La povertà estrema o povertà assoluta è la più dura condizione di povertà, nella quale non si dispone - o si dispone con grande difficoltà o intermittenza - delle primarie risorse per il sostentamento umano, come lacqua, il cibo, il vestiario e labitazione. La Banca Mondiale considera tale la condizione di povertà di chi vive con meno di 1,25 dollari al giorno.La stessa Banca Mondiale ha stimato in 1,4 miliardi il numero di persone sulla Terra che hanno vissuto nella condizione di povertà estrema nellanno 2008. I dati forniscono il numero di individui poveri al di sotto della linea statistica, stabilita dalle Nazioni Unite nel 2012. ^ a b World Bank Press Release, su web.worldbank.org. ^ Poverty Indicators, Index Mundi. URL consultato il 2 marzo 2013. Povertà Obiettivi del Millennio per lo ...
Zenit di Alessandro Ginotta. Le Caritas di Piemonte e Valle dAosta sono scese in piazza per sensibilizzare la cittadinanza al problema della povertà estrema. In piazza Castello, a Torino, era presente anche lArcivescovo, mons. Cesare Nosiglia, che ha srotolato uno striscione.. "Io vorrei conoscere uno ad uno il nome di questi poveri", ha commentato mons. Nosiglia srotolando lo striscione sul quale era impresso il numero 4.102.000. Questo è il conteggio effettuato da Caritas delle persone che in Italia vivono in condizioni di povertà assoluta.. Un grido di povertà, ma anche una richiesta di dignità. "I poveri - ha proseguito lArcivescovo di Torino citando le parole pronunciate da Papa Francesco al Consiglio dEuropa - chiedono non solo il pane per sostenersi, ma anche di riscoprire i valori della propria vita".. In Europa oltre quaranta milioni di persone vivono in condizioni di povertà estrema. Non hanno nulla. Neppure laccesso a beni essenziali come la casa, leducazione, il cibo, ...
Con una previsione della contrazione delleconomia mondiale stimata al 5 per cento come conseguenza della pandemia, listituto internazionale con sede a Washington ha stimato che 60 nuovi milioni di persone nel Mondo rischiano di ritrovarsi a versare in condizioni di estrema povertà.. "Milioni di strumenti di sussistenza sono andati distrutti ed i sistemi sanitari sono sotto pressione. - Ha affermato il presidente David Malpass - La nostra stima è che fino a 60 milioni di persone saranno spinte nella povertà estrema, il che cancella tutti i progressi compiuti nella riduzione della povertà negli ultimi tre anni".. ...
E una grave distrazione - ha aggiunto Cappellacci - una prova di inefficienza i cui effetti negativi si ripercuotono sulle famiglie e sulle comunità. Non è tollerabile che non si dia una risposta a chi attende una conferma della 162 e ai possibili nuovi beneficiari né è pensabile che ad Ottobre ancora non sia arrivato nessun atto concreto sui fondi per le povertà estreme. Il presidente Pigliaru prenda personalmente in carico la questione - ha concluso Cappellacci-, perché la Sardegna non può aspettare i tempi lunghi della Giunta". DallAssessorato della Politiche sociali rilanciano sopratutto con le cifre: 39.356 i piani personalizzati, previsti dalla Legge 162, finanziati per il 2015, 783 in più rispetto al 2014 per 117 milioni di euro. "Sono stati tutti finanziati senza decurtazioni e senza interruzione dellassistenza - ha sottolineato lassessore Arru - La crescita delle domande, registrata negli ultimi anni, questa volta è stata limitata, come certificato dai Comuni. ...
OLZAI. LAmministrazione comunale ha pubblicato i bandi di concorso per lassegnazione di contributi e sussidi per il contrato delle povertà estreme, con scadenze delle domande prevista per il prossimo 20 marzo.. Le misure di sostegno adottate dalla Giunta comunale nellultima seduta del 29 febbraio, e destinate alle famiglie in condizioni di estrema povertà, riguardano tre linee di intervento da realizzare con il coordinamento del Servizi sociali, nellambito delle politiche socio-assistenziali previste dalle Leggi regionali n. 2 del 2007 e n. 7 del 2014 e dal programma dellannualità 2014.. Linea di intervento 1.. Il primo intervento è finalizzato a garantire un contributo economico alle famiglie e alle persone che vivono in condizioni di povertà, attraverso lattivazione di percorsi personalizzati di aiuto che potranno prevedere, in particolare, i seguenti impegni: 1) la permanenza o, dove necessario, rientro nel sistema scolastico e formativo di componenti il nucleo familiare; 2) ...
Nel 2009 la Provincia autonoma di Trento ha varato un programma per incentivare liscrizione alluniversità di studenti meritevoli provenienti da famiglie a basso reddito. Il programma si basa su un sussidio monetario, erogato sotto forma di borsa di studio, che verrà fornito agli studenti che hanno ottenuto il diploma di maturità con un punteggio finale di almeno 93/100 e le cui famiglie hanno un reddito Icef al di sotto di una determinata soglia. Lammontare della borsa dipenderà dal reddito familiare e dalla sede universitaria prescelta e il suo rinnovo si baserà sulla condizione economica e sui risultati accademici ottenuti. In generale, gli studenti provenienti da famiglie a basso reddito hanno rischi elevati di non iscriversi alluniversità o, se si iscrivono, di non portare a termine gli studi. Ricerche svolte negli Stati Uniti hanno mostrato come le decisioni degli studenti di iscriversi alluniversità siano influenzate positivamente da misure di finanza pubblica e dallentità ...
Un dato, quello sull"Olimpo della ricchezza", che è la rappresentazione estrema del divario patrimoniale registrato lo scorso anno: a metà 2018 l1% più ricco deteneva infatti poco meno della metà (47,2%) della ricchezza aggregata netta, contro un magro 0,4% assegnato alla metà più povera della popolazione mondiale, 3,8 miliardi di persone.. In Italia il 20% più ricco dei nostri connazionali possedeva, nello stesso periodo, circa il 72% dellintera ricchezza nazionale. Il 5% più ricco degli italiani era titolare da solo della stessa quota di ricchezza posseduta dal 90% più povero. Allo stesso tempo, se la quota della ricchezza globale nelle mani dell1% più ricco è in crescita dal 2011, un trend opposto caratterizza la riduzione della povertà estrema.. Dopo una drastica diminuzione, tra il 1990 e il 2015, del numero di persone che vivono con un reddito di meno di 1,90 dollari al giorno, ad allarmare è il calo del 40% del tasso annuo di riduzione della povertà estrema (che secondo ...
Scaricabile dal sito: www.caritasperugia.it, il V Rapporto sulle povertà nellArchidiocesi di Perugia-Città della Pieve, curato dallomonimo Osservatorio della Caritas diocesana, ha per titolo: "Siamo tutti chiamati a remare insieme", presentato alla stampa il 26 giugno dal diacono Giancarlo Pecetti, direttore della Caritas diocesana, dalleconomista Pierluigi Grasselli, coordinatore dellOsservatorio, e dallo statistico Nicola Falocci. Questultimo, insieme allimprenditrice e già direttrice della Caritas Daniela Monni, alla dottoressa Fiammetta Marchionni, responsabile del Consultorio sanitario della Caritas, allassistente sociale Silvia Bagnarelli, responsabile del Centro di Ascolto (CdA) diocesano, e ad Alfonso Dragone, responsabile dellArea progetti della Caritas, fa parte dellequipe dellOsservatorio diocesano sulle povertà e linclusione sociale.. Covid-19 e Consultorio sanitario. Il Rapporto, ricco di dati contenuti in 25 tabelle e in diversi grafici che sintetizzano il fenomeno, ...
Si segnala linchiesta di Marina Cavallieri sulla povertà minorile in Italia pubblicata su Repubblica.it il 16 settembre u.s.: "Linfanzia cancellata dalla crisi", con lintervista a Paola Cermelli, presidente del Consiglio regionale della Liguria.. inchiesta sulla povertà minorile. ...
Beati voi, poveri, perché vostro è il Regno di Dio" (Lc 6,20). Ma perché i poveri sono beati? In verità i loro volti non sono sempre molto simpatici, e i loro sguardi non sempre accattivanti. Forse non è una frase da spiegare, ma solo da accogliere con fede e custodire nel profondo del nostro cuore. E forse ascolteremo la confidenza che ci fa Gesù: "Amico mio, non so spiegartelo e non sono capace di tanti ragionamenti. Posso solo dirti che sono sceso dal mio trono regale e mi sono seduto in mezzo a loro, ho ascoltato le loro parole e i loro lamenti, ho visto con i miei occhi le loro sofferenze, e ho scelto di camminare con loro (Es. 3,7-9). Anche voi potete percorrere quotidianamente le strade del mondo circondato dai poveri, stringere loro le mani, asciugare le loro lacrime e, sorridendo, dire loro Il Signore è con voi. I poveri sanno amare e condividere. Ci sono mille storie quotidiane.. Vi era una città grande, con la stazione degli autobus sempre affollata, anche di mendicanti ...
LOsservatorio regionale sulle povertà è stato istituito con la legge regionale n. 23 del 23 dicembre 2005 art. 34 presso la Presidenza al fine di operare per lindividuazione di efficaci politiche di contrasto alla povertà in Sardegna. Con il decreto n. 43 del 22 aprile 2015 le competenze sono state trasferite alla Direzione delle politiche sociali dellAssessorato dellIgiene e sanità e dellassistenza sociale.Le finalità dellOsservatorio sono le seguenti:a) raccogliere i dati relativi alle persone in situazioni di difficoltà e ai bisogni generali del territorio (rilevazione dei bisogni);b) raccogliere e aggiornare informazioni relative ai servizi, pubblici e privati, presenti sul territorio (mappatura dei servizi);c) fornire supporto informativo e linee di orientamento per la Regione e per gli enti locali, nella predisposizione di specifiche leggi, del Piano sociale e dei Piani locali unitari dei servizi alla persona (Plus) in unottica di programmazione partecipata;d) curare la ...
Roma - Secondo un nuovo rapporto dellUnicef e della Banca Mondiale (Bm), a livello globale circa 385 milioni di bambini vivono in condizioni di povertà estrema. Ending Extreme Poverty: A focus on Children mostra che nel 2013 il 19,5% dei bambini nei paesi in via di sviluppo viveva in famiglie che sopravvivevano con 1,90 dollari o meno in media a persona al giorno, rispetto al 9,2% degli adulti. I bambini sono colpiti in una percentuale sproporzionata: infatti rappresentano circa un terzo della popolazione presa in esame, ma la metà di quella che vive in condizioni di povertà estrema. I più piccoli sono quelli più a rischio, con oltre un quinto di chi ha meno di 5 anni che nei paesi in via di sviluppo è poverissimo. "I bambini non solo hanno più probabilità di vivere in condizioni di povertà estrema, ma gli effetti della povertà su di essa sono più dannosi. Questi bambini hanno le peggiori probabilità, e i più piccoli hanno peggiori possibilità rispetto a tutti gli altri, perché ...
La presente simulazione è stata realizzata sulla base delle specifiche raccolte sul tavolo ER del Focus Group IRIS coordinato dallUniversità di Modena e Reggio Emilia e delle regole riportate nel DM 598/2018 e allegata Tabella A. Cineca, lUniversità di Modena e Reggio Emilia e il Focus Group IRIS non si assumono alcuna responsabilità in merito alluso che il diretto interessato o terzi faranno della simulazione. Si specifica inoltre che la simulazione contiene calcoli effettuati con dati e algoritmi di pubblico dominio e deve quindi essere considerata come un mero ausilio al calcolo svolgibile manualmente o con strumenti equivalenti ...
Le persone che vivono con meno di 1,90 dollari al giorno erano 902 milioni nel 2012 e scenderanno a 702 milioni nel 2015 anche grazie agli investimenti in sanità e istruzione
Chiediamo un progetto organico a livello nazionale per chi è caduto nella povertà estrema secondo un modello che impegni chi riceve sostegno a compiere azioni attive per tornare ad essere parte integrante della società".. E la richiesta presentata oggi dal sindaco Achille Variati in veste di delegato Anci per il Welfare al Quirinale al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nellambito delliniziativa "Alleanza contro la povertà in Italia" che unisce Acli, Actionaid, Anci, Azione cattolica italiana, Caritas Italiana, CGIL - CISL - UIL, Cnca, Comunità di SantEgidio, Confcooperative, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Federazione nazionale società di San Vincenzo De Paoli, Fio-PSD onlus, Fondazione banco alimentare onlus, Forum nazionale terzo settore, Legautonomie, Movimento dei Focolari, Save the Children, Jesuit Social Network.. "Ho parlato a lungo con il presidente durante lincontro a cui hanno preso parte anche tutti i principali protagonisti del sociale a ...
Il governo ha varato misure di incentivo allexport, alleggerito il peso fiscale sui beni destinati al consumo interno e reso un pò più elastico laccesso al credito. «Sotto controllo», ha sottolineato la Rousseff, sarebbe anche linflazione. ...
Madre, figlia, e nipote, di circa 5 anni. Vivono alla stazione da due giorni. Gli mancano 400 rubli (circa 13 dollari) per comprare i biglietti per raggiungere il paese nativo, non lontano da [Penza [it]]. Stavano tornando a casa da un funerale. Stanno aspettando una parente che gli porti i 400 rubli. La parente non si vede - forse perchè anche lei è senza soldi. Mi hanno chiesto di inviare un messaggio dal cellulare. Gente semplice, paesani. Forse non sono troppo intelligenti o troppo educati , ma sono di larghe vedute e ingenui. Oggigiorno, qualità di non poco valore. La pensione della madre è di 4.500 rubli [al mese; circa 148 dollari]. La figlia a volte lavora a Penza, a volte no. Il figlio non frequenta lasilo. [Perchè] non cè un asilo. Una parente è morta, hanno raccolto tutti i soldi che avevano per seppellirla. "Che altro potevano fare? - Bisogna pur dare un addio decente e umano…" […] ...
Il libro «Guai ai poveri» di Elisabetta Grande presenta gli effetti della globalizzazione e delle politiche di diritto che hanno fatto arricchire pochissime persone riducendone milioni di altre alla miseria
In Italia, nel 2009, le famiglie in condizioni di povertà relativa sono state 2 milioni 657 mila e hanno rappresentato il 10,8% delle famiglie residenti. Si tratta di 7 milioni 810 mila individui poveri, il 13,1% dellintera popolazione. Sempre nel 2009, 1.162 mila famiglie (il 4,7% delle famiglie residenti) sono risultate in condizione di povertà…
Siamo Alessandra e Michela, medici in formazione per la medicina generale, con un sogno in comune: lAfrica. Circa un anno fa, grazie ...
LEsercito della Salvezza è parte della Chiesa Cristiana universale. Attualmente, serve in 126 paesi, conta circa 1 milione di membri ed usa circa 175 lingue affiancando alla predicazione della Parola di Dio, opere sociali di vario genere quali scuole, case per bambini, ostelli per senza fissa dimora, ospedali, programmi di emergenza per i disastri, e molto altro. In Italia lEsercito della Salvezza opera dal 1887.
Il Presidente e la Vicepresidente del Consiglio nazionale, Gianmario Gazzi e Annunziata Bartolomei, intervengono, quali relatori, mercoledì 15 novembre 2017, presso la nuova Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati, via di Campo Marzio 74, alla Conferenza "Italia: poveri bambini - per una definizione di bisogno che riscriva le regole dellaiuto".. Liniziativa - organizzata da LAlbero della Vita - nasce di fronte agli allarmanti dati in crescita di povertà assoluta dei minorenni e dalla necessità di ripartire da una definizione di bisogno del bambino per essere capaci di rispondervi adeguatamente e favorire lattuazione delle politiche di lotta alle povertà dellinfanzia e delle loro famiglie.. La Conferenza vuole concentrarsi sulle caratteristiche del metodo di aiuto fondato sulla relazione con la persona per attivarne risorse e capacità, previsto anche dal neo-approvato Reddito di Inclusione (REI), e sulla necessità di crearne le condizioni realizzative e misurarne gli ...
La povertà relativa in Italia indagine ISTAT file pdf.pag.10 In Italia, le famiglie che nel 2007 si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 653 mila e rappresentano l11,1% delle famiglie residenti. Nel complesso sono 7 milioni 542 mila gli individui poveri, il 12,8% dellintera popolazione. La stima dellincidenza della povertà relativa (la…
Nel 2005 le famiglie in condizione di povertà relativa sono 2 milioni 585 mila, pari all11,1% delle famiglie residenti in Italia. Si tratta complessivamente di 7 milioni 577 mila individui, il 13,1% dellintera popolazione. La stima dellincidenza della povertà relativa viene calcolata sulla base di una soglia convenzionale (linea di povertà) che individua il valore di spesa per consumi al di sotto del quale una famiglia viene definita povera in termini relativi. La spesa media mensile per persona rappresenta la soglia di povertà per una famiglia di due componenti e corrisponde, nel 2005, a 936,58 euro al mese (+1,8% rispetto alla linea del 2004). Le famiglie composte da due persone che hanno una spesa media mensile pari o inferiore a tale valore vengono quindi classificate come povere. Per famiglie di ampiezza diversa il valore della linea si ottiene applicando una opportuna scala di equivalenza che tiene conto delle economie di scala realizzabili allaumentare del numero di componenti (si ...
Una misura pensata per i lavoratori a basso salario che aiuta poco le famiglie a basso reddito. Questo il giudizio sul credito di imposta da 960 euro lanno (80 euro al mese) riservato ai dipendenti, erogato per la prima volta nel maggio del 2014 e reso permanente nella legge di stabilità per il 2015. Che dipendendo solo dal reddito individuale, non prende in considerazione - viene sottolineato - la composizione del nucleo o la presenza di familiari a carico. Vale 960 euro lanno e ne sono esclusi i redditi inferiori a 8145 euro, a parte alcune eccezioni. Costa - secondo il rapporto - circa 9.4 miliardi di euro allanno. Le stime del Governo Renzi parlano di 9,5 miliardi. Il punto è che alle famiglie povere in senso relativo dovrebbe andare una parte molto modesta di questa cifra: circa un miliardo, il 10.8% dello stanziamento totale. Alle famiglie povere assolute va una quota di molto inferiore: 186 milioni, il 2% del costo complessivo. Circa 242mila famiglie su 1,8 milioni in povertà ...
Lyrics and translation in english of Italian music. Italian music. Unforgettable Italian songs of the past - Translation Il valzer della povera gente.
Questo il commento di Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children - lOrganizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro - in relazione ai nuovi dati sulla povertà diffusi oggi dallIstat.. Più di 1,2 milioni di minori, nel nostro Paese - rilevano i dati Istat - oggi vivono in condizioni di povertà assoluta, pari al 12,6% del totale dei bambini, con unincidenza in aumento di mezzo punto percentuale rispetto al 2017 (12,1%) e che si traduce in 52 mila minori in più, rispetto allo scorso anno, che vivono senza lindispensabile per una vita quotidiana dignitosa. Una piaga, quella della povertà, che colpisce in particolar modo proprio le famiglie con figli minorenni. "Parliamo di 725 mila famiglie con minori che vivono in povertà assoluta e per le quali gli interventi di contrasto alla povertà non hanno avuto lefficacia desiderata. Ad essere maggiormente colpiti, in particolare, sono i nuclei ...
Bahia de Caraquez, situata nella costa del Pacifico , è la capitale del Canton Sucre, ubicato nella zona nordovest della provincia di MANABI. In questa zona lincidenza della povertà è di 56,7% a livello urbano e di 76,5% a livello rurale. I livelli di povertà estrema sono del 13,2% nell area urbana del 25 % nellarea rurale. Questo significa che più della metà della popolazione sopravvive con meno di 2 dollari al giorno e più di un terzo con entrate minori a 1 dollaro al giorno. La denutrizione cronica per i bambini minori di 6 anni arriva anche al 40,3%.. Vicino a Bahìa si trova la località di LEONIDAS PLAZA, dove dal 1997 lavorano i sacerdoti del Sacro Cuore (sci). Leonìdas Plaza ha circa 23 quartieri, e qualche comunità rurale. Una di queste borgate che si trova all ingresso della città è FANCA .. FANCA è una dei quartieri più popolosi e più poveri dove attualmente vivono circa 3000 persone e i bambini sono molto numerosi. Purtroppo a Fanca mancano tutti i servizi di base: ...
Famiglie sempre più povere per il forte carico della spesa sanitaria privata. Il quarto Rapporto Ceis conferma la presenza nel nostro Paese da un lato le famiglie che impoveriscono e dallaltro quelle che sostengono spese eccessive a causa di eventi improvvisi e gravi. Secondo le stime la presenza di un over 65 in famiglia aumenta di circa il 42% la probabilità di impoverimento; la presenza di due o più anziani raddoppia questo rischio. A incidere di più sono la spesa per farmaci e la specialistica, ma anche lodontoiatria e le cure per i malati cronici care. Lattuale regime di compartecipazione ed esenzioni, secondo lo studio, non è equilibrato: il meccanismo della quota fissa per ricetta per coloro che non godono delle esenzione pesa nelle fasce più povere, anche a causa di una unica soglia di reddito familiare (intorno a 36mila euro annui, che crea disparità fra chi di poco supera o sta sotto del tetto di reddito. La distribuzione dei poveri varia nelle regioni, dal nord al sud: si va ...
A dirlo è la fondazione indipendente The Food Foundation. Il rapporto The Accessibility of Eatwell Guide del Regno Unito ha utilizzato i dati relativi al reddito e alle spese delle famiglie nel periodo 2015/16 confrontandoli al costo da sostenere per seguire Eatwell, la guida del governo del Regno Unito per una alimentazione
Le famiglie a basso redditto potranno ricevere un contributo, una tantum, di 275 euro per il sostegno dei bambini nati o adottati nel corso del 2014. A stabilirlo è il decreto del 23 giugno 2016 del dipartimento delle politiche per la famiglia della presidenza del Consiglio dei ministri, pubblicato ieri nella Gazzetta Ufficiale. Laccredito viene effettuato verso i beneficiari della Carta Acquisti, uno strumento introdotto nel 2008 per andare incontro alle famiglie che versano in condizioni di maggior disagio economico (e concessa per valori inferiori a una soglia di euro 6.781,76 nel 2014 ed euro 6.795,38 nel 2015).. Sulla base degli elementi informativi forniti nel decreto, il numero dei bambini nati nel 2014 che hanno goduto di almeno un accredito sui sistemi Carta acquisti è pari a 114.168 e a quasi 4mila adottati. Sarà poi lInps, secondo direttive impartite dalle amministrazioni responsabili, come stabilisce lart. 2 del decreto, a disporre laccredito ai beneficiari della Carta ...
E quanto si legge nel rapporto sulla coesione sociale di Istat, Inps e ministero del Lavoro. Nel 2011, le famiglie in condizione di povertà relativa sono in Italia 2 milioni 782 mila (l11,1% delle famiglie residenti) corrispondenti a 8 milioni 173 mila individui poveri, il 13,6% dellintera popolazione... Nel corso degli anni, la condizione di povertà è peggiorata per le famiglie numerose, con figli, soprattutto se minori, residenti nel Mezzogiorno e per le famiglie con membri aggregati, dove convivono più generazioni. Nel 2011, lincidenza della povertà relativa è pari al 27,8% fra i minorenni se questi vivono con i genitori e almeno due fratelli (10,1% se si fa riferimento alla poverta assoluta), mentre è pari al 32% (18,2% nel caso della poverta assoluta) se vivono in famiglie con membri aggregati. La povertà relativa mostra alcuni segnali di miglioramento fra gli anziani; tuttavia, una vulnerabilita in termini economici permane soprattutto nel Mezzogiorno, dove risulta ...
Il premier ellenico annuncia il dividendo sociale: 720 milioni ai nuclei con meno di 18mila euro di reddito, sussidi ai pensionati costretti a pagare lassicurazione sanitaria e aiuti per pagare le bollette ai più deboli. Probabile il no dei creditori
La spesa per consumi delle famiglie ricche, della classe dirigente, è più che doppia rispetto a quella dei nuclei allultimo gradino della piramide disegnata dallIstat, ovvero le famiglie a basso reddito con stranieri. È quanto si legge nel Rapporto annuale dellIstituto, che per le prime rileva esborsi mensili pari a 3.810 euro, contro i 1.697 delle fascia più svantaggiata economicamente.. Una capacità di spesa ridotta significa anche meno opportunità. "Malgrado una maggiore partecipazione al sistema di istruzione delle nuove generazioni dei gruppi svantaggiati rispetto a quelle più anziane, le differenze sono ancora significative", fa notare lIstat. Ecco che "i giovani con professioni qualificate sono il 7,4% nelle famiglie a basso reddito con stranieri e il 63,1% nella classe dirigente".. Le fratture che caratterizzano il Paese vengono confermate: "Persiste il dualismo territoriale: nel Mezzogiorno sono più presenti gruppi sociali con profili meno agiati". Daltra parte, spiega ...
Nasce a Lecce un ambulatorio solidale per aiutare le famiglie più fragili che rinunciano a curarsi perché non possono permetterselo. Tanti i medici che hanno già aderito al progetto.
Sei cassette di novellame di sarda, la cui pesca è vietata, per un peso complessivo di 30 kg sono state ritrovate, ieri mattina, dagli uomini della Guardia Costiera nei pressi del porto di Balestrate. Secondo i militari guidati dal tenente di vascello Alberto Boellis, il pesce è stato abbandonato d...
Se classificassimo i politici in base allattenzione che prestano alla disuguaglianza probabilmente troveremmo che la gran parte di essi rientra in due categorie. Nella prima cè chi ne parla - anche molto - mostrando di considerarla un male da combattere, ma poi non si presenta sul campo di battaglia; nella seconda ci sono invece, coloro che quasi non ne parlano, ma combattono, e anche molto, per aggravarle.. Tra questi ultimi rientrano certamente i politici americani che sotto la guida di Trump hanno approvato misure che, riprendendo quanto scrive P. Alston in un recente e - per più di un verso - drammatico rapporto per conto delle Nazioni Uniti sugli USA, segnano un "radicale cambiamento di direzione nelle politiche relative alla disuguaglianza e alla povertà estrema".. Tra i primi, invece, ci sono molti politici europei e italiani che frequentemente rilasciano dichiarazioni preoccupate per le disuguaglianze. Una delle ultime è di Gentiloni che a Reggio Emilia ha detto: "Dobbiamo usare ...
Dati allarmanti quelli che emergono dal dossier curato da Save the Children, lassociazione no profit che si occupa di tutela dellinfanzia in tutto il mondo. Dal rapporto il "Paese di Pollicino" emerge che in Italia un minore su quattro è a rischio povertà estrema . Il 22,6% dei bambini vive in famiglie con un reddito troppo basso e pertanto incapaci di assicurare loro un sano e pieno sviluppo, fisico, psichico, intellettuale e sociale. La situazione si aggrava per i figli di madri single la cui percentuale a rischio sale al 28,5%, raggiungendo addirittura il 47,8% nel caso di giovani coppie under 35 con figli. La povertà minorile cresce allaumentare del numero di figli. Dal 2006 lincidenza della povertà è aumentata del 2,7% per le famiglie con un minore, del 3,2% per le famiglie con due minori e del 4% per le famiglie con tre o più minori. Ancora, i bambini di origine straniera e i nati nel Mezzogiorno hanno maggiori probabilità di crescere in famiglie povere.Il problema non è solo ...
Vi vorrei porre la seguente domanda: Io e il mio fidanzato siamo tutte e due cittadini albanesi e viviamo in Italia da anni. Io ho già fatto richiesta per la cittadinanza un anno fa e sono sempre in attesa. Stiamo per sposarci ora e pensavamo di fare richiesta anche per lui, con motivazione residenza (più di 20 anni in Italia) senza aspettare lesito della mia domanda, il quale vincolerebbe lui a fare richiesta dopo due anni dalla concessione delle mia cittadinanza. Al momento lui ha perso il lavoro e cmq i suoi CUD degli ultimi due anni non raggiungono il minimo richiesto, ma il mio reddito copre i requisiti per nucleo famigliare di due coniugi (che dovrebbe essere sui 11.500 euro minimo annui.) Detto questo, sposandoci e diventando un nucleo unico famigliare, lui ha diritto a fare richiesta per la cittadinanza, utilizzando come CUD i miei degli ultimi 3 anni ...
Il tuo Commercialista Online di fiducia! Ci occupiamo telematicamente o presso la nostra sede di contabilità, revisioni, paghe e consulenza del lavoro.
Inoltre, lAmministrazione comunale sostiene anche lattività di Ceis e Caritas, ad esempio, attraverso il confezionamento di cestini alimentari da destinare ai casi di povertà estrema nei giorni di chiusura della mensa Caritas, a cui Coeso contribuisce con 20mila euro, e pacchi viveri che talvolta vengono anche consegnati a domicilio, attraverso una vasta rete di associazioni.. Altre iniziative promosse dal Comune in collaborazione con Camst e Coeso sono quelle relative al recupero degli alimenti nelle mense scolastiche (si tratta di prodotti integri e riutilizzabili nei giorni successivi) e consegnati dalla stessa Camst direttamente alle associazioni di volontariato, mentre la Carta del pane è il progetto che permette a 16 nuclei familiari, con o senza figli, in gravi situazione di disagio economico di ritirare cibo fresco e sano, dopo lorario di chiusura, direttamente nei 14 esercizi pubblici cittadini che hanno dato la loro disponibilità.. "Per dare aiuti concreti a questi cittadini in ...
Si parla molto di povertà, ma non sono poi molti gli studi che aiutano a capire cosa significa, soprattutto studi che analizzino la situazione locale. Per coprire questa lacuna la Caritas Diocesana di Perugia - Città della Pieve ha istituito un "Osservatorio delle povertà" diretto dalleconomista Pierluigi Grasselli e del quale fanno parte Nicola Faloci, Silvia Bagnarelli e Daniela Monni.. In questi mesi hanno lavorato alla redazione del primo Rapporto sulle povertà della diocesi di Perugia che verrà presentato mercoledì 8 giugno alle ore 17.00 presso la sede della Caritas diocesana, il "Villaggio Sorella Provvidenza" (via Montemalbe, 1 Perugia). Introdurrà lincontro mons. Paolo Giulietti, vescovo ausiliare di Perugia, interverranno i componenti dellOsservatorio e lassessore al sociale del Comune di Perugia Edi Cicchi.. Il rapporto, dal titolo "Andare incontro ad ogni persona - La risposta della comunità ecclesiale alla povertà", è il frutto di un lavoro di analasi dei dati forniti ...
Anche nel senese erano moltissimi gli enti e le associazioni colpite dalla grave decisione, inserita nella legge di bilancio, di eliminare le agevolazioni Ires a tutto il terzo settore. Una scelta incomprensibile. Un errore prima negato dalla sottosegretaria Castelli, e riconosciuto solo pochi giorni fa dal Premier Conte. Finalmente questo pomeriggio, grazie a un emendamento presentato al decreto semplificazione dei senatori del Pd e approvato si è posto rimedio al pasticcio, ripristinando le agevolazioni. Il merito va innanzitutto alla straordinaria mobilitazione di tutto il terzo settore in ogni parte del Paese, anche alle iniziative promosse a Siena, e ovviamente ai Senatori del Pd che hanno scritto e presentato lemendamento poi sostenuto anche dalle altre forze politiche. Al Governo consigliamo un po più di ascolto degli operatori, e qualche volta anche del Parlamento per evitare errori clamorosi come questo". Così Susanna Cenni, parlamentare del Pd alla Camera, commenta lemendamento ...
PER NON LASCIARE INDIETRO NESSUNO - 2014-2017 Progetto nazionale AIDS ... Caritas Ambrosiana ha aderito con convinzione al Progetto nazionale AIDS proposto da Caritas Italiana per continuare a generare cultura e solidarietà facendo informazione, educazione e sensibilizzazione, cercando di aumentare le conoscenze su questo tema, laccoglienza delle persone con HIV e di fare prevenzione, riattivando lattenzione e limpegno della comunità in primo luogo cristiana. ...
Campi estivi 2018 alla Masseria Lassociazione UCAPTE, in collaborazione con altri partner tra cui la Caritas della Zona VI della Diocesi di Milano, si sta occupando della tutela e dellutilizzo a scopi sociali del bene " La Masseria" a Cisliano (MI). Per lestate 2018 organizza campi di formazione e lavoro rivolti a persone dai 14 anni in su, gruppi e famiglie. ...
Lo ha dichiarato il portavoce del Forum del Terzo Settore, Andrea Olivero, secondo il quale il mondo dellassociazionismo non può essere considerato solo come un gestore del sociale italiano, ma devessere il vero motore dellinnovazione, il più potente strumento di attivazione delle diffuse risorse delle società, rappresentando anche chi ha meno voce
E così, mentre dalle vostre parti vi ritrovate governi che non riescono a mettersi daccordo neppure sul potere conquistato sullodio e le bugie, noi cerchiamo di imparare come cambiare le regole del gioco ...
Eppure, già molti autorevoli studiosi - oltre a varie istituzioni internazionali - lhanno più volte evidenziato: per molte persone con disabilità è la lo...
I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità anonimo. ...
La povertà si può spiegare in molti sensi, anche se forse quello che viene prima in mente è la povertà materiale. Ad ogni modo, molti pensatori celebri hanno espresso le proprie idee. Abbiamo selezionato alcune frasi sulla povertà per riflettere.