Il British Medical Journal, in sigla BMJ, è una rivista medica pubblicata con cadenza settimanale nel Regno Unito dalla British Medical Association (BMA). Leditor attuale, Fiona Godlee, ha coperto questa carica nel febbraio 2005, succedendo al precedente editor-in-chief Richard Smith. Il BMJ si distingue dalle altre riviste mediche e accademiche in quanto svolge anche il ruolo di pubblicazione interna della British Medical Association, oltre a quello di pubblicazione per la ricerca medica avanzata. Esso pubblica news, articoli di ricerca, articoli educativi, necrologi, rassegne, fillers, aneddoti e storie di carriera degne di attenzione. Viene generalmente considerato come una delle quattro riviste mediche generaliste più autorevoli, insieme a New England Journal of Medicine, The Lancet e Journal of the American Medical Association. Nel recente passato tutto il contenuto del BMJ era accessibile liberamente in linea; tuttavia recentemente (2005) è stato introdotto un modello di accesso per ...
The New England Journal of Medicine (abbreviato «N Engl J Med» o NEJM) è una rivista in lingua inglese edita dalla Massachusetts Medical Society che pubblica articoli selezionati per revisione paritaria (in inglese peer review). Il NEJM fu fondato da John Collins Warren nel 1812 come trimestrale col titolo The New England Journal of Medicine and Surgery. Nel 1828 divenne settimanale e cambiò nome in The Boston Medical and Surgical Journal; assunse il suo nome attuale cento anni più tardi. Il NEJM è una delle più importanti e diffuse pubblicazioni di medicina generale al mondo. È anche la più vecchia rivista di medicina al mondo, pubblicata senza interruzioni da più di due secoli. Pubblica editoriali, articoli di ricerche originali, rassegne e casi clinici. Ha inoltre il più alto fattore di impatto (Impact Factor) fra le pubblicazioni di medicina generale (compresi il Journal of the American Medical Association e The Lancet); nel 2014, il fattore di impatto era 54, e secondo Journal ...
American Journal of Experimental Agriculture, British Journal of Economics, Management & Trade, Business and Economic Research, Economia Politica-Journal of Analytical and Institutional Economics, Economic Notes, Economics Bulletin, Economics of Energy & Environmental Policy, Economies, Empirical Economics, Energy, Ecology and Environment, Energy Policy, Energy Sources, Part B: Economics, Planning, and Policy, Environment Systems and Decisions, Environmental Science and Pollution Research, European Journal of Political Economy, European Scientific Journal, FinanzArchiv, Global Journal of Human Social Science, International Journal of Business and Social Sciences, International Journal of Economics and Finance, International Journal of Economic Sciences and Applied Research, International Journal of Green Energy, International Journal of Social Economics, International Journal of Sustainable Energy, International Journal of Transport Economics, International Review of Financial Analysis, Journal ...
Nel suo editoriale, la Godlee parte da una serie di dati presentati in diversi studi nella rivista, dal fatto che la guerra alla droga costa 400 sterline lanno ad ogni contribuente, e che negli ultimi dieci anni il numero di morti per droga è raddoppiato. Paesi come il Portogallo, che ha di fatto legalizzato le droghe, non hanno visto un aumento degli utilizzatori, si legge nelleditoriale, che cita anche gli esempi di Olanda, Canada e Usa, in cui la legalizzazione, almeno delle droghe leggere, ha aumentato gli introiti statali.. "Il mercato globale delle droghe illecite è di 236 miliardi di sterline - scrive Godlee - ma questi soldi alimentano il crimine organizzato e la disperazione umana. Perché non dovrebbero essere usati per i servizi pubblici?". La posizione è condivisa da diverse associazioni di medici britannici, dal Royal College of Physicians alla British Medical Association alla Royal Society of Public Health.. "Non si tratta di stabilire se la droga è una cosa buona o cattiva - ...
La visibilità del British continua ad aumentare anche per la qualità dellofferta complessiva dei prodotti del British Medical Journal Publishing Group: il manuale Clinical evidence, pubblicato dalla casa editrice, ha riscosso un immediato successo a livello internazionale.. In che senso intrattenimento? Quando nel 1983 il British Medical Journal iniziò a pubblicare la serie di brevi articoli denominati "How to do it" la sorpresa fu generale. Daccordo: il medico era sì chiamato ad occuparsi di altre faccende oltre della clinica, ma dedicare spazio sulla rivista della British Medical Association a "Come viaggiare in aereo" o a "Come abbellire il corridoio del vostro ospedale" sembrava davvero esagerato. I tre libri che raccolsero, negli anni a venire, le decine di contributi - alcuni di firme prestigiose - furono un successo anche in Italia. Soprattutto, indicarono un percorso nuovo, che suggeriva il coniugare laggiornamento clinico allintrattenimento. Tra i principali giornali medici ...
Tra gli studi più interessanti sulla flora batterica, questo pubblicato su The BMJ spiega perché fa dimagrire il grasso ostinato. Se il microbiota è sano, dimagrire velocemente è possibile. Altrimenti ingrassiamo continuamente anche mangiando pochissimo. Guarda le video guide con studi scientifici su cibi e ricette di Cucina Naturale della Scuola di Cucina di Serena Babbo e Simona Vignali.
Cosa sono disposte a fare le industrie del tabacco pur di continuare a vendere? Raggirare il consumatore con proclami, corrompere i governi con soldi.
La terapia del dolore è infatti uno dei campi di maggiore applicazione dellagopuntura e, in particolare, nel caso di dolore muscolo-scheletrico al collo
ASSOCIAZIONE Rete Malattie Rare onlus - ReteMalattieRare.it Le Malattie Rare non sono un problema di poche persone; sono un problema che coinvolge tutti...ma non tutti ancora lo sanno!
"Daparox" "Dropaxin" "Sereupin" "Seroxat" "gli antidepressivi sono tossici" "Eutimil" "antidepressivi e suicidi" "l
Della morte di Cavour e del racconto che ne hanno fatto il Lancet, il British Medical Journal e negli Stati Uniti il New England Journal of Medicine tra il 15 giugno e il 17 agosto del 1861 sè già scritto (Corriere 23 aprile). E dellammirazione incondizionata che emerge da quegli scritti
Pensate che vari studi hanno dimostrato che almeno la metà di tutte le sperimentazioni effettuate fino ad oggi non sono mai state condivise in registri pubblici o illustrate in riviste scientifiche, in particolare quelle mai portate a compimento per lelevato numero di effetti negativi sui pazienti. È proprio per questo che è cominciato a salire linteresse dei cittadini e un anno fa è nata la campagna Alltrials, per registrare tutti gli studi clinici e pubblicare tutti i risultati (solo con la pubblicazione di tutte le sperimentazioni cliniche sui farmaci è possibile prendere decisioni mediche informate, sicure ed efficaci): tale campagna ha avuto il sostegno di riviste scientifiche come il British Medical Journal (per informazioni http://www.alltrials.net/ e per lItalia http://alltrialsitalia.blogspot.it/). Alcuni paesi hanno già cominciato e sono sulla buona strada: gli Stati Uniti hanno istituito dal 2000 il registro pubblico clinicaltrials.gov, ed ora anche lUnione Europea ha ...
Pubblicazioni mediche. Guida alla scrittura. E-book. Formato PDF è un ebook di Silvia Maina pubblicato da SEEd , con argomento Stampa medica - 9788889688595
APPROFONDIMENTO - Lespressione "war on drugs" è stata resa popolare dal presidente degli stati Uniti Richard Nixon, che durante il suo mandato lha perseguita con grande impegno (anche se mai quanto in seguito Ronald Reagan). La vera responsabilità dellimpostazione proibizionista adottata dalla gran parte dei governi mondiali la si deve però allONU, che in più di 50 anni ha mantenuto in questo ambito un atteggiamento più ideologico che pragmatico. A quanto pare, però, è giunto il momento di cambiare, come denuncia fra gli altri anche il British Medical Journal, in una serie di articoli dedicati alle politiche pubbliche sugli stupefacenti. La rivista, una dei più autorevoli journal scientifici in ambito medico al mondo, ha preso pubblicamente una posizione molto chiara: la repressione non serve ed è il momento di mettere in atto politiche pragmatiche che promuovano la salute pubblica, basate sui risultati della ricerca scientifica. Una vera e propria guerra alla guerra alla droga, ...
La pizza fa bene al cuore e riduce il rischio di infarto. Dopo il paradosso francese arriva lenigma italiano, così titola un editoriale sul British Medical Journal di questa settimana nel commentare i benefici della pizza. Secondo i risultati di una recente ricerca pubblicata sullEuropean Journal of Clinical Nutrition, infatti, i consumatori frequenti di pizza hanno la…
Lista dei periodici correnti Giugno 2015 PERIODICI IN CORSO List of periodicals currently received June 2015 CURRENT PERIODICALS >> A AirPress : mensile sulle politiche per laerospazio e la difesa. -
Cerchi abbonamento a magazine? Miabbono.com offre abbonamenti online per svariate case editrici. Abbonamenti riviste. ABBONAMENTO MAGAZINE.
Sette anni di crisi, austerity, crollo della qualità della vita e della speranza in un futuro migliore. A conferma che la grave crisi economica e la recessione che dal 2008 attanagliano la Grecia incidono pesantemente anche sulla salute mentale dei greci - che in numero sempre maggiore si tolgono la vita - uno studio ondotto dal British Medical Journal afferma che negli ultimi tre anni i casi di suicidio in Grecia sono aumentati del 35,7% in seguito alle misure di austerità imposte dal governo dal giugno 2011 per far fronte alla crisi.. Secondo la rivista scientifica, ad avere limpatto maggiore sullaumento del numero dei suicidi è stato lannuncio governativo del giugno 2011 riguardante il secondo pacchetto di misure di austerità che hanno interessato riduzioni salariali nel settore pubblico e tagli del welfare. Infatti nei mesi che seguirono lannuncio i suicidi sono aumentati del 35,7%.. I ricercatori hanno anche osservato che - dopo che leconomia greca è entrata in recessione ...
C è un articolo inquietante apparso sulle pagine di una autorevole rivista scientifica, il British Medical Journal, a proposito dello screening mammografico che serve a individuare in tempo un tumore al seno. Riporta i dati di uno studio condotto in Canada e conclude che la mammografia fatta a tappeto su donne dai 40 ai 59 […]
Sembra strano, ma è così, così almeno come ce lhanno raccontata i ricercatori riuniti allUniversità di Firenze, Francesco Sofi, che hanno condotto un vero e proprio studio pubblicandone i risultati sulla rivista scientifica British Medical Journal, dunque una vera e propria ricerca con ...
Raggiungere il proprio peso forma è un cammino complesso e, molto spesso, difficile che deve essere sempre intrapreso con il sostegno di un medico. Quando si dimagrisce viene naturale domandarsi dove finisca il grasso perso. Nel corso del tempo, a questa domanda si è tentato di rispondere in vari modi; alcuni pensano che il peso in più venga impiegato dal corpo per svolgere alcuni funzioni vitali altri sostengono che venga espulso attraverso le urine.. Uno studio recente condotto in Australia e pubblicato sulla rivista scientifica British medical journal ha chiarito che si tratta di ipotesi infondate perché il grasso viene eliminato grazie alla respirazione. Gli studiosi hanno dimostrato che in questo processo ha un ruolo fondamentale lanidride carbonica che sarebbe composta anche dalla massa persa. Il grasso, attraverso la funzione dei polmoni, viene trasformato in modo tale che possa liberarsi nellambiente. ...
CASTELNUOVO G., FACCIO E., TURCHI G.P., SALVINI A., MOLINARI E. (2008), Is it time to come back to Hippocrates principles in the treatment of depression?, Rapid Responses to: Susan Mayor Meta-analysis shows difference between antidepressants and placebo is only significant in severe depression, BMJ 2008; 336: 466BMJ - 2008; British Medical Journal, on-line available at http://www.bmj.com/cgi/eletters/336/7642/466#191695, http://www.bmj.com/cgi/eletters/336/7642/466#191695 (IF 9.245 ...
Venduti come specifici per donne in dolce attesa, i multivitaminici e integratori di sali minerali non sarebbero così necessari, a sostenere questa tesi una revisione curata da esperti del Drug and Therapeutics Bulletin (Dtb), edito dal British Medical Journal, secondo la quale non ci sarebbe alcun riscontro scientifico sulla loro efficacia per la salute di gestante e nascituro. Dunque, sarebbe molto meglio concentrarsi sulla propria alimentazione prima e durante la gravidanza, cercando di migliorarla e assumendo lacido folico e la vitamina D, nelle dosi raccomandate dal proprio medico. Questi multivitaminici contengono vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6, B12), vitamine C, D, E, K, acido folico, iodio, magnesio, ferro, rame, zinco e selenio e secondo il Drug and Therapeutics Bulletin, lindicazione di usare tali prodotti nel periodo della gravidanza non si basa su dati scientifici certi, soprattutto perché, la gran parte dei dati diffusi su questi prodotti, sono scaturiti da studi condotti ...
Negli ultimi giorni sono state approvate delle ordinanze nel tentativo di contenere lepidemia di COVID-19 e di ridurre la diffusione del virus in Italia. "La minaccia di una pandemia è diventata molto reale", ha commentato ieri Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dellOms, e proprio in previsione di una pandemia, un editoriale del 28 febbraio pubblicato sul British Medical Journal, metteva in evidenza la necessità di pensare a misure che vadano oltre il contenimento dellepidemia. "Bisognerà organizzarsi, partendo dal presupposto che la maggior parte della popolazione può contrarre il virus con pochi o nessun effetto a lungo termine", scriveva nelleditoriale lepidemiologo John Watkins, "sfruttando al contempo le risorse sanitarie secondarie vitali per curare la piccola percentuale di persone che si ammalano gravemente".. Quali sono le caratteristiche delle persone più a rischio di sviluppare una forma grave della malattia? Lo ricordiamo, oltre alle persone anziane sono i ...
Nei pazienti con fratture stabili del perone, indossare un gesso o un tutore per tre settimane può essere efficace quanto portare il gesso per sei settimane, secondo uno studio di non inferiorità pubblicato sul British Medical Journal. «È universalmente riconosciuto che occorrano circa sei settimane per ottenere una guarigione della frattura sufficiente per resistere alle tensioni causate dal peso e in linea con questa convinzione, il trattamento non chirurgico tradizionale di una frattura di tipo Weber B stabile consiste nel posizionamento di un gesso al di sotto del ginocchio per sei settimane» dice Tero Kortekangas, dello Oulu University Hospital, in Finlandia, primo autore dello studio. «Ci sono numerose prove che confermano che questa strategia porta ad un alto tasso di sintesi delle fratture, ma è associata anche a danni, come laumento della rigidità della caviglia e trombosi venosa profonda» aggiunge. La consapevolezza di questo compromesso tra benefici e danni ha spinto a ...
Nei pazienti con fratture stabili del perone, indossare un gesso o un tutore per tre settimane può essere efficace quanto portare il gesso per sei settimane, secondo uno studio di non inferiorità pubblicato sul British Medical Journal. «È universalmente riconosciuto che occorrano circa sei settimane per ottenere una guarigione della frattura sufficiente per resistere alle tensioni causate dal peso e in linea con questa convinzione, il trattamento non chirurgico tradizionale di una frattura di tipo Weber B stabile consiste nel posizionamento di un gesso al di sotto del ginocchio per sei settimane» dice Tero Kortekangas, dello Oulu University Hospital, in Finlandia, primo autore dello studio. «Ci sono numerose prove che confermano che questa strategia porta ad un alto tasso di sintesi delle fratture, ma è associata anche a danni, come laumento della rigidità della caviglia e trombosi venosa profonda» aggiunge. La consapevolezza di questo compromesso tra benefici e danni ha spinto a ...
Malattie ginecologiche, Malattie ginecologiche :: Terapia, Malattie ginecologiche :: Prevenzione, Ginecologia, Ginecologia News, Ginecologia Newsletter, Ginecologia.net, Ginecologia: Aggiornamenti, Malattie ginecologiche Newsletter, Gravidanza Newsletter, Menopausa Newsletter, Contraccettivi Newsletter, Aggiornamenti sulle Novità in Terapia ginecologica, Tumore alla mammella Newsletter, Cancro al seno Newsletter,Tumore ovarico Newsletter, Tumore alle ovaie Newsletter, Farmaci ginecologici :: Novità, OncoGinecologia :: Oncologia ginecologica, ...
Il webinar "Does Early Detection Save Lives" si terra` domani 6 maggio dalle 11 alle 12 di mattina (ora italiana) e dopodomani, 7 maggio, dalle 7 alle 8 di sera (ora italiana). Le attiviste di Breast Cancer Action - lunica organizzazione che da oltre ventanni difende i diritti delle donne che vivono col tumore al seno avvalendosi solo delle donazioni spontanee degli iscritti, senza sponsor e tenendosi ben alla larga da interessi di parte - intervisteranno Anthony B. Miller, Professore emerito presso la School of Public Health dellUniversita` di Toronto e primo autore di uno studio canadese durato 25 anni i cui risultati sono stati pubblicati recentemente sul British Medical Journal e che ha messo in evidenza come lo screening mammografico nelle donne tra i 40 e i 59 anni non riduce la mortalita` per cancro al seno ...
Newsletter n.720, Newsletter n.719, Newsletter n.718, Newsletter n.717, Newsletter n.716, Newsletter n.715, Newsletter n.714, Newsletter n.713, Emozioni dal Mondo Merlot e Cabernet Insieme, 2016 ottobre settembre agosto luglio, Newsletter, 8, 20180222
1]Secondo tre nuovi studi la diminuzione di sale nella dieta e laumento dei livelli di potassio impedirebbe milioni di morti per malattie cardiache e ictus ogni anno nel mondo. Gli studi sono stati pubblicati ieri online sul British Medical Journal.. Uno di essi ha esaminato i risultati di 34 studi clinici che hanno coinvolto più di 3.000 adulti e ha scoperto che una modesta riduzione del consumo di sale ha portato a riduzioni significative della pressione sanguigna, con conseguente riduzione del rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca. [1]. Risultati simili sono stati riportati in un altro studio che ha esaminato 56 studi precedenti. [2] Si è riscontrato che la riduzione del consumo di sale ha portato allabbassamento della pressione sanguigna e alla diminuzione del rischio di malattie cardiache e ictus fatale negli adulti. Cè anche la prova che la ridotta assunzione di sale abbassa la pressione sanguigna nei bambini.. Un terzo studio ha analizzato i dati provenienti da 33 studi ...
Academic Journals Database is a universal index of periodical literature covering basic research from all fields of knowledge, and is particularly strong in medical research, humanities and social sciences. Full-text from most of the articles is available. Academic Journals Database contains complete bibliographic citations, precise indexing, and informative abstracts for papers from a wide range of periodicals.
Leffetto protettivo dura nel tempo, e secondo il 75% degli specialisti e l81% si attendono dati ancora più significativi nei prossimi anni grazie allintroduzione di formulazioni con progestinici di quarta generazione o lestrogeno naturale. Questi dati rappresentano una conferma nella pratica clinica di quanto era già stato rilevato dagli studi scientifici - afferma Alessandra Graziottin, presidente del Congresso nazionale Sigo in corso a Milano -. In particolare, unimportantissima ricerca su 46 mila donne seguite per 40 anni, pubblicata questanno sulla prestigiosa rivista British Medical Journal, ha dimostrato come, nel lungo termine, le donne che hanno usato contraccettivi orali registrino una minore mortalità complessiva e godano di una migliore salute.. Fonte: Adnkronos. ...
La ricerca è stata pubblicata sul British Medical Journal (BMJ) da un team di ricercatori austriaci diretti da Andreas Valentin dellUniversità di Vienna con la partecipazione di Maurizia Capuzzo del dipartimento di Anestesia e Terapia Intensiva dellUniversità di Ferrara. Lo studio è stato condotto su 1328 pazienti adulti di 27 paesi in 113 unità di terapia intensiva. Sono stati riscontrati 861 errori a carico di 441 pazienti, ovvero 74,5 eventi per 100 pazienti/giorni, si legge sullarticolo del BMJ; i tre quarti degli errori sono stati classificati come errori di omissione. Un terzo degli errori (quasi tutti gli errori riscontrati nello studio erano inerenti la somministrazione di farmaci) è riconducibile, secondo quanto riferito da Valentin alla BBC, a stanchezza e stress degli operatori, medici e infermieri, nella terapia intensiva. Gli altri a problemi di comunicazione o a recenti cambiamenti nel nome di un farmaco. Con laumento della complessità dei pazienti ricoverati in terapia ...
Meglio evitare un ricovero nel fine settimana, almeno negli ospedali inglesi, dove si calcola che ogni anno possono morire fino a 11.000 persone in più rispetto agli altri giorni della settimana, un numero davvero preoccupante che viene definito con il termine "effetto weekend".. Un editoriale, pubblicato sul British Medical Journal, fa riflettere su una ricerca condotta da due ospedali universitari inglesi durante gli anni 2013 e 2014, che confermerebbe il pericolo maggiore per i ricoverati nei giorni di sabato e domenica, riscontrando un aumentato rischio di morte compreso tra il 10% e il 15 % rispetto a chi entra durante i giorni lavorativi.. Paul Aylin e colleghi, autori dello studio, ritengono che questa situazione si possa verificare principalmente per due motivi. Un primo motivo è fatto risalire alla riduzione degli operatori sanitari, che sarebbero sottoposti quindi a un sovraccarico di lavoro e di responsabilità che influirebbe sulla qualità delle cure mediche rivolte ai pazienti. ...
Se la si smetterà con test e trattamenti non necessari e con diagnosi inutili, allora si potrà evitare di fare danni e garantire un futuro di salute più sostenibile per tutti, hanno spiegato il direttore del British Medical Journal, Fiona Godlee, e il professor Ray Moynihan dellaustraliana Bond University. Il Bmj ha lanciato una campagna di sensibilizzazione nei confronti di medici e utenti affinchè si smetta lattuale politica esasperata del "più esami si fanno, più vite si salvano", affermazione che peraltro comincia a non corrispondere affatto alla realtà. Il dossier di TerraNuova fa una panoramica sugli esami che gli stessi studi scientifici hanno definito "inutili, eccessivi e a volte anche dannosi"; spiega come funziona il cosiddetto "disease mongering", il meccanismo secondo cui con campagne e azioni mirate si estende il concetto di malattia e si inducono le persone a ritenersi malate anche quando in realtà non lo sono. E ancora il dossier spiega come sono state ampliate le ...
Lo spiega uno studio pubblicato sul British Medical Journal (Bmj).. I ricercatori, riporta lAnsa, hanno applicato a 183 Paesi un modello statistico sviluppato per analizzare lapporto di sodio, i livelli di pressione sanguigna e gli effetti sulle malattie cardiovascolari. Questi sono stati messi in relazione ai costi derivanti da programmi di riduzione del sodio, che utilizzano ad esempio accordi con lindustria alimentare e progetti di educazione pubblica, con relativi investimenti in risorse umane, formazione, attrezzature e mezzi di comunicazione.. Per valutare lefficacia complessiva dellintervento, i ricercatori si sono basati su recenti sforzi effettuati nel Regno Unito e Turchia che hanno dimostrato che un tale programma sostenuto dal governo può ridurre il consumo di sale di almeno il 10 per cento in 10 anni.. Secondo i ricercatori, una modesta riduzione del consumo di sale potrebbe salvare ogni anno una media di 5,8 milioni di Disability-Adjusted Life Year (DALY), ununità di misura ...
Roma, 6 marzo 2018 - Insaccati, merendine e più in generale alimenti sottoposti a lavorazione industriale aumentano il rischio di tumore. E quanto sostiene uno studio pubblicato sul British Medical Journal (Bmj) condotto su 105mila persone. Lindagine non permette di indicare i colpevoli, perché si basa solo sullosservazione di una correlazione tra i due fenomeni, ma non è in grado di dimostrare un legame di causa ed effetto. Nei Paesi sviluppati le diete hanno visto un aumento del consumo di alimenti ultra-elaborati, ovvero che hanno subito processi fisici, biologici o chimici e che sono arricchiti di coloranti, dolcificanti e conservanti. Concepiti per essere convenienti e appetibili, contribuiscono tra il 25% e il 50% del consumo giornaliero di calorie. Ma le evidenze scientifiche sui loro effetti sono scarse. Su questo si sono concentrati i ricercatori del Centre of Research in Epidemiology and Statistics Sorbonne Paris Cité, che hanno esaminato le abitudini alimentari di 104.980 ...
La prevenzione del tumore al seno deve cominciare sin dalladolescenza, adottando una dieta sana che preveda almeno 3 porzioni di frutta al giorno, specie banane, mele e uva. Questo è quanto suggeriscono i risultati di uno studio, condotto presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, evidenziando che labitudine di mangiare frutta fin dalladolescenza, riduce il rischio futuro di ammalarsi di cancro al seno. Condotta su 90 mila donne, la ricerca è stata pubblicata dal British Medical Journal (BMJ).. Lo studio ...
FonteGordon CS et al. BMJ 2007; 327: 1459 Non ci sono prove che il paracadute sia utile per la prevenzione di morte e traumi causati dalla forza gravitazionale.Unampia revisione sistemata pubblicata sul British Medical Journal non ha trovato nelle
Nello studio, da poco pubblicato sul British Medical Journal, i ricercatori hanno tratto la conclusione che non esiste alcun riscontro del fatto che la diminuzione dei decessi da cancro nelle donne sottoposte a mammografia abbia avuto alcuna relazione diretta con le mammografie stesse.. Per di più, altri studi condotti negli ultimi anni hanno di fatto implicato le mammografie come causa dello sviluppo di alcuni cancri al seno in primo luogo. Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2008 su Archives of Internal Medicine ha riscontrato che lavvio dei programmi di screening mammografico in Europa risultava associato a una accresciuta incidenza del cancro al seno.. ...
I medici non sanno esattamente come comportarsi con stanchezza cronica momento opportuno". Ho forum visto un titolo del British Medical Journal, quando si tratta commenti di opere. Canadian medical scienziati concordano: i Medici perplesso fatica disturbo dansia e anche trattare male (per saperne di più). "Un normale Provitalan medico di mantenere la persona instabile e anche non mi piace di lui", ha dichiarato la docente Michael Maes clip video conferenza nella sua 21.8.2013.. Malattia di filatura opinioni allossidazione, nitro satiivinen stressit (Gerwyn e anche Maes 2017), forum che deve essere trattata con vi ho fatto così come linfiammazione repressivo ravintolisin (berberina, vitamina D, E-EPA, carnosina, magnesio, ubichinone, etc.). A 265 individuali di studio per la ricerca, che ha fatto la Stanchezza Cronica così come Disfunzione Immunitaria Disorder Association of America (attualmente chiamato a Risolvere ME/CFS Campagna), l 88% delle persone ha riferito che avevano ricevuto ...
Sono un sostituto potenzialmente più attraente per i fumatori degli altri strumenti a base di nicotina - conferma il Prof. Umberto Tirelli, direttore del dipartimento di oncologia medica dellistituto Tumori di Aviano - perché la nicotina è assunta come quando si fuma una sigaretta e viene mantenuta la gestualità del fumare, così importante per i fumatori.. Alcuni giornali medici, incluso il British Medical Journal, hanno valutato il fenomeno e hanno richiesto più ricerca o regolamentazione al riguardo con la principale differenza che alcuni avrebbero voluto che questi interventi fossero avvenuti prima dellintroduzione nel mercato delle e-sigarette ed altri invece hanno accettato che queste continuino ad essere permesse sul mercato.. In effetti, sono state sollevate alcune preoccupazioni sulla loro sicurezza ed innocuità ma la maggior parte dei prodotti testati non ha mostrato alcuna evidenza di problemi acuti di tossicità. Chiaramente, tutti questi prodotti devono essere conformi alle ...
La comunità scientifica internazionale ha espresso forti preoccupazioni sulluso di gomme da masticare senza zucchero che contengono il sorbitolo come dolcificante; il sorbitolo, se consumato in maniera eccessiva, ha effetti lassativi e può causare problemi allo stomaco.. Gli esperti tedeschi, in un articolo pubblicato sul British Medical Journal, hanno descritto la storia di due pazienti che in seguito alluso di grandi quantità di gomme da masticare senza zucchero, avevo sofferto di diarrea cronica, dolori addominali e perdita del peso.. Entrambi i pazienti hanno ritrovato la salute e il peso dopo aver seguito una dieta totalmente priva di sorbitolo.. I medici hanno detto: "il nostro caso indica che il consumo di sorbitolo può causare non solo diarrea cronica e problemi intestinali, ma anche una considerevole perdita di peso corporeo (circa 20% del peso corporeo usuale) nè decisa nè voluta. Sembra quindi necessario che quando ci si trovi a trattare pazienti con una inspegabile perdita di ...
Sovrappeso e obesità accrescono il rischio di morte prematura, proprio come le sigarette. A lanciare lallarme è un nuovo studio del Karolinska Institute di Stoccolma, pubblicato sul British Medical Journal.
A dirlo una ricerca pubblicata sul British Medical Journal: su 4 milioni di persone nate in Gran Bretagna nel XX secolo, su dati raccolti a partire dal 1948 fino ad oggi, la differenza tra generi, nel consumo di alcolici, si è andata assottigliando nei decenni: se un uomo nato nel 1910 beveva, in media, il doppio di una sua coetanea, con il triplo dellincidenza di malattie e patologie legate allabuso di alcol, una donna nata nel 1981 beve praticamente la stessa quantità di alcolici di un uomo della sua età. Continua a leggere→. ...
Un interessante articolo su Riza.it focalizza i benefici legati al consumo dei flavonoidi per il controllo del peso. In merito a questo cita un interessante studio scientifico americano, condotto dalle Università di Harvard e East Anglia e pubblicato sul British Medical Journal. La ricerca durata 25 anni, ha avuto come oggetto le abitudini dietetiche di circa venticinquemila persone, tra i 27 e i 65 anni. Tra le conclusioni tratte cè la seguente: a parità di calorie ingerite e considerate le differenze nello stile di vita (ad esempio fumo, alcol e attività fisica), è risultato che i soggetti che consumavano alimenti ricchi di flavonoidi, a distanza di anni presentavano valori di peso corporeo stabili nel tempo. Dallo studio si evince che pare sia sufficiente consumare anche una sola porzione giornaliera dei frutti o degli ortaggi ricchi di bioflavonoidi per favorire il controllo del peso.. © Riproduzione riservata ...
Frutta, verdura e cereali,questi gli alimenti indispensabili nella dieta per prevenire il rischio di sviluppare il cancro al colon retto.. Il segreto è nelle fibre contenute in questi alimenti, a sostenerlo è uno studio, pubblicato sul British Medical Journal, secondo cui laggiunta di tre porzioni (90 g al giorno) di cereali integrali alla quotidiana alimentazione è legata a una riduzione del 20% del rischio di sviluppare il cancro al colon retto.. Dalla ricerca è emerso che ogni 10 grammi di fibre assunte in più al giorno sarebbero in grado di diminuire del 10% il rischio di sviluppare questo tipo di cancro: insomma bastano anche quantità moderate per ottenere degli effetti positivi.. Gli studiosi hanno rilevato che, in particolare, contro il cancro al colon retto è importante assumere le fibre dei cereali integrali.. A cura di Silveria Conte. Articoli correlati:. -Cancro, una proteina da il via libera alle metastasi. ...
Salute Non sono i costi eccessivi, ma i lunghi tempi per lapprovazione e i difetti della Direttiva europea sui trial clinici la causa del calo del 25%. Un sondaggio anonimo condotto sul web, i cui risultati sono stati pubblicati sul British Medical Journal, ha valutato in maniera sistematica i fattori che potrebbero influenzare la tendenza. di R. D.. ...
Lennesima condanna delluomo, inteso come maschio, viene da un recente studio condotto da tale Lendrem della scuola The King Edward VI in collaborazione con ricercatori della Newcastle University. Una ricerca seria, pubblicata sul British Medical Journal. Loggetto della ricerca era, in particolare, la propensione a assumersi dei rischi idioti. È stato facile: è bastato passare in rassegna i dati sui vincitori dei Darwin Awards (i premi alle morti più stupide) per capire che gli uomini hanno probabilità nettamente più alta di vincere (dal 1995 al 2014 hanno vinto 282 maschi e solo 28 femmine). Questo non fa altro che confermare la M.I.T., la Male Idiot Theory: i maschi sono più spesso ricoverati in ospedale a seguito di incidenti stupidi.. ...
Già. Un gruppo di scienziati indipendenti - Cochrane collaboration - ha ripreso in questi giorni un suo studio realizzato nel 2009 sul rapporto tra lantivirale Tamiflu e linfluenza suina (seimila casi mortali nel mondo). E se allora lorganizzazione medica no profit sosteneva che non cerano prove a sostegno dellutilità del medicinale per la suina, ora si spinge oltre e lo stampa sul British medical journal: per linfluenza aviaria (62 morti accertati, fino al 2006) lantivirale della Roche è stato inutile.. Lo si certifica adesso, ma per dieci anni una teoria di stati nel mondo, sullonda della speculazione emotiva, ha accumulato milioni di confezioni, buttato valanghe di denaro pubblico e, dopo cinque stagioni, buttato anche le confezioni scadute. Secondo la controricerca il Tamiflu (dai 35 ai 70 euro a scatola, secondo richiesta e Paese) contrappone alle influenze gli stessi effetti del più conosciuto paracetamolo. Non ha prevenuto la diffusione della pandemia, né ha ridotto il ...