche appare preferire i francesi ai tedeschi. Se un filosofo può essere usato per fini contrari al suo ...
La mancanza di una completa e specifica regolamentazione delle unioni non ratificate dal matrimonio e le evidenti analogie con questultime, costituiscono terreno fecondo sul quale svilupparsi quei doveri dettati dalla morale sociale dalla cui inosservanza discende un giudizio di riprovazione e al cui spontaneo adempimento consegue leffetto di soluti retentio di cui allarticolo 2034 del codice civile, pertanto ciò che è stato corrisposto al compagno durante il rapporto in adempimento di quei doveri, non è ripetibile in quanto obbligazione naturale.. Così si è espressa la Corte di cassazione - Sezione I civile - con la sentenza del 22 gennaio 2014 n. 1277 estendendo i doveri morali e sociali anche alle coppie di fatto. La vicenda giudiziaria è quella che vede due conviventi separarsi dopo una vita in comune durata cinque anni e dalla quale era nato anche un figlio: luomo chiede alla convivente la restituzione di circa 120.000 euro depositati mediante versamenti periodici sul conto ...
Temi: storie che fanno pensare, favole per adulti con morale, brevi racconti significativi, storie che insegnano, storielle divertenti con morale, storie con morale amicizia, storie con morale sulla fiducia, favole brevissime, storie con morale sullamore, storie per riflettere sullamicizia, storie per riflettere sulla famiglia, storie per riflettere sullamore, brevi racconti significativi, storie che insegnano, storie per riflettere per bambini, storie per lanima ...
Ancora una volta si finisce per dover cercare dalle stesse parti di sempre. Se si solleva il velo di unopinione pubblica improvvisamente attratta da un moralismo che non laveva in precedenza mai sedotta, che scopre che ciò che le interessa nella conduzione dei pubblici uffici e delle cariche elettive non sono il riscatto degli oppressi, il progresso sociale e lequità, ma la semplice, banale onestà, ci si imbatte di nuovo in loro: gli aedi mediatici della moralizzazione, e le loro truppe, la borghesia urbana impiegatizia che grida al ladro per dire quanto sia morale lei stessa, condividono lo stesso passato che affligge noi tutti. Sono le stesse persone che ce lhanno inflitto. E la stessa generazione che ha mantenuto il suo tratto distintivo, lunico probabilmente vero e costante nel mutare delle circostanze e delle rappresentazioni: la convinzione di essere "la meglio gioventù". E si è limitata a cambiarne la declinazione, il richiamo per anatre di cui ha bisogno per riconoscersi: non ...
Caro direttore, se il Presidente della Repubblica denuncia il preoccupante impoverimento culturale e morale della politica, non solo nel Mezzogiorno, tutti i partiti devono sentirsi chiamati in causa. E ciascuno è chiamato a guardarsi in casa, senza nulla concedere alla pratica, anchessa una forma di malcostume politico, di mostrarsi severi con gli altri per poter…
Noi sostenemmo che il consumismo individuale esasperato produce non solo dissipazione di ricchezza e storture produttive, ma anche insoddisfazione, smarrimento, infelicità e che, comunque, la situazione economica dei paesi industrializzati -di fronte allaggravamento del divario, al loro interno, tra zone sviluppate e zone arretrate, e di fronte al risveglio e allavanzata dei popoli dei paesi ex-coloniali e della loro indipendenza- non consentiva più di assicurare uno sviluppo economico e sociale conservando la "civiltà dei consumi", con tutti i guasti, anche morali, che sono intrinseci ad essa. La diffusione della droga, per esempio, tra i giovani è uno dei segni più gravi di tutto ciò e nessuno se ne dà realmente carico. Ma dicevamo dellausterità. Fummo i soli a sottolineare la necessità di combattere gli sprechi, accrescere il risparmio, contenere i consumi privati superflui, rallentare la dinamica perversa della spesa pubblica, formare nuove risorse e nuove fonti di lavoro. ...
«La questione della fecondazione eterologa non nasce solo per la modalità della procreazione: è che crea un grande problema morale verso i figli. È la loro stessa identità familiare a essere incrinata». Tanto che per Francesco D Agostino, presidente onorario del Comitato nazionale di bioetica, la questione non è tanto giuridica, quanto etica.Che cosa sarebbe successo in Italia?«La fecondazione eterologa in provetta, con seme di donatore esterno alla coppia, in Italia è proibita.
Notizie Politica - 28/07/2014 - ENRICO BERLINGUER SOLLEVO LA QUESTIONE MORALE. Era il 28 luglio del 1981 quando Enrico Berlinguer , tre anni prima della sua morte prematura e di...
Keywords: Ideologia politica; moralità; teoria dei fondamenti morali; sensibilità al disgusto. Una peculiarità degli esseri umani sembra essere la dimensione morale, caratteristica di primaria importanza anche nel giudizio sociale. Tuttavia, il termine moralità si presenta come un vocabolo piuttosto generico allorecchio comune, indicando soltanto il fatto che la condotta di un individuo possa conformarsi o meno a determinati canoni o standard. La moralità gode, quindi, di una duplice natura: Da un lato si caratterizza come dimensione universale per la priorità che esercita nel giudizio sociale, ma dallaltro, proprio per lautonomia data al singolo individuo nella "conoscenza del bene e del male," si connota per la sua specificità individuale. Rappresentativa del secolare dibattitto filosofico sul tema è senzaltro la lapidaria affermazione del filosofo Kant "Il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me" (Kant, 2012).. Nello specifico, questo contributo intende proporre ...
Un gruppo di studio si interessa del discernimento morale allinterno delle Chiese - News dal CEC-WCC 20 agosto 2016 Lunità della Chiesa è sempre più minacciata dalle diverse posizioni sulle questioni morali. Per rispondere a questo problema la Commissio
ERIC BLAND - Discovery News. I magneti possono alterare il senso di moralità di una persona, secondo un nuovo rapporto negli Atti della National Academy of Sciences.. Utilizzando un potente campo magnetico, gli scienziati del MIT, Harvard University, e del Centro Medico Beth Israel Deaconess sono in grado di creare interferenze nel centro della moralità nel cervello, rendendo più difficile per le persone distinguere intenzioni innocenti da azioni dannose. La ricerca potrebbe avere importanti implicazioni non solo per i neuroscienziati, ma anche per giudici e giurati.. "Un conto e sapere che troveremo moralità nel cervello", ha detto Liane Young, uno scienziato del MIT e co-autrice dellarticolo. "Tuttaltro conto e mettere KO quella zona del cervello e cambiare le valutazioni morali delle persone".. Prima che gli scienziati potessero alterare il centro della moralità del cervello, era necessario che lo localizzassero.. Young e i suoi colleghi hanno usato la risonanza magnetica funzionale ...
A partire dal Concilio Vaticano II (1962-1965), il dialogo ecumenico e interreligioso ha assunto una grande rilevanza per la Chiesa cattolica. Il Concilio ha esortato i cattolici a un dialogo capace di «riconoscere, conservare e far progredire i beni spirituali e morali, nonché i valori socio-culturali» presenti presso i seguaci di altre religioni, per «promuovere insieme, per tutti gli uomini, la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà».. ...
Negli ultimi giorni, tra i nuovi concorrenti entrati lo scorso lunedì nella casa del grande fratello, abbiamo avuto modo di apprezzare la serenità, la schiettezza e la sobrietà di linguaggio della siciliana Giusy Muscia, entrata in casa come "fidanzata-finta" di Gaetano De Robertis. Giusy ama la vita, e il suo spirito positivo era proprio ciò di cui la casa aveva bisogno. Ieri Giusy ha avuto modo di confrontari con Luca Di Tolla, il saggio della casa, che per loccasione si è trasformato in "uccello del malagurio", nei confronti della sicialiana, e nel tentativo di smorzare i toni ad oggi solari e giocosi della Muscia, Luca le ha detto: ...
Il modulo ha lo scopo di offrire una ricognizione delle problematiche morali e dei principali elementi della riflessione etica e bioetica nellambito della ricerca biotecnologica e delle sue applicazioni alla medicina ...
Daniele Vignali, curatore della versione italiana del saggio, sottolinea la presenza di affinità tra Nietzsche e Rée in relazione al metodo con cui intrapresero le loro analisi etiche. Entrambi i filosofi ritenevano che non esistesse un senso morale innato in grado di determinare lumana valutazione del bene e del male: per Rée e Nietzsche i concetti di bene e male erano delle convenzioni alla cui base vi è il criterio valutativo dellutile. Sarebbe proprio il principio dellutile la salda base sulla quale si sono originariamente edificate tutte le costruzioni morali umane. Questa ipotesi genealogica della morale che viene sostenuta da Rée nel corso della sua vita e da Nietzsche dal 1878 al 1882, è una tra le analogie fondamentali che accomuna i due pensatori. Rée e Nietzsche sostenevano, pertanto, che la morale non fosse nulla di più che il risultato di un calcolo utilitaristico e che non esistessero un male e un bene in quanto tali visto che ogni azione non è né buona in sé o ...
Il rischio morale (in inglese moral hazard) in microeconomia è una forma di opportunismo post-contrattuale, che può portare gli individui a perseguire i propri interessi a spese della controparte, confidando nella impossibilità, per questultima, di verificare la presenza di dolo o negligenza. È stato coniato nel settore delle assicurazioni, dove gli assicurati tendono a modificare il loro comportamento riducendo la prudenza necessaria per evitare o minimizzare le perdite, rendendo così, di fatto, più elevati i rimborsi o pagamenti richiesti. Il moral hazard si presenta anche nella vita di tutti i giorni: se il guidatore è responsabile per tutti i danni, è probabile che guidi una macchina noleggiata più prudentemente che non quando questi siano coperti da assicurazione. Il rischio morale influisce sullefficienza, perché i benefici extra ottenuti dagli assicurati sono spesso inferiori ai costi che ne conseguono, questi ultimi sostenuti dalla controparte. Gli incentivi al comportamento ...
Almirante e una certa idea dellItalia. «La sua eredità maggiore fu la proposta della riforna istituzionale e il tentativo di ripensare lItalia dopo decenni di amnesia nazionale. Il suo grande merito è di aver parlato agli italiani di Roma di Bari, di Torino come se fossero ancora appartenenti a una Patria e non a a un "cadavere" come spesso si avvertiva». Marcello Veneziani, scrittore, filosofo ed editorialista, individua meriti e qualità di un percorso umano e politico dai quali non si può prescindere.. Veneziani, cosa dobbiamo a Giorgio Almirante?. Almirante ha vari meriti degni di essere messi in risalto. Ha un valore specifico per tutto il mondo che si è riconosciuto nella Destra, perché ha tenuto vivo il suo contenuto sociale, i valori di Patria e ha mantenuto unita intorno a una certa idea di Nazione una comunità umana che aveva combattutto "dalla parte sbagliata". Ma Almirante ha un valore specifico anche oltre il mondo di appartenenza: è stato il più grande oratore del ...
Convegno. Ascolta laudio registrato sabato 7 novembre 2009 presso Napoli. Organizzato da Alleanza dei Democratici e dei Liberali per lEuropa
La quiete dopo la tempesta è un classico, anche in politica: infatti regala tempo, un tempo necessario a valutare i danni inferti, quelli subiti e a riflettere
Dal 1990, undici capi di Stato latinoamericani sono stati travolti da scandali o costretti a dimettersi prima del termine del loro mandato: tutti casi nei quali il fattore corruzione ha giocato un ruolo importante. Sebbene queste epurazioni fossero per lo pi legittime, talvolta la corruzione si rivelata un semplice pretesto per liberarsi di un presidente ormai debole; mentre larretratezza del Paese era spesso interpretata come lennesima conseguenza di una politica di governo corrotta. Il meccanismo non ha fatto che rinfocolare la convinzione che se gli elettori fossero riusciti a sbarazzarsi della cricca dei loro avidi governanti e a trovare un leader onesto, il progresso sarebbe stato una naturale conseguenza. Silvio Berlusconi in Italia, Hugo Ch vez in Venezuela, Vladimir Putin in Russia, sono saliti al potere anche sullonda del pubblico disgusto per la corruzione che li aveva preceduti. Eppure, tutti e tre i Paesi restano corrotti e in attesa del tanto agognato progresso ...
Oppure sarà proprio per questo, per il timore che finalmente il colpevole venga punito, per la paura che questa volta non si riuscirà a far dimenticare le menzogne e gli abusi, che DAlema paventa un nuovo 1992, una nuova Tangentopoli, un nuovo rigurgito di "antipolitica"? Il primo lhanno evitato di stretta misura, anzi, lo cavalcarono a colpi di amnesie clamorose: addossando ogni colpa ad un pentapartito rigonfio di personaggi che si meritavano in pieno la condanna per corruzione, vero, ma non certo da chi non solo si spartiva le spoglie con loro, ma in sovrappiù accettava con gioia denaro lordo di sangue dallEst Europa. Adesso, cominciano a sembrare socialisti craxiani , nel loro garantismo dellultimora ...
La questione morale non si esaurisce nel fatto che, essendoci dei ladri, dei corrotti, dei concussori in alte sfere della politica e dellamministrazione, bisogna scovarli, bisogna denunciarli e bisogna metterli in galera. La questione morale, nellItalia doggi, fa tuttuno con loccupazione dello stato da parte dei partiti governativi e delle loro correnti, fa tuttuno con la guerra per bande, fa tuttuno con la concezione della politica e con i metodi di governo di costoro, che vanno semmplicemente abbandonati e superati. … continua ». ...
INFORMARE IL POPOLO (COSI LO LEGGERANNO CHE DITE??) informare le persone, gli italiani, i cittadini, i portavoti, i suoi elettori, i suoi non più elettori, i suoi probabili elettori .... insomma come ci vuole chiamare, informarci bene, anzi più che bene, sulleducazione civica, su come funziona lo stato, sui principi ma anche i sottoprincipi, far presente quali sono le regole che non si devono toccare, quali conseguenze porterebbero le modifiche alle regole del gioco, rendere conto a sti scemi de noi poveri cittadini delle scelte che fa il PD ...
InfoPhoto. Ma questa superiorità del mandato dei tweeter rispetto al mandato della Costituzione, sia pur giustificata dal porcellum, rispecchia una via di maggiore consenso tra gli italiani?. Il progressivo calo elettorale del Pd fu dovuto non solo a un exploit mediatico di Berlusconi, ma, forse, anche al fatto che, progressivamente, Pierluigi Bersani − che era stato un saggio presidente di Regione ed un efficiente ministro − si è messo a fare "lo smacchiatore del giaguaro". Questa "doppiezza" di legittimità e di aspettativa sta determinando nel Pd paralisi o confusione. Secondo una direttiva la priorità è governare anche attraverso negoziati e compromessi per fuoriuscire dalla crisi; secondo laltra cè laspettativa di una "presa del potere", di una "vittoria finale" che annientino irreversibilmente gli avversari.. Sostanza: il Pd rischia di inventarsi "muro di Berlino" e "fattore k" nei confronti degli alleati non avendo maggioranze alternative e con previsioni estremamente negative ...
libero osservatore sullandamento della nostra società attuale , free blogger ,dignità dellindividuo , lavoro, futuro. Ma di sto passo dove andremo a finire ? i poveri sempre più poveri ed i ricchi sempre più ricchi ! fare anni di sacrifici per un pugno di mosche.. ...
Sono vicende che al di là del merito danno un quadro di inquinamento preoccupante e quindi non può che preoccuparci e riproporre in modo forte il tema della questione morale allinterno della magistratura". E il commento di Luca Palamara, presidente dellAssociazione nazionale dei magistrati, agli sviluppo dellinchiesta della procura di Roma che coinvolge Denis Verdini e Flavio Carboni e sulle pressioni esercitate per favorire la nomina di determinati magistrati in ruoli delicati o di condizionare i giudici della Consulta nel voto sul lodo Alfano. "Il tema della questione morale - ha detto Palamara a margine di un convegno del Csm - va di pari passo con quello della scelta dei dirigenti che deve essere ancorata come non mai al merito e svincolata da logiche di appartenenza".. Sottolineando di attendere gli sviluppi dellindagine, il leader dellAnm è tornato a ribadire che"occorre accertare con nettezza e chiarezza quanto accaduto. La magistratura che noi vogliamo -ha precisato Palamara - ...
Laveva pensato bene il Pd il modo per far perdere le elezioni al centrosinistra: presentare un candidato presidente impresentabile, proporre alleanze impresentabili, candidare candidati impresentabili. Due delle tre condizioni non si sono verificate solo perché il livello di impresentabilità di Francesca Barracciu (dato dal suo coinvolgimento nellinchiesta sui fondi ai gruppi unitamente alla sua inadeguatezza al ruolo, emersa immediatamente dopo la vittoria alle primarie) rischiava di trasformare una "sconfitta programmata" (ovvero "perdo le elezioni, ma in Consiglio faccio entrare le persone giuste") in una disfatta; e poi perché lincredibile alleanza con i sardisti ha avuto troppo poco tempo per essere proposta e digerita.. Il Pd è riuscito invece nellintento di dare il via libera alla candidatura dei consiglieri coinvolti nellinchiesta sui fondi ai gruppi e accusati di peculato. Non di tutti: perché alcuni (Mario Bruno, Chicco Porcu, Giuseppe Cuccu, Tore Mattana), opportunamente ...
Guardi ci sono due letture delle ragioni di una manovra che ha provocato questo disastro. La prima lettura è che, seguendo le stesse parole del premier, lItalia si è come auto-incenerita perché poi, con questa politica di rigore, la Germania avrebbe abbandonato o avrebbe rinunciato alla sua posizione di vantaggio allinterno dellEurozona. Avrebbe rinunciato cioè a quella asimmetria che la avvantaggia moltissimo. In questo caso, il nostro premier è stato ingenuo, perché la Germania non ci rinuncia affatto. Quindi noi ci siamo impoveriti, abbiamo fatto vedere allestero di quanto siamo capaci di auto-flagellarci e di fare sacrifici senza ottenere nulla in cambio. Tenga conto che abbiamo siglato il Fiscal compact e che gli aiuti alla Grecia e i futuri aiuti alla Spagna li paghiamo anche noi.. Cè unaltra lettura?. Si, ce ne è unaltra. E una lettura malevola, anche se non amo la dietrologia. Questa linea sarebbe stata scelta in modo deliberato per non fare gli interessi dellItalia, in ...
La norma prevede che la rettifica vada pubblicata entro due giorni dalla richiesta (non dalla ricezione), e la richiesta può essere inviata con qualsiasi mezzo, anche una semplice mail. La pubblicazione deve avvenire con "le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono", ma ad essa non possono essere aggiunti commenti. Nel caso di mancata pubblicazione nei termini scatta una sanzione fino a 12.500 euro. Il gestore del sito non può giustificare la mancata pubblicazione sostenendo di essere stato in vacanza o lontano dal blog per più di due giorni, non sono infatti previste esimenti per la mancata pubblicazione, al massimo si potrà impugnare la multa dinanzi ad un giudice dovendo però dimostrare la sussistenza di una situazione sopravvenuta non imputabile al gestore del sito. ...
Il modo in cui Walter Veltroni si prepara a sfruttare la "questione morale" sarebbe surreale, se non fosse profondamente immorale. In sintesi, Veltroni ha già fatto sapere che quanto sta accadendo a Napoli e altrove devessere occasione per un "più profondo rinnovamento". Naturalmente guidato da lui medesimo. Perché "questo non è il mio PD" (ma se non è il suo, di chi mai sarà?). Goffredo Bettini ha tradotto più chiaramente: "Da oggi più poteri a Walter". È il meccanismo maoista del "fuoco sul quartier generale", a patto che il Generale venga tenuto al riparo. È la solita pretesa di incarnare tutto e il contrario di tutto, con la sola condizione di poter sopravvivere a se stessi. Perché la prima e principale "questione morale" è la caduta verticale di credibilità di gente come Veltroni, Bettini, DAlema, Rutelli e di tutti coloro che stanno convergendo sullaffondamento del PD come risultato della propria permanenza al comando. Un gruppo che ha fatto dellirresponsabilità ...
Il bog di Nando dalla Chiesa Un blog, dunque, per parlare con le poche o tante persone che vogliono sapere, da diversi angoli dItalia, che cosa sto facendo, di che mi sto occupando, che opinione mi sono fatto della tal cosa ...
Accursio Arcangelo, Airaghi Mario, Allegra Gianni, Ardizzone Lello, Arosio Roberto (Pepito Sbazzeguti), Atrei Alessio, Atzei Corrado, Beduschi Giovanni, Bertuccioli Enrico, Biani Mauro, Biondi Enrico, Boccone Domenico, Bocchicchio Mario, Boi Tullio, Bruzzone Emiliano, Bucci Nicola (Bucnic), Burato Gianni, Campaner Angelo, Canciani Fabrizio, Caratto Luciano, Cardelli Giacomo, Cardinali Claudio, Careghi Athos, Ceriotti Pino, Chistè Moreno, Ciarallo Giuseppe, Climinti Andrea, Corraine Antonio, Corvi Lele, Crudele Carlo, Dal Ponte Paolo, De Angelis Olimpia, Di Simone Dario (Darix), Di Dino Vincenzo, Diliberto Emanuele (Nuele), Di Stefano Vladimiro (Diste), Donarelli Franco, Farina Anna Valentina, Festino Giuseppe, Fiadone Fabio, Fiamma Ivan (Sdrummelo), Foglia Gianluca (Fogliazza), Fontana Fulvio, Fusi Marco, Gatti Andrea, Gavagnin Marco (Gava), Grieco Rocco, Guarene Antonio, Iacono Giorgio, Ingrami Gianlorenzo (Ceci & Gian), Isca Emilio, Laurenzi Giulio, Lupini Armando, Magliacano Leo, ...
Alea iacta est.Silvio Berlusconi dà ascolto ai cosiddetti falchi e decide di sbarazzarsi della fronda interna che rischiava dimpantanare definitivamente lazione di governo.Certo, nessuno silluda che possa trattarsi di un divorzio senza conseguenze. La separazione tra Fini e Berlusconi potrebbe portare ad un declino politico di uno dei due o addirittura di entrambi.Daltronde i margini…
Moral Dilemma testo canzone cantato da Tarpit: Confused, and I dont know whats right And I dont really care Im tired of holding...
Che cosa può fare allora lo Stato per garantire la moralità? Secondo una logica, potrebbe prevedere e colpire soltanto il danno che lazione infligge ad altri individui, può tramite le sue strutture costituire un sistema di difesa per chiunque sia vittima di ingiustizia, di violenza, di frode. Ma dove non cè vittima e non cè offensore lo Stato non può intervenire per salvare una qualsiasi tavola di valori morali. Il dovere dello Stato deve essere semplicemente quello di contrastare le azioni debitamente accertate, che possano ledere altre persone ...