Oltre ladriatico: i Balcani I Balcani come naturale paese di sbocco per le imprese pugliesi e dellasse adriatico Dopo un periodo di profonde difficoltà economiche e politiche legate allo scioglimento della ex-Yugoslavia, larea dei Balcani sta attraversando una fase di graduale stabilizzazione (processi di ricostruzione, privatizzazione/ristrutturazione aziendale, grandi progetti e infrastrutture) Landamento dellesportazioni italiane nei balcani ha risentito della crisi che non ha risparmiato i Balcani (stretta creditizia, rallentamento delle riforme strutturali). Gruppo SACE
Trovato il corpo di un soldato tedesco della Seconda Guerra Mondiale, probabilmente caduto nel corso della storica Operazione Avalanche, lo sbarco a Salerno
Viaggio nei Balcani: Cattaro in Montenegro - Viaggio nei Balcani: le mete più interessanti da visitare - Dopo la sosta nel cuore dei Balcani torniamo sulla costa, nel più piccolo tra gli stati della penisola, in Montenegro, a Cattaro. Cittadina costiera stagliata tra...
Laltro Sostegno, Roma: Varietà, stagionalità, cura nella scelta degli ingredienti, ospitalità, tradizione: questi gli ingredienti della ricetta Altro sostegno, una
Si è chiuso - allinterno del World Social Forum - lincontro "Disegnare lEuropa: i Balcani tra integrazione e disintegrazione", organizzato da ICS e Osservatorio sui Balcani. Lincontro si è concentrato sul rapporto tra Europa e Balcani, o si potrebbe dire tra le due Europe, quella ricca e già integrata dellUnione e quella "marginale" e disintegrata dellarea sud orientale. Si è trattato di un incontro con intellettuali, uomini di governo e rappresentanti di istituzioni internazionali molto diversi tra loro per ruoli e responsabilità
Balcani (BALCANI) este in judetul Bacau si are codul SIRUTA 21196. Comuna Balcani din Bacau este formata din satele: Balcani, Frumoasa, Ludasi, Schitu Frumoasa.
Migliaia di donne, durante i conflitti nei Balcani, hanno subito reati sessuali. La maggior parte di loro non riceve alcun sostegno da parte degli stati della regione, nonostante i progressi segnati dal diritto penale internazionale nel perseguimento di questi crimini
Quindici anni fa, il 3 luglio 1995, se ne andava Alexander Langer. Attivista, politico, pensatore eco-pacifista, a lungo impegnato anche nelle vicende dei Balcani. Una figura non sempre compresa, tra le più originali nellEuropa degli anni novanta che cercava di aprirsi allest. Cosa resta oggi dei suoi contributi?. Alexander Langer, nato a Vipiteno nel 1946 e morto suicida a Firenze nel 1995, aveva alcune caratteristiche che gli permettevano di comprendere meglio di molti altri i turbolenti eventi di inizio anni novanta nei Balcani. Dalle guerre in ex-Jugoslavia alla transizione albanese, fino al riemergere delle tensioni lungo il confine orientale dItalia, i suoi scritti e discorsi offrivano infatti chiavi di lettura originali e non scontate. Spesso diverse dai ritornelli sulletnicità, la democrazia liberale o i torti del passato, di cui invece si riempivano al tempo paginate di commenti.. Continua la lettura su Osservatorio Balcani. ...
Da dove cominciare? Innanzitutto perché i Balcani sono una meta turistica poco gettonata e dunque priva di qualsiasi elemento "commerciale" e pensato solo per vendere. Terra di grade storia, affascinante per la convivenza delle tre più grandi religioni monoteiste (cristiani cattolici, ortodossi e musulmani), presenta ad ogni angolo la stratificazione storica e di queste tre cultura rendendola un luogo sempre interessante e mai scontato. Va poi ripetuto che raggiungere i Balcani è facilissimo dato che si trovano molto vicini allItalia: ed è ancora più semplice farlo adesso, vista la presenza di compagnie aeree come Mistral Air, che hanno inaugurato dei voli per Mostar, laereoporto più vicino a Medjugorje, una delle località più visitate della Bosnia. Dunque loccasione perfetta per visitare questo ed altri luoghi di grandissimo interesse storico, culturale e paesaggistico. Infine, ecco altri due motivi per visitare i Balcani: il cibo è incredibile, così come la vita notturna, a dir ...
I villaggi turistici Reka offrono in generale unesperienza orientata alla famiglia. Il villaggio vacanze REKA a Brissago, situato sulle splendide rive del Lago Maggiore, è composto d 8 case con in totale 10 appartamenti. Il villaggio turistico REKA di Magadino, offre invece 7 case di vacanza con in totale 17 appartamenti ...
II summit di Trieste sarà sicuramente un passaggio fondamentale per i sei Paesi dei Balcani occidentali che aspirano ad entrare nellUe. Ci sarà da lavorare, ma le premesse e i progetti infrastrutturali, commerciali e sociali o culturali che saranno loro offerti contribuiranno a creare quel collante inter-regionale che contribuirà a superare anche le dolorose fratture del passato. Insomma non sarà facile, ma lItalia già da tempo sta lavorando, come conferma il ministro degli Esteri Angelino Alfano, a fare di Trieste un momento chiave di tale processo, forte anche della sua conoscenza della realtà balcanica.. Il summit di Trieste può essere una svolta nel processo di avvicinamento dei Balcani occidentali allUnione europea? Se si tratta o meno di una svolta ce lo diranno i mesi successivi, anche in funzione del lavoro e della volontà politica che saremo in grado di mobilitare. Di sicuro sarà un momento importante nel percorso di avvicinamento. A Trieste vogliamo riconfermare ...
Superata la fase dellemergenza bellica si pone ora con forza, nei Balcani occidentali, il serio problema della costruzione di una società pacifica che viaggi verso lEuropa".. È quanto affermato oggi da Carlo Costalli, Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori (MCL), intervenuto ad un Seminario internazionale di studi europei in corso a Dubrovnik su "Il dialogo sociale è la chiave per la coesione sociale nei Balcani occidentali", promosso dal MCL e dai suoi partner Napredak ed Eza, con il patrocinio della UE.. Secondo Costalli "per poter incrementare davvero, col lavoro, una nuova stagione di sviluppo civile ed economico è indispensabile promuovere un dialogo sociale vero, a tutto campo. Così come solo una nuova coesione sociale potrà rafforzare il percorso verso lintegrazione europea. Per raggiungere questi obiettivi sono determinanti anche il ruolo della cultura per favorire la formazione della nuova classe dirigente; e il ruolo della Chiesa che pone alla base della sua opera ...
Fondamentale per lUnione Europea la collaborazione sempre più stretta delle società civili, a partire dai giovani". Il sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Bobba, è intervenuto al Forum dei Giovani dei Balcani Occidentali, evento che ha avuto luogo a Trieste nella cornice dei lavori per il Vertice dei Capi di Stato e di Governo presieduto dal premier Paolo Gentiloni.. "La collaborazione con i Paesi dei Balcani è fondamentale per lUnione Europea, lallargamento verso questarea - ha affermato Bobba - è la nostra nuova frontiera e rappresenta una priorità per lItalia, che con i Balcani occidentali vanta da sempre legami storici, economici e culturali".. "Questo processo si fonda prima di tutto - ha proseguito il Sottosegretario - su una collaborazione sempre più stretta tra le società civili dei nostri Paesi. E, soprattutto, su una collaborazione sempre più stretta tra i giovani, perché la parte più viva della società civile è rappresentata ...
L esperienza di UniCredit nei Balcani Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales Bari, 22 Febbraio 2012 AGENDA Le economie dei Balcani Le opportunità Il supporto di UniCredit 2 La presenza delle
Villaggio turistico Reka in stile boutique. Con piscina coperta, stazione per biciclette, pumptrack, parete per arrampicata, miniclub per bambini gratuito ✓ confortevoli appartamenti di vacanza ✓ adatto alle famiglie ► Prenotare ora
Forze Nemiche Disarmate (in inglese: Disarmed Enemy Forces = DEF) e, meno comunemente, Forze Nemiche Arresesi (in inglese: Surrendered Enemy Forces), fu una denominazione statunitense applicata sia a soldati che si erano arresi ad un nemico dopo la fine delle ostilità, che a prigionieri di guerra che erano detenuti in campi siti a quel tempo nei territori occupati della Germania. A causa dellimpossibilità logistica di nutrire i milioni di soldati tedeschi arresisi al livello previsto dalla Convenzione di Ginevra durante la crisi alimentare del 1945, lo scopo di questa definizione, così come quella britannica di Personale nemico arreso (Surrendered Enemy Personnel = SEP) era di evitare che ai soldati tedeschi spettassero i diritti dei prigionieri di guerra secondo la Convenzione di Ginevra del 1929. Nellaprile del 1945 il Dipartimento della guerra approvò il trattamento di tutti i componenti delle Forze armate tedesche catturati dopo la dichiarazione dellaccettazione delle condizioni di ...
Leccidio di Vinca fu un crimine contro lumanità avvenuto tra il 24 e il 27 agosto 1944 nel piccolo borgo di Vinca e in altre frazioni ai piedi delle Alpi Apuane. Responsabili furono soldati tedeschi appartenenti allAufklärungs-Abteilung 16 ("Reparto esplorante 16") comandato dal maggiore Walter Reder, unità che faceva parte della 16. SS-Panzergrenadier-Division "Reichsführer-SS": questa stessa divisione commise in seguito altre atrocità a Marzabotto e a Bergiola Foscalina, fiancheggiata da membri delle Brigate Nere di Carrara. Il 18 agosto lassalto a un automezzo tedesco, lungo la strada Monzone-Vinca, causò luccisione di un ufficiale tedesco e fu il pretesto per una rappresaglia, nella strategia generale di tenere sotto controllo con il terrore la popolazione civile. Il 24 agosto 1944 oltre cinquanta automezzi carichi di soldati tedeschi e militi fascisti salirono verso il paese di Vinca, toccando Equi Terme, Monzone altre frazioni limitrofe. La zona era conosciuta per essere sotto ...
LAUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA I SITI AI QUALI È POSSIBILE ACCEDERE TRAMITE I COLLEGAMENTI POSTI ALLINTERNO DEL SITO STESSO, FORNITI COME SEMPLICE SERVIZIO. IL FATTO CHE IL BLOG FORNISCA QUESTI COLLEGAMENTI NON IMPLICA LAPPROVAZIONE DEI SITI STESSI, SULLA CUI QUALITÀ, CONTENUTI E GRAFICA È DECLINATA OGNI RESPONSABILITÀ. LAUTORE NON È RESPONSABILE PER QUANTO PUBBLICATO DAI LETTORI NEI COMMENTI AD OGNI POST, I COMMENTI RITENUTI OFFENSIVI, DI GENERE SPAM O NON ATTINENTI POTRANNO ESSERE CANCELLATI; I COMMENTI LESIVI DELLIMMAGINE O DELLONORABILITÀ DI PERSONE TERZE, NON SONO DA ATTRIBUIRSI ALLAUTORE, NEMMENO SE IL COMMENTO VIENE ESPRESSO IN FORMA ANONIMA E COMUNQUE VERRANNO CANCELLATI. DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL BLOG E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI ...
Erano presenti il Comandante del Gruppo Carabinieri di Frascati, Tenente Colonnello Stefano COTUGNO, il Sindaco di Lariano, Dott. Maurizio CALICIOTTI, autorità civili e militari, associazioni e cittadini di Lariano. La stele è stata benedetta dal cappellano militare Don Mauro AMATO. Il Carabiniere 19enne originario di Borgetto, in provincia di Palermo, mentre era in servizio presso la Stazione di Lariano nel 1944 fu fucilato dai soldati tedeschi per non aver voluto rivelare informazioni di cui era a conoscenza. Per tale atto di eroismo è stata riconosciuta dal Presidente della Repubblica la medaglia dOro al Merito Civile con la seguente motivazione: "IN SERVIZIO PRESSO LA STAZIONE CARABINIERI DI LARIANO, NEL CORSO DELLULTIMO CONFLITTO MONDIALE, SI METTEVA A DISPOSIZIONE DI UNA PATTUGLIA AMERICANA IN QUALITÀ DI GUIDA. A SEGUITO DI UN VIOLENTO COMBATTIMENTO, VENIVA CATTURATO DAI SOLDATI TEDESCHI E BARBARAMENTE FUCILATO PER ESSERSI RIFIUTATO DI FORNIRE INFORMAZIONI SULLA POSIZIONE DELLE FORZE ...
Ciao Felix, concordo con lopinione di Andrea (HeerX), quindi non sto a ripetere tutto. unica differenza per quanto concerne la custodia per le mappe,
Sono stati anni epocali questi ultimi, ma epocali a dire il vero in senso contrario, in senso altamente negativo, con una legge che avrebbe dovuto riorganizzare la rete scolastica e anche razionalizzare lutilizzo delle risorse umane presenti nella scuola. Il fatto è che invece di riorganizzare e razionalizzare, purtroppo quella legge ha lasciato nel caos la scuola e ha allontanato il personale scolastico definitivamente dalla scuola. Tutto per fare cassa, questo lo devo dire, il duo Tremonti-Gelmini ha prodotto tagli e danni alla scuola, sono stati davvero geniali. Il risultato di tutto questo qual è stato? Innanzitutto a discapito della sicurezza degli edifici scolastici e poi della qualità stessa dellofferta formativa della scuola.. Torniamo al tema dellinterpellanza: per effetto delle misure che ho esposto precedentemente, in questo anno scolastico 2011-2012 si sono determinati in tutta Italia ben 10.443 docenti in esubero, tra scuola primaria, medie e superiori. Questi sono tutti ...
Io vado, pel mio paese, altero di ricordarlo, poiché mai, in una unione completa e cordiale come quella dellItalia e de suoi alleati, è stata tanto rispettata la sua dignità, sono stati tanto garantiti i suoi interessi. [grida di entusiasmo]. Ma, oltreché con le alleanze, proseguiamo lintento della pace col volere la giustizia. Ciò vi spiega, o signori, la nostra politica in Oriente. Ivi ciò che domandiamo è il rispetto dei diritti dei popoli, conciliato, in quanto è possibile, col rispetto dei trattati che formano il diritto pubblico europeo; ciò che speriamo è lo sviluppo progressivo delle autonomie locali. Si hanno, nella penisola dei Balcani, quattro nazionalità distinte, ciascuna avente la sua lingua, la sua sede secolare, le sue tradizioni antichissime, e - ciò che è più - la coscienza della propria individualità come nazione e laspirazione alla indipendenza. Ebbene, questi popoli che anelano, come ogni ente, a vita libera, aiutiamoli a riprendere possesso di loro ...
«La guerra è iniziata al Maksimir». È scritto sulla stele allentrata dello stadio della Dinamo Zagabria, in ricordo di quel 13 maggio 1990 in cui migliaia di tifosi croati si scontrarono con i serbi della Stella Rossa di Belgrado, accendendo la miccia dellodio nazionalista che da 25 anni ustiona i Balcani e si lega indissolubilmente al calcio.Perché la guerra è iniziata al «Maksimir», ma poi è continuata al «Marakana» di Belgrado, dove Arkan reclutava le sue Tigri e nascondeva larsenale.
Rubrica. Ascolta laudio registrato sabato 15 ottobre 2005 in radio. Passaggio a Sud Est - La realtà politica dellEuropa sud orientale dai Balcani a...
Rubrica. Ascolta laudio registrato sabato 17 gennaio 2009 in radio. Passaggio a Sud Est - La realtà politica dellEuropa sud orientale dai Balcani a...
Avvenire, 23.4.2016. E uscito The Little Red Chairs, il nuovo attesissimo romanzo di Edna OBrien. Migliaia di sedie rosse, vuote come testimoni muti, furono messe in fila qualche anno fa sulla via Maršala Tita di Sarajevo per commemorare le vittime dellassedio della città che durò dal 1992 al 1996. Erano 11541, una per ciascun cittadino che perse la vita in quei 44 mesi dorrore. In quella marea rossa che per giorni colorò evocativamente il centro della città-martire della Bosnia si notavano anche centinaia di sedie di piccole dimensioni, a ricordo dei bambini uccisi. Limmagine più poetica, struggente e letteraria del dopoguerra bosniaco ha fornito a Edna OBrien lo spunto intorno al quale costruire il suo nuovo attesissimo romanzo, The Little Red Chairs. Giunta alla soglia degli 85 anni, con più di venti romanzi alle spalle, la grande scrittrice irlandese si confronta per la prima volta con temi per lei del tutto inediti - come la guerra nei Balcani - senza abbandonare la sua ...
Zograf è quello di cui si è parlato molto perché è serbo. Quando cè stata la guerra dei Balcani, lui ha raccontato il suo punto di vista con i fumetti, lettere ed e-mail. Ma sbaglia chi pensa che sia tutto qui. Zograf è un autore, cioè uno che ha qualcosa da dire. Usa il linguaggio del fumetto [...]
Osservando le dinamiche dei trasferimenti dei rifugiati lungo la Rotta dei Balcani, risulta evidente che la mancanza di canali umanitari, sicuri e organizzati secondo dei criteri capaci di agevolare il loro cammino sta rendendo questi spostamenti difficili ed umilianti. Un viaggio pericoloso, che mette a dura prova (...)
Balcani tra dispute interne e processo dintegrazione. L8 giugno scorso, il più giovane stato dEuropal, il Kosovo, è tornato al voto per il rinnovo del suo Parlamento.
Nel giugno scorso Naser Keljmendi (o Kelmendi) aveva avuto lonore di essere oggetto di una lettera di Barack Obama inviata ai membri del Congresso. Si trattava di un "Kingpin act ", atto emesso dal presidente degli Stati Uniti per proibire a individui o compagnie USA qualsiasi tipo di transazione con persone non statunitensi individuate come significativi trafficanti di droga. Fino ad oggi sono stati solo 97 i kingpin sanzionati dagli USA: a giugno Keljmendi è stato bandito assieme nientemeno che a José Antonio Soto, detto "El Tigre", leader del cartello di Sinaloa in Messico e a Sayer Visir detto Shar, ritenuto uno dei più grossi signori della droga in Afghanistan.. Un parterre di tutto rispetto quello condiviso dal cittadino bosniaco-kosovaro ma, solo domenica scorsa, il 5 maggio, si è arrivati al suo arresto, a Pristina, in Kosovo.. Naser Keljmendi è considerato uno dei narcoboss più potenti nei Balcani. Sfuggito ad unoperazione di polizia - "Lutka" (bambola) - condotta lo scorso ...
Giacomelli - Ministro plenipotenziario degli Affari esteri e della Coop. internazionale: "La prospettiva europea dei Balcani occidentali e il processo dei vertici"; Alfano - Ministro Affari Esteri: "Il vertice di Trieste tra continuità e innovazione ...
... Rom, una parola non basta a definirli.....10,February 2018.Rom, una parola non basta a definire 22 comunità.....I Tatari (o Tartari) di...
Faremo gli Stati Uniti dei Balcani Conversazione con Mira MARKOVIĆ, professoressa di sociologia allUniversità di Belgrado e leader della Jul LIMES
Mentre la pioggia sembra aver concesso una tregua, nei Balcani inizia il conto delle perdite. E al rischio epidemie, ora si aggiunge anche quello ...
Città medievali, antiche fortezze, architetture ottomane, resti romani e paesaggi incantati. Balcani da riscoprire: ecco la nuova meta di tendenza
Collaborare con altre realtà dellAdriatico, con particolare riferimento ai Balcani, per dare vita a Termoli ad un centro di cultura giovanile del Mediterraneo. © ANSA
TURCHIA 2010 PASSANDO DAI BALCANI PREMESSA: lidea di questo viaggio è stata lanciata , per la prima volta , da Eva mentre eravamo sulla via del
Il fronte freddo in transito richiama una corrente calda ed umida sud orientale. Il forcing quasi-geostrofico operato dal jet stream e lo shear del vento in incremento, ipotizzano la formazione di un area instabile tra Adriatico e Balcani laddove celle te...
Ci spostiamo in Australia per dare un occhiata allultima pittura realizzata da Reka direttamente sulle due facciate del Melbourne Polytechnic.
Il summit annuale del processo di Berlino che riunisce i maggiori attori europei, i governi e la società civile dei Balcani occidentali si terrà questanno a Trieste il 12 luglio sotto presidenza italiana. I sei paesi dei Balcani occidentali e i gli sponsor europei intendono rilanciare lintegrazione europea dei Balcani attraverso la creazione di unarea economica comune nella regione, così da favorire cooperazione, comunicazione trans-frontaliera e sviluppo economico.. Leggi tutto ...
Sfantu Gheorghe, Szocs Piroska, Melinda Balogh, Izabella Pasztori, Ioana Singeorzan, Judit Deme, Reka Nagy, Reka Kese, Gyorgy David, Victor Paul Raica, Fruzsina Fodor, Ingrid Teisanu, Emese Boros, Elena Bogozi, Eniko Langer, Lucia Seres, Alexandru Todor, Judit Deme, Reka Gyero, Roza Zsigmond, Aurelian Gheorghiu, Alina Diac, Gabriella Csurulya, Aron Kovacs, Erno Szigyarto, Lucian Ciobota, Edit
Laumento dopo 25 anni di ridimensionamento conferma anche la crescente disponibilità della Germania a svolgere un ruolo più importante nella sicurezza globale e reagire alle richieste degli Stati Uniti di aumento della spesa per la difesa collettiva della NATO .Dopo la riduzione del contingente militare tedesco da 585.000 soldati nel 1990 a 177.000 di oggi, le forze armate del paese aumenterà di 7.000 nuove unità entro il 2023 ...
Un soldato tedesco urla al prigioniero: lancialo in aria! Il prigioniero fa finta di non aver sentito e si affretta a sistemare il bambino sul carro, assieme a tutti gli altri. Allora il soldato si avvicina, gli punta la pistola sotto al mento e ripete: ti ho detto di lanciarlo in aria, non hai capito?…
Nel mio peasino in Abruzzo nacque la Brigata Maiella e ne vado fierissima! Ricordi diretti non ne ho perche non ero nata, quello che so e grazie ai miei genitori, nonni e tutti coloro che vissero quei terribili anni del fascismo e della guerra. Mia madre mi raccontava che mio nonno e suo fratello (17 anni) furono presi dai tedeschi, ma poi liberati, per fortuna. Sempre la mia mamma, che era una ragazzina, fu colpita dalle schegge di una bomba e un giovanissimo soldato tedesco la prese in braccio e la porto dai dottori! Il palazzo, nella piazza del paese, dove abitavano gli zii di mia madre era stato eletto dai tedeschi al loro quartiere generale. Quante altre cose mi racconto…anche che lei andava portare cibo a degli uomini che si erano nascosti per non farsi prendere dai tedeschi…poi i giorni della battaglia del sangro, dove combatterono soprattutto gli inglesi e poi la distruzione con bombe da parte dei tedeschi del paese di gessopalena, auttuato per fermare lavanzata degli alleati… ...
Intere famiglie devastate, spezzate in minuscoli frammenti difficili da ricomporre, lombra dei soldati tedeschi investe ed abbraccia col suo freddo alito di morte tutto il paese, le città e le campagne lasciando il nulla dietro di sé. Il romanzo è molto forte, ben scritto e, con uno stile molto chiaro e lineare, fa da didascalia alle immagini sensibili che si costruiscono inevitabilmente nella mente e nel cuore del lettore, saturi delle orribili scene che la guerra ci ha mostrato, dando il meglio di sé. Un bellissimo romanzo, estremamente profondo e che fa riflettere, va oltre il classico "per non dimenticare" e scava brutalmente nei sentimenti e nelle emozioni di chi - ahimè - la guerra lha realmente vissuta. Si evince subito che il racconto è frutto di vere testimonianze: la disperazione, la fame, il dolore, la morte, la paura sono palpabili per il lettore, cosi come lodore del sangue e dei corpi lasciati a marcire allaria aperta. Un lavoro davvero ben fatto e toccante, cinque stelle ...
Durante la Grande Guerra Patriottica, la mitragliatrice Shpagin divenne la più potente mitragliatrice dellArmata Rossa. E non è stata una coincidenza. Larma ha ottenuto molti feedback positivi, anche dai nemici: i soldati tedeschi. Durante la Grande Guerra Patriottica, il fucile mitragliatore Shpagin divenne il più
Ma si diceva del testo corale di Chiti, una coralità che presuppone delle voci soliste come quelle degli attori già citati, cui vanno aggiunti i nomi di Lucia Socci e Dimitri Frosali. La Socci era Silvana, la donna del partigiano Fausto, che per dare il tempo ai compagni di recuperare il corpo del marito, si lascia, premeditatamente, violentare dai soldati del comando tedesco: una scena che, grazie alla bravura dellinterprete, mette i brividi. Frosali era il Biondo, un partigiano che combatte, non perché spinto da motivazioni ideologiche, ma per emulare Tizzo, lamico di sempre, lamico che gli parla (e lo salva) anche da morto. Ma, in verità, andrebbero citati tutti gli attori dellArca Azzurra Teatro, impegnati con uguale valore a far vivere il testo di Chiti. Lautore toscano ha costruito un testo che non solo - come si è detto - è corale, ma che è tutto di parola; un racconto che si fa azione, unazione in cui è, comunque, la parola a giocare un ruolo di assoluto primo piano. Da ...
Millenni di guerre contro le tribù nemiche videro Akakor cadere e risorgere più volte, stringendo anche alleanze con stirpi straniere giunte da lontano. Le tradizioni degli Ugha Mongulala parlavano di popolazioni bianche come i Goti che visitarono le loro terre. Ancora una volta questo si rivela una conferma notevole alle antiche cronache medievali nelle quali navi vichinghe partite allesplorazione di mondi lontani, dopo un naufragio, approdarono sulle coste del Sudamerica. Nella sierra di Yvytyruzu, in Paraguay, larcheologo Jacques de Mahieu ha scoperto un masso pieno di caratteri runici, disegni dei drakkar, le navi nordiche, e di un uomo barbuto con armatura. Le attuali popolazioni di quei territori possiedono la pelle bianca, un torace sviluppato e la barba. Ma un evento ancor più strano, preconizzato nelle antiche scritture degli Antenati Divini, è larrivo ad Akakor di 2.000 soldati tedeschi che aiutarono gli indios ad armarsi contro i barbari bianchi, senza successo, poiché la ...
I ragazzi delle scuole imparano chi fu Muzio Scevola o Orazio Coclite, ma non sanno chi furono i fratelli Cervi. Non sanno chi fu quel giovanetto della Lunigiana che, crocifisso ad una pianta perché non voleva rivelare i nomi dei compagni, rispose: «Li conoscerete quando verranno a vendicarmi», e altro non disse. Non sanno chi fu quel vecchio contadino che, vedendo dal suo campo i tedeschi che si preparavano a fucilare un gruppo di giovani partigiani trovati nascosti in un fienile, lasciò la sua vanga tra le zolle e si fece avanti dicendo: «Sono io che li ho nascosti (e non era vero), fucilate me che sono vecchio e lasciate la vita a questi ragazzi». Non sanno come si chiama colui che, imprigionato, temendo di non resistere alle torture, si tagliò con una lametta da rasoio le corde vocali per non parlare. E non parlò. Non sanno come si chiama quelladolescente che, condannato alla fucilazione, si rivolse allimprovviso verso uno dei soldati tedeschi che stavano per fucilarlo, lo baciò ...
Perché senza dubbio morire in questo modo e trasformarmi in un angelo del genere è qualcosa che mi rimpie il cuore di gioia. Il 25 aprile sta sfumando e quando ero piccolo mio nonno a questora mi prendeva per mano e cominciava a raccontarmi storie di combattimenti contro i tedeschi, gli ustascia e io stavo benissimo e pendevo dalle sue labbra. Parlava senza mai guardarmi negli occhi e le sue parole si gonfiavano di lacrime e tenerezza perché i suoi racconti avevano sempre quellatmosfera di tenerezza dietro lorrore, perché dietro una morte, dietro lo scoppio di una bomba cerano il sorriso di un contadino, di un compagno che gli parlava della fidanzata a casa o di quel tal giocatore che aveva visto giocare allArena di Milano. Adesso che mi sto avvicinando ai quarantanni vorrei potergli parlare e camminare con lui. Ne sento un disperato bisogno. Vorrei che ci fosse anche mia nonna, lei che subì parecchi soprusi dai soldati tedeschi e dagli assassini della Muti che stazionavano nella zona ...