Lacido fosfotungstico (o fosfowolframico) è un eteropoliacido a base di fosforo e tungsteno con formula chimica H3P W12O40. Si presenta normalmente in forma idrata e si ottiene facendo evaporare una soluzione composta da acido fosforico (H3PO4) e dallisopoliacido H6W12O39 · xH2O (acido metatungstico). È un composto corrosivo e si presenta, a temperatura ambiente, come un solido da bianco a verdastro-giallo quasi inodore con punto di fusione di 89 °C (24 H2O idrato). Non è particolarmente tossico ma è mediamente irritante. Il composto è noto con una gran varietà di nomi ed acronimi, tra cui i principali sono: Acido fosfotungstico (PTA), (PWA) Acido tungstofosforico (TPA) Acido 12-fosfotungstico Acido 12-tungstofosforico (standard Iupac in Cotton e Wilkinson, 1966) Acido dodecatungstofosforicoLa numerazione presente nel nome riflette il fatto che lanione contiene 12 atomi di tungsteno. Lacido fosfotungstico trova largo utilizzo nella preparazione della colorazione istologica chiamata ...
La colorazione di Azan-Mallory è una tecnica istologica usata per distinguere le cellule dalla matrice extracellulare e per mettere in evidenza le fibre di collagene del tessuto connettivo. Viene usato prima Azocarminio secondo il metodo Heidenhain, un colorante che colora i nuclei, cromatina, eritrociti e granuli acidofili dellipofisi molto intensamente di rosso, neurofibrille di colore rossastro e il citoplasma di rosso pallido. Quindi si usa lacido fosfotungstico e poi viene usata la miscela policroma di Mallory che contiene blu di anilina, orange G e acido ossalico, che colora intensamente di blu le fibre di collagene, reticolo e granuli basofili dellipofisi, di azzurro le mucine e granuli citoplasmatici delle cellule delta dellipofisi, di arancio le cellule del sangue e le fibre muscolari. Il meccanismo di colorazione non è ancora completamente compreso. Alcune spiegazioni propongono che lacido fosfotungstico funga da mordente per legare i colori basici al tessuto. Ladsorbimento sul ...
Leggi la notizia DA NON PERDERE: le correnti da W dove provocano precipitazioni? sul sito di Meteolive. Approfondimenti, news e analisi meteo su Meteolive.
I liposomi sono stati descritti per la prima volta dallematologo britannico Dr Alec D Bangham FRS nel 1961, presso il Babraham institute. Bangham e R. W. Horne li scoprirono mentre provavano il nuovo microscopio elettronico aggiungendo un negative stain (contrasto negativo per microscopi) a fosfolipidi disidratati per studiare gli effetti di questi ultimi sulla coagulazione del sangue. ...