Un agente antipsicotico agente che è specifico per i recettori della dopamina e si è dimostrata efficace nel trattamento della schizofrenia.
Amidi di acido salicilico.
Un phenyl-piperidinyl-butyrophenone che viene usata principalmente per curare la schizofrenia e altre psicosi. Viene inoltre usato nel disturbo schizoaffettivo, maniacale, DISORDERS ballism e Tourette SYNDROME (preferito) o come terapia aggiuntiva nei DISABILITY la corea di Huntington e la malattia, è un potente antiemetico e viene usato nel trattamento di intrattabile HICCUPS. (Dal AMA Drug Evaluations Rapporto, 1994, p279)
Agenti che controllano agitato comportamento psicotico, alleviando stati psicotici acuta, ridurre i sintomi psicotici, ed esercitare un effetto calmare vengono impiegati per la schizofrenia; demenza senile; transitorie psicosi dopo intervento chirurgico; o MYOCARDIAL INFARCTION; ecc. questi farmaci sono spesso definito come neurolettici alludendo la tendenza a produrre effetti neurologici, ma non tutti antipsicotici sono in grado di produrre tali effetti. Molti di questi farmaci può anche essere efficace contro nausea, vomito e prurito.
Una che ha sostituito benzamide antipsicotico proprieta '. E' una dei recettori D2 della dopamina (vedere Receptors, DOPAMINE antagonista D2).

Remossipride non è un termine medico riconosciuto o accettato. Non esiste alcuna definizione medica per esso. Se si sta cercando informazioni su un farmaco o un trattamento specifico, assicurarsi di fornire il nome corretto in modo che possa essere fornita una risposta accurata e adeguata.

In campo medico, le salicilammide sono composti chimici che derivano dall'unione della salicilamide con altri farmaci o sostanze. La salicilamide è a sua volta un composto derivato dall'acido acetilsalicilico (noto anche come aspirina), in cui l'acido acetico viene sostituito dalla amidazione con ammoniaca.

Le salicilammidi sono spesso utilizzate nella formulazione di farmaci a causa delle loro proprietà analgesiche, antinfiammatorie e antipiretiche, simili a quelle dell'acido acetilsalicilico. Tuttavia, a differenza dell'aspirina, le salicilammidi non presentano attività antiaggregante piastrinica, il che significa che non interferiscono con la capacità delle piastrine di coagulare il sangue.

Esempi di farmaci che contengono salicilammide includono la diflunisal e il morfamato, entrambi utilizzati come antidolorifici e antiinfiammatori. È importante notare che anche se le salicilammidi possono avere effetti simili all'aspirina, possono anche causare effetti collaterali simili, come irritazione gastrica e possibile danno renale o epatico con l'uso prolungato.

L'aloperidolo è un antipsicotico tipico utilizzato per trattare una varietà di condizioni, tra cui la schizofrenia, il disturbo bipolare e alcune forme di disturbi della condotta. È anche talvolta usato per gestire i sintomi psicotici associati a demenza o altre malattie neurologiche.

Il farmaco agisce bloccando l'azione dei recettori dopaminergici nel cervello, che aiuta a regolare l'umore, il pensiero e il comportamento. Ciò può ridurre la frequenza e la gravità di allucinazioni, deliri, pensieri irrazionali e altri sintomi psicotici.

Gli effetti collaterali comuni dell'aloperidolo includono sonnolenza, rigidità muscolare, tremori, vertigini, secchezza della bocca e stipsi. A dosi più elevate o con uso prolungato, possono verificarsi effetti collaterali gravi come movimenti involontari (discinesia tardiva), aumento di peso, diabete, pressione sanguigna bassa e ritmi cardiaci anormali.

L'aloperidolo è disponibile in forma di compresse orali, soluzione liquida e iniezioni intramuscolari. La dose e la durata del trattamento vengono generalmente personalizzate in base alle esigenze individuali del paziente e alla sua risposta al farmaco.

Come con qualsiasi farmaco, l'aloperidolo deve essere utilizzato sotto la supervisione di un operatore sanitario qualificato a causa dei suoi potenziali benefici e rischi.

Gli antipsicotici sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per trattare diverse condizioni psichiatriche, come la schizofrenia, il disturbo bipolare e alcuni sintomi della depressione maggiore. Agiscono modulando l'attività dei recettori dopaminergici nel cervello, in particolare i recettori D2.

Esistono due generazioni di antipsicotici:

1. Antipsicotici tipici o convenzionali (anche chiamati neurolettici): questi farmaci sono stati sviluppati per la prima volta negli anni '50 e includono sostanze come clorpromazina, haloperidolo e flufenazina. Possono causare effetti collaterali extrapiramidali (EPS), come rigidità muscolare, tremori e movimenti involontari, nonché altri effetti avversi come sonnolenza, aumento di peso e sedazione.

2. Antipsicotici atipici o di seconda generazione: sviluppati a partire dagli anni '90, presentano una minore probabilità di causare EPS rispetto agli antipsicotici tipici. Tra questi ci sono farmaci come clozapina, olanzapina, quetiapina e risperidone. Tuttavia, possono ancora provocare effetti collaterali significativi, come aumento di peso, diabete, dislipidemia ed eventi cardiovascolari avversi.

Gli antipsicotici vengono utilizzati per trattare i sintomi positivi della schizofrenia (allucinazioni, deliri e pensieri disorganizzati), ma possono anche essere utili nel controllo dei sintomi negativi (apatia, anedonia e difficoltà di pensiero astratto) e dei sintomi associati al disturbo bipolare.

È importante che gli antipsicotici vengano prescritti da professionisti sanitari esperti nella gestione delle malattie mentali, in quanto la loro scelta dipende dalla gravità della condizione clinica del paziente e dai possibili effetti collaterali. Inoltre, è fondamentale monitorare regolarmente i pazienti che assumono antipsicotici per valutarne l'efficacia terapeutica e il profilo di sicurezza.

La raclopride è un antagonista dei recettori dopaminergici D2 utilizzato comunemente in studi di neuroimaging per visualizzare la distribuzione e la densità dei recettori Dopamina D2 nel cervello. Viene ampiamente utilizzato nella ricerca scientifica per comprendere meglio i meccanismi della malattia mentale e delle condizioni neurologiche che interessano il sistema dopaminergico, come la malattia di Parkinson, la schizofrenia e la dipendenza da sostanze.

Quando somministrato a un soggetto, la raclopride si lega competitivamente ai recettori D2 nel cervello. Questo legame può essere rilevato utilizzando tecniche di neuroimaging come la tomografia ad emissione di positroni (PET), che possono mostrare la distribuzione e la densità dei recettori D2 nel cervello.

La raclopride ha anche alcune applicazioni cliniche limitate, come nella diagnosi differenziale della malattia di Parkinson e dell' parkinsonismo atipico. Tuttavia, il suo uso principale rimane nella ricerca scientifica.

Remossipride. 162784,162790d147393 < Rendimento scolastico inferiore al previsto. < Rene a spugna. < Rene artificiale. < Rene ...

Nessun FAQ disponibili che corrispondono a "remossipride"

Nessun immagini disponibili che corrispondono a "remossipride"