Un messaggero biochimici e regolatore, sintetizzato dalla allegato aminoacidi essenziali. Principalmente nell ’ uomo è nel sistema nervoso centrale, tratto gastrointestinale, e piastrine. Serotonina media l ’ importanti funzioni fisiologiche la neurotrasmissione, inclusa una diminuzione della motilità gastrointestinale e cardiovascolare in corso, emostasi, l 'integrità. Molteplici recettori delle famiglie (recettori, SEROTONIN) spiegare la ragazza le azioni fisiologiche e distribution of this biochimici mediatore.
Sodio chloride-dependent neurotrasmettitore Sodio-Bicarbonato localizzato principalmente sulla PLASMA membrane di neuroni serotoninergici. Sono diversi dai recettori SEROTONIN segnale risposte cellulari all 'SEROTONIN. Rimuovono SEROTONIN dallo spazio extracellulare, l ’ elevata affinità in fermate degli presinaptici. Regola segnale ampiezza e la durata di sinapsi serotoninergici ed è il sito d ’ azione del SEROTONIN DELLA FOSFODIESTERASI DI UPTAKE.
Proteine nella superficie che si legano SEROTONIN intracellulare e innescare cambiamenti che influenza il comportamento di cellule. Diversi tipi di recettori della serotonina è stato riconosciuto che differiscono nella loro farmacologica, biologia molecolare, e modalità di azione.
Un sottotipo del recettore della serotonina trovato ampiamente distribuito nei tessuti periferici dove contractile trasmesso le risposte di varietà di tessuti contenenti muscolo. Trovano 5-HT2A selettivo antagonisti del recettore del sottotipo 5-HT2A includono KETANSERIN. È anche situate in BASAL gangli e CEREBRAL CORTEX del cervello dove ci ha trasmesso gli effetti di HALLUCINOGENS come LSD.
Un sottotipo del recettore della serotonina trovato diffusa tramite il sistema nervoso centrale dove sono coinvolto nella regolamentazione neuroendocrina di ACTH secrezione. Il fatto che questo sottotipo del recettore della serotonina e 'particolarmente sensibili agli agonisti del recettore SEROTONIN come buspirone suggerisce il suo ruolo nella modulazione di ansia e DEPRESSION.
Le sostanze specificamente inibisce la ricaptazione di serotonina nel cervello.
Farmaci che si lega ai recettori della serotonina ma non attivazione, bloccando così le azioni di serotonina o SEROTONIN agonisti del recettore.
Un sottotipo del recettore della serotonina principalmente nel sistema nervoso centrale e il recettore di sottotipo plesso coroide. Questo è ritenuta mediare la SEROTONIN anorectic azione, antagonisti del recettore 5-HT2C selettiva sembra indurre ansia. Diverse isoforme del sottotipo esiste, a causa di adenina deaminasi montaggio del recettore mRNA.
Un sottotipo del recettore della serotonina nel cervello, cuore, polmoni; PLACENTA DIGESTIVE sistema e organi, un numero di funzioni sono state attribuite all 'azione dei recettori 5-HT2B, ivi compresa l ’ elaborazione di dei miociti cardiaci (miociti, CARDIAC) e la trovano contrazione del muscolo.
Una tipologia di G-protein insieme SEROTONIN recettori quella coppia preferibilmente al Gq-G11 G-PROTEINS che provoca un aumento dei livelli intracellulari di inositolo CALCIUM fosfati e libero.
Farmaci usati per i loro effetti sul sistema serotoninergico. Fra questi sono medicinali che agiscono recettori della serotonina, il ciclo vitale di serotonina, e la sopravvivenza di neuroni serotoninergici.
Un sottotipo del recettore della serotonina presente a livelli elevati nel BASAL gangli e la corteccia frontale. Gioca un ruolo di un terminale autoreceptor che regola la velocità di rilascio SEROTONIN terminazioni nervose sottotipo del recettore della serotonina. Questo è strettamente collegata alla droga e ha proprietà simili legame al recettore 5-HT1D. È particolarmente sensibili agli agonisti sumatriptan e può essere implicata nel mediare l 'associazione di droga.
Composti endogeno e le droghe che si legano ai recettori e attivare SEROTONIN molti agonisti del recettore della serotonina sono utilizzati come antidepressivi, ansiolitici e nel trattamento di MIGRAINE DISORDERS.
Una tipologia di G-protein insieme SEROTONIN recettori quella coppia preferibilmente di Gi G-PROTEINS con conseguente riduzione dei livelli intracellulari l'AMP ciclico.
Interazione avversa caratterizzata da uno stato mentale alterato, disfunzioni del sistema nervoso autonomo e anomalie neuromuscolare, è molto frequentemente provocati da uso delle inibitori della ricaptazione della serotonina e inibitori delle monoaminossidasi, portando ad un eccesso di serotonina disponibilità nel SNC alla serotonina 1A.
Farmaci che si legano ad ma non attivare i recettori 5-HT2 SEROTONIN, bloccando così le azioni di SEROTONIN o SEROTONIN 5-HT2 agonisti del recettore. Gli infortuni sono antagonisti per una o più specifiche i sottotipi dei recettori 5-HT2.
Una tipologia dei recettori della serotonina che forma i canali cationico e mediare trasduzione del segnale da depolarizzando la membrana cellulare, la cazione canali sono formate a 5 recettore subunità. Quando stimolata selettivo i recettori consentire il passaggio del sodio; POTASSIUM; e CALCIUM.
Composti endogeno e farmaci che stimolano i recettori 5-HT2 specificamente SEROTONIN. Gli infortuni sono agonisti per uno o più dei sottotipi dei recettori 5-HT2 specifico.
Un enzima che catalizza la idrossilazione di triptofano per 5-HYDROXYTRYPTOPHAN NADPH e in presenza di ossigeno molecolare. È importante nella biosintesi del SEROTONIN.
Composti endogeno specificamente SEROTONIN e farmaci che stimolano i recettori 5-HT1, inclusi sotto tale voce gli agonisti per uno o più dei sottotipi dei recettori 5-HT1 specifico.
Un sottotipo di G-Protein-Coupled SEROTONIN recettori che fosforila paio a GS G-PROTEINS stimolante intracellulare maggiore che determina l'AMP ciclico. Diverse isoforme del recettore alternative, grazie alla fusione del mRNA.
Farmaci che si legano ad ma non attivare SEROTONIN dai recettori 5-HT1, bloccando così le azioni di SEROTONIN 5-HT1 agonisti del recettore. Gli infortuni sono per uno o più antagonisti del recettore 5-HT1 sottotipi.
L'acido 5-idrossiindoleacetico (5-HIAA) è un metabolita dell'amminoacido essenziale triptofano, il cui livello urinario aumentato può servire come marcatore biochimico di una maggiore secrezione di serotonina, comunemente associata a condizioni patologiche come la sindrome carcinoide e il morbo di Parkinson.
Il primo inibitore altamente specifico della captazione della serotonina è utilizzato come un antidepressivo e un profilo di effetti collaterali accettabili tradizionale antidepressivi.
Un furancarbonitrile e 'uno dei SEROTONIN UPTAKE DELLA FOSFODIESTERASI DI usato come un antidepressivo. La droga è efficace inoltre nel ridurre la captazione da parte degli alcolizzati etanolo ed è usato in pazienti depressi che soffra anche di discinesia tardiva in cambio di antidepressivi triciclici, che aggravare questa condizione.
Neuroni il cui principale neurotrasmettitore SEROTONIN.
Un inibitore selettivo del recettore della serotonina debole e con i recettori adrenergici proprieta '. Il farmaco è efficace nel ridurre la pressione sanguigna in ipertensione essenziale, e inibisce anche l' aggregazione piastrinica ed è ben tollerata ed è particolarmente efficace per anziani.
L ’ immediato precursore della biosintesi del SEROTONIN da triptofano. È utilizzato come antidepressivo e antiepilettici.
Collezioni dei piccoli neuroni centralmente sparsi tra tante fibre dal livello del nucleo Trochlear nel mesencefalo all'area Hypoglossal nel bel mezzo della fronte.
Un inibitore della captazione della serotonina efficace nel trattamento della depressione.
Un agonista 1A-receptor serotonina che viene usato per fare un esperimento per testare gli effetti di serotonina.
Un derivato della Segale Cornuta e 'un congener di acido lisergico dietilammide. E antagonizza gli effetti di serotonina a livello della muscolatura liscia dei vasi sanguigni e gastrointestinale, ma ha molte delle proprieta' di altri alcaloidi della segale cornuta. Metisergide è utilizzato a scopo profilattico in emicrania e cefalea vascolare e la serotonin nel contrastare la sindrome da carcinoide.
Un inibitore selettivo e irreversibile inibitore del triptofano idrossilasi, un enzima limitante nella biosintesi della serotonina (5-idrossitriptamina). Fenclonina agisce farmacologicamente per consumare livelli endogeni di serotonina.
Un sottotipo del recettore della serotonina che di nucleo caudato; putamen; il nucleus accumbens; l'ippocampo, e la Rafe nuclei. Gioca un ruolo di un terminale autoreceptor che regola la velocità di rilascio SEROTONIN terminazioni nervose sottotipo del recettore della serotonina. Questo è strettamente collegata alla droga e ha proprietà simili legame al recettore 5-HT1B, ma viene espresso su livelli bassi. È particolarmente sensibili agli agonisti sumatriptan e può essere implicata nel mediare la droga è antimigrane effetto.
Tryptamine sostituite con due gruppi idrossili in posizioni 5 e 7. E 'un neurotossico serotonina analogico che distrugge i neuroni serotoninergici principalmente e viene usato in neurofarmacologia come strumento.
Amine pressorie biogenica avesse una porzione. Incluso in questo gruppo sono tutti Non naturale formato dai decarbossilazione enzimatica naturale aminoacidi.
Farmaci che si legano ad ma non attivare i recettori 5-HT3 SEROTONIN, bloccando così le azioni di SEROTONIN o SEROTONIN 5-HT3 agonisti del recettore.
Mood-stimulating farmaci usati nel trattamento dei disturbi affettivi e patologie correlate. Diversi inibitori della monoamino-ossidasi DELLA FOSFODIESTERASI DI antidepressivi sono utili come apparentemente come conseguenze a lungo termine dei loro livelli delle catecolamine. La modulazione di composti utile come antidepressivi triciclici (AGENTS, agenti antidepressivi triciclici), sembrano delle catecolamine cervello agire attraverso un terzo gruppo (antidepressivi) è di seconda generazione AGENTS, un gruppo eterogeneo di droga compresi alcuni che agisce in maniera specifica sulla sistemi serotoninergici.
Una droga che a quanto pare entrambi attivi centralmente blocca la captazione della serotonina e provoca transport-mediated serotonina rilascio.
Con un antistaminico, Serotonina anticolinergici, e 'attività immunosoppressiva.
Una delle catecolamine urinarie neurotrasmettitori nel cervello. È derivato da tirosina e prelude a noradrenalina e epinefrina, dopamina e 'un grosso trasmettitore nella sistema extrapiramidali del cervello, e importante nel controllo del movimento. Una famiglia di recettori (recettori, DOPAMINE) mediare la sua azione.
Un strutturalmente e meccanicamente variegato gruppo di medicinali che non sono triciclici o inibitori delle monoaminossidasi. Più importante sembrano agisce selettivamente sul sistema serotoninergico, in particolare mediante l ’ inibizione della ricaptazione della serotonina.
Un N-substituted anfetamina analogico. E 'un farmaco maltrattati classificati come un allucinogeno e induce un notevole e duraturo cambiamenti nel cervello sistemi serotoninergici. MDMA, ecstasy.
Un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina che viene usata nel trattamento di DEPRESSION e una varieta 'di ansia DISORDERS.
Proteine della membrana la cui funzione primaria sia di agevolare il trasporto di molecole di membrana biologica. Incluse in questo ampio sono proteine coinvolto in principio trasporti (DEI) PRINCIPIO (I), trasporto, trasporto e ION facilitato i canali.
Decarboxylated inibitori della derivati di triptofano.
Un enzima che catalizza la Non Deamminazione ossidativi non è naturale, è un enzima flavin-containing localizzato nella membrana mitocondriale, che si tratti di terminazioni nervose, il fegato, oppure altri organi. Inibitori della monoamino-ossidasi è importante nel controllo del degradazione metabolica di catecolamine e la serotonin nel neurali o tessuti, inibitori delle monoamino ossidasi epatica ha un forte in difesa o inattivazione Non circolanti, quali tiramina, che nascono nell ’ intestino e vengono assorbiti nel portale circolazione. (Da Goodman e Gilman, il Pharmacological Base di Therapeutics, ottavo Ed, p415) CE 1.4.3.4.
Delle purine o suoi derivati AMPHETAMINE. Molti sono i farmaci simpaticomimetici e il sistema nervoso centrale stimolatori broncodilatatore causato eccitazione, vasopressina, e a vari livelli, anoressia, ittero, danno analepsis decongestion, e alcuni il rilassamento della muscolatura liscia.
La parte del sistema nervoso centrale e 'all'interno del cranio). (Cranio derivante dalla neurale TUBO, l'azione cervello è composto da tre parti principali PROSENCEPHALON (inclusa la parte anteriore del cervello); MESENCEPHALON (mesencefalo); e (RHOMBENCEPHALON hindbrain). Il cervello è costituito da un cervello, nel cervelletto e altre strutture nel cervello STEM.
Le sostanze che contengono una molecola fuso con tre anelli e sono utilizzate nel trattamento della depressione. Questi farmaci bloccherebbero la diffusione di noradrenalina e serotonina nei terminali assone e può bloccare una sottospecie di serotonina, contro-regolazione e i recettori istaminici. Tuttavia il meccanismo dei loro effetti antidepressivi non è chiara perché degli effetti terapeutici in genere ci vogliono settimane per sviluppare e possono riflettere cambiamenti compensativi nel sistema nervoso centrale.
Un serotonina e un antagonista istaminico H1 antagonista usato come stimolante, antipruritic, appetito antiallergico, e per la post-gastrectomy - Sindrome di Dumping, eccetera.
Derivato semisintetico dell 'ergot (Claviceps purpurea), effetti ha complessi sistemi a un antagonismo serotoninergico, compresi i recettori della serotonina, sia periferico agonista antagonista e a carico del sistema nervoso centrale recettori della serotonina, e probabilmente gli effetti sulla serotonina fatturato. È un potente allucinogeno, ma il meccanismo di questo effetto non sono ben compresi.
La risposta osservabile un animale fa alle situazioni.
Un ceppo di ratto albino ampiamente usata per fini sperimentali per la sua calma e piu 'facile da maneggiare. E' stato sviluppato dall'Sprague-Dawley Animal Company.
Un ’ integrazione di aminoacidi essenziali e 'necessaria per una crescita normale nei neonati e per azoto equilibrio negli adulti. E' un precursore degli Indole alcaloidi piante. E 'il precursore di SEROTONIN (pertanto, il suo utilizzo come un antidepressivo e sonnifero), può essere un precursore di niacina, sebbene in modo sconsiderato, nei mammiferi.
Un gruppo di ammine naturale deriva dalla decarbossilazione enzimatica della sostanza aminoacidi. Molti hanno effetti fisiologici potenti (ad esempio l ’ istamina, serotonina, epinefrina, tiramina). Le derivi dalla aminoacidi aromatici, e anche la loro sintetica delle purine (ad esempio, anfetamina), sono di uso in farmacologia.
Un inibitore selettivo della captazione della serotonina che viene usato nel trattamento della depressione.
Cellule Non-nucleated disk-shaped negli Megakaryocyte e ho trovato nel sangue di tutti i mammiferi. Sono principalmente coinvolto nella coagulazione del sangue.
Il prototipo del antidepressivo triciclico. È stato utilizzato in depressione maggiore, distimia, depressione, disturbi bipolari attention-deficit disturbi di panico, agorafobia, e c'è meno effetto sedativo rispetto ad altri membri del gruppo terapeutico.
Un antidepressivo triciclico ad imipramina analogo che inibisce selettivamente la captazione della serotonina nel cervello. È immediatamente assorbito nel tratto gastrointestinale e demetilata nel fegato a formare il suo principale metabolita attivo, la desmetilclomipramina.
La piperazina è un composto eterociclico utilizzato in alcuni farmaci come antielmintico, antistaminico e vasodilatatore, nonché come agente schiumogeno nei prodotti per la pulizia.
La relazione tra la dose di un farmaco somministrato e la risposta dell'organismo al farmaco.
Sodio chloride-dependent neurotrasmettitore Sodio-Bicarbonato localizzato principalmente sulla PLASMA membrane di parte dei neuroni noradrenergici. Rimuovono norepinefrina dallo spazio extracellulare, l ’ elevata affinità in fermate degli presinaptici regola ampiezza e la durata di segnale noradrenergica sinapsi e e 'l'obiettivo di DELLA FOSFODIESTERASI DI UPTAKE adrenergici.
Un ’ ammina alpha-adrenergic simpaticomimetici, biosynthesized da tiramina del SNC e piastrine e anche nel sistema nervoso invertebrato è utilizzato per trattare l ’ ipotensione e il cardiotonico. Il naturale D (-) è più potente della L (+) a produrre reazioni cardiovascolari adrenergici, ma è anche un neurotrasmettitore in alcuni invertebrati.
Un antagonista del recettore della serotonina nel sistema nervoso centrale ha usato come antipsicotico.
Cloro analogo della AMPHETAMINE. Potente neurotossina che provoca il rilascio di serotonina e alla fine del SNC è utilizzato come strumento di ricerca.
Un chimicamente eterogeneo gruppo di farmaci che hanno in comune la capacità di bloccare Non Deamminazione ossidativi non è naturale. (Dal Gilman, et al., Goodman e Gilman e 'la base di Pharmacological Therapeutics, ottavo Ed, p414)
Un potente e selettivo serotonin-2 nemico che è efficace nel trattamento di una serie di sindromi di ansia e depressione. Il farmaco migliora anche il soggettivo diminuisce la qualità del sonno e pressione portale.
La base le unita 'di tessuto nervoso. Ogni neurone è costituito da un corpo, un assone e - Dendrito. Il loro scopo è di ricevere, condotta e trasmettere impulsi al sistema nervoso.
Una tecnica per misurare le concentrazioni di sostanze extracellulare nei tessuti, di solito in vivo, per mezzo di una piccola sonda equipaggiato con una membrana semipermeable. Attivi può anche essere introdotto nello spazio extracellulare attraverso la membrana.
Farmaci che bloccano il trasporto di adrenergici trasmettitori in assone terminali in magazzino o vescicole in terminali. Gli antidepressivi triciclici (AGENTS), antidepressivi triciclici e anfetamine sono tra i clinicamente importante farmaci che possono agire mediante l ’ inibizione del trasporto adrenergici. Molti di questi farmaci inoltre arrestare trasporto di serotonina.
Un ansiolitico agente e agonista del recettore della serotonina azaspirodecanedione appartenente alla classe di farmaci. La sua struttura non è correlata con quelli della BENZODIAZAPINES, ma ha un ’ efficacia paragonabile a diazepam.
Farmaci che si legano ad ma non attivare SEROTONIN 5-HT4 Receptors, bloccando così le azioni di SEROTONIN o SEROTONIN agonisti del recettore.
Composti endogeno specificamente SEROTONIN e farmaci che stimolano i recettori 5-HT3.
Le proteine del tessuto nervoso sono specifiche proteine presenti nel sistema nervoso centrale e periferico che svolgono ruoli strutturali, enzimatici, regolatori e di trasporto essenziali per la normale funzione nervosa.
Precursore di epinefrina secreta dalla midollare del surrene ed è una diffusa e centrale del sistema nervoso autonomo è il principale neurotrasmettitore. Norepinefrina trasmettitore di piu 'comprensivo postgangliari fibre e del sistema di proiezione diffuso nel cervello derivanti dalla linea di locus ceruleus. E' anche trovato nelle piante e utilizzata come simpaticomimetici farmacologicamente.
Sostanze utilizzate per le loro azioni farmacologiche per qualunque aspetto dei sistemi di neurotrasmissione. Neurotrasmettitore sostanze comprendono, inibitori, antagonisti, inibitori della captazione, depleters, precursori e modulatori della funzione di.
Composti endogeno e farmaci che stimolano i recettori 5-HT4 SEROTONIN nello specifico.
Un sottotipo di enteroendocrine cellule trovate nella mucosa gastrointestinale, in particolare nelle ghiandole di pilorico piloro; duodeno ed ileo. Queste cellule secernono principalmente SEROTONIN e dei neuropeptidi. Loro Secretory granulato macchia facilmente con l'argento (argentaffin macchia).
Alterazioni nella quantità di sostanze chimiche (neurotrasmettitori, Receptors, enzimi, e altri metaboliti) specifica per la zona del sistema nervoso centrale contenute nella testa. Queste sono monitorati nel tempo, durante la stimolazione sensoriale, o sotto differenti patologie.
Monohydroxy derivati di cyclohexanes che contengono la formula generale R-C6H11O. Hanno un odore camphorlike e sono usati nella produzione di saponi, insetticidi, germicides, bucato e plastificanti.
Un agonista della dopamina e serotonina antagonista. È stato utilizzato come bromocriptina come un agonista della dopamina e anche per MIGRAINE DISORDERS terapia.
Una famiglia di proteine di trasporto aminici vescicolare in grado di catalizzare il trasporto e stoccaggio delle catecolamine e indolamines in Secretory vescicole.
Farmaci in grado di indurre delle illusioni, allucinazioni, manie, paranoia assumeste e altre alterazioni dell ’ umore e pensieri. Nonostante il nome, la caratteristica che distingue questi agenti di altre classi di farmaci e 'la loro capacità di indurre uno stato di percezione, pensiero alterato, e sensazione di non provato diversamente.
Malanni di un farmaco tramite un animo disforico o perdita di interesse o piacere nelle attività abituali. L'atmosfera e 'importante e relativamente persistenti.
La S-isomer di fenfluramina, è un agonista della serotonina e è usato come anorectic. A differenza fenfluramina, e non possiede alcuna attività agonista delle catecolamine.
Tryptamine sostituite con due gruppi idrossili in posizioni 5 e 6. E 'un neurotossico serotonina analogico che distrugge i neuroni serotoninergici ed è usato in modo preferenziale neuropharmacologic ricerca.
5-Hydroxy-indole-3-ethanol.
Sodio chloride-dependent neurotrasmettitore Sodio-Bicarbonato localizzato principalmente sulla membrana PLASMA dei neuroni dopaminergici. Rimuovono DOPAMINE dallo spazio extracellulare, l ’ elevata affinità in fermate degli presinaptici e sono il bersaglio della DOPAMINE DELLA FOSFODIESTERASI DI UPTAKE.
I recettori presinaptici trasmettitore sul o vicino (o varicosities) che sono sensibili alla trasmittente (i) diffuso dal terminal. I recettori per gli ormoni rilasciata da cellule rilasciante l ’ sono altresì compresi in questa categoria.
Un Enrico butyrophenone analogico simili all 'aloperidolo e relativi altri composti. Mi è stato raccomandato nel trattamento della schizofrenia.
Un tecniche statistiche che isola e valuta i contributi of categorical variabili indipendenti di variazione nel dire di un costante variabile dipendente.
Farmaci che inibiscono il trasporto di neurotrasmettitori in assone terminali in magazzino o vescicole in terminali. Per molti trasmettitori, captazione decide la durata di azione cosi 'che inibiscono la captazione prolunga l ’ attività del trasmettitore. Bloccando l ’ assorbimento può anche ridurre disponibili trasmettitore negozi. Molti clinicamente importante farmaci inibitori della captazione sebbene le reazioni indiretti del cervello piuttosto che il blocco di assorbimento è un'responsabile degli effetti terapeutici.
Sensibile ai movimenti organi neuroendocrina sul tetto del terzo VENTRICLE del cervello, l'ipofisi secerne melatonina, altri biogenica pressorie e neuropeptidi.
Un alcaloide estere estratti da piante incluse le foglie di coca. E 'un anestetico locale ed vasocostrittore ed è clinicamente utilizzate a tale fine, in particolare negli occhi, un otorinolaringoiatra. E anche potenti effetti sul sistema nervoso centrale, simile alle anfetamine e è una sostanza stupefacente, cocaina, anfetamine, agisce tramite meccanismi multipli catecholaminergic neuroni nel cervello; il meccanismo degli effetti di rinforzo può comportare l ’ inibizione della captazione della dopamina.
La regolare e simultaneo comparsa in un singolo l'ibridazione popolazione di due o più discontinuo genotipi. Il concetto include differenze di genotipi che variano nel formato da un singolo nucleotide (polimorfismo a singolo nucleotide) sequenze nucleotidiche visibile a un livello di cromosomi.
Un ceppo di ratto albino Wistar sviluppate all'Istituto che si è diffuso largamente da altre istituzioni. Questo sono molto diluito il ceppo originale.
Membrana o glicoproteine presenti sulla superficie delle cellule.
Elementi di intervalli di tempo limitato, contribuendo in particolare i risultati o situazioni.
Gruppi di corpi cellulari normali negli invertebrati. Invertebrato gangli possono anche supportare i processi e neuronale non-neuronal. Molti invertebrato gangli soggetti sono favorevoli per la ricerca perché hanno un numero limitato di tipi neuronale funzionale che può essere identificata da un animale all'altro.
Un farmaco con effetti antidepressivi tetraciclici e può causare sonnolenza e disturbi ematologici. Il suo meccanismo di azione terapeutica non è ben capito, anche se apparentemente isolati alpha-adrenergic, a quelli H1-istaminergici e alcuni tipi di recettori della serotonina.
L'attivita 'fisica... di un essere umano o un animale come un fenomeno comportamentale.
Composti con sei ricordato nucleo aromatico, contenenti azoto, la versione è saturato PIPERIDINES.
L'azione di un farmaco che può influenzare l ’ attività, metabolismo, o tossicità di un'altra droga.
Comportamento che può manifestarsi con distruttivo e attaccare atto fisico, verbale o di mentalita 'di ostilita' sotto copertura o da obstructionism.
La costituzione genetica dell'individuo, comprendente i geni genetico presente a ogni locus.
Proteine di trasporto che portano specifiche sostanze nel sangue o attraverso le membrane cellulari.
Un inibitore reversibile della monoaminoossidasi di tipo A; (Rima); (vedere DELLA FOSFODIESTERASI DI inibitori delle monoamino ossidasi) che è proprietà antidepressiva.
I recettori della serotonina derivato proposto come per il potenziatore di sedativi ipnotici E.
Una famiglia di hexahydropyridines.
Un antidepressivo dibenzazepine composto che potenzia neurotrasmissione. Desipramina blocca selettivamente reuptake di noradrenalina da sinapsi neurali e sembra anche avere i mezzi di trasporto. Questo composto possiede anche minore attività anticolinergica, attraverso la sua affinità per i recettori muscarinici.
Marcata riduzione nel periodo involuzione e caratterizzata da allucinazioni, manie, paranoia, e agitazione.
Di solito depressivi, stati di intensità moderata in contrasto con depressione maggiore presente in nevrotica e disturbi psicotici.
Piridine sostituzione nella posizione con un gruppo di amminoacidi, forse, ma dobbiamo mantenere almeno un legame doppio.
Rostrale la parte del lobo frontale, raccolti dalla fessura sì inferiore nell ’ uomo, che riceve MEDIODORSAL proiezione le fibre del nucleo DEL talamo. La corteccia prefrontale riceve afferent fibre di numerosi edifici del DIENCEPHALON; MESENCEPHALON; sistema limbico nonché di afferents corticale visive, uditive e origine somatica.
Un ’ ammina deriva dalla la decarbossilazione della enzimatica istidina. È un potente stimolante della secrezione gastrica, un constrictor della muscolatura liscia bronchiale, un vasodilatatore, ed anche un neurotrasmettitore che agiscono centralmente.
Le tecniche che cromatografici liquido caratteristica insenatura alta pressione, alta sensibilità e ad alta velocita '.
La comunicazione da un neurone un bersaglio (neurone, muscoli, secretiva) o attraverso un Sinapsi. In sostanza, si sinaptici presinaptici NEUROTRANSMITTER rilascia un neurone che si diffonde attraverso la sinapsi e si lega a specifici recettori sinaptici attivato, attiva i recettori modulare specifici canali ionici e / o second-messenger systems in the Postsynaptic cellulare. Nel reparto elettrico, segnali elettrici sinaptici trasmissione sono comunicate come un flusso di corrente finché in centrale.
Un'attivita 'in cui il corpo e' attraverso l'acqua da specifici movimenti delle braccia e / o le gambe. Nuotare come propulsione attraverso l'acqua dai movimenti degli arti, coda, o pinne di animali e 'spesso studiato come una forma di esercizio fisico o resistenza.
L'acido omovanillico è un metabolita endogeno formato dal catabolismo della catecolamina e dell'indolammina, comunemente utilizzato come biomarcatore dell'attività delle monoaminossidasi nel monitoraggio del trattamento con inibitori delle monoaminossidasi nella depressione.
Di determinazione quantitativa (il legame delle proteine nei fluidi dell ’ organismo) o tessuto con reagenti radioactively etichettato vincolanti (ad esempio, gli anticorpi, recettori intracellulari di raccoglitori).
Benzopyrroles con l'azoto al numero un carbonio adiacente alla porzione benzilico, a differenza di ISOINDOLES che hanno l'azoto dal six-membered anello.
Un inibitore della monoamino ossidasi con proprietà antipertensive.
Un ’ ammina biogenica che si trova in animali e piante nei mammiferi, la melatonina viene prodotto con la ghiandola pineale. Aumenta la secrezione nell'oscurità e diminuisce nel corso dell ’ esposizione alla luce. La melatonina è coinvolta nella regolazione del sonno, umore, e la riproduzione. Melatonina è anche un antiossidante.
N-methyl-8-azabicyclo [3.2.1] octanes meglio noto per quelle trovate in piante.
Un ’ ammina Acetyltransferase con specificità verso il gruppo di aromatico alkylamines (arylalkylamines) come SEROTONIN. Questo enzima è noto anche come serotonina acetylase nonostante il fatto che i recettori della serotonina acetilazione può anche verificarsi attraverso l'azione di sostanziale specificità Acetyltransferases come Arilamina prese.
Farmaci che bloccano il trasporto di DOPAMINE in assone terminali in magazzino o vescicole in terminali. La maggior parte dei adrenergici DELLA FOSFODIESTERASI DI UPTAKE anche inibire la captazione della dopamina.
Un innalzamento delle GRAY problema si estende per tutta la lunghezza del piano del TEMPORAL SUONA VENTRICLE laterale (vedere anche TEMPORAL LOBE). L'ippocampo, subiculum e DENTATE circonvoluzione costituiscono la formazione dell'ippocampo. A volte gli autori comprendono CORTEX entorinale nella formazione dell'ippocampo.
Agenti che controllano agitato comportamento psicotico, alleviando stati psicotici acuta, ridurre i sintomi psicotici, ed esercitare un effetto calmare vengono impiegati per la schizofrenia; demenza senile; transitorie psicosi dopo intervento chirurgico; o MYOCARDIAL INFARCTION; ecc. questi farmaci sono spesso definito come neurolettici alludendo la tendenza a produrre effetti neurologici, ma non tutti antipsicotici sono in grado di produrre tali effetti. Molti di questi farmaci può anche essere efficace contro nausea, vomito e prurito.
Fluorobenzeni sono composti organici aromatici che contengono uno o più atomi di fluoro direttamente legati al anello benzene.
L 'inclusione di PIASTRINE. Tale aggregazione insieme può essere indotta con numerosi agenti; collagene (ad esempio, di trombina) ed è parte del meccanismo che portano alla formazione di un trombo.
Un complesso sintomatologico associata a tumore carcinoide e caratterizzata da attacchi di arrossamento cutanei, comprese le segnalazioni della diarrea, broncocostrizione, brusco abbassamento della pressione sanguigna, ascite, edema, e tumori carcinoidi sono normalmente situate nel tratto gastrointestinale e 'metastasi al fegato. Sintomi fosse causato dal tumore secrezione di serotonina, prostaglandine, sostanze biologicamente attive e altre manifestazioni cardiaco costituiscono un carcinoide cuore morbo. (Dorland, 27 Ed; Stedman, 25 Ed)
Un antagonista dei recettori di tipo 3 serotonina. Efficace nel trattamento di nausea e vomito indotti da chemioterapia citotossica droga, che includeva cisplatino, e ha denunciato ansiolitico e sindrome proprieta '.
Sentimento o emozione di paura, apprensione e imminente disastro ma non disabilitare come con ansia DISORDERS.
Un agente antidepressiva e inibitore della monoamino ossidasi connessi a PARGYLINE.
I topi inbred C57Bl sono una particolare linea genetica di Mus musculus, ampiamente utilizzati in ricerca biomedica per i loro tratti geneticamente e fenotipicamente omogenei e stabili.
La parte del cervello che connette la CEREBRAL emisferi col saldare. It consists of the MESENCEPHALON; assorbenti e midollo allungato.
Un alcaloide trovato nelle radici di Rauwolfia serpentina e R. Vomitoria. Reserpina inibisce la captazione di noradrenalina nel magazzino vesciche determinando deplezione delle catecolamine, serotonina da centrali e periferiche assone terminali. E 'stato usato come antipsicotico ed antiipertensivi come strumento di ricerca, ma gli effetti avversi limitare il suo impiego clinico.
Ceppi di topi nella quale certi GENI della loro genomi sono stati danneggiati, o "ko". Per produrre mozzafiato, usando la tecnologia del DNA ricombinante, la normale sequenza di DNA del gene di essere studiati è alterato per prevenire la sintesi di una normale prodotto genico. Cellulari clonati in cui questo DNA alterazione e 'successo, poi iniettata nel topo embrioni di produrre chimerici. I topi sono topi chimerici poi cresciuto ad ottenere un ceppo in cui tutte le cellule del topo contengono le interrotto Gene. KO topi sono utilizzati come EXPERIMENTAL animale CYLON per malattie (malattia modella, animale) e per chiarire le funzioni dei geni.
Fisiologico restringimento sangue VESSELS VASCULAR trovano tramite contrazione del muscolo.

La serotonina è un neurotrasmettitore e ormone che svolge un ruolo cruciale nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito, della memoria e dell'apprendimento, del desiderio sessuale e della funzione cardiovascolare. Viene sintetizzata a partire dall'amminoacido essenziale triptofano ed è metabolizzata dal enzima monoaminossidasi (MAO). La serotonina viene immagazzinata nei granuli sinaptici e viene rilasciata nel gap sinaptico dove può legarsi ai recettori postsinaptici o essere riassorbita dai neuroni presinaptici tramite il processo di ricaptazione. I farmaci che influenzano la serotonina, come gli inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI) e i triptani, vengono utilizzati per trattare una varietà di condizioni, tra cui depressione, ansia e emicrania.

Le proteine di trasporto della membrana plasmatica della serotonina, notoriamente conosciute come SERT (dall'inglese "Serotonin Transporter"), sono una classe specifica di proteine integrate nella membrana plasmatica che svolgono un ruolo cruciale nel riassorbimento e nel riciclo della serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) a livello sinaptico.

La serotonina è un neurotrasmettitore e ormone importante, implicato nella regolazione dell'umore, dell'appetito, del sonno, della memoria e dell'apprendimento, tra le altre funzioni fisiologiche. Una volta rilasciata nella sinapsi, la serotonina svolge la sua azione di trasmissione del segnale; successivamente, deve essere rapidamente eliminata o riassorbita nel terminale nervoso presinaptico per prevenire una ulteriore attivazione dei recettori postsinaptici e mantenere l'equilibrio sinaptico.

Le proteine di trasporto della membrana plasmatica della serotonina, che appartengono alla superfamiglia delle proteine di trasporto neurotransmettitori (NSS, dall'inglese "Neurotransmitter:Sodium Symporter"), sono responsabili del riassorbimento della serotonina nel terminale nervoso presinaptico. Questo processo, noto come ricaptazione o reuptake, è un meccanismo attivo che utilizza l'energia fornita dal gradiente elettrochimico di sodio (Na+) e cloro (Cl-) per consentire il trasporto della serotonina contro il suo gradiente di concentrazione.

L'espressione genica del SERT è codificata dal gene SLC6A4, localizzato sul cromosoma 17q11.2-q12. Alterazioni a carico di questo gene possono determinare una ridotta espressione della proteina di trasporto e, conseguentemente, un'alterata ricaptazione sinaptica della serotonina, che può contribuire allo sviluppo di diverse patologie neuropsichiatriche, come ad esempio la depressione maggiore e i disturbi d'ansia.

Inoltre, il SERT è un bersaglio farmacologico importante per numerosi farmaci antidepressivi, quali gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), che aumentano la concentrazione sinaptica di serotonina bloccando il riassorbimento della stessa nel terminale nervoso presinaptico.

In sintesi, le proteine di trasporto della membrana plastica della serotonina sono essenziali per il mantenimento dell'equilibrio sinaptico e per la regolazione della neurotrasmissione serotoninergica. Alterazioni a carico del gene SLC6A4 o dell'espressione della proteina di trasporto possono contribuire allo sviluppo di diverse patologie neuropsichiatriche e rappresentano un importante bersaglio farmacologico per numerosi farmaci antidepressivi.

I recettori della serotonina sono una classe di recettori accoppiati a proteine G che le cellule neuronali e altre cellule del corpo utilizzano per rispondere alla serotonina, un neurotrasmettitore e ormone importante. La serotonina svolge un ruolo cruciale nella regolazione dell'umore, dell'appetito, del sonno, della memoria e dell'apprendimento, della funzione cardiovascolare e di altri processi fisiologici.

Ci sono almeno sette sottotipi diversi di recettori della serotonina (5-HT1, 5-HT2, 5-HT3, 5-HT4, 5-HT5, 5-HT6 e 5-HT7), ognuno dei quali ha una struttura e una funzione distinte. Alcuni di questi recettori inibiscono l'attività neuronale, mentre altri la stimolano. I farmaci che influenzano l'attività dei recettori della serotonina sono spesso utilizzati nel trattamento di una varietà di condizioni mediche, tra cui depressione, ansia, disturbi dell'umore bipolare, vomito indotto da chemioterapia e dolore cronico.

Gli agonisti dei recettori della serotonina sono farmaci che attivano i recettori della serotonina, mentre gli antagonisti dei recettori della serotonina bloccano l'attività di questi recettori. Alcuni farmaci possono avere effetti sia agonisti che antagonisti su diversi sottotipi di recettori della serotonina, a seconda della dose e del contesto.

In sintesi, i recettori della serotonina sono una classe importante di proteine che mediano gli effetti della serotonina sul cervello e su altri organi del corpo. L'attivazione o il blocco di questi recettori con farmaci può avere importanti implicazioni terapeutiche per una varietà di condizioni mediche.

Il recettore della serotonina 5-HT2A è un tipo di recettore della serotonina (5-idrossitriptamina, o 5-HT) che appartiene alla famiglia dei recettori accoppiati alle proteine G. Si trova principalmente nel sistema nervoso centrale e svolge un ruolo importante nella modulazione della trasmissione neuronale.

Quando la serotonina si lega al recettore 5-HT2A, attiva una cascata di eventi che portano all'attivazione di diversi secondi messaggeri intracellulari. Ciò può influenzare una varietà di processi cellulari e molecolari, compreso il rilascio di neurotrasmettitori, la modulazione dell'eccitabilità neuronale e la regolazione della plasticità sinaptica.

Il recettore 5-HT2A è noto per essere il sito d'azione di diversi farmaci psichedelici, come la LSD e la psilocibina, che si legano al recettore e inducono alterazioni percettive e cognitive. Inoltre, il 5-HT2A è anche implicato nella fisiopatologia di diverse condizioni neurologiche e psichiatriche, come la schizofrenia, la depressione e l'emicrania.

La comprensione del ruolo del recettore 5-HT2A nella regolazione della trasmissione serotoninergica e nella fisiopatologia di diverse malattie è un'area attiva di ricerca, che potrebbe portare allo sviluppo di nuovi trattamenti per queste condizioni.

Il recettore della serotonina 5-HT1A è un tipo di recettore della serotonina (5-HT) che fa parte della famiglia dei recettori accoppiati alle proteine G. Si trova principalmente nel sistema nervoso centrale e in misura minore nel sistema nervoso periferico.

Il 5-HT1A è un recettore autorecettore, il che significa che quando la serotonina si lega ad esso, agisce come un freno sulla produzione di ulteriore serotonina. Inoltre, i neurotrasmettitori come la dopamina e la noradrenalina possono anche influenzare l'attività del recettore 5-HT1A.

L'attivazione del recettore 5-HT1A ha effetti sedativi, ansiolitici e antidepressivi. Pertanto, i farmaci che agiscono come agonisti dei recettori 5-HT1A sono spesso utilizzati nel trattamento di disturbi d'ansia, depressione e altri disturbi mentali. Tuttavia, l'uso di questi farmaci deve essere attentamente monitorato a causa del rischio di effetti collaterali come sonnolenza, vertigini e disfunzioni sessuali.

Gli inibitori dell'assorbimento della serotonina (IAS) sono un gruppo di farmaci che impediscono o riducono l'assorbimento della serotonina, un neurotrasmettitore importante nel cervello, a livello intestinale. Ciò comporta un aumento dei livelli di serotonina nel cervello, il che può aiutare a migliorare l'umore e alleviare i sintomi della depressione.

Gli IAS sono spesso utilizzati per trattare la depressione maggiore e altri disturbi dell'umore come il disturbo bipolare. Alcuni esempi di farmaci IAS includono citalopram (Celexa), escitalopram (Lexapro), fluoxetina (Prozac), paroxetina (Paxil) e sertralina (Zoloft).

Gli effetti collaterali comuni degli IAS possono includere nausea, diarrea, insonnia, sonnolenza, secchezza delle fauci, aumento di peso e diminuzione del desiderio sessuale. In alcuni casi, gli IAS possono interagire con altri farmaci e causare effetti collaterali più gravi, come sanguinamento gastrointestinale o sindrome serotoninergica, una condizione pericolosa per la vita che può causare febbre alta, confusione, agitazione, rigidità muscolare e convulsioni.

Prima di iniziare a prendere qualsiasi farmaco IAS, è importante parlare con il proprio medico o farmacista per discutere i potenziali benefici e rischi del trattamento e per assicurarsi che il farmaco sia sicuro ed efficace per l'uso previsto.

Gli antagonisti della serotonina sono farmaci che bloccano l'azione della serotonina, un neurotrasmettitore importante nel cervello e nel sistema nervoso periferico. La serotonina svolge un ruolo chiave nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito, della memoria e dell'apprendimento, tra le altre funzioni.

Gli antagonisti della serotonina possono bloccare l'attività di uno o più dei diversi tipi di recettori della serotonina presenti nel cervello. Questi farmaci sono spesso utilizzati per trattare una varietà di condizioni mediche, tra cui la nausea e il vomito indotti da chemioterapia, le emicranie, i disturbi d'ansia e la depressione resistente al trattamento.

Alcuni esempi comuni di antagonisti della serotonina includono:

* Ondansetron (Zofran), un farmaco utilizzato per prevenire la nausea e il vomito indotti da chemioterapia, radioterapia o chirurgia.
* Cyproheptadine (Periactin), un antistaminico utilizzato per trattare le reazioni allergiche, l'emicrania e alcuni disturbi del sonno.
* Metisergide (Sansert), un farmaco utilizzato per prevenire l'emicrania.
* Mianserina (Tolvon), un antidepressivo triciclico utilizzato per trattare la depressione resistente al trattamento.

Gli effetti collaterali degli antagonisti della serotonina possono includere sonnolenza, vertigini, secchezza delle fauci, costipazione e aumento di peso. In alcuni casi, questi farmaci possono anche causare effetti collaterali più gravi, come alterazioni del ritmo cardiaco o convulsioni. Prima di utilizzare qualsiasi farmaco antagonista della serotonina, è importante consultare il proprio medico per discutere i potenziali benefici e rischi.

Il recettore della serotonina 5-HT2C è un tipo di recettore della serotonina (5-HT) che appartiene al gruppo dei recettori accoppiati alle proteine G. Si trova principalmente nel sistema nervoso centrale e svolge un ruolo importante nella regolazione dell'umore, dell'appetito, del sonno, della memoria e dell'ansia.

La serotonina si lega al recettore 5-HT2C e attiva una cascata di eventi che portano alla modulazione dei neuroni. Questo può portare a una varietà di effetti fisiologici, come la soppressione dell'appetito, l'inibizione della secrezione di insulina, l'aumento del rilascio di cortisolo e la modulazione della funzione dopaminergica.

Il recettore 5-HT2C è anche un bersaglio per diversi farmaci utilizzati nel trattamento di condizioni come la depressione, l'obesità e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Ad esempio, alcuni antidepressivi selettivi della serotonina (SSRI) possono bloccare il recettore 5-HT2C, portando a un aumento del rilascio di dopamina e noradrenalina nel cervello, che può contribuire all'effetto antidepressivo.

È importante notare che la comprensione della funzione dei recettori della serotonina come il 5-HT2C è ancora in evoluzione e ci sono ancora molte aree di ricerca attiva per comprendere meglio i loro ruoli nella fisiologia e nella patofisiologia.

Il recettore della serotonina 5-HT2B è un tipo di recettore accoppiato a proteine G che si lega alla serotonina (5-idrossitriptamina, o 5-HT) e ad altri composti chimici affini. Si trova principalmente nelle cellule del muscolo liscio, nel sistema nervoso centrale e in alcune cellule endoteliali vascolari.

Quando la serotonina si lega al recettore 5-HT2B, attiva una cascata di eventi che portano alla contrazione del muscolo liscio o alla modulazione dell'attività neuronale. Tuttavia, un'eccessiva o prolungata attivazione dei recettori 5-HT2B è stata associata allo sviluppo di valvulopatie cardiache e fibrosi tissutale in alcuni studi su animali.

Il farmaco antimigraeno sumatriptan, utilizzato per il trattamento dell'emicrania, è noto per legarsi al recettore 5-HT2B, sebbene la sua affinità per questo recettore sia inferiore rispetto ad altri farmaci della stessa classe. Tuttavia, l'uso di sumatriptan e altri farmaci simili è stato associato a un rischio molto basso ma significativo di valvulopatie cardiache, che si ritiene siano dovute all'attivazione dei recettori 5-HT2B.

In sintesi, il recettore della serotonina 5-HT2B è un importante bersaglio terapeutico e fisiologico, ma la sua attivazione prolungata o eccessiva può avere conseguenze negative sulla salute cardiovascolare.

I recettori della serotonina 5-HT2 sono un sottotipo di recettori della serotonina (5-HT) che si legano e rispondono alla serotonina, un neurotrasmettitore importante nel sistema nervoso centrale. Esistono tre sottotipi principali di recettori 5-HT2: 5-HT2A, 5-HT2B e 5-HT2C. Questi recettori sono GPCR (recettori accoppiati a proteine G) e quando si legano alla serotonina, attivano una serie di risposte cellulari che svolgono un ruolo cruciale in diversi processi fisiologici e patologici.

I recettori 5-HT2 sono noti per essere coinvolti nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito, della memoria e dell'apprendimento, tra le altre funzioni cerebrali. Possono anche svolgere un ruolo importante nella fisiopatologia di diverse condizioni mediche, come la malattia di Parkinson, la schizofrenia, la depressione e l'emicrania.

I farmaci che interagiscono con i recettori 5-HT2 sono spesso utilizzati nel trattamento di queste condizioni. Ad esempio, gli antagonisti dei recettori 5-HT2A sono comunemente usati come antipsicotici nel trattamento della schizofrenia, mentre gli agonisti dei recettori 5-HT2B possono essere utilizzati nel trattamento dell'ipertensione polmonare. Tuttavia, l'uso di questi farmaci deve essere strettamente monitorato a causa del potenziale di effetti avversi gravi associati alla loro interazione con i recettori 5-HT2.

Le "sostanze che agiscono sulla serotonina" si riferiscono a composti farmaceutici o endogeni che influenzano il sistema serotoninergico, cioè la sintesi, il trasporto, il legame recettoriale e il metabolismo della serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT). Questi composti possono essere agonisti, antagonisti o modulatori alleli dei diversi recettori serotoninergici (tra cui 5-HT1, 5-HT2, 5-HT3, 5-HT4, 5-HT6 e 5-HT7), oppure influenzare il trasportatore della serotonina (SERT) che media il riassorbimento della serotonina dalle sinapsi.

Le sostanze che agiscono sulla serotonina sono utilizzate in vari campi terapeutici, come ad esempio nel trattamento dei disturbi dell'umore (come la depressione), dei disturbi d'ansia, della cefalea a grappolo e del vomito indotto da chemioterapia. Tra queste sostanze vi sono gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), i noradrenalina e recettori serotoninergici inibitori (NaRIs) e i triciclici, nonché agonisti parziali dei recettori serotoninergici come il vortioxetina.

D'altra parte, alcune sostanze d'abuso, come MDMA ("ecstasy") e LSD, esercitano i loro effetti psicoattivi principalmente attraverso l'interazione con i recettori serotoninergici. Tuttavia, un uso improprio o eccessivo di tali sostanze può comportare conseguenze negative per la salute mentale e fisica, come ad esempio alterazioni dell'umore, della cognizione e della percezione, nonché ipertermia e disidratazione.

Il recettore della serotonina 5-HT1B è un tipo di recettore accoppiato a proteine G che si lega alla serotonina (5-idrossitriptamina, o 5-HT) e trasduce il segnale all'interno della cellula. È un membro della famiglia dei recettori 5-HT1 ed è ampiamente espresso nel sistema nervoso centrale e periferico.

Nel cervello, i recettori 5-HT1B sono espressi dalle cellule nervose e dai vasi sanguigni. Si trovano in aree come il talamo, l'ippocampo, il cervelletto e la corteccia cerebrale. Questi recettori sono noti per modulare una varietà di funzioni cerebrali, tra cui l'umore, l'apprendimento, la memoria e l'ansia.

Nel sistema nervoso periferico, i recettori 5-HT1B sono presenti sui vasi sanguigni e contribuiscono alla regolazione del tono vascolare. Sono anche espressi dalle cellule del sistema immunitario e possono essere coinvolti nella modulazione della risposta infiammatoria.

I farmaci che agiscono sui recettori 5-HT1B sono utilizzati nel trattamento di una varietà di condizioni, tra cui la depressione, l'emicrania e l'ipertensione. Gli agonisti dei recettori 5-HT1B, come il sumatriptan, sono comunemente usati per alleviare i sintomi dell'emicrania. I farmaci antidepressivi, come la fluoxetina e la sertralina, possono anche interagire con questi recettori, sebbene il loro meccanismo d'azione sia più complesso e probabilmente coinvolga l'interazione con diversi tipi di recettori serotoninergici.

Gli agonisti dei recettori della serotonina sono un tipo di farmaci che si legano e attivano specificamente i recettori della serotonina nel cervello e in altri tessuti del corpo. La serotonina è un neurotrasmettitore, una sostanza chimica che trasmette segnali nel cervello e in altri organi del corpo. I recettori della serotonina sono proteine presenti sulla superficie delle cellule che ricevono e rispondono ai segnali di serotonina.

Gli agonisti dei recettori della serotonina imitano l'azione della serotonina legandosi e attivando i recettori della serotonina. Ciò fa sì che le cellule reagiscano come se la serotonina fosse presente, anche quando non lo è. Questo può portare ad una varietà di effetti fisiologici a seconda del tipo di recettore della serotonina che viene attivato.

Gli agonisti dei recettori della serotonina sono utilizzati in vari campi della medicina, tra cui la neurologia, la psichiatria e la cardiologia. Alcuni esempi di farmaci agonisti dei recettori della serotonina includono sumatriptan (un trattamento per l'emicrania), risperidone (un antipsicotico) e ergotamina (un altro trattamento per l'emicrania).

Tuttavia, è importante notare che l'uso di agonisti dei recettori della serotonina non è privo di rischi e può causare effetti avversi indesiderati, come nausea, vertigini, sonnolenza e, in casi più gravi, sindrome serotoninergica, una condizione pericolosa per la vita che si verifica quando i livelli di serotonina nel corpo sono troppo alti. Pertanto, è fondamentale che questi farmaci siano utilizzati solo sotto la supervisione e la guida di un operatore sanitario qualificato.

I recettori della serotonina 5-HT1 sono una sottoclasse di recettori della serotonina (5-HT) che si legano e rispondono alla serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT). I recettori 5-HT1 sono classificati in cinque sottotipi (5-HT1A, 5-HT1B, 5-HT1D, 5-HT1E e 5-HT1F) sulla base delle loro sequenze aminoacidiche, funzioni e farmacologia.

Questi recettori sono membri della superfamiglia dei recettori accoppiati a proteine G (GPCR) e sono accoppiati principalmente a proteine G stimolatorie (Gs) o inibitorie (Gi/Go), che influenzano l'attività di secondi messaggeri intracellulari, compreso il secondo messaggero cAMP.

I recettori 5-HT1 sono ampiamente distribuiti nel sistema nervoso centrale e periferico e sono coinvolti in una varietà di funzioni fisiologiche e patologiche, tra cui la regolazione dell'umore, della cognizione, della memoria, dell'appetito, della nausea, della vomita, della neurotrasmissione dolorosa e della funzione cardiovascolare.

Gli agonisti dei recettori 5-HT1 sono utilizzati clinicamente come farmaci per il trattamento di diverse condizioni mediche, tra cui la malattia di Parkinson, la cefalea a grappolo, l'emicrania e i disturbi d'ansia. Al contrario, gli antagonisti dei recettori 5-HT1 sono utilizzati come farmaci per il trattamento della disfunzione erettile e dell'ipertensione.

La sindrome da serotonina è un raro ma potenzialmente pericoloso per la vita condizione causata da livelli eccessivamente alti di serotonina nel corpo. La serotonina è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo chiave nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito, della memoria e dell'apprendimento.

La sindrome da serotonina può verificarsi quando si assumono farmaci che aumentano i livelli di serotonina nel cervello, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), gli inibitori della monoamino ossidasi (IMAO) o gli inibitori della ricaptazione della serotonina e noradrenalina (SNRI). Il rischio di sviluppare la sindrome da serotonina aumenta quando questi farmaci vengono assunti insieme ad altri farmaci che aumentano i livelli di serotonina, come il destrometorfano (un ingrediente comune nei farmaci da banco per la tosse e il raffreddore) o l'L-triptofano (un aminoacido presente in alcuni integratori alimentari).

I sintomi della sindrome da serotonina possono variare dalla lieve a grave e possono includere agitazione, sudorazione, brividi, tremori, diarrea, mal di testa, battito cardiaco accelerato, midriasi (dilatazione della pupilla), iperreflessia (iperattività dei riflessi) e disturbi dell'equilibrio. In casi gravi, la sindrome da serotonina può causare convulsioni, coma o persino la morte.

Il trattamento della sindrome da serotonina comporta l'interruzione immediata di tutti i farmaci che aumentano i livelli di serotonina e il ricovero in ospedale per una stretta osservazione medica. In alcuni casi, può essere necessario un trattamento con farmaci specifici per ridurre i sintomi della sindrome da seratonina.

I serotonin 5-HT2 receptor antagonists sono un gruppo di farmaci che bloccano l'attività dei recettori 5-HT2 della serotonina, un neurotrasmettitore importante nel sistema nervoso centrale e periferico. Questi recettori sono coinvolti in una varietà di processi fisiologici, tra cui la regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito e della cognizione.

Gli antagonisti dei recettori 5-HT2 sono utilizzati in diversi campi della medicina, come la neurologia, la psichiatria e la gastroenterologia. Ad esempio, alcuni di essi sono impiegati nel trattamento dell'emicrania, delle nausee e vomito indotti da chemioterapia, dei disturbi del sonno e di alcune patologie psichiatriche come la schizofrenia.

Questi farmaci possono agire su diversi sottotipi di recettori 5-HT2 (5-HT2A, 5-HT2B, 5-HT2C), ognuno dei quali è responsabile di effetti specifici a livello cellulare e sistemico. Di conseguenza, l'utilizzo di antagonisti selettivi per uno o più sottotipi di recettori 5-HT2 può portare a una risposta terapeutica mirata, riducendo al minimo gli effetti avversi indesiderati.

Tra i farmaci più noti che antagonizzano i recettori 5-HT2 si annoverano:

* Ciprofloxacina (un antibiotico)
* Clozapina, Risperidone e Olanzapina (antipsicotici atipici)
* Metoclopramide (un antiemetico)
* Citalopram e Escitalopram (antidepressivi)
* Ketanserina (un antiipertensivo)

Gli antagonisti dei recettori 5-HT2 possono essere utilizzati in diversi contesti clinici, tra cui il trattamento della schizofrenia, del disturbo bipolare, dell'ansia, della depressione e dei disturbi gastrointestinali. Tuttavia, è importante considerare che l'uso di questi farmaci non è esente da rischi e controindicazioni, pertanto la prescrizione dovrebbe essere limitata a professionisti sanitari qualificati e basata su una valutazione approfondita del paziente.

I recettori della serotonina 5-HT3 sono un tipo di recettore della serotonina (5-HT) che appartiene alla famiglia dei canali ionici legati al ligando. Sono presenti nel sistema nervoso centrale e periferico e sono responsabili dell'attivazione di correnti ioniche rapide dopo la stimolazione da parte della serotonina.

I recettori 5-HT3 sono composti da cinque subunità disposte a formare un canale ionico selettivo per sodio e potassio. Quando la serotonina si lega al sito di legame del recettore, provoca l'apertura del canale ionico, che porta all'ingresso di ioni sodio e all'uscita di ioni potassio. Ciò determina una depolarizzazione della membrana cellulare e può provocare l'attivazione o l'inibizione dell'attività neuronale.

I farmaci che agiscono sui recettori 5-HT3 sono utilizzati nel trattamento di diversi disturbi, come la nausea e il vomito indotti da chemioterapia o anestesia, e anche per il trattamento dell'irritabile sindrome intestinale (IBS). Gli antagonisti dei recettori 5-HT3, come l'ondansetron e la granisetron, bloccano l'azione della serotonina sui recettori, riducendo così i sintomi di nausea e vomito.

Gli agonisti del recettore 5-HT2 della serotonina sono farmaci o sostanze che si legano e attivano i recettori 5-HT2 della serotonina nel cervello e in altri tessuti del corpo. I recettori 5-HT2 sono una classe di recettori della serotonina, un neurotrasmettitore importante che svolge un ruolo nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito, della memoria e dell'apprendimento, tra le altre funzioni.

Esistono diversi sottotipi di recettori 5-HT2, inclusi 5-HT2A, 5-HT2B e 5-HT2C. Gli agonisti dei recettori 5-HT2 possono avere effetti vari sulla neurotrasmissione serotoninergica e sul sistema nervoso centrale, a seconda del sottotipo di recettore a cui si legano preferenzialmente.

Alcuni agonisti dei recettori 5-HT2 sono utilizzati in medicina per trattare una varietà di condizioni, come la depressione resistente al trattamento, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), i disturbi dell'umore bipolare e il vomito indotto dalla chemioterapia. Tuttavia, l'uso di questi farmaci può essere associato a effetti collaterali gravi, come la sindrome serotoninergica, una condizione pericolosa per la vita che si verifica quando i livelli di serotonina nel cervello diventano troppo alti.

Esempi di agonisti dei recettori 5-HT2 comunemente usati includono il lisergico dell'LSD, la psilocibina (un principio attivo presente nei funghi allucinogeni), il buspirone (un farmaco ansiolitico), il sumatriptan (un farmaco per il trattamento dell'emicrania) e l'ondansetron (un farmaco antiemetico).

La triptofano idrossilasi è un enzima chiave nella via biosintetica della serotonina. Più precisamente, catalizza la reazione che converte il triptofano (un aminoacido essenziale) in 5-idrossitriptofano (5-HTP), che è poi convertito in serotonina attraverso un'altra reazione enzimatica.

La triptofano idrossilasi è regolata a livello di espressione genica e può essere influenzata da diversi fattori, tra cui ormoni come il cortisolo e neurotrasmettitori come la noradrenalina. L'attività dell'enzima può anche essere influenzata dalla disponibilità di substrato (cioè triptofano) e cofattori enzimatici, come il ferro e il tetraidrobiopterina.

La triptofano idrossilasi è una proteina eterotetramerica costituita da due subunità catalitiche (TPH1 e TPH2) e due subunità regolatorie. Le due isoforme di questa enzima, TPH1 e TPH2, sono codificate da geni diversi e presentano differenze nella loro espressione tissutale e funzionale. Mentre TPH1 è espressa principalmente a livello extracerebrale (ad esempio nel fegato e nell'intestino), TPH2 è espressa prevalentemente a livello cerebrale, suggerendo un ruolo specifico di quest'ultima isoforma nella regolazione della neurotrasmissione serotoninergica.

Mutazioni del gene che codifica per la triptofano idrossilasi possono essere associate a disturbi neurologici e psichiatrici, come ad esempio la depressione maggiore e il disturbo bipolare. Inoltre, l'inibizione dell'attività di questo enzima è alla base del meccanismo d'azione di alcuni farmaci antidepressivi, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Gli agonisti del recettore 5-HT1 della serotonina sono farmaci che si legano e attivano selettivamente il recettore 5-HT1 della serotonina, un tipo di recettore accoppiato a proteine G presenti nel sistema nervoso centrale e periferico. Esistono diversi sottotipi di recettori 5-HT1 (5-HT1A, 5-HT1B, 5-HT1D, 5-HT1E, e 5-HT1F), ognuno con diverse distribuzioni tissutali e funzioni.

Gli agonisti del recettore 5-HT1 della serotonina sono utilizzati in diversi ambiti clinici, come il trattamento dell'emicrania, del parkinsonismo, dell'ipertensione e di alcuni disturbi psichiatrici. Alcuni esempi di agonisti del recettore 5-HT1 della serotonina includono il sumatriptan, il rizatriptan, il naratriptan, l'eletriptan, il frovatriptan e l'almotriptan, utilizzati per il trattamento dell'emicrania. Il pramipexolo e il ropinirolo sono agonisti del recettore 5-HT1 della serotonina utilizzati nel trattamento del parkinsonismo.

Gli effetti terapeutici degli agonisti del recettore 5-HT1 della serotonina sono dovuti alla loro capacità di modulare la trasmissione serotoninergica e noradrenergica, nonché di influenzare la neurotrasmissione dopaminergica. Tuttavia, l'uso di questi farmaci può essere associato a effetti avversi, come nausea, vertigini, sonnolenza e, in alcuni casi, a sindrome serotoninergica, una condizione pericolosa per la vita che si verifica quando i livelli di serotonina nel corpo sono troppo alti.

I recettori della serotonina 5-HT4 sono un sottotipo di recettori della serotonina (5-HT) che appartengono alla famiglia dei recettori accoppiati a proteine G delle cellule del sistema nervoso centrale e periferico. Si legano selettivamente alla serotonina (5-HT) e svolgono un ruolo importante nella regolazione di una varietà di funzioni fisiologiche, tra cui la motilità gastrointestinale, la cognizione, l'umore e la memoria.

I recettori 5-HT4 sono accoppiati a proteine G stimolatorie (Gs) e, quando attivati, aumentano l'attività dell'enzima adenilato ciclasi, che porta all'aumento dei livelli di AMP ciclico intracellulare. Questo, a sua volta, attiva una serie di risposte cellulari che possono influenzare l'attività elettrica delle cellule neuronali e la secrezione di neurotrasmettitori.

I farmaci che agiscono come agonisti dei recettori 5-HT4 sono stati studiati per il trattamento di una varietà di condizioni, tra cui la stitichezza cronica, la disfunzione cognitiva e l'ansia. Tuttavia, l'uso di questi farmaci è limitato dalla loro potenziale attività pro-convulsivante e dall'aumento della secrezione gastrointestinale.

In sintesi, i recettori 5-HT4 sono un importante bersaglio terapeutico per una varietà di condizioni, ma il loro uso è limitato dalla loro potenziale attività pro-convulsivante e dall'aumento della secrezione gastrointestinale.

Gli antagonisti del recettore serotoninergico 5-HT1 sono un gruppo di farmaci che bloccano l'attività dei recettori 5-HT1 della serotonina (o 5-idrossitriptamina, 5-HT). I recettori 5-HT1 sono una classe di recettori accoppiati a proteine G che legano e rispondono alla serotonina. Si trovano nel sistema nervoso centrale e periferico e sono coinvolti in una varietà di funzioni fisiologiche, tra cui la regolazione del tono vascolare, della neurotrasmissione e della percezione sensoriale.

Gli antagonisti dei recettori 5-HT1 vengono utilizzati in vari campi della medicina, come ad esempio nella neurologia, nella cardiologia e nell'oftalmologia. Nella neurologia, questi farmaci possono essere usati per trattare la cefalea a grappolo, una forma particolarmente dolorosa di mal di testa. Nell'oftalmologia, vengono utilizzati per dilatare le pupille prima degli esami oftalmici o delle procedure chirurgiche oftalmiche.

Alcuni esempi di antagonisti del recettore serotoninergico 5-HT1 includono il sumatriptan, il rizatriptan, l'almotriptan e il naratriptan, che sono utilizzati nel trattamento della cefalea a grappolo. Un altro esempio è la tropicamide, un farmaco oftalmico usato per dilatare le pupille.

Come con qualsiasi farmaco, gli antagonisti del recettore serotoninergico 5-HT1 possono causare effetti collaterali e devono essere utilizzati con cautela e sotto la supervisione di un operatore sanitario qualificato. Gli effetti collaterali più comuni includono vampate di calore, formicolio, sensazione di oppressione al petto, nausea, vertigini e sonnolenza. In rari casi, possono verificarsi reazioni allergiche o altri effetti avversi gravi.

L'acido 5-idrossiindoleacetico (5-HIAA) è un metabolita dell'amminoacido essenziale triptofano, che viene sintetizzato principalmente dalla serotonina nel corpo. La serotonina è un neurotrasmettitore e una hormona che svolge un ruolo importante nella regolazione dell'umore, del sonno e dell'appetito, tra le altre funzioni.

Il 5-HIAA è il prodotto finale del metabolismo della serotonina nell'organismo e viene escreto nelle urine. Pertanto, la misurazione delle concentrazioni di 5-HIAA nelle urine può essere utilizzata come marker della produzione di serotonina nel corpo e come strumento diagnostico per identificare condizioni che sono caratterizzate da un'aumentata produzione di serotonina, come il carcinoidi, un tumore neuroendocrino raro che si sviluppa più comunemente nel tratto gastrointestinale.

Valori elevati di 5-HIAA nelle urine possono anche essere associati ad altre condizioni, come la malattia di carcinoide, la sindrome da iperplasia surrenale congenita, alcuni tumori delle cellule pineale e l'assunzione di determinati farmaci che aumentano la produzione di serotonina. Al contrario, valori inferiori al normale possono essere visti in individui con deficit di triptofano o disturbi della sintesi della serotonina.

La fluorosetina è un farmaco utilizzato in neurologia e psichiatria principalmente per il trattamento della depressione maggiore resistente ad altre forme di terapia. Agisce come un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) nel cervello, aumentando la concentrazione di questo neurotrasmettitore e migliorando così l'umore del paziente.

Il farmaco è anche talvolta prescritto off-label per il trattamento di altri disturbi dell'umore come disturbo bipolare, ansia e distimia. Tuttavia, l'uso della fluorosetina deve essere attentamente monitorato a causa del suo potenziale di causare effetti collaterali gravi, tra cui aumento del rischio di suicidio, particolarmente nei pazienti giovani.

La fluorosetina è disponibile in forma di compresse da 10 mg e 20 mg per uso orale. La dose abituale varia da 20 a 60 mg al giorno, ma può essere personalizzata in base alla risposta del paziente e alla sua tollerabilità al farmaco.

È importante notare che la fluorosetina non deve essere assunta insieme ad alcuni altri farmaci, come gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO), a causa del rischio di sviluppare una sindrome serotoninergica pericolosa per la vita. Inoltre, l'uso concomitante di alcol dovrebbe essere evitato poiché può aumentare il rischio di effetti collaterali.

Il Citalopram è un farmaco antidepressivo appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Viene comunemente prescritto per il trattamento della depressione maggiore, del disturbo d'ansia generalizzato e di altri disturbi dell'umore. Il Citalopram agisce aumentando la concentrazione di serotonina, un neurotrasmettitore nel cervello che regola l'umore, l'appetito, il sonno, l'aggressività e la sessualità.

Il farmaco funziona bloccando l'assorbimento della serotonina nelle cellule cerebrali, lasciandone di più a disposizione per le sinapsi, dove può trasmettere segnali chimici nel cervello. Questo aiuta ad alleviare i sintomi della depressione e dell'ansia.

Gli effetti collaterali comuni del Citalopram includono nausea, sonnolenza, secchezza delle fauci, aumento di peso, vertigini, sudorazione, insonnia, diminuzione della libido e difficoltà di erezione. In rari casi, il farmaco può causare effetti collaterali più gravi, come pensieri suicidi, allucinazioni, convulsioni, irregolarità del battito cardiaco e sanguinamento gastrointestinale.

Il Citalopram è controindicato in combinazione con alcuni farmaci, come gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO), poiché l'interazione può causare una pericolosa crisi ipertensiva. Inoltre, il farmaco non deve essere assunto durante la gravidanza o l'allattamento al seno, a meno che non sia strettamente necessario e sotto la supervisione di un medico.

I neuroni serotoninergici, noti anche come neuroni serotonergici o cellule serotoninergiche, sono un particolare tipo di neuroni che sintetizzano, immagazzinano e rilasciano il neurotrasmettitore serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) come loro principale mezzo di comunicazione con altri neuroni nel sistema nervoso centrale. Questi neuroni hanno i corpi cellulari situati principalmente nella forma raphe del tronco encefalico e proiettano ampie fibre serotoninergiche in diverse regioni del cervello e del midollo spinale, svolgendo un ruolo cruciale nella regolazione di una varietà di funzioni fisiologiche e comportamentali, tra cui l'umore, l'appetito, il sonno, la memoria, l'aggressività, la temperatura corporea e la percezione del dolore. I disturbi che interessano i neuroni serotoninergici sono stati associati a diverse condizioni patologiche, come depressione, ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, emicrania e alcuni disturbi neurologici.

La ketanserina è un farmaco antagonista dei recettori della serotonina (5-HT) e dell'alfa-1 adrenergici. Viene utilizzato in alcuni paesi per il trattamento dell'ipertensione arteriosa e dell'angina pectoris. Ha anche mostrato proprietà antiaritmiche e neuroprotettive in studi di laboratorio, sebbene non sia più ampiamente utilizzato per tali scopi a causa della sua limitata efficacia clinica e degli effetti collaterali significativi, come l'ipotensione ortostatica. La ketanserina è anche un antagonista del recettore H1 dell'istamina e può causare sonnolenza. Non viene più ampiamente utilizzato a causa della disponibilità di farmaci antiipertensivi più sicuri ed efficaci.

Il 5-idrossitriptofano (5-HTP) è un aminoacido che si trova naturalmente nel corpo e viene utilizzato come integratore alimentare. Viene prodotto dal nostro organismo a partire da un altro aminoacido, il triptofano, che si trova in alcuni cibi come banane, cioccolato e prodotti caseari.

Il 5-HTP è un precursore della serotonina, un neurotrasmettitore importante che regola l'umore, l'appetito, il sonno e la sensazione di dolore. Quando il livello di triptofano nel corpo è basso, la conversione in 5-HTP e quindi in serotonina può essere insufficiente, portando a una carenza di questo neurotrasmettitore.

L'integrazione con 5-HTP può aiutare ad aumentare i livelli di serotonina nel cervello, il che può essere utile per trattare condizioni come la depressione, l'ansia, l'insonnia e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Tuttavia, è importante notare che l'uso di 5-HTP dovrebbe essere sempre sotto la guida e la supervisione di un medico, poiché può interagire con alcuni farmaci e avere effetti collaterali indesiderati.

La "rafe del nucleo" è un termine utilizzato in anatomia e neurologia per descrivere una struttura particolare all'interno del midollo spinale. Più specificamente, si riferisce ad una sottile linea di tessuto connettivo che divide simmetricamente alcuni nuclei grigi del midollo spinale.

Il rafe più notevole è il "rafe mediano", che si trova nella parte centrale della sostanza grigia del midollo spinale, all'interno della colonna dorsale (posteriore). Questo rafe contiene neuroni che sintetizzano e rilasciano serotonina, un neurotrasmettitore importante per la regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito e della funzione motoria.

Lesioni o disturbi a queste strutture possono portare a sintomi neurologici specifici, come disfunzioni motorie, dolore cronico e alterazioni dell'umore. Tuttavia, è importante notare che la comprensione di queste strutture e dei loro ruoli nel sistema nervoso centrale è ancora oggetto di ricerca attiva e la nostra conoscenza in questo campo continua a evolversi.

La paroxetina è un farmaco appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Viene utilizzato per trattare diversi disturbi mentali, come il disturbo depressivo maggiore, il disturbo di panico, il disturbo d'ansia sociale, il disturbo ossessivo-compulsivo e il disturbo post-traumatico da stress. Agisce aumentando i livelli di serotonina nel cervello, migliorando in questo modo l'umore, la qualità del sonno, l'appetito e l'energia.

La paroxetina viene somministrata per via orale sotto forma di compresse o soluzione e il suo effetto terapeutico si manifesta generalmente dopo 2-4 settimane di trattamento costante. Gli effetti collaterali più comuni includono nausea, sonnolenza, secchezza delle fauci, vertigini, aumento di peso e difficoltà ad eiaculare nei maschi.

Come per qualsiasi farmaco, la paroxetina deve essere utilizzata con cautela e sotto la supervisione di un medico qualificato. Il medico deve essere informato di eventuali altre condizioni mediche o problemi di salute, allergie e l'uso di altri farmaci, integratori o prodotti a base di erbe prima di iniziare il trattamento con la paroxetina.

Inoltre, la paroxetina non deve essere interrotta bruscamente senza consultare il medico, poiché ciò può causare sintomi di astinenza o peggioramento dei sintomi del disturbo mentale. La paroxetina è anche soggetta a interazioni farmacologiche importanti e deve essere utilizzata con cautela in combinazione con altri farmaci che influenzano il sistema nervoso centrale, come gli antidepressivi triciclici, i farmaci per la tosse e il raffreddore, gli antistaminici e l'alcol.

Metisergide è un farmaco ergot alcaloide utilizzato principalmente nel trattamento della prevenzione dell'emicrania. Agisce come agonista dei recettori della serotonina (5-HT) e ha effetti vasocostrittori. Viene assunto per via orale, di solito in forma di compresse o capsule.

Gli effetti avversi più comuni associati a Metisergide includono nausea, vomito, diarrea, stitichezza, vertigini e affaticamento. L'uso prolungato di questo farmaco può portare a fibrosi retroperitoneale e retrocardiale, una condizione pericolosa per la vita che richiede l'interruzione del trattamento. Pertanto, Metisergide è generalmente raccomandato solo per l'uso a breve termine o come terapia di ultima istanza nelle persone con emicrania grave e resistente ai farmaci.

L'uso di Metisergide durante la gravidanza e l'allattamento al seno non è raccomandato a causa del rischio potenziale di effetti avversi sul feto in via di sviluppo o sui neonati. Prima di prescrivere questo farmaco, i medici devono valutare attentamente il rapporto rischio-beneficio e monitorare regolarmente i pazienti per rilevare eventuali segni di effetti avversi.

La fenclonina è un farmaco anticonvulsivante, derivato dall'acido fenilidantoico, utilizzato principalmente nel trattamento dell'epilessia. Agisce bloccando i canali del sodio voltaggio-dipendenti nelle cellule nervose, riducendo così l'eccitabilità neuronale e la propagazione degli impulsi nervosi che possono innescare convulsioni.

Viene solitamente somministrata per via orale in forma di compresse o capsule, e la sua dose varia a seconda del peso corporeo, dell'età e della risposta individuale del paziente al farmaco. Gli effetti collaterali più comuni includono sonnolenza, vertigini, nausea, vomito e atassia (perdita di coordinazione muscolare).

È importante sottolineare che la fenclonina può interagire con altri farmaci, come gli induttori enzimatici del citocromo P450, che possono aumentarne il metabolismo e ridurne l'efficacia terapeutica. Al contrario, alcuni farmaci inibitori del citocromo P450 possono aumentare i livelli plasmatici di fenclonina, aumentandone il rischio di effetti avversi.

Prima di prescrivere o assumere fenclonina, è fondamentale consultare un medico o un farmacista per valutare i potenziali benefici e rischi associati al suo utilizzo, considerando la storia clinica e le attuali terapie farmacologiche del paziente.

Il recettore della serotonina 5-HT1D è un tipo di recettore accoppiato a proteine G che si lega alla serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) e trasduce il segnale all'interno delle cellule. Esso appartiene al gruppo dei recettori 5-HT1 ed è ampiamente distribuito nel sistema nervoso centrale e periferico.

La stimolazione del recettore 5-HT1D può inibire l'attività del neurone postsinaptico, il che porta a una riduzione della secrezione di neurotrasmettitori come la dopamina e la noradrenalina. Questo recettore è noto per essere coinvolto nella regolazione dell'umore, dell'appetito, del sonno, della nocicezione (percezione del dolore) e della funzione cardiovascolare.

Alcuni farmaci utilizzati nel trattamento della migrazione, dell'emicrania e di alcune condizioni psichiatriche agiscono come agonisti dei recettori 5-HT1D, legandosi e attivando il recettore per indurre una risposta cellulare specifica. Tuttavia, l'uso di questi farmaci deve essere strettamente monitorato a causa del potenziale di effetti collaterali indesiderati, come la sindrome serotoninergica, che può verificarsi quando i livelli di serotonina nel cervello diventano troppo alti.

La 5,7-diidrossitriptamina è una sostanza chimica che appartiene alla classe delle triptamine. Si tratta di un metabolita della serotonina, un neurotrasmettitore importante nel cervello umano. La 5,7-diidrossitriptamina viene prodotta naturalmente nel corpo quando la serotonina è metabolizzata dall'enzima monoamino ossidasi (MAO).

Non esiste una definizione medica specifica per la 5,7-diidrossitriptamina, poiché non è un composto comunemente utilizzato in medicina. Tuttavia, può avere alcuni effetti biologici interessanti. Ad esempio, alcune ricerche suggeriscono che la 5,7-diidrossitriptamina possa agire come agonista dei recettori della serotonina, il che significa che può legarsi e attivare i recettori della serotonina nel cervello. Ciò potrebbe avere implicazioni per la comprensione dei meccanismi alla base di alcune condizioni mediche, come la depressione e l'ansia.

Tuttavia, è importante notare che la ricerca sulla 5,7-diidrossitriptamina è ancora in una fase preliminare, e sono necessari ulteriori studi per comprendere appieno i suoi effetti biologici e potenziali applicazioni terapeutiche.

Le monoammine biogene sono un gruppo di sostanze chimiche endogene che svolgono un ruolo importante come neurotrasmettitori nel sistema nervoso centrale e periferico. Essi includono:

1. Serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT): Derivata dal triptofano, è coinvolta nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito e della cognizione.
2. Norepinefrina (noradrenalina): Derivata dalla tirosina, svolge un ruolo importante nella risposta "lotta o fuga", nell'attenzione e nella memoria.
3. Dopamina: Derivata anche dalla tirosina, è implicata nel controllo del movimento, dell'apprendimento, della motivazione e del piacere.
4. Istamina: Sintetizzata dal triptofano, svolge un ruolo nella veglia, nell'appetito e nell'infiammazione.
5. Feniletilammina: Derivata dalla fenilalanina o dalla tirosina, è implicata nel piacere, nell'eccitazione e nella regolazione dell'umore.

Le monoammine biogene sono soggette a modulazioni fisiologiche e possono essere alterate in diverse condizioni patologiche, come ad esempio i disturbi depressivi, l'ansia, la schizofrenia e il Parkinson.

"Gli antagonisti del recettore della serotonina 5-HT3 sono una classe di farmaci che bloccano l'attività del recettore 5-HT3 della serotonina. Questi recettori sono presenti nel tratto gastrointestinale e nel sistema nervoso centrale. L'antagonismo dei recettori 5-HT3 della serotonina ha dimostrato di essere particolarmente utile nel trattamento delle nausee e dei vomiti indotti da chemioterapia, radioterapia e anestesia. Questi farmaci agiscono bloccando il recettore 5-HT3 della serotonina e impedendo così la trasmissione del segnale di vomito al cervello. Alcuni esempi di antagonisti dei recettori 5-HT3 della serotonina includono ondansetron, granisetron e palonosetron."

In sintesi, gli antagonisti del recettore della serotonina 5-HT3 sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per trattare la nausea e il vomito indotti da chemioterapia, radioterapia e anestesia. Agiscono bloccando l'attività del recettore 5-HT3 della serotonina nel tratto gastrointestinale e nel sistema nervoso centrale.

Gli antidepressivi sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per trattare i disturbi dell'umore, come la depressione clinica, il disturbo bipolare e l'ansia. Agiscono modulando l'azione di neurotrasmettitori, come la serotonina, la noradrenalina e la dopamina, che sono coinvolti nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'appetito e dell'ansia.

Esistono diverse classi di antidepressivi, tra cui:

1. Inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI): aumentano la concentrazione di serotonina nel cervello bloccando il suo riassorbimento nelle cellule nervose. Esempi comuni sono la fluoxetina, la sertralina e la paroxetina.
2. Inibitori del reuptake della serotonina-noradrenalina (SNRI): aumentano i livelli di serotonina e noradrenalina nel cervello bloccando il loro riassorbimento. Esempi comuni sono la venlafaxina e la duloxetina.
3. Inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO): inibiscono l'azione dell'enzima monoamino ossidasi, che degrada i neurotrasmettitori. Sono utilizzati meno frequentemente a causa di interazioni alimentari e farmacologiche complesse.
4. Antidepressivi triciclici (TCA): aumentano la concentrazione di serotonina e noradrenalina nel cervello bloccando il loro riassorbimento, ma hanno un profilo di effetti collaterali più ampio rispetto agli SSRI e agli SNRI.
5. Antidepressivi atipici: comprendono una varietà di farmaci che non rientrano nelle classi precedenti, come la bupropione, la mirtazapina e la trazodone.

Gli antidepressivi possono richiedere diverse settimane per mostrare i loro effetti terapeutici completi e devono essere utilizzati sotto la supervisione di un operatore sanitario qualificato a causa del potenziale rischio di effetti collaterali e interazioni farmacologiche.

La fenfluramina è un farmaco stimolante dell'appetito che agisce sul sistema nervoso centrale. È stato originariamente sviluppato come antidepressivo, ma successivamente è stato utilizzato principalmente come aiuto per la perdita di peso. Agisce bloccando la ricaptazione della serotonina, un neurotrasmettitore che regola l'umore e l'appetito.

Tuttavia, l'uso della fenfluramina è stato associato a gravi effetti collaterali, tra cui danni alle valvole cardiache e problemi polmonari. Negli Stati Uniti, la fenfluramina è stata ritirata dal mercato nel 1997 dopo che uno studio ha dimostrato un aumento del rischio di malattie cardiovascolari associate all'uso della fenfluramina in combinazione con il fentermine, nota come "Fen-Phen".

Attualmente, la fenfluramina non è approvata per l'uso negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ma può essere utilizzata in alcuni paesi per il trattamento di condizioni specifiche come la sindrome delle gambe senza riposo o l'emicrania. Tuttavia, il suo uso è strettamente regolamentato a causa del suo profilo di rischio-beneficio sfavorevole.

Cinanserina è un farmaco antagonista dei recettori H1 dell'istamina, che viene utilizzato principalmente nel trattamento della rinite allergica e della congiuntivite allergica. Il farmaco agisce bloccando l'azione dell'istamina, un mediatore chimico che causa sintomi come prurito, starnuti, naso che cola e occhi rossi associati alle reazioni allergiche.

La cinanserina è anche nota per avere attività anticolinergica e antiserotoninergica, il che significa che può bloccare l'azione dell'acetilcolina e della serotonina nel corpo. Queste proprietà possono essere utili in alcune condizioni mediche, come il parkinsonismo o la malattia di Alzheimer, sebbene non sia approvata per questi usi.

Gli effetti collaterali comuni della cinanserina includono sonnolenza, secchezza delle fauci, vertigini e costipazione. In rari casi, può causare problemi cardiovascolari o neurologici gravi. Il farmaco deve essere utilizzato con cautela in pazienti con malattie cardiovascolari preesistenti o disturbi del sistema nervoso centrale.

La cinanserina è disponibile in forma di compresse per uso orale e viene solitamente somministrata due volte al giorno, secondo le indicazioni del medico. La dose può variare a seconda della gravità dei sintomi e della risposta individuale al farmaco.

La dopamina è un neurotrasmettitore cruciale nel sistema nervoso centrale, sintetizzato dal precursore amminoacidico tirosina. È prodotto nelle cellule nervose (neuroni) situate principalmente nella substantia nigra e nel locus ceruleus del mesencefalo. La dopamina svolge un ruolo fondamentale in una varietà di processi fisiologici, tra cui il controllo motorio, la cognizione, l'emozione, la motivazione, il piacere e la ricompensa.

Le disfunzioni nel sistema dopaminergico sono implicate in diverse condizioni neurologiche e psichiatriche, come la malattia di Parkinson (caratterizzata da una carenza di dopamina nella substantia nigra), il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) e la dipendenza da sostanze. I farmaci che modulano l'attività della dopamina, come i agonisti dopaminergici e gli inibitori della monoaminoossidasi B (IMAO-B), sono utilizzati nel trattamento di queste condizioni.

Gli antidepressivi di seconda generazione, anche noti come antidepressivi atipici, sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per il trattamento della depressione maggiore. A differenza degli antidepressivi di prima generazione (come ad esempio gli antidepressivi triciclici e gli inibitori delle monoaminoossidasi), che agiscono specificamente sul sistema neurotrasmettitoriale, gli antidepressivi di seconda generazione hanno meccanismi d'azione più complessi ed eterogenei.

La classe degli antidepressivi di seconda generazione include farmaci come:

1. Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina (SSRI): questi farmaci agiscono principalmente bloccando il riassorbimento della serotonina nel sistema nervoso centrale, aumentandone la concentrazione a livello sinaptico. Esempi di SSRI includono fluoxetina, sertralina, paroxetina e citalopram.
2. Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina e Noradrenalina (SNRI): questi farmaci inibiscono il riassorbimento sia della serotonina che della noradrenalina, aumentandone la concentrazione a livello sinaptico. Esempi di SNRI includono venlafaxina e duloxetina.
3. Inibitori della Ricaptazione della Noradrenalina e Dopamina (NDRI): questi farmaci inibiscono il riassorbimento sia della noradrenalina che della dopamina, aumentandone la concentrazione a livello sinaptico. Esempio di NDRI è bupropione.
4. Inibitori della Monoaminoossidasi B (MAO-B): questi farmaci inibiscono l'enzima monoaminoossidasi B, che degrada la dopamina e la noradrenalina, aumentandone la concentrazione a livello sinaptico. Esempio di MAO-B è selegilina.
5. Agonisti del Recettore della Serotonina (5-HT1A): questi farmaci agiscono come agonisti del recettore 5-HT1A, aumentando la concentrazione di serotonina a livello sinaptico. Esempio di agonista 5-HT1A è buspirone.

Questi farmaci sono utilizzati per trattare una vasta gamma di condizioni, tra cui depressione maggiore, disturbo d'ansia generalizzato, disturbo da stress post-traumatico, disturbo ossessivo-compulsivo e dolore cronico.

La N-Metil-3,4-Metilenediossiamfetamina, nota anche come MDMA o "ecstasy", è una sostanza chimica appartenente alla classe delle anfetamine e dei feniletilammine. È un potente stimolante del sistema nervoso centrale che produce effetti psicoattivi, aumentando la release di neurotrasmettitori quali serotonina, dopamina e noradrenalina.

L'MDMA è nota per le sue proprietà empatiche e entactogene, che possono indurre sentimenti di empatia, calore sociale e connessione con se stessi e con gli altri. Tuttavia, l'uso ricreativo di MDMA può anche comportare rischi per la salute, tra cui disidratazione, ipertermia, aumento della frequenza cardiaca e pressione sanguigna, ansia, depressione, insonnia e altri effetti avversi.

L'uso a lungo termine di MDMA può anche causare danni ai neuroni che rilasciano serotonina, portando a deficit a lungo termine della funzione serotoninergica e ad un aumentato rischio di disturbi dell'umore e della cognizione.

La fluvoxamina è un farmaco appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), utilizzato principalmente nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo, del disturbo depressivo maggiore e di alcuni disturbi d'ansia come il disturbo di panico e il disturbo d'ansia sociale.

Agisce aumentando la concentrazione di serotonina nel cervello, un neurotrasmettitore che regola l'umore, il sonno, l'appetito, l'aggressività e la sessualità. Ciò si ottiene inibendo l'enzima responsabile del riassorbimento della serotonina nelle terminazioni nervose, aumentandone così la disponibilità per le sinapsi.

Gli effetti collaterali comuni della fluvoxamina includono nausea, sonnolenza, secchezza delle fauci, sudorazione, insonnia e cambiamenti di peso. In rari casi possono verificarsi effetti avversi più gravi come pensieri suicidi, ideazione paranoica, reazioni allergiche o problemi epatici.

Prima di iniziare la terapia con fluvoxamina, è importante informare il medico di eventuali altre condizioni mediche preesistenti e di tutti i farmaci assunti, inclusi quelli da banco e integratori alimentari, poiché possono interagire con la fluvoxamina aumentandone gli effetti o provocando effetti indesiderati.

La fluvoxamina non deve essere assunta durante la gravidanza o l'allattamento al seno a meno che non sia strettamente necessario e sotto stretto controllo medico, poiché può causare danni al feto o compromettere lo sviluppo del bambino.

Le proteine di trasporto della membrana sono tipi specifici di proteine integrate nella membrana cellulare che regolano il passaggio selettivo di molecole e ioni attraverso la barriera lipidica delle membrane cellulari. Esse giocano un ruolo cruciale nel mantenere l'equilibrio chimico all'interno e all'esterno della cellula, nonché nella comunicazione tra le cellule e il loro ambiente.

Esistono due principali categorie di proteine di trasporto della membrana: canali ionici e carrier (o pompe). I canali ionici consentono il passaggio rapido ed efficiente degli ioni attraverso la membrana, mentre i carrier facilitano il trasporto di molecole più grandi o di molecole che altrimenti non potrebbero diffondere liberamente attraverso la membrana. Alcune proteine di trasporto richiedono l'energia fornita dall'idrolisi dell'ATP per funzionare, mentre altre operano spontaneamente in risposta a gradienti chimici o elettrici esistenti.

Le proteine di trasporto della membrana sono fondamentali per una vasta gamma di processi cellulari, tra cui la regolazione del potenziale di membrana, il mantenimento dell'equilibrio osmotico, l'assorbimento dei nutrienti e l'eliminazione delle tossine. Le disfunzioni nelle proteine di trasporto della membrana possono portare a varie patologie, come la fibrosi cistica, la malattia di Darier e alcune forme di diabete.

Le triptamine sono un tipo di composto organico che contiene un gruppo funzionale indolico e una catena laterale etilammina. Si trovano naturalmente in alcuni vegetali e animali, nonché sintetizzate dal corpo umano.

La Monoamino Oxidasi (MAO) è un enzima che si trova all'interno delle membrane mitocondriali della maggior parte delle cellule del corpo, in particolare a livello del sistema nervoso centrale e periferico. Questo enzima svolge un ruolo cruciale nella regolazione dei neurotrasmettitori monoaminergici, come la serotonina, la noradrenalina (norepinefrina), la dopamina, l'istamina e le ammine simpaticomimetiche.

L'MAO catalizza la deaminazione ossidativa di questi neurotrasmettitori, convertendoli in aldeidi o acidi carbossilici, che vengono quindi ulteriormente metabolizzati ed eliminati dall'organismo. Questo processo enzimatico è essenziale per il mantenimento dell'equilibrio neurochimico e la modulazione della trasmissione neuronale.

Esistono due forme principali di MAO, denominate MAO-A e MAO-B, che presentano specificità differenti nei confronti dei substrati enzimatici. La MAO-A è maggiormente responsabile del metabolismo della serotonina, noradrenalina e dopamina, mentre la MAO-B si occupa principalmente della deaminazione dell' Feniletilammina, benzilammina e metilendioximetanfetamina (MDMA).

L'inibizione di questi enzimi può avere importanti implicazioni terapeutiche e avverse. L'impiego degli inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) nella terapia farmacologica è indicato per il trattamento di alcune forme di depressione resistente ai farmaci antidepressivi tradizionali, disturbi del sonno e alcune patologie neurologiche. Tuttavia, l'assunzione di IMAO richiede particolari precauzioni alimentari e farmacologiche a causa dell'interazione con amine simpaticomimetiche presenti negli alimenti e altri farmaci, che può comportare effetti indesiderati gravi o letali.

Le amfetamine sono una classe di farmaci stimolanti del sistema nervoso centrale che agiscono aumentando la neurotrasmissione noradrenalina e dopamina nel cervello. Sono utilizzate per il trattamento di alcune condizioni mediche, come il disturbo da deficit dell'attenzione/iperattività (ADHD) e la narcolessia, a dosaggi controllati e prescritti da un medico.

Tuttavia, l'uso non medico o improprio di amfetamine può portare a effetti dannosi sulla salute, come aumento della pressione sanguigna, tachicardia, insonnia, perdita di appetito, allucinazioni, psicosi e dipendenza. Pertanto, l'uso di questi farmaci dovrebbe essere sempre sotto la stretta supervisione medica.

Il cervello è la struttura più grande del sistema nervoso centrale ed è responsabile del controllo e della coordinazione delle funzioni corporee, dei pensieri, delle emozioni, dei ricordi e del comportamento. È diviso in due emisferi cerebrali separati da una fessura chiamata falce cerebrale. Ogni emisfero è ulteriormente suddiviso in lobi: frontale, parietale, temporale e occipitale.

Il cervello contiene circa 86 miliardi di neuroni che comunicano tra loro attraverso connessioni sinaptiche. Queste connessioni formano reti neurali complesse che elaborano informazioni sensoriali, motorie ed emotive. Il cervello è anche responsabile della produzione di ormoni e neurotrasmettitori che regolano molte funzioni corporee, come l'appetito, il sonno, l'umore e la cognizione.

Il cervello umano pesa circa 1,3-1,4 kg ed è protetto dal cranio. È diviso in tre parti principali: il tronco encefalico, il cervelletto e il telencefalo. Il tronco encefalico contiene i centri di controllo vitali per la respirazione, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Il cervelletto è responsabile dell'equilibrio, della coordinazione motoria e del controllo muscolare fine. Il telencefalo è la parte più grande del cervello ed è responsabile delle funzioni cognitive superiori, come il pensiero, il linguaggio, la memoria e l'emozione.

In sintesi, il cervello è un organo complesso che svolge un ruolo fondamentale nel controllare e coordinare le funzioni corporee, i pensieri, le emozioni e il comportamento.

Gli antidepressivi triciclici (TCA) sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per trattare la depressione clinica. Il termine "triciclico" si riferisce alla loro struttura chimica, che è composta da tre anelli di atomi.

Gli antidepressivi triciclici agiscono aumentando i livelli di neurotrasmettori nel cervello, come la serotonina e la norepinefrina, che sono associati al tono dell'umore. Agiscono bloccando l'assorbimento (reuptake) di questi neurotrasmettitori dalle sinapsi, aumentandone così la disponibilità per le cellule nervose.

Alcuni degli antidepressivi triciclici più comuni includono:

* Amitriptilina
* Clomipramina
* Desipramina
* Doxepina
* Imipramina
* Nortriptilina
* Protriptyline

Gli antidepressivi triciclici possono essere efficaci nel trattamento della depressione, ma presentano anche un profilo di sicurezza meno favorevole rispetto ad altre classi di farmaci antidepressivi più recenti. Possono causare una serie di effetti collaterali, tra cui sonnolenza, secchezza delle fauci, costipazione, aumento di peso, problemi cardiovascolari e disturbi della conduzione cardiaca. In alcuni casi, possono anche causare un prolungamento dell'intervallo QT, che può portare a aritmie pericolose per la vita.

A causa dei loro effetti collaterali e del rischio di overdose, gli antidepressivi triciclici sono generalmente considerati una seconda linea di trattamento per la depressione, dopo le classi più recenti di farmaci antidepressivi, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e i noradrenalici e specifici serotoninergici (NaSSA). Tuttavia, possono essere utilizzati quando altri farmaci non sono stati efficaci o sono controindicati.

La ciproeptadina è un antistaminico H1, che agisce bloccando l'effetto della istamina nel corpo. Viene utilizzato per trattare i sintomi allergici come starnuti, prurito, lacrimazione e naso che cola. La ciproeptadina ha anche un effetto sedativo ed è talvolta utilizzata per trattare l'insonnia e l'ansia lieve.

Inoltre, la ciproeptadina può essere utilizzata per trattare il prurito causato da alcune malattie della pelle come l'orticaria e il dermatite. Può anche essere usata off-label per stimolare l'appetito in persone con anoressia nervosa o altri disturbi che causano perdita di peso involontaria.

Gli effetti avversi della ciproeptadina possono includere sonnolenza, secchezza delle fauci, vertigini, mal di testa e aumento di peso. La ciproeptadina non deve essere utilizzata durante la gravidanza o l'allattamento al seno a meno che i potenziali benefici superino i rischi.

Come con qualsiasi farmaco, la ciproeptadina dovrebbe essere utilizzata solo sotto la guida di un operatore sanitario qualificato e seguendo attentamente le istruzioni per l'uso.

La dietilammide dell'acido lisergico, nota anche come LSD, è una potente sostanza allucinogena. Agisce come agonista parziale del recettore della serotonina 5-HT2A e può causare alterazioni percettive, cambiamenti di umore, distorsioni del pensiero e, a dosi più elevate, allucinazioni intense. L'LSD è un composto sintetico derivato dall'acido lisergico, che si trova naturalmente nel fungo Claviceps purpurea e in alcune specie di grano infettate dal fungo. Viene comunemente assunto per via orale, spesso attraverso la forma di carta assorbente imbevuta della sostanza. L'LSD è illegale nella maggior parte dei paesi a causa del suo potenziale di abuso e degli effetti psichedelici intensi che può provocare.

In medicina, il termine "comportamento animale" si riferisce alla maniera in cui gli animali, inclusi esseri umani, rispondono a stimoli interni o esterni. Il comportamento può essere influenzato da una varietà di fattori, come la genetica, l'apprendimento, l'esperienza passata, lo stato fisico e le interazioni sociali.

Il comportamento animale può essere classificato in diverse categorie, come il comportamento sociale (ad esempio, la gerarchia di dominanza, l'accoppiamento, la cura dei figli), il comportamento alimentare (ad esempio, la ricerca di cibo, l'ingestione), il comportamento sessuale (ad esempio, la corte, l'accoppiamento), il comportamento aggressivo (ad esempio, la minaccia, l'attacco) e il comportamento di evitamento (ad esempio, la fuga, l'evitamento).

L'osservazione e lo studio del comportamento animale possono fornire informazioni importanti sulla fisiologia, la psicologia e la patologia degli animali, compresi gli esseri umani. Ad esempio, lo studio del comportamento animale può aiutare a comprendere i meccanismi alla base di malattie mentali come la depressione e l'ansia, nonché a sviluppare strategie per il trattamento e la prevenzione di tali disturbi.

Gli Sprague-Dawley (SD) sono una particolare razza di ratti comunemente usati come animali da laboratorio nella ricerca biomedica. Questa linea di ratti fu sviluppata per la prima volta nel 1925 da H.H. Sprague e R.C. Dawley presso l'Università del Wisconsin-Madison.

Gli Sprague-Dawley sono noti per la loro robustezza, facilità di riproduzione e bassa incidenza di tumori spontanei, il che li rende una scelta popolare per una vasta gamma di studi, tra cui quelli relativi alla farmacologia, tossicologia, fisiologia, neuroscienze e malattie infettive.

Questi ratti sono allevati in condizioni controllate per mantenere la coerenza genetica e ridurre la variabilità fenotipica all'interno della linea. Sono disponibili in diverse età, dai neonati alle femmine gravide, e possono essere acquistati da diversi fornitori di animali da laboratorio in tutto il mondo.

È importante sottolineare che, come per qualsiasi modello animale, gli Sprague-Dawley hanno i loro limiti e non sempre sono rappresentativi delle risposte umane a farmaci o condizioni patologiche. Pertanto, è fondamentale considerarli come uno strumento tra molti altri nella ricerca biomedica e interpretare i dati ottenuti da tali studi con cautela.

Il triptofano è un aminoacido essenziale, il quale significa che deve essere ottenuto dalla dieta perché il corpo non può sintetizzarlo da solo. È uno dei 20 aminoacidi comunemente trovati nelle proteine.

Il triptofano svolge un ruolo importante nella produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che contribuisce alla regolazione dell'umore, del sonno e dell'appetito. Viene anche convertito in niacina (vitamina B3) nel corpo.

Una carenza di triptofano può portare a una serie di problemi di salute, tra cui depressione, ansia, disturbi del sonno e deficit dell'attenzione. Al contrario, un eccesso di triptofano può causare effetti avversi come sonnolenza, vertigini e nausea.

Il triptofano è presente in una varietà di alimenti, tra cui carne, pollame, pesce, latticini, uova, fagioli, noci e semi. È anche disponibile come integratore alimentare, sebbene l'uso di integratori di triptofano sia soggetto a restrizioni normative in alcuni paesi a causa del rischio di effetti avversi.

Le ammine biogene sono composti organici derivati dalla decarbossilazione degli aminoacidi aromatici. Si trovano naturalmente in molte fonti, tra cui alimenti fermentati, pesce, carne e prodotti caseari. Alcune ammine biogene, come la tiramina e l'istamina, possono avere effetti vasoattivi e neuroattivi quando consumate in grandi quantità. Possono anche causare sintomi negativi in alcune persone, specialmente in quelle con deficit enzimatici associati alla loro degradazione.

La tiramina è nota per provocare la liberazione di noradrenalina dalle terminazioni nervose, mentre l'istamina può causare reazioni allergiche e infiammatorie. Altre ammine biogene includono feniletilamina, triptamina e serotonina.

Le ammine biogene possono anche essere sintetizzate da batteri intestinali e possono giocare un ruolo nella fisiopatologia di alcune malattie, come l'emicrania e il morbo di Parkinson. Un'eccessiva assunzione di ammine biogene può causare effetti avversi, come mal di testa, nausea, arrossamento della pelle, aumento della frequenza cardiaca e ipertensione.

In generale, le persone sane possono consumare piccole quantità di ammine biogene senza problemi, ma è consigliabile evitarle o limitarne l'assunzione in caso di deficit enzimatici associati alla loro degradazione o in presenza di determinate condizioni mediche. È importante consultare un medico o un dietista per ulteriori informazioni sulla dieta e le precauzioni relative alle ammine biogene.

La sertralina è un farmaco appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Viene comunemente prescritto per il trattamento di diversi disturbi mentali, come ad esempio la depressione maggiore, i disturbi d'ansia, il disturbo di panico, il disturbo ossessivo-compulsivo e il disturbo post-traumatico da stress.

Agisce aumentando la concentrazione di serotonina, un neurotrasmettitore, nel cervello, migliorando in questo modo la trasmissione dei segnali nervosi e l'equilibrio chimico del cervello. Ciò può portare ad un miglioramento dei sintomi associati a tali disturbi mentali.

Gli effetti collaterali della sertralina possono includere nausea, mal di testa, vertigini, sonnolenza, secchezza delle fauci, aumento di peso e cambiamenti nelle abitudini sessuali. In rari casi, può causare più gravi effetti collaterali come pensieri suicidi o comportamento autolesionista, particolarmente nei pazienti giovani.

Prima di iniziare il trattamento con la sertralina, è importante informare il medico di qualsiasi altra condizione medica preesistente e di eventuali altri farmaci che si stanno assumendo, poiché la sertralina può interagire con alcuni di essi. Inoltre, durante il trattamento, è necessario monitorare attentamente i sintomi del disturbo mentale per valutarne l'efficacia e adattare eventualmente il dosaggio o cambiare farmaco se necessario.

Le piastrine, notoriamente denominate come trombociti nel linguaggio medico, sono frammenti cellulari presenti nel sangue, privi di nucleo e derivanti dai megacariociti, grandi cellule presenti nel midollo osseo. Le piastrine svolgono un ruolo fondamentale nella risposta emostatica, processo che tende a limitare o arrestare una emorragia, attraverso la formazione di un coagulo di sangue.

Quando si verifica un'emorragia, le piastrine aderiscono alla parete danneggiata del vaso sanguigno e rilasciano sostanze chimiche che attivano altre piastrine, promuovendo la formazione di un aggregato plaquettaire. Questo aggregato forma una sorta di tappo che sigilla temporaneamente il vaso danneggiato, prevenendone ulteriori perdite di sangue. Successivamente, questo processo si combina con la cascata della coagulazione, un complesso sistema enzimatico che porta alla formazione di un coagulo solido e permanente, composto da fibrina e cellule del sangue, che sigilla definitivamente il vaso lesionato.

Una riduzione nel numero delle piastrine, o trombocitopenia, può portare a un aumentato rischio di sanguinamento, mentre un aumento dei livelli di piastrine, o trombocitemia, può predisporre a complicanze trombotiche. È importante sottolineare che la conta piastrinica deve essere sempre interpretata in relazione al contesto clinico del paziente e alla presenza di eventuali fattori di rischio emorragici o trombotici.

L'imipramina è un farmaco appartenente alla classe degli antidepressivi triciclici (TCA). Viene utilizzato principalmente per il trattamento della depressione, ma può anche essere impiegato per gestire altri disturbi mentali come l'ansia e i disturbi bipolari.

Il meccanismo d'azione dell'imipramina si basa sull'inibizione della ricaptazione della noradrenalina e della serotonina, due neurotrasmettitori implicati nella regolazione dell'umore. Ciò comporta un aumento della concentrazione di queste sostanze chimiche nel cervello, contribuendo a migliorare l'umore e ad alleviare i sintomi depressivi.

Gli effetti collaterali dell'imipramina possono includere secchezza della bocca, stipsi, vertigini, sonnolenza, aumento di peso, ritenzione urinaria e cambiamenti nel desiderio sessuale. In alcuni casi, possono verificarsi effetti collaterali più gravi come aritmie cardiache, pressione alta e convulsioni.

Prima di iniziare la terapia con imipramina, è importante informare il medico di eventuali altre condizioni mediche preesistenti o di altri farmaci assunti, poiché l'imipramina può interagire con altri medicinali e influenzare negativamente la salute. Inoltre, l'imipramina non deve essere utilizzata in gravidanza o durante l'allattamento al seno a meno che non sia strettamente necessario e sotto la supervisione di un medico.

La clomipramina è un farmaco appartenente alla classe degli antidepressivi triciclici (TCA). Viene utilizzato principalmente per il trattamento del disturbo depressivo maggiore, ma può anche essere impiegato per gestire altri disturbi mentali come l'ansia, il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), il disturbo post-traumatico da stress (PTSD), e alcuni tipi di dolore neuropatico.

Il meccanismo d'azione della clomipramina si basa sull'inibizione della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina, nonché sull'antagonismo dei recettori H1 istaminici e muscarinici dell'acetilcolina. Questi effetti combinati contribuiscono ad alleviare i sintomi della depressione e di altri disturbi mentali.

Gli effetti collaterali associati alla clomipramina possono includere secchezza delle fauci, stipsi, vertigini, sonnolenza, aumento di peso, ritenzione urinaria, e cambiamenti nell'appetito e nel desiderio sessuale. In casi più rari, possono verificarsi effetti collaterali più gravi come aritmie cardiache, convulsioni, e pensieri suicidi.

Prima di iniziare il trattamento con clomipramina, è importante informare il medico di eventuali altre condizioni mediche preesistenti o di farmaci assunti, poiché la clomipramina può interagire con altri farmaci e influenzare negativamente alcune condizioni di salute. La clomipramina non deve essere utilizzata durante la gravidanza o l'allattamento al seno a meno che non sia strettamente necessario e sotto la supervisione di un medico.

La piperazina è un composto eterociclico formato da un anello a sei termini contenente due atomi di azoto. In chimica farmaceutica, la piperazina viene utilizzata come parte di diverse molecole per creare una varietà di farmaci. Alcuni farmaci che contengono piperazina includono:

* Antistaminici di seconda generazione come cetirizina e levocetirizina, usati per trattare le reazioni allergiche.
* Farmaci antipsicotici come aloperidolo e clorpromazina, utilizzati per trattare la schizofrenia e altri disturbi psicotici.
* Farmaci antipertensivi come fesoterodina e tolterodina, usati per trattare l'incontinenza urinaria.
* Farmaci antidepressivi come trazodone, utilizzato per trattare la depressione maggiore.

La piperazina stessa non ha attività farmacologica diretta, ma funge da collegamento o "ponte" tra altri gruppi chimici all'interno di queste molecole farmaceutiche. Tuttavia, la piperazina può avere effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale a dosi elevate e può causare effetti avversi come nausea, vomito, vertigini e mal di testa. Pertanto, i farmaci che contengono piperazina devono essere utilizzati con cautela e sotto la supervisione di un operatore sanitario qualificato.

La relazione farmacologica dose-risposta descrive la relazione quantitativa tra la dimensione della dose di un farmaco assunta e l'entità della risposta biologica o effetto clinico che si verifica come conseguenza. Questa relazione è fondamentale per comprendere l'efficacia e la sicurezza di un farmaco, poiché consente ai professionisti sanitari di prevedere gli effetti probabili di dosi specifiche sui pazienti.

La relazione dose-risposta può essere rappresentata graficamente come una curva dose-risposta, che spesso mostra un aumento iniziale rapido della risposta con l'aumentare della dose, seguito da un piatto o una diminuzione della risposta ad alte dosi. La pendenza di questa curva può variare notevolmente tra i farmaci e può essere influenzata da fattori quali la sensibilità individuale del paziente, la presenza di altre condizioni mediche e l'uso concomitante di altri farmaci.

L'analisi della relazione dose-risposta è un aspetto cruciale dello sviluppo dei farmaci, poiché può aiutare a identificare il range di dosaggio ottimale per un farmaco, minimizzando al contempo gli effetti avversi. Inoltre, la comprensione della relazione dose-risposta è importante per la pratica clinica, poiché consente ai medici di personalizzare le dosi dei farmaci in base alle esigenze individuali del paziente e monitorarne attentamente gli effetti.

Le proteine di trasporto della membrana plasmatica della noradrenalina, notoriamente conosciute come NET (Noradrenaline Transporter), sono proteine integrali di membrana che svolgono un ruolo cruciale nel sistema nervoso centrale e periferico. Esse sono responsabili del trasporto della noradrenalina, un neurotrasmettitore importante, dall'esterno all'interno delle cellule presinaptiche, dove viene successivamente immagazzinata o metabolizzata.

Il processo di ricaptazione della noradrenalina mediato dalle NET è un meccanismo fondamentale per terminare il segnale neurotrasmettitore e mantenere l'equilibrio sinaptico. Alterazioni nella funzionalità delle NET possono portare a disfunzioni nel sistema nervoso simpatico, che può manifestarsi in una varietà di disturbi, come ad esempio la depressione e i disturbi d'ansia.

La noradrenalina è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo importante nella regolazione dell'umore, dell'attenzione, della memoria e delle funzioni cognitive superiori. Pertanto, le proteine di trasporto della membrana plasmatica della noradrenalina sono un bersaglio terapeutico importante per lo sviluppo di farmaci che trattano i disturbi neuropsichiatrici.

L'octopamina è un neurotrasmettitore e ormone biogenico che svolge un ruolo importante nella regolazione di vari processi fisiologici in diversi gruppi di animali, tra cui invertebrati e vertebrati. Negli esseri umani, l'octopamina è coinvolta nel metabolismo energetico, nella modulazione del dolore e nell'attivazione del sistema nervoso simpatico. Viene sintetizzata a partire dalla tirosina ed è chimicamente correlata alla noradrenalina, un neurotrasmettitore presente nel cervello umano. Nei invertebrati, come gli insetti, l'octopamina svolge funzioni simili a quelle della noradrenalina e della adrenalina nei vertebrati, come il controllo del ritmo cardiaco, la regolazione del metabolismo energetico e la modulazione del comportamento. Inoltre, l'octopamina è stata identificata come un fattore chiave nella memoria a breve termine e nell'apprendimento negli insetti.

La metiotepina è un farmaco che appartiene alla classe degli agenti alchilanti. Viene utilizzato principalmente nel trattamento del cancro, come la leucemia linfatica cronica. Il suo meccanismo d'azione si basa sulla sua capacità di interferire con il DNA delle cellule cancerose, impedendone la replicazione e causandone la morte.

La metiotepina è un bifunzionale che contiene due gruppi alchilanti. Questo gli permette di legarsi a due diverse molecole di DNA, formando ponti tra esse. Ciò danneggia gravemente la struttura del DNA e impedisce alle cellule cancerose di dividersi e moltiplicarsi.

L'uso della metiotepina non è limitato solo al cancro. Viene anche impiegata in alcuni trattamenti per malattie autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico, a causa delle sue proprietà immunosoppressive. Tuttavia, i suoi effetti collaterali possono essere significativi e includono nausea, vomito, perdita di capelli, anemia, suppression del midollo osseo e aumentato rischio di infezioni. Pertanto, deve essere somministrata sotto la stretta supervisione medica.

La P-cloroamfetamina, nota anche come para-cloroamfetamina, è uno stimolante psicotropo e sostanza controllata che appartiene alla classe delle feniletilamine. È un analogo della più nota anfetamina, con l'aggiunta di un gruppo cloruro in posizione para dell'anello benzenico.

La P-cloroamfetamina è stata sintetizzata per la prima volta nel 1957 e ha trovato impiego limitato nella ricerca scientifica, principalmente come strumento di studio farmacologico. Non esistono usi terapeutici approvati per questa sostanza.

Gli effetti della P-cloroamfetamina sull'organismo sono simili a quelli dell'anfetamina, sebbene possano essere più pronunciati e prolungati. Questi possono includere:

1. Aumento del tono dell'umore e della vigilanza
2. Aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna
3. Midriasi (dilatazione delle pupille)
4. Aumento della sudorazione e della temperatura corporea
5. Perdita di appetito
6. Insonnia
7. Paranoia e allucinazioni (a dosi elevate)

L'uso ricreativo o l'abuso di P-cloroamfetamina possono comportare rischi significativi per la salute, tra cui:

1. Dipendenza psicologica e fisica
2. Effetti collaterali acuti, come ipertensione, aritmie cardiache e convulsioni
3. Danni a lungo termine al sistema nervoso centrale, compreso il rischio di psicosi e disturbi dell'umore
4. Compromissione della funzione cognitiva e della memoria
5. Disfunzioni sessuali
6. Disturbi del sonno
7. Problemi gastrointestinali, come nausea, vomito e diarrea

A causa dei rischi associati all'uso di P-cloroamfetamina, è considerata una sostanza controllata in molti paesi e la sua produzione, distribuzione e possesso sono soggetti a severe sanzioni legali.

Gli inibitori della monoaminoossidasi (IMAO) sono un gruppo di farmaci che bloccano l'azione dell'enzima monoaminoossidasi, presente nel fegato e nel cervello. Questi enzimi svolgono un ruolo importante nella regolazione del livello di neurotrasmettitori, come la serotonina, la noradrenalina e la dopamina, che sono importanti per il funzionamento del sistema nervoso centrale.

Gli IMAO vengono utilizzati nel trattamento della depressione resistente ad altri farmaci antidepressivi, della fobia a stare in mezzo alla gente (agorafobia) e del disturbo post-traumatico da stress. Tuttavia, l'uso di questi farmaci è limitato a causa dei loro effetti collaterali e delle interazioni con altri farmaci e cibi.

Gli IMAO possono causare un aumento della pressione sanguigna, vertigini, sonnolenza, secchezza della bocca, stitichezza, ritenzione urinaria, sintomi extrapiramidali e alterazioni dell'umore. Inoltre, possono interagire con alcuni cibi contenenti tiramina, come formaggi fermentati, vino rosso, carne affumicata e insaccati, aumentando la pressione sanguigna e causando un grave aumento della frequenza cardiaca.

Per questi motivi, gli IMAO devono essere utilizzati con cautela e sotto stretto controllo medico, seguendo scrupolosamente le istruzioni del medico in merito alla dieta e all'assunzione di altri farmaci.

La ritanserina è un antagonista dei recettori della serotonina (5-HT2) che è stato studiato per il trattamento di diversi disturbi, come la schizofrenia e l'insonnia. Ha mostrato una certa efficacia nel ridurre i sintomi negativi e positivi della schizofrenia, ma non ha superato gli altri farmaci antipsicotici comunemente utilizzati a causa di preoccupazioni relative alla sua tossicità cardiovascolare.

La ritanserina agisce bloccando i recettori serotoninergici 5-HT2A e 5-HT2C nel cervello, il che può influenzare l'umore, la cognizione e la percezione sensoriale. Tuttavia, a causa dei suoi effetti collaterali e della limitata efficacia rispetto ad altri farmaci antipsicotici atipici, non viene più utilizzata clinicamente per il trattamento della schizofrenia o di altri disturbi mentali.

È importante notare che l'uso della ritanserina e di qualsiasi altro farmaco dovrebbe essere sempre supervisionato da un professionista sanitario qualificato, che valuterà i potenziali benefici e rischi del trattamento in base alle condizioni individuali del paziente.

I neuroni sono cellule specializzate del sistema nervoso che elaborano e trasmettono informazioni sotto forma di segnali elettrici e chimici. Sono costituiti da diversi compartimenti funzionali: il corpo cellulare (o soma), i dendriti e l'assone. Il corpo cellulare contiene il nucleo e la maggior parte degli organelli, mentre i dendriti sono brevi prolungamenti che ricevono input da altri neuroni o cellule effettrici. L'assone è un lungo prolungamento che può raggiungere anche diversi centimetri di lunghezza e serve a trasmettere il potenziale d'azione, il segnale elettrico generato dal neurone, ad altre cellule bersaglio.

I neuroni possono essere classificati in base alla loro forma, funzione e connettività. Alcuni tipi di neuroni includono i neuroni sensoriali, che rilevano stimoli dall'ambiente esterno o interno; i neuroni motori, che inviano segnali ai muscoli per provocare la contrazione; e i neuroni interneuroni, che collegano tra loro diversi neuroni formando circuiti neurali complessi.

La comunicazione tra i neuroni avviene attraverso sinapsi, giunzioni specializzate dove l'assone di un neurone pre-sinaptico entra in contatto con il dendrite o il corpo cellulare di un neurone post-sinaptico. Quando un potenziale d'azione raggiunge la terminazione sinaptica, induce il rilascio di neurotrasmettitori che diffondono nello spazio sinaptico e legano specifici recettori presenti sulla membrana plasmatica del neurone post-sinaptico. Questo legame determina l'apertura di canali ionici, alterando il potenziale di membrana del neurone post-sinaptico e dando origine a una risposta elettrica o chimica che può propagarsi all'interno della cellula.

I disturbi del sistema nervoso possono derivare da alterazioni nella struttura o nella funzione dei neuroni, delle sinapsi o dei circuiti neurali. Ad esempio, malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson sono caratterizzate dalla perdita progressiva di specifiche popolazioni di neuroni, mentre disordini psichiatrici come la depressione e la schizofrenia possono essere associati a alterazioni nella trasmissione sinaptica o nell'organizzazione dei circuiti neurali.

La neuroscienza è lo studio interdisciplinare del sistema nervoso, che integra conoscenze provenienti da diverse discipline come la biologia molecolare, la fisiologia, l'anatomia, la psicologia e la matematica per comprendere i meccanismi alla base della funzione cerebrale. Gli approcci sperimentali impiegati nella neuroscienza includono tecniche di registrazione elettrofisiologica, imaging ottico e di risonanza magnetica, manipolazione genetica e comportamentale, nonché modellazione computazionale.

La neuroscienza ha contribuito a far luce su molti aspetti della funzione cerebrale, come la percezione sensoriale, il movimento, l'apprendimento, la memoria, le emozioni e il pensiero. Tuttavia, rimangono ancora numerose domande irrisolte riguardanti i meccanismi alla base della cognizione e del comportamento umano. La neuroscienza continua a evolvere come disciplina, con l'obiettivo di fornire una comprensione sempre più approfondita dei principi fondamentali che governano il funzionamento del cervello e delle sue patologie.

La microdialisi è una tecnica di laboratorio invasiva utilizzata per monitorare continuamente i cambiamenti nella concentrazione di vari metaboliti e neurotrasmettitori all'interno dell'ambiente extracellulare dei tessuti viventi. Viene spesso impiegata in studi di ricerca biomedica e clinici, specialmente in campo neurologico e neurochirurgico.

Il processo comporta l'impianto di un catetere sottile dotato di una membrana porosa all'estremità nella regione di interesse del tessuto. La membrana consente il passaggio di molecole a basso peso molecolare, mentre blocca le cellule e le protee più grandi. Un liquido di lavaggio, come il normale liquido fisiologico, viene quindi pompato attraverso il catetere e fuori dalla membrana, creando un gradiente di concentrazione che attira i metaboliti e neurotrasmettitori dal tessuto circostante.

Il fluido microdializzato contenente queste molecole viene quindi raccolto in campioni sequenziali e analizzato utilizzando tecniche chimiche o biochimiche, come la cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC) o la spettrometria di massa. Ciò fornisce informazioni sui livelli e i cambiamenti nella concentrazione dei vari metaboliti e neurotrasmettitori nel tempo, che possono essere correlati con varie condizioni fisiologiche o patologiche.

La microdialisi è un utile strumento di ricerca per comprendere meglio i processi biochimici all'interno dei tessuti viventi e ha importanti applicazioni cliniche nella gestione di pazienti con lesioni cerebrali traumatiche, ictus e altre condizioni neurologiche.

Gli inibitori dell'assorbimento adrenergico sono un gruppo di farmaci che impediscono l'assorbimento e la riassorbimento della noradrenalina (neurotrasmettitore simpaticomimetico) dalle terminazioni nervose sinaptiche, aumentando così la clearance della noradrenalina e riducendo la sua attività nel corpo. Questi farmaci sono talvolta utilizzati per trattare l'ipertensione (pressione alta), poiché la riduzione dell'attività noradrenergica può aiutare a rilassare i vasi sanguigni e abbassare la pressione sanguigna. Un esempio comune di inibitore dell'assorbimento adrenergico è la reserpina, che viene utilizzata meno frequentemente rispetto ad altri farmaci per l'ipertensione a causa dei suoi effetti collaterali significativi, come depressione e parkinsonismo.

La buspirona è un farmaco ansiolitico utilizzato per trattare lo stato di ansia e tensione cronici. Agisce come un agonista parziale del recettore della serotonina (5-HT1A), il che significa che stimola questo recettore ma in misura minore rispetto alla serotonina stessa. Ciò può aiutare a ripristinare l'equilibrio dei neurotrasmettitori nel cervello e ridurre i sintomi dell'ansia.

A differenza di altri farmaci ansiolitici come le benzodiazepine, la buspirona non ha un effetto sedativo o rilassante muscolare significativo e ha un minor rischio di dipendenza o abuso. Tuttavia, può richiedere fino a due settimane di trattamento regolare per raggiungere l'efficacia completa.

Gli effetti collaterali comuni della buspirona includono vertigini, sonnolenza, mal di testa, nausea e secchezza delle fauci. In rari casi, può causare reazioni allergiche o altri effetti avversi gravi come pensieri suicidi, comportamento aggressivo o cambiamenti nel pensiero o nella percezione.

La buspirona è generalmente considerata sicura ed efficace quando utilizzata come indicato, ma dovrebbe essere utilizzata solo sotto la guida di un operatore sanitario qualificato a causa del potenziale di interazioni con altri farmaci e condizioni mediche.

Gli antagonisti del recettore 5-HT4 della serotonina sono farmaci che bloccano l'azione del neurotrasmettitore serotonina (o 5-idrossitriptamina, 5-HT) sui suoi recettori 5-HT4. Questi recettori si trovano in diversi tessuti, tra cui il sistema nervoso centrale e il tratto gastrointestinale.

L'antagonismo dei recettori 5-HT4 della serotonina può avere diverse conseguenze fisiologiche, a seconda del contesto. Ad esempio, negli ambienti clinici, gli antagonisti del recettore 5-HT4 della serotonina possono essere utilizzati per trattare alcuni disturbi gastrointestinali, come la sindrome dell'intestino irritabile e il reflusso gastroesofageo. Questi farmaci aiutano a rallentare la motilità gastrointestinale, riducendo i sintomi associati a queste condizioni.

Tuttavia, l'uso di antagonisti del recettore 5-HT4 della serotonina può anche essere associato ad alcuni effetti avversi, come la stitichezza e il ritardo dello svuotamento gastrico. Inoltre, poiché i recettori 5-HT4 sono presenti anche nel sistema nervoso centrale, l'uso di questi farmaci può influenzare la funzione cognitiva e comportamentale, sebbene tali effetti siano generalmente meno comuni e meno gravi rispetto ad altri antagonisti dei recettori serotoninergici.

Esempi di antagonisti del recettore 5-HT4 della serotonina includono farmaci come la granisetron, l'ondansetron e il palonosetron, che sono comunemente utilizzati per trattare la nausea e il vomito indotti da chemioterapia. Tuttavia, è importante notare che questi farmaci hanno anche attività antagonista su altri recettori serotoninergici, il che può influenzarne l'efficacia e la tollerabilità.

Gli agonisti del recettore della serotonina 5-HT3 sono farmaci che si legano e attivano i recettori 5-HT3 della serotonina, un tipo di recettore accoppiato a canali ionici presenti nel sistema nervoso centrale e periferico. Questi recettori svolgono un ruolo importante nella regolazione delle risposte emetiche e nella modulazione della trasmissione del dolore.

Gli agonisti del recettore 5-HT3 sono spesso utilizzati nel trattamento dei sintomi gastrointestinali, come la nausea e il vomito indotti da chemioterapia, radioterapia o anestesia. Alcuni esempi di agonisti del recettore 5-HT3 includono ondansetron (Zofran), granisetron (Kytril) e dolasetron (Anzemet).

Questi farmaci funzionano bloccando l'azione della serotonina sui suoi recettori 5-HT3, riducendo così la stimolazione del centro del vomito nel cervello e alleviando i sintomi gastrointestinali. Tuttavia, gli agonisti del recettore 5-HT3 possono anche causare effetti avversi come costipazione, diarrea, mal di testa, affaticamento e aumento della pressione sanguigna.

Le proteine del tessuto nervoso si riferiscono a specifiche proteine che sono presenti e svolgono funzioni cruciali nel tessuto nervoso, compreso il cervello, il midollo spinale e i nervi periferici. Queste proteine sono essenziali per la struttura, la funzione e la regolazione delle cellule nervose (neuroni) e dei loro supporti di comunicazione (sinapsi).

Esempi di proteine del tessuto nervoso includono:

1. Neurofilamenti: proteine strutturali che forniscono sostegno meccanico ai neuroni e sono coinvolte nel mantenimento della forma e delle dimensioni dei assoni (prolungamenti citoplasmatici dei neuroni).
2. Tubulina: una proteina globulare che compone i microtubuli, strutture cilindriche che svolgono un ruolo cruciale nel trasporto intracellulare e nella divisione cellulare nei neuroni.
3. Proteine di membrana sinaptica: proteine presenti nelle membrane presinaptiche e postsinaptiche, che sono responsabili della trasmissione dei segnali nervosi attraverso la sinapsi. Esempi includono i recettori ionotropici e metabotropici, canali ionici e proteine di adesione.
4. Canali ionici: proteine transmembrana che controllano il flusso degli ioni attraverso la membrana cellulare, svolgendo un ruolo cruciale nella generazione e trasmissione dell'impulso nervoso (potenziale d'azione).
5. Enzimi: proteine che catalizzano reazioni chimiche importanti per il metabolismo energetico, la neurotrasmissione e la segnalazione cellulare nel tessuto nervoso. Esempi includono l'acetilcolinesterasi, che degrada il neurotrasmettitore acetilcolina, e le chinasi e fosfatasi, che regolano i percorsi di segnalazione cellulare.
6. Proteine strutturali: proteine che forniscono supporto e stabilità alla cellula neuronale, come la tubulina, che forma il citoscheletro microtubulare, e le neurofilamenti, che costituiscono il citoscheletro intermedio.
7. Proteine di riparazione del DNA: proteine responsabili della riparazione del DNA danneggiato da fattori ambientali o processi cellulari normali, come la polimerasi beta e l'ossidoreduttasi PARP-1.
8. Fattori di trascrizione: proteine che legano il DNA e regolano l'espressione genica, svolgendo un ruolo cruciale nello sviluppo, nella differenziazione e nella plasticità sinaptica dei neuroni. Esempi includono CREB, NF-kB e STAT3.
9. Proteine di segnalazione cellulare: proteine che trasducono i segnali extracellulari in risposte intracellulari, come le tirosina chinasi, le serina/treonina chinasi e le GTPasi.
10. Proteine di degradazione delle proteine: proteine responsabili della degradazione delle proteine danneggiate o non più necessarie, come le proteasi e le ubiquitin ligasi.

La norepinefrina, nota anche come noradrenalina, è un neurotrasmettitteore e un ormone che fa parte del sistema nervoso simpatico. Viene prodotta principalmente dalle cellule cromaffini situate nel midollo surrenale e in piccole quantità da alcuni neuroni nel sistema nervoso centrale.

La norepinefrina svolge un ruolo importante nella risposta "lotta o fuga" dell'organismo, aumentando la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il flusso di sangue ai muscoli scheletrici. Inoltre, essa è coinvolta nella regolazione dell'attenzione, della memoria e dell'umore.

Come neurotrasmettitteore, la norepinefrina viene rilasciata dai neuroni noradrenergici per trasmettere segnali ad altri neuroni o cellule effettrici. La sua azione è mediata da recettori adrenergici presenti sulla membrana plasmatica delle cellule bersaglio.

In condizioni patologiche, i livelli anormali di norepinefrina possono essere associati a diverse malattie, come l'ipertensione arteriosa, la depressione e alcuni disturbi neurologici.

Gli agenti neurotrasmettitori sono composti chimici che permettono la comunicazione tra cellule nervose (neuroni) nel sistema nervoso centrale e periferico. Essi svolgono un ruolo cruciale nella regolazione di una vasta gamma di funzioni corporee, tra cui l'umore, la memoria, il sonno, l'appetito, il dolore e la cognizione.

I neurotrasmettitori sono rilasciati da un neurone in risposta a uno stimolo elettrico (potenziale d'azione) e diffondono attraverso lo spazio intersinaptico per legarsi ai recettori postsinaptici su un altro neurone. Questa interazione può causare l'eccitazione o l'inibizione del secondo neurone, determinando se verrà trasmesso o meno il segnale nervoso.

Esistono diversi tipi di neurotrasmettitori, tra cui:

1. Aminoacidi: come glutammato (eccitatorio), GABA (inibitorio) e glicina (inibitoria).
2. Monoamine: come serotonina, dopamina, norepinefrina e epinefrina.
3. Aminoacidi modificati: come acetilcolina e istamina.
4. Peptidi: come endorfine, encefaline e sostanze P.

Gli squilibri nei livelli o nelle funzioni dei neurotrasmettitori possono portare a diversi disturbi neurologici e psichiatrici, come la depressione, l'ansia, la schizofrenia e il morbo di Parkinson. Pertanto, i farmaci che agiscono sui neurotrasmettitori sono spesso utilizzati nel trattamento di tali condizioni.

I serotonin 5-HT4 receptor agonists sono farmaci che si legano e attivano i recettori 5-HT4 della serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) nel sistema nervoso centrale e periferico. Questi recettori sono presenti in diversi tessuti, tra cui il cervello, l'intestino, il cuore e i vasi sanguigni.

L'attivazione dei recettori 5-HT4 da parte di questi agonisti porta a una varietà di effetti fisiologici, tra cui:

1. Miglioramento della motilità gastrointestinale: Gli agonisti del recettore 5-HT4 possono aumentare la peristalsi intestinale e ridurre il tempo di transito gastrointestinale, il che può essere vantaggioso nel trattamento della stitichezza.
2. Modulazione dell'umore e della cognizione: L'attivazione dei recettori 5-HT4 nel cervello può avere effetti antidepressivi e migliorare la memoria e l'apprendimento.
3. Regolazione cardiovascolare: Gli agonisti del recettore 5-HT4 possono causare una vasodilatazione periferica, che può essere utile nel trattamento dell'ipertensione.

Esempi di farmaci che agiscono come agonisti del recettore 5-HT4 includono:

* Prucalopride: Utilizzato principalmente per il trattamento della stitichezza cronica.
* Mosapride: Utilizzato nel trattamento dei disturbi gastrointestinali funzionali, come la dispepsia e la sindrome del colon irritabile.
* Cisapride: Era precedentemente utilizzato per il trattamento della stitichezza e del reflusso gastroesofageo, ma è stato ritirato dal mercato a causa dei rischi di aritmie cardiache.

Gli agonisti del recettore 5-HT4 possono causare effetti avversi come diarrea, nausea, mal di testa e aumento della frequenza cardiaca. Pertanto, devono essere utilizzati con cautela e sotto la supervisione di un medico.

Le cellule Enterochromaffini, anche conosciute come cellule EC o cellule Kulchitsky, sono un tipo di cellule neuroendocrine presenti nel tratto gastrointestinale. Si trovano principalmente nella mucosa dell'intestino tenue e crasso, dove svolgono un ruolo importante nella regolazione della motilità intestinale, della secrezione di fluidi e enzimi, e della sensazione di dolore o fastidio a livello addominale.

Le cellule Enterochromaffini contengono granuli citoplasmatici che contengono vari mediatori chimici, come serotonina, istamina, e peptidi regolatori dell'asse nervoso simpatico-parasimpatico. Quando vengono stimolate da fattori come cibo, stress o ormoni, rilasciano questi mediatori che agiscono localmente o a distanza attraverso il sistema nervoso enterico o il circolo sistemico.

Una particolare sottopopolazione di cellule Enterochromaffini, chiamate cellule enteroserotoninergiche, sono responsabili della produzione e del rilascio della maggior parte della serotonina presente nell'organismo. La serotonina svolge un ruolo chiave nella regolazione della motilità intestinale e del dolore a livello gastrointestinale, ed è anche implicata nello sviluppo di diversi disturbi funzionali gastrointestinali, come la sindrome dell'intestino irritabile.

La chimica del cervello, nota anche come neurochimica, è lo studio delle sostanze chimiche e dei processi biochimici che sono presenti nel cervello e svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione dei pensieri, delle emozioni, del comportamento e della fisiologia del cervello. Questi composti chimici includono neurotrasmettitori, ormoni, neuromodulatori, farmaci e altre sostanze che influenzano l'attività e la comunicazione tra i neuroni (cellule nervose) nel sistema nervoso centrale.

I neurotrasmettitori sono i principali messaggeri chimici del cervello e svolgono un ruolo cruciale nella trasmissione dei segnali elettrici tra i neuroni. Tra i neurotrasmettitori più noti ci sono la dopamina, la serotonina, la norepinefrina, l'acetilcolina, il glutammato e il GABA (acido gamma-aminobutirrico). Questi composti possono influenzare l'umore, le emozioni, l'apprendimento, la memoria, la motricità e altri processi cerebrali.

Gli ormoni sono altre sostanze chimiche che svolgono un ruolo importante nella regolazione delle funzioni cerebrali e corporee. Alcuni esempi di ormoni che influenzano il cervello includono l'ossitocina, la vasopressina, la cortisolo, l'insulina e le sostanze prodotte dalle ghiandole endocrine.

I neuromodulatori sono composti chimici che modulano l'attività dei neurotrasmettitori e possono influenzare la forza e la durata dell'impulso nervoso. Alcuni esempi di neuromodulatori includono le endorfine, i cannabinoidi e l'istamina.

La chimica del cervello è un campo di studio in continua evoluzione che mira a comprendere meglio il ruolo dei diversi composti chimici nel regolare le funzioni cerebrali e come tali composti possano essere influenzati da fattori ambientali, genetici e farmacologici. Questa conoscenza può contribuire allo sviluppo di trattamenti più efficaci per una varietà di disturbi neurologici e psichiatrici.

I cicloesanoli sono una classe di composti organici che contengono un gruppo funzionale alcolico (-OH) legato a un anello di cicloesano. L'cicloesano è un idrocarburo ciclico a sei membri con formula molecolare C6H12. Quando un atomo di idrogeno nell'anello di cicloesano viene sostituito da un gruppo funzionale alcolico (-OH), si forma un cicloesanolo.

I cicloesanoli possono essere classificati come primari, secondari o terziari, a seconda che il gruppo alcolico sia legato a un carbonio primario, secondario o terziario dell'anello di cicloesano. I cicloesanoli sono utilizzati in una varietà di applicazioni, tra cui la produzione di profumi, farmaci e plastici.

Esempi di cicloesanoli includono il cicloesanolo (1-idrossicicloesano), il metilcicloesanolo (2-metossicicloesano) e l'etilcicloesanolo (2-etossicicloesano).

In medicina, i cicloesanoli non hanno un ruolo specifico come classe di composti. Tuttavia, alcuni singoli cicloesanoli possono avere applicazioni mediche. Ad esempio, il cicloesanolo è stato utilizzato come solvente per la preparazione di farmaci e come agente anestetico locale. Il metilcicloesanolo è talvolta usato come solvente in alcuni prodotti farmaceutici.

È importante notare che l'uso di solventi come il cicloesanolo e il metilcicloesanolo deve essere fatto con cautela, poiché possono causare effetti avversi se assorbiti o inalati in grandi quantità.

La metergoline è un farmaco ergolinico che agisce come antagonista della dopamina e dell'serotonina. Viene utilizzato nel trattamento della malattia di Parkinson, della sindrome delle gambe senza riposo e dei disturbi del movimento associati alla neurolettica. Ha anche mostrato alcune proprietà di blocco della prolattina e viene talvolta utilizzato per trattare l'iperprolattinemia. Gli effetti avversi possono includere nausea, vomito, vertigini, sonnolenza e raramente reazioni allergiche. L'uso di metergoline durante la gravidanza non è raccomandato a causa del potenziale rischio di danni al feto.

Le proteine della vescicola di trasporto delle monoamine (VMAT) sono una classe di proteine di membrana integrali che svolgono un ruolo cruciale nel trasporto e nella regolazione del rilascio di neurotrasmettitori monoaminergici, come serotonina, dopamina, norepinefrina e epinefrina, all'interno delle vescicole sinaptiche.

Esistono due isoforme principali di VMAT, VMAT1 e VMAT2, entrambe codificate da geni diversi. VMAT1 è espressa principalmente nei tessuti periferici, come il sistema gastrointestinale e le ghiandole endocrine, mentre VMAT2 è maggiormente presente nel sistema nervoso centrale.

Le proteine VMAT utilizzano un gradiente di protoni (H+) attraverso la membrana vescicolare per trasportare i neurotrasmettitori monoaminergici all'interno delle vescicole. Questo processo è noto come antiporto e consente il mantenimento di alti livelli di neurotrasmettitori all'interno delle vescicole, pronti per essere rilasciati nel gap sinaptico in risposta a stimoli appropriati.

Una disfunzione delle proteine VMAT è stata associata a diverse patologie neurologiche e psichiatriche, come la malattia di Parkinson e il disturbo bipolare. Inoltre, alcuni farmaci, come i fenotiazini e gli inibitori della ricaptazione della serotonina e noradrenalina (SNRI), possono interagire con le proteine VMAT alterandone l'attività e influenzando il rilascio di neurotrasmettitori monoaminergici.

Gli allucinogeni sono una classe di sostanze chimiche che alterano la mente e producono effetti percettivi, emotivi e cognitivi significativi. Questi composti attivano i recettori del sistema nervoso centrale, in particolare quelli legati alla serotonina, portando a cambiamenti nella percezione, nel pensiero, nell'umore e nei comportamenti.

Gli allucinogeni includono sostanze come LSD (diossido di lysergamide), psilocibina, mescalina e DMT (dimetiltriptammina). Questi farmaci possono causare allucinazioni, distorsioni sensoriali, alterazioni del pensiero e cambiamenti nell'umore.

Gli effetti degli allucinogeni variano notevolmente da persona a persona e possono dipendere dalla dose, dallo stato mentale della persona, dall'ambiente circostante e dall'esperienza precedente con tali sostanze. Gli effetti possono essere piacevoli o spiacevoli, a seconda delle circostanze.

L'uso di allucinogeni può comportare rischi significativi, tra cui reazioni negative acute (come ansia, paura e paranoia), danni psicologici a lungo termine e persino psicosi temporanee o permanenti in alcuni individui. Inoltre, l'uso di allucinogeni può aumentare il rischio di incidenti e lesioni, soprattutto se la persona è sotto l'influenza della sostanza in ambienti pericolosi o mentre svolge attività che richiedono concentrazione e coordinazione.

Il Disturbo Depressivo, come definito nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), è un disturbo dell'umore caratterizzato dalla presenza di episodi depressivi maggiori o di disturbi depressivi persistenti.

Un episodio depressivo maggiore è una sindrome caratterizzata da almeno due settimane di umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno, o la perdita di interesse o piacere nelle attività. L'umore depresso deve rappresentare un cambiamento significativo dal precedente livello di funzionamento dell'individuo e causare disagio clinicamente significativo o compromissione nel sociale, lavorativo o in altre aree importanti della vita quotidiana.

I sintomi associati a questo disturbo possono includere:

1. Significativa diminuzione dell'appetito o del peso corporeo
2. Insonnia o ipersonnia
3. Agitazione o rallentamento psicomotorio
4. Affaticabilità o mancanza di energia
5. Sentimenti di autosvalutazione o eccessiva colpa
6. Diminuita capacità di pensare, concentrarsi o prendere decisioni
7. Pensieri ricorrenti di morte, ricorrente ideazione suicidaria senza un piano specifico o una tentata suicidio o un piano specifico per commettere suicidio

Per poter diagnosticare il Disturbo Depressivo, i sintomi non devono essere dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza o a una condizione medica generale. Inoltre, i sintomi non possono soddisfare i criteri per un disturbo schizofrenico, disturbo schizoaffettivo, disturbo delirante, o disturbo di personalità antisociale.

Il Disturbo Depressivo può presentarsi in forme diverse, come il Disturbo depressivo maggiore, il Disturbo depressivo persistente (distimia), e il Disturbo disregolato dell'umore con episodi depressivi maggiori.

La dexfenfluramina è un farmaco simpaticomimetico che agisce come un agonista selettivo dei recettori 5-HT2C del sistema nervoso centrale. È stato originariamente sviluppato come un farmaco antiobesità a causa del suo effetto di sopprimere l'appetito, ma è stato ritirato dal mercato in molti paesi a causa del rischio di valvulopatia cardiaca e ipertensione polmonare.

La dexfenfluramina agisce aumentando la liberazione di serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) dai neuroni e inibendo la ricaptazione della serotonina da parte delle cellule presinaptiche. Ciò porta a un aumento della concentrazione di serotonina nel gap sinaptico e alla stimolazione dei recettori postsinaptici, compresi i recettori 5-HT2C.

L'attivazione dei recettori 5-HT2C porta a una serie di effetti centrali, tra cui la soppressione dell'appetito e l'aumento della sazietà. Tuttavia, il farmaco è stato anche associato a un aumentato rischio di valvulopatia cardiaca e ipertensione polmonare, che alla fine hanno portato al suo ritiro dal mercato.

In sintesi, la dexfenfluramina è stata un farmaco antiobesità che ha agito come un agonista selettivo dei recettori 5-HT2C del sistema nervoso centrale, aumentando la liberazione di serotonina e sopprimendo l'appetito. Tuttavia, a causa del rischio di effetti collaterali gravi, tra cui valvulopatia cardiaca e ipertensione polmonare, è stato ritirato dal mercato in molti paesi.

La 5,6-diidrossitriptamina è una sostanza chimica che appartiene alla classe delle triptamine. È un metabolita della serotonina, un neurotrasmettitore importante nel cervello umano. Viene prodotta naturalmente nel corpo e svolge un ruolo nella regolazione dell'umore, del sonno e dell'appetito.

In ambito medico, la 5,6-diidrossitriptamina non ha attualmente alcuna applicazione terapeutica approvata. Tuttavia, è stata studiata per il suo potenziale utilizzo nel trattamento di disturbi come la depressione resistente ai trattamenti e l'emicrania.

È importante notare che la 5,6-diidrossitriptamina può anche essere sintetizzata in laboratorio ed è stata utilizzata come sostanza stupefacente con effetti allucinogeni. Tuttavia, l'uso di questa sostanza al di fuori di un contesto medico e supervisionato da personale sanitario qualificato è altamente sconsigliato a causa dei rischi associati al suo utilizzo non controllato.

L'idrossitriptofol è un metabolita della serotonina, un neurotrasmettitore importante nel sistema nervoso centrale. Viene prodotto dal fegato come parte del processo di disintossicazione del corpo ed è normalmente presente in piccole quantità nell'urina. Tuttavia, livelli elevati di idrossitriptofol possono essere un indicatore di una condizione medica sottostante, come ad esempio un disturbo genetico che colpisce l'attività degli enzimi responsabili del metabolismo della serotonina.

Elevati livelli di idrossitriptofol possono anche essere associati a una maggiore esposizione alla tossicità della serotonina, poiché questo metabolita è noto per avere effetti neurotossici. Tuttavia, è importante notare che la relazione tra l'idrossitriptofol e i disturbi neurologici non è completamente compresa e sono necessari ulteriori studi per chiarire il suo ruolo esatto nella fisiopatologia di queste condizioni.

Le proteine di trasporto della membrana plasmatica della dopamina sono un tipo specifico di proteine transmembrana che regolano il passaggio di dopamina attraverso la membrana plasmatica delle cellule. La dopamina è un neurotrasmettitore importante nel sistema nervoso centrale e periferico, ed è implicata in una varietà di processi fisiologici e patologici.

Esistono due tipi principali di proteine di trasporto della membrana plasmatica della dopamina: il trasportatore della dopamina (DAT) e il co-trasportatore della dopamina e norepinefrina (DNT). Il DAT è una proteina transmembrana che si trova principalmente nelle terminazioni nervose presinaptiche e funziona per riprendere la dopamina rilasciata dalle sinapsi, terminarne l'azione e riciclarla all'interno della cellula. Il DNT, d'altra parte, è presente in una varietà di tessuti ed è responsabile del trasporto simultaneo di dopamina e norepinefrina all'interno delle cellule.

Le proteine di trasporto della membrana plasmatica della dopamina svolgono un ruolo cruciale nel mantenere l'equilibrio dei neurotrasmettitori nella sinapsi e sono quindi obiettivi importanti per lo sviluppo di farmaci per il trattamento di diverse condizioni neurologiche e psichiatriche, come la malattia di Parkinson e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Gli autorecettori, noti anche come recettori autoinibitori o recettori autofrenanti, sono un tipo specifico di recettori situati sulla membrana cellulare che, quando attivati, inibiscono l'attività della stessa cellula. Questi recettori sono presenti su molti tipi di cellule e svolgono un ruolo importante nel mantenere l'equilibrio delle cellule e dei tessuti.

Nel sistema nervoso centrale, gli autorecettori sono spesso localizzati sui neuroni e possono essere attivati da neurotrasmettitori rilasciati dalle stesse cellule. Ad esempio, i recettori D2 della dopamina sono un tipo comune di autorecettori che si trovano sui neuroni dopaminergici. Quando la dopamina viene rilasciata da questi neuroni e si lega ai suoi recettori D2, inibisce l'ulteriore rilascio di dopamina dalla stessa cellula.

Gli autorecettori svolgono un ruolo importante nella regolazione dell'attività neuronale e possono essere influenzati da farmaci che modulano la loro attività. Ad esempio, alcuni antipsicotici utilizzati per trattare la schizofrenia agiscono bloccando i recettori D2 della dopamina, il che può ridurre l'eccessiva attivazione di questi autorecettori e aiutare a normalizzare l'attività neuronale.

Tuttavia, è importante notare che un uso improprio o eccessivo di tali farmaci può portare a effetti collaterali indesiderati, come la sindrome neuleptica maligna, che può essere causata dall'eccessiva inibizione dell'attività neuronale. Pertanto, è fondamentale un uso appropriato e monitoraggio dei farmaci che influenzano l'attività degli autorecettori.

Spiperone è un farmaco antipsicotico atipico che appartiene alla classe delle difenilbutilpiperidine. Viene utilizzato principalmente nel trattamento della schizofrenia e dei disturbi bipolari. Il meccanismo d'azione di spiperone si basa sulla sua capacità di antagonizzare i recettori dopaminergici D2 e serotoninergici 5-HT2A. Ciò consente a spiperone di ridurre la produzione e il rilascio di dopamina, che sono associati ai sintomi positivi della schizofrenia come allucinazioni e deliri. Inoltre, spiperone può anche agire sui recettori adrenergici, istaminergici e colinergici, il che contribuisce al suo profilo farmacologico unico.

Gli effetti collaterali di spiperone possono includere sonnolenza, aumento di peso, movimenti involontari, secchezza della bocca e alterazioni del ritmo cardiaco. In rari casi, può anche causare sindrome neurolettica maligna, una condizione grave che richiede un trattamento immediato.

È importante notare che l'uso di spiperone deve essere strettamente monitorato da un operatore sanitario qualificato a causa del suo potenziale di causare effetti collaterali gravi e per garantire che il farmaco venga utilizzato alla dose appropriata. Inoltre, è importante informare il medico di qualsiasi condizione medica preesistente o di qualsiasi altro farmaco in uso prima di iniziare il trattamento con spiperone.

L'analisi della varianza (ANOVA) è una tecnica statistica utilizzata per confrontare le medie di due o più gruppi di dati al fine di determinare se esistano differenze significative tra di essi. Viene comunemente impiegata nell'ambito dell'analisi dei dati sperimentali, specialmente in studi clinici e di ricerca biologica.

L'ANOVA si basa sulla partizione della varianza totale dei dati in due componenti: la varianza tra i gruppi e la varianza all'interno dei gruppi. La prima rappresenta le differenze sistematiche tra i diversi gruppi, mentre la seconda riflette la variabilità casuale all'interno di ciascun gruppo.

Attraverso l'utilizzo di un test statistico, come il test F, è possibile confrontare le due componenti della varianza per stabilire se la varianza tra i gruppi sia significativamente maggiore rispetto alla varianza all'interno dei gruppi. Se tale condizione si verifica, ciò indica che almeno uno dei gruppi presenta una media diversa dalle altre e che tali differenze non possono essere attribuite al caso.

L'ANOVA è un metodo potente ed efficace per analizzare i dati sperimentali, in particolare quando si desidera confrontare le medie di più gruppi simultaneamente. Tuttavia, va utilizzata con cautela e interpretata correttamente, poiché presenta alcune limitazioni e assunzioni di base che devono essere soddisfatte per garantire la validità dei risultati ottenuti.

Gli inibitori dell'assorbimento del neurotrasmettitore sono farmaci o sostanze che impediscono il riassorbimento (o ricaptazione) dei neurotrasmettitori dalle sinapsi, aumentando così la loro concentrazione e il tempo di permanenza nell'area sinaptica. Ciò porta ad una maggiore stimolazione dei recettori postsinaptici e quindi ad un'amplificazione del segnale nervoso.

Un esempio ben noto di inibitore dell'assorbimento del neurotrasmettitore è la classe degli antidepressivi noti come "inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina" (SSRI), che prevengono la ricaptazione della serotonina, un importante neurotrasmettitore implicato nella regolazione dell'umore. Altri esempi includono gli inibitori della ricaptazione della noradrenalina (NRI) e gli inibitori della ricaptazione della dopamina (DRI), che prevengono la ricaptazione di noradrenalina e dopamina, rispettivamente. Questi farmaci sono utilizzati nel trattamento di una varietà di disturbi neurologici e psichiatrici, come depressione, ansia e disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD).

La ghiandola pineale, nota anche come epifisi, è una piccola ghiandola endocrina situata nel cervello. Pesa solo circa 0,1-0,2 grammi e ha circa la dimensione di un chicco di riso. Si trova vicino al centro del cervello, tra i due emisferi cerebrali, ed è circondata da liquido cerebrospinale.

La ghiandola pineale è responsabile della produzione di melatonina, un ormone che regola il ciclo sonno-veglia. La produzione di melatonina aumenta al buio e diminuisce alla luce, aiutando a regolare il nostro ritmo circadiano o orologio interno.

La ghiandola pineale è anche considerata un'importante area di ricerca per la sua possibile connessione con i fenomeni spirituali e misticisti. Alcune culture e tradizioni religiose considerano la ghiandola pineale come il "terzo occhio" o il centro della consapevolezza spirituale. Tuttavia, queste affermazioni non sono supportate da prove scientifiche concrete.

La cocaina è un alcaloide potente e stimolante, derivato dalle foglie della pianta di coca (Erythroxylon coca). È un agonista dei recettori dopaminergici e noradrenergici nel sistema nervoso centrale, il che significa che provoca la liberazione e inibisce il reuptake di questi neurotrasmettitori, portando ad un aumento della loro attività.

Viene spesso sniffata o inalata attraverso il fumo, ma può anche essere iniettata o assunta per via orale. L'effetto immediato è una sensazione di euforia, aumento dell'energia, della vigilanza e della capacità di concentrazione, riduzione del bisogno di sonno e della sensazione di fame. Tuttavia, l'uso prolungato o regolare può portare a dipendenza, psicosi, allucinazioni, paranoia, disturbi cardiovascolari e danni ai tessuti nasali.

L'abuso di cocaina è una grave questione sanitaria pubblica in molti paesi, poiché può causare gravi problemi sociali ed economici oltre a quelli di salute. Il trattamento dell'abuso di cocaina spesso richiede un approccio multidisciplinare che includa la disintossicazione, la consulenza psicologica e il supporto sociale.

Il polimorfismo genetico è un tipo di variabilità nella sequenza del DNA che si verifica all'interno di una popolazione. Si riferisce a differenze che si trovano nel 2% o più della popolazione. Questi possono includere singole nucleotidi polimorfismi (SNP), in cui un singolo nucleotide base è sostituito da un altro, o varianti ripetute di sequenze di DNA più lunghe, come le varianti a tandem ripetute (VNTR).

Il polimorfismo genetico gioca un ruolo importante nello studio della genetica umana e dell'ereditarietà delle malattie. Le differenze nel polimorfismo genetico possono influenzare il rischio di sviluppare una malattia, la risposta a determinati farmaci o trattamenti medici, e altri tratti ereditari.

L'identificazione dei polimorfismi genetici può essere utilizzata per identificare i fattori di rischio genetici per le malattie, per sviluppare test diagnostici più precisi, e per personalizzare la cura medica in base alle caratteristiche genetiche individuali. Tuttavia, è importante notare che il polimorfismo genetico da solo spesso non è sufficiente a causare una malattia o un tratto, ma piuttosto interagisce con altri fattori ambientali e genetici per influenzare l'espressione fenotipica.

Gli Ratti Wistar sono una particolare razza/stirpe di ratti comunemente utilizzati in ambito di ricerca scientifica e sperimentazioni di laboratorio. Questa specifica stirpe di ratti è stata sviluppata presso la Wistar Institute di Filadelfia, negli Stati Uniti, alla fine del XIX secolo. I Ratti Wistar sono noti per la loro relativa uniformità genetica e la prevedibilità del loro sviluppo e crescita, il che li rende particolarmente adatti per gli studi scientifici controllati. Vengono impiegati in una vasta gamma di ricerche, che spaziano dagli esperimenti biomedici allo studio delle scienze comportamentali. Sono disponibili diverse linee e ceppi di Ratti Wistar, selezionati per caratteristiche specifiche, come la suscettibilità o resistenza a determinate malattie o condizioni patologiche.

Le glicoproteine della membrana sono proteine transmembrana che contengono domini glucidici covalentemente legati. Questi zuccheri possono essere attaccati alla proteina in diversi punti, compresi i residui di asparagina (N-linked), serina/treonina (O-linked) o entrambi. Le glicoproteine della membrana svolgono una varietà di funzioni importanti, tra cui il riconoscimento cellulare, l'adesione e la segnalazione.

Le glicoproteine della membrana sono costituite da un dominio idrofobico che attraversa la membrana lipidica e da domini idrofilici situati su entrambi i lati della membrana. Il dominio idrofobo è composto da una sequenza di aminoacidi idrofobici che interagiscono con i lipidi della membrana, mentre i domini idrofili sono esposti all'ambiente acquoso all'interno o all'esterno della cellula.

Le glicoproteine della membrana possono essere classificate in base alla loro localizzazione e funzione. Alcune glicoproteine della membrana si trovano sulla superficie esterna della membrana plasmatica, dove svolgono funzioni di riconoscimento cellulare e adesione. Altre glicoproteine della membrana sono localizzate all'interno della cellula, dove svolgono funzioni di trasduzione del segnale e regolazione dell'attività enzimatica.

Le glicoproteine della membrana sono importanti bersagli per i virus e altri patogeni che utilizzano queste proteine per legarsi e infettare le cellule ospiti. Inoltre, le mutazioni nelle glicoproteine della membrana possono essere associate a malattie genetiche, come la fibrosi cistica e alcune forme di distrofia muscolare.

In sintesi, le glicoproteine della membrana sono una classe importante di proteine che svolgono funzioni vitali nella cellula, tra cui il riconoscimento cellulare, l'adesione e la trasduzione del segnale. La loro localizzazione e funzione specifiche dipendono dalla loro struttura e composizione glicanica, che possono essere modificate in risposta a stimoli ambientali o fisiologici. Le glicoproteine della membrana sono anche importanti bersagli per i virus e altri patogeni, nonché per lo sviluppo di farmaci e terapie innovative.

In medicina, i "fattori temporali" si riferiscono alla durata o al momento in cui un evento medico o una malattia si verifica o progredisce. Questi fattori possono essere cruciali per comprendere la natura di una condizione medica, pianificare il trattamento e prevedere l'esito.

Ecco alcuni esempi di come i fattori temporali possono essere utilizzati in medicina:

1. Durata dei sintomi: La durata dei sintomi può aiutare a distinguere tra diverse condizioni mediche. Ad esempio, un mal di gola che dura solo pochi giorni è probabilmente causato da un'infezione virale, mentre uno che persiste per più di una settimana potrebbe essere causato da una infezione batterica.
2. Tempo di insorgenza: Il tempo di insorgenza dei sintomi può anche essere importante. Ad esempio, i sintomi che si sviluppano improvvisamente e rapidamente possono indicare un ictus o un infarto miocardico acuto.
3. Periodicità: Alcune condizioni mediche hanno una periodicità regolare. Ad esempio, l'emicrania può verificarsi in modo ricorrente con intervalli di giorni o settimane.
4. Fattori scatenanti: I fattori temporali possono anche includere eventi che scatenano la comparsa dei sintomi. Ad esempio, l'esercizio fisico intenso può scatenare un attacco di angina in alcune persone.
5. Tempo di trattamento: I fattori temporali possono influenzare il trattamento medico. Ad esempio, un intervento chirurgico tempestivo può essere vitale per salvare la vita di una persona con un'appendicite acuta.

In sintesi, i fattori temporali sono importanti per la diagnosi, il trattamento e la prognosi delle malattie e devono essere considerati attentamente in ogni valutazione medica.

In anatomia dei invertebrati, un ganglio è un ammasso di cellule nervose (ganglionic glomeruli) che formano un nodulo all'interno del sistema nervoso periferico. I gangli sono presenti in molti phyla di invertebrati, come molluschi, anellidi, artropodi e nematodi, dove svolgono funzioni importanti nella ricezione sensoriale, nel controllo dei movimenti e nell'integrazione degli impulsi nervosi.

Nei gruppi più semplici di invertebrati, come i cnidari (come le meduse e gli anemoni di mare), non ci sono gangli veri e propri, ma solo una rete diffusa di cellule nervose. Tuttavia, nei phyla più complessi, come molluschi e artropodi, i gangli formano strutture più organizzate che possono essere paragonate a una sorta di cervello locale o a un centro di controllo per specifiche funzioni corporee.

Nei molluschi, ad esempio, ci sono diversi gangli che formano il sistema nervoso centrale, tra cui i paia pleurali e pedali, che controllano i movimenti del mantello e del piede, e il ganglio cerebrale, che è coinvolto nella ricezione sensoriale e nel comportamento.

Nei artropodi, come gli insetti e i crostacei, ci sono due gangli principali, il ganglio sopraesofageo e il ganglio sottoesofageo, che insieme formano il cervello e il midollo allungato. Questi gangli controllano la maggior parte delle funzioni corporee, tra cui la deambulazione, la masticazione, la respirazione e la ricezione sensoriale.

In sintesi, i gangli degli invertebrati sono strutture importanti del sistema nervoso periferico che svolgono un ruolo cruciale nella regolazione delle funzioni corporee e nel controllo dei movimenti.

Mianserina è un farmaco antidepressivo tetraciclico (TeCA) che viene utilizzato principalmente per il trattamento della depressione. Funziona aumentando l'attività dei neurotrasmettitori, come la serotonina e la noradrenalina, nel cervello. Questi neurotrasmettitori sono coinvolti nella regolazione dell'umore e del sonno, tra le altre funzioni.

Mianserina è nota per avere un effetto equilibrato sui recettori serotoninergici e noradrenergici, il che la distingue da altri antidepressivi triciclici (TCA) che possono avere un'azione più selettiva. Questa caratteristica può rendere Mianserina meno propensa a causare effetti collaterali anticolinergici, come la secchezza delle fauci, la costipazione e l'accomodamento visivo compromesso, che sono comuni con altri TCA.

Gli effetti avversi più comuni di Mianserina includono sonnolenza, vertigini, aumento di peso e secchezza delle fauci. È importante notare che Mianserina può abbassare la soglia convulsiva e pertanto non deve essere utilizzata in pazienti con anamnesi di convulsioni o disturbi epilettici.

Come con qualsiasi farmaco, Mianserina dovrebbe essere prescritta e monitorata da un operatore sanitario qualificato che tenga conto dei potenziali benefici e rischi associati al suo utilizzo.

L'attività motoria, in termini medici, si riferisce a qualsiasi movimento del corpo che richiede l'uso di muscoli scheletrici e consuma energia. Questa può includere una vasta gamma di attività, come passeggiare, correre, nuotare, andare in bicicletta, sollevare pesi, praticare sport o semplicemente svolgere le normali attività quotidiane come fare le pulizie domestiche o lavorare in giardino.

L'attività motoria è spesso misurata in termini di intensità, durata e frequenza. L'intensità si riferisce alla quantità di energia consumata durante l'attività, che può essere leggera, moderata o vigorosa. La durata indica per quanto tempo viene svolta l'attività, mentre la frequenza si riferisce a quante volte si svolge l'attività in un determinato periodo di tempo.

L'attività motoria è considerata un fattore importante per la promozione e il mantenimento della salute fisica e mentale. Essa può aiutare a controllare il peso, ridurre il rischio di malattie croniche come diabete, malattie cardiovascolari e cancro, migliorare l'umore e la qualità del sonno, aumentare l'energia e ridurre lo stress.

È importante scegliere un'attività motoria che sia piacevole e adatta alle proprie capacità e preferenze personali, al fine di mantenere la motivazione a svolgerla regolarmente. Prima di iniziare qualsiasi programma di attività fisica, è consigliabile consultare un medico, soprattutto se si hanno problemi di salute preesistenti o se si è sedentari da lungo tempo.

La piridina è un composto organico eterociclico basico con la formula chimica C5H5N. È costituita da un anello a sei atomi, formato da cinque atomi di carbonio e uno di azoto. La piridina è incolore e ha un odore caratteristico e pungente.

In ambito medico, la piridina non viene solitamente utilizzata come farmaco o terapia diretta. Tuttavia, alcuni suoi derivati svolgono un ruolo importante nella chimica dei farmaci. Ad esempio, la nicotina, una sostanza presente nel tabacco e altamente dipendente, è un alcaloide della piridina. Anche diversi farmaci comunemente usati, come la difenidramina (un antistaminico) e la litio (un farmaco per il trattamento del disturbo bipolare), contengono anelli di piridina nella loro struttura chimica.

È importante notare che l'esposizione a livelli elevati di piridina può causare irritazione agli occhi, alla pelle e alle vie respiratorie. Inoltre, la piridina è considerata potenzialmente cancerogena per l'uomo, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per confermare questo rischio.

Le interazioni farmacologiche si verificano quando due o più farmaci che assume una persona influenzano l'azione degli altri, alterando la loro efficacia o aumentando gli effetti avversi. Questo può portare a un'eccessiva risposta terapeutica (effetto additivo o sinergico) o ad una diminuzione dell'effetto desiderato del farmaco (antagonismo). Le interazioni farmacologiche possono anche verificarsi quando un farmaco interagisce con determinati cibi, bevande o integratori alimentari.

Le interazioni farmacologiche possono essere di diversi tipi:

1. Farmaco-farmaco: si verifica quando due farmaci differenti interagiscono tra loro nel corpo. Questo tipo di interazione può influenzare la biodisponibilità, il metabolismo, l'eliminazione o il sito d'azione dei farmaci.
2. Farmaco-alimento: alcuni farmaci possono interagire con determinati cibi o bevande, modificandone l'assorbimento, la distribuzione, il metabolismo o l'eliminazione. Ad esempio, i farmaci anticoagulanti come la warfarina possono interagire con alimenti ricchi di vitamina K, riducendone l'efficacia.
3. Farmaco-malattia: in questo caso, un farmaco può peggiorare o migliorare i sintomi di una malattia preesistente. Ad esempio, l'uso concomitante di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e corticosteroidi può aumentare il rischio di ulcere gastriche e sanguinamento.
4. Farmaco-genetica: alcune variazioni genetiche individuali possono influenzare la risposta a un farmaco, portando ad interazioni farmacologiche. Ad esempio, individui con una particolare variante del gene CYP2D6 metabolizzano più lentamente il codeina, aumentando il rischio di effetti avversi.

Per minimizzare il rischio di interazioni farmacologiche, è importante informare il medico e il farmacista di tutti i farmaci assunti, compresi quelli da banco, integratori alimentari e rimedi erboristici. Inoltre, seguire attentamente le istruzioni per l'uso dei farmaci e segnalare immediatamente eventuali effetti avversi o sintomi insoliti al medico.

In medicina, il termine "aggressione" si riferisce generalmente a un'azione o ad un comportamento che causa danni o lesioni fisiche a una persona o a un essere vivente. Questo può includere atti intenzionali di violenza o abuso, come pugni, calci, morsi o l'uso di armi, ma anche incidenti accidentali che causano danni, come ad esempio le cadute o gli urti.

L'aggressione può anche riferirsi a un comportamento dannoso o distruttivo verso l'ambiente o le proprietà altrui. Ad esempio, l'incendio doloso o il vandalismo possono essere considerati forme di aggressione.

Inoltre, in psicologia e psichiatria, il termine "aggressione" può anche riferirsi a un impulso o a una tendenza a reagire in modo ostile o violento verso gli altri, spesso come risposta a una frustrazione o a una minaccia percepita. Questo tipo di aggressione può essere distinta in due categorie principali: l'aggressione strumentale, che è finalizzata al raggiungimento di un obiettivo specifico, e l'aggressione emotiva, che è motivata da sentimenti di rabbia o frustrazione.

In ogni caso, l'aggressione può avere conseguenze negative sulla salute fisica e mentale delle persone colpite, ed è quindi importante prevenirla e gestirla in modo appropriato quando si verifica.

In genetica, il termine "genotipo" si riferisce alla composizione genetica specifica di un individuo o di un organismo. Esso descrive l'insieme completo dei geni presenti nel DNA e il modo in cui sono combinati, vale a dire la sequenza nucleotidica che codifica le informazioni ereditarie. Il genotipo è responsabile della determinazione di specifiche caratteristiche ereditarie, come il colore degli occhi, il gruppo sanguigno o la predisposizione a determinate malattie.

È importante notare che due individui possono avere lo stesso fenotipo (caratteristica osservabile) ma un genotipo diverso, poiché alcune caratteristiche sono il risultato dell'interazione di più geni e fattori ambientali. Al contrario, individui con lo stesso genotipo possono presentare fenotipi diversi se influenzati da differenti condizioni ambientali o da varianti genetiche che modulano l'espressione dei geni.

In sintesi, il genotipo è la costituzione genetica di un organismo, mentre il fenotipo rappresenta l'espressione visibile o misurabile delle caratteristiche ereditarie, che deriva dall'interazione tra il genotipo e l'ambiente.

Le proteine di trasporto sono tipi specifici di proteine che aiutano a muovere o trasportare molecole e ioni, come glucosio, aminoacidi, lipidi e altri nutrienti, attraverso membrane cellulari. Si trovano comunemente nelle membrane cellulari e lisosomi e svolgono un ruolo cruciale nel mantenere l'equilibrio chimico all'interno e all'esterno della cellula.

Le proteine di trasporto possono essere classificate in due categorie principali:

1. Proteine di trasporto passivo (o diffusione facilitata): permettono il movimento spontaneo delle molecole da un ambiente ad alta concentrazione a uno a bassa concentrazione, sfruttando il gradiente di concentrazione senza consumare energia.
2. Proteine di trasporto attivo: utilizzano l'energia (solitamente derivante dall'idrolisi dell'ATP) per spostare le molecole contro il gradiente di concentrazione, da un ambiente a bassa concentrazione a uno ad alta concentrazione.

Esempi di proteine di trasporto includono il glucosio transporter (GLUT-1), che facilita il passaggio del glucosio nelle cellule; la pompa sodio-potassio (Na+/K+-ATPasi), che mantiene i gradienti di concentrazione di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare; e la proteina canalicolare della calcemina, che regola il trasporto del calcio nelle cellule.

Le proteine di trasporto svolgono un ruolo vitale in molti processi fisiologici, tra cui il metabolismo energetico, la segnalazione cellulare, l'equilibrio idrico ed elettrolitico e la regolazione del pH. Le disfunzioni nelle proteine di trasporto possono portare a varie condizioni patologiche, come diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari e disturbi neurologici.

Moclobemide è un tipo di farmaco noto come inibitore selettivo della monoaminoossidasi reversibile (RIMA), utilizzato principalmente nel trattamento del disturbo depressivo maggiore. Funziona aumentando la concentrazione dei neurotrasmettitori noradrenalina e serotonina nel cervello, che sono noti per influenzare l'umore e il benessere emotivo.

Moclobemide inibisce l'azione dell'enzima monoaminoossidasi A (MAO-A), che è responsabile del metabolismo di questi neurotrasmettitori. Ciò porta ad un aumento dei livelli di noradrenalina e serotonina nel cervello, migliorando così l'umore e alleviando i sintomi della depressione.

Poiché moclobemide è un inibitore reversibile, ha una durata d'azione più breve e minori interazioni alimentari rispetto agli inibitori irreversibili della monoaminoossidasi (IMAO). Tuttavia, è ancora necessario prestare attenzione all'assunzione di cibi ricchi di tiramina durante il trattamento con moclobemide, poiché l'aumento dei livelli di tiramina può causare un aumento della pressione sanguigna.

Come con qualsiasi farmaco, moclobemide può avere effetti collaterali e deve essere utilizzato sotto la guida di un operatore sanitario qualificato. Gli effetti collaterali più comuni includono mal di testa, vertigini, nausea, sonnolenza, insonnia e aumento dell'agitazione.

La 5-Metossitriptamina, nota anche come 5-MeO-DMT, è una potente sostanza allucinogena che deriva dalla pianta di ayahuasca e da alcune specie di rane. Si tratta di un analogo sintetico della dimetiltriptamina (DMT), un composto naturalmente presente nel cervello umano e in molte piante.

La 5-Metossitriptamina è nota per indurre effetti psichedelici intensi e di breve durata, che possono includere alterazioni della percezione sensoriale, distorsioni del tempo e dello spazio, sinestesie, modifiche dell'umore e pensieri profondi o spirituali.

Tuttavia, l'uso di questa sostanza può comportare rischi significativi, tra cui reazioni negative, ansia, paura, panico, aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, convulsioni e in rari casi persino il decesso. Pertanto, l'uso di 5-Metossitriptamina dovrebbe essere evitato a meno che non sia sotto la supervisione di un operatore sanitario qualificato in un ambiente controllato e sicuro.

La piperidina è un composto organico eterociclico con la formula (CH2)5NH. È un liquido oleoso, incolore e dall'odore caratteristico che viene utilizzato come intermedio nella sintesi di molti farmaci e altri prodotti chimici.

In termini medici, la piperidina non ha un ruolo diretto come farmaco o principio attivo. Tuttavia, alcuni farmaci e composti con attività biologica contengono un anello piperidinico nella loro struttura chimica. Ad esempio, alcuni farmaci antispastici, antistaminici, analgesici e farmaci per il trattamento della depressione possono contenere un anello piperidinico.

È importante notare che la piperidina stessa non ha alcuna attività biologica o terapeutica diretta e può essere tossica ad alte concentrazioni. Pertanto, l'uso della piperidina è limitato alla sua applicazione come intermedio nella sintesi di altri composti.

La desipramina è un antidepressivo triciclico (TCA) che viene utilizzato principalmente per il trattamento della depressione. Funziona aumentando la concentrazione di neurotrasmettori noradrenalina e serotonina nei neuroni del cervello.

La desipramina è un metabolita attivo della imipramina, un altro TCA. Viene assorbita rapidamente dopo somministrazione orale e ha una emivita di eliminazione di circa 12-24 ore. Si lega alle proteine plasmatiche per il 90-95% e viene metabolizzata principalmente dal fegato.

Gli effetti collaterali della desipramina possono includere secchezza della bocca, stipsi, vertigini, sonnolenza, aumento di peso, ritenzione urinaria e disturbi cardiovascolari come tachicardia o aritmie. In casi rari, può causare allucinazioni, confusione o agitazione.

La desipramina è controindicata in pazienti con disturbi convulsivi non controllati, glaucoma ad angolo chiuso, problemi cardiovascolari gravi e recenti infarti miocardici. Inoltre, deve essere usata con cautela in pazienti anziani o con insufficienza renale o epatica.

La desipramina è stata ampiamente studiata per il trattamento della depressione e ha dimostrato di essere efficace nel ridurre i sintomi depressivi in molti pazienti. Tuttavia, a causa dei suoi effetti collaterali e del rischio di overdose, è spesso preferito l'uso di farmaci antidepressivi più recenti come gli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina).

La "Depressione dell'età involutiva" è un termine utilizzato in psichiatria per descrivere una forma specifica di depressione che si verifica principalmente nelle persone anziane, di solito dopo i 60 anni. Questa condizione è caratterizzata da sintomi depressivi che possono includere umore depresso, perdita di interesse o piacere nelle attività, cambiamenti nel sonno e nell'appetito, stanchezza, sentimenti di inutilità o colpa, difficoltà di concentrazione, ridotta capacità decisionale e persino pensieri suicidi.

Tuttavia, è importante notare che la depressione nell'anziano non è una parte inevitabile dell'invecchiamento e dovrebbe essere considerata e trattata come qualsiasi altra forma di depressione. La depressione dell'età involutiva può essere causata da una combinazione di fattori, tra cui eventi stressanti della vita, problemi di salute fisica, effetti collaterali dei farmaci, isolamento sociale e cambiamenti nel cervello correlati all'età.

La diagnosi di depressione dell'età involutiva si basa su una valutazione approfondita dei sintomi e della storia medica e psichiatrica del paziente. Il trattamento può includere terapia farmacologica, terapia cognitivo-comportamentale, terapia interpersonale, supporto sociale e, se necessario, cambiamenti nel regime di farmaci per gestire qualsiasi problema di salute fisica sottostante.

La depressione è un disturbo dell'umore caratterizzato da sentimenti persistenti di tristezza, disperazione, perdita di interesse o piacere in attività precedentemente gradite, cambiamenti nel sonno e nell'appetito, difficoltà di concentrazione, fatica e sensazioni di inutilità o colpa. Può anche essere accompagnata da pensieri ricorrenti di morte o suicidio.

La depressione può avere una varietà di cause, tra cui fattori genetici, biologici, ambientali ed emotivi. Può verificarsi come risposta a eventi stressanti della vita o come sintomo di altre condizioni mediche. A volte, la causa è difficile da identificare.

Il trattamento della depressione può includere terapia farmacologica, psicoterapia o una combinazione di entrambi. La terapia cognitivo-comportamentale, una forma specifica di psicoterapia, ha dimostrato di essere particolarmente efficace nel trattamento della depressione. In casi gravi, può essere necessaria l'ospedalizzazione per garantire la sicurezza del paziente.

È importante cercare assistenza medica se si sospetta di avere la depressione. È una condizione seria che può peggiorare senza trattamento e può influenzare negativamente la qualità della vita, le relazioni personali e il funzionamento lavorativo.

Le aminopiridine sono una classe di composti organici che contengono un gruppo funzionale aminopiridinico. Sono state utilizzate in ambito medico e farmacologico per le loro proprietà stimolanti del sistema nervoso centrale (SNC). Un esempio comune è la fenciclidina (PCP), che ha mostrato effetti anestetici, ma purtroppo anche effetti avversi come allucinazioni e comportamento psicotico.

Tuttavia, le aminopiridine più comunemente utilizzate in medicina sono la 4-aminopiridina e la 3,4-diamminopiridina. Queste sostanze hanno dimostrato di avere effetti positivi sulle funzioni nervose periferiche, specialmente nella conduzione degli impulsi nervosi attraverso i canali del potassio voltaggio-dipendenti. Di conseguenza, possono essere utili nel trattamento di condizioni come la sclerosi multipla, lesioni del midollo spinale e altre neuropatie periferiche.

È importante notare che l'uso di aminopiridine deve essere strettamente monitorato da un operatore sanitario qualificato a causa dei potenziali effetti collaterali, come convulsioni, irritabilità e problemi cardiovascolari.

La corteccia prefrontale è una regione della corteccia cerebrale situata nella parte anteriore del lobo frontale del cervello. È considerata la parte più evoluta e avanzata del cervello, essendo fortemente coinvolta nelle funzioni cognitive superiori come il pensiero astratto, il giudizio, la pianificazione, l'attenzione selettiva, la memoria di lavoro, le emozioni, la personalità, la motivazione e il comportamento sociale.

Si divide in diverse aree con funzioni specifiche:

1. Corteccia prefrontale dorsolaterale (dlPFC): coinvolta nella pianificazione, nel controllo cognitivo, nell'attenzione selettiva e nella memoria di lavoro.
2. Corteccia prefrontale ventrolaterale (vlPFC): implicata nel linguaggio, nelle emozioni e nella regolazione del comportamento.
3. Corteccia prefrontale mediale (mPFC): coinvolta nell'elaborazione delle informazioni sociali, dell'autovalutazione e della regolazione emotiva.
4. Corteccia prefrontale orbitale (oPFC): implicata nella modulazione delle emozioni, nel processamento delle ricompense e nelle decisioni relative al rischio.

La corteccia prefrontale è connessa a molte altre aree del cervello e svolge un ruolo cruciale nell'integrazione di informazioni provenienti da diverse fonti per guidare il pensiero, l'emozione e il comportamento appropriati. Lesioni o danni alla corteccia prefrontale possono causare deficit cognitivi e cambiamenti nel comportamento e nella personalità.

L'istamina è un composto organico eterociclico che funge da neurotrasmettitore e mediatore chimico nel sistema immunitario. È derivata dalla decarbossilazione dell aminoacido essenziale istidina ed è coinvolta in una varietà di processi fisiologici come la regolazione della pressione sanguigna, la risposta allergica e l'infiammazione.

Nel contesto delle reazioni allergiche, l'istamina viene rilasciata da cellule immunitarie come i mastociti e i basofili in risposta all'esposizione a allergeni estranei. Ciò provoca una serie di sintomi che possono includere prurito, arrossamento della pelle, naso che cola, starnuti, lacrimazione e difficoltà respiratorie.

Gli antistaminici sono farmaci comunemente utilizzati per trattare i sintomi associati al rilascio di istamina nel corpo. Questi farmaci agiscono bloccando i recettori dell'istamina, impedendo così all'istamina di legarsi e innescare una risposta immunitaria.

La cromatografia liquida ad alta pressione (HPLC, High Performance Liquid Chromatography) è una tecnica analitica e preparativa utilizzata in chimica, biochimica e nelle scienze biomediche per separare, identificare e quantificare diversi componenti di miscele complesse.

In questo metodo, la fase stazionaria è costituita da una colonna riempita con particelle solide (ad esempio silice, zirconia o polimeri organici) mentre la fase mobile è un liquido che fluisce attraverso la colonna sotto alta pressione (fino a 400 bar). Le molecole della miscela da analizzare vengono caricate sulla colonna e interagiscono con la fase stazionaria in modo differente, a seconda delle loro proprietà chimico-fisiche (ad esempio dimensioni, carica elettrica, idrofobicità). Di conseguenza, le diverse specie chimiche vengono trattenute dalla colonna per periodi di tempo diversi, determinando la separazione spaziale delle componenti.

L'eluizione (cioè l'uscita) delle sostanze separate viene rilevata e registrata da un detector, che può essere di vario tipo a seconda dell'applicazione (ad esempio UV-Vis, fluorescenza, rifrattometria, massa). I dati ottenuti possono quindi essere elaborati per ottenere informazioni qualitative e quantitative sulle sostanze presenti nella miscela iniziale.

L'HPLC è una tecnica molto versatile, che può essere applicata a un'ampia gamma di composti, dalle piccole molecole organiche ai biomolecolari complessi (come proteine e oligonucleotidi). Grazie alla sua elevata risoluzione, sensibilità e riproducibilità, l'HPLC è diventata uno strumento fondamentale in numerosi campi, tra cui la chimica analitica, la farmaceutica, la biologia molecolare e la medicina di laboratorio.

In medicina e neuroscienze, la trasmissione sinaptica si riferisce al processo di comunicazione tra due neuroni o entre un neurone e un'altra cellula effettrice (come una cellula muscolare o ghiandolare) attraverso una giunzione specializzata chiamata sinapsi. Questa forma di comunicazione è essenziale per la trasmissione dei segnali nervosi nel sistema nervoso centrale e periferico.

In termini medici, il nuoto non viene tipicamente definito come un termine medico specifico. Tuttavia, è generalmente descritto come un'attività fisica che implica il movimento del corpo attraverso l'acqua usando le braccia, le gambe o entrambi in varie combinazioni. Il nuoto può essere sia ricreativo che competitivo e si svolge di solito in piscine, laghi, fiumi o mari.

Come attività fisica, il nuoto offre molti benefici per la salute, tra cui l'aumento della resistenza cardiovascolare, la forza muscolare e l'aumento della flessibilità. È anche un'attività a basso impatto che può essere adatta per persone di diverse età ed esigenze fisiche, tra cui quelle con artrite o altre condizioni articolari dolorose.

È importante notare che, come con qualsiasi attività fisica, il nuoto dovrebbe essere praticato in modo sicuro per prevenire lesioni o problemi di salute. Ciò può comportare l'apprendimento delle tecniche di nuoto appropriate, l'uso di attrezzature di sicurezza come braccioli o giubbotti di salvataggio e il monitoraggio della propria resistenza fisica durante l'attività.

L'acido omovanillico, noto anche come acido 3,4-diidrossi-3-fenilpropanoico o acido vanillmandelico, è un metabolita dell'aminoacido tirosina. Viene prodotto nel corpo quando l'enzima catecol-O-metiltransferasi converte l'acido 3,4-diidrossifenilacetico (un altro metabolita della tirosina) in acido omovanillico.

L'acido omovanillico è stato studiato principalmente per il suo ruolo nella neurochimica e nella patologia del cervello. È un importante neurotrasmettitore e ha un ruolo nella produzione di melanina, la sostanza che dà colore alla pelle, ai capelli e agli occhi.

Inoltre, l'acido omovanillico è stato utilizzato come marcatore per monitorare il metabolismo della dopamina e della serotonina nei disturbi neurologici e psichiatrici, come la malattia di Parkinson e la depressione. Alti livelli di acido omovanillico nelle urine possono essere un indicatore di una produzione eccessiva di catecolamine, che può verificarsi in alcune condizioni mediche, come il feocromocitoma.

In sintesi, l'acido omovanillico è un importante metabolita dell'aminoacido tirosina, con implicazioni nella neurochimica e nella patologia del cervello. Viene utilizzato come marcatore per monitorare il metabolismo della dopamina e della serotonina nei disturbi neurologici e psichiatrici.

Il dosaggio di radioligandi è una tecnica utilizzata nella ricerca biomedica e nella pratica clinica per quantificare la presenza e l'affinità di recettori o altri bersagli molecolari in tessuti o fluidi corporei. Questa tecnica comporta l'uso di una sostanza radioattivamente etichettata, chiamata radioligando, che si lega specificamente al bersaglio d'interesse.

Il dosaggio di radioligandi può essere eseguito in vitro o in vivo. Nell'impostazione in vitro, il tessuto o le cellule sono trattate con una quantità nota di radioligando e quindi analizzate per misurare la quantità di legame al bersaglio molecolare. Questa informazione può essere utilizzata per calcolare l'affinità del radioligando per il bersaglio, che a sua volta può fornire informazioni sulla natura e le proprietà della interazione recettore-ligando.

Nell'impostazione in vivo, il radioligando viene somministrato al soggetto di studio (ad esempio, un animale da laboratorio o un essere umano) e quindi misurata la distribuzione e l'eliminazione del radioligando nel corpo. Questa informazione può essere utilizzata per studiare la farmacocinetica del ligando e per valutare la presenza e la densità dei recettori in diversi tessuti.

Il dosaggio di radioligandi è una tecnica sensibile e precisa che viene ampiamente utilizzata nella ricerca sui farmaci e nella diagnosi e nel trattamento delle malattie. Tuttavia, deve essere eseguito con cautela a causa dei potenziali rischi associati all'uso di sostanze radioattive.

Gli indoli sono un gruppo di composti organici che contengono un anello a sei membri costituito da due atomi di carbonio e quattro di idrogeno, con un atomo di azoto centrale. Gli indoli si trovano naturalmente in alcune sostanze, come ad esempio nell'amilina, una hormona; nella melatonina, un ormone che regola il sonno-veglia; e nello skatolo, una sostanza chimica prodotta dal deterioramento delle proteine presenti nelle feci.

Inoltre, gli indoli possono anche essere presenti in alcune condizioni mediche come nel caso dell'indicanuria, una rara malattia genetica caratterizzata dall'incapacità dell'organismo di metabolizzare correttamente l'indolo presente negli alimenti. Questa condizione può causare un odore particolare nelle urine del paziente dopo l'ingestione di cibi che contengono indoli, come ad esempio i cavolfiori o le arachidi.

In sintesi, gli indoli sono un gruppo di composti organici naturalmente presenti in alcune sostanze e ormoni, ma possono anche essere presenti in determinate condizioni mediche come l'indicanuria.

La Pargilina è un farmaco utilizzato come vasodilatatore per trattare l'ipertensione arteriosa e come antianginoso per trattare l'angina pectoris. Agisce rilassando i muscoli lisci nelle pareti dei vasi sanguigni, il che porta all'allargamento (dilatazione) di questi vasi e ad un aumento del flusso sanguigno. Questo aiuta a ridurre la pressione sanguigna e migliora l'apporto di ossigeno al cuore, alleviando i sintomi dell'angina.

La Pargilina è un inibitore delle fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5), il che significa che aumenta i livelli di una sostanza chimica chiamata guanosina monofosfato ciclico (cGMP). L'aumento dei livelli di cGMP porta al rilassamento della muscolatura liscia vascolare e alla dilatazione dei vasi sanguigni.

Gli effetti collaterali comuni della Pargilina includono mal di testa, vertigini, arrossamento del viso, disturbi gastrointestinali e congestione nasale. Gli effetti collaterali più gravi possono includere ipotensione (pressione sanguigna bassa), priapismo (erezione dolorosa e prolungata) e interazioni negative con altri farmaci, come i nitrati, che vengono utilizzati per trattare l'angina.

La melatonina è un ormone che viene prodotto naturalmente dalla ghiandola pineale nel cervello. Agisce come un regolatore del sonno-veglia e viene rilasciato in risposta alle tenebre, raggiungendo i livelli più alti nelle ore notturne. La produzione di melatonina può essere influenzata dalla luce ambientale, con i livelli che tendono a diminuire con l'esposizione alla luce intensa, come quella del sole.

La melatonina è anche disponibile come integratore alimentare e viene spesso utilizzata per trattare i disturbi del sonno, inclusi il jet lag e l'insonnia. Alcune ricerche suggeriscono che la melatonina possa anche avere altri benefici per la salute, come migliorare il sistema immunitario, ridurre l'ipertensione e proteggere contro i danni dei radicali liberi. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per confermare questi effetti.

Gli effetti collaterali della melatonina possono includere sonnolenza, mal di testa, vertigini e nausea. In generale, la melatonina è considerata sicura quando utilizzata a breve termine, ma possono verificarsi effetti avversi se utilizzata per periodi prolungati o ad alte dosi. Prima di utilizzare qualsiasi integratore alimentare, inclusa la melatonina, è importante consultare un operatore sanitario qualificato per assicurarsi che sia sicuro e appropriato per l'uso individuale.

I tropani sono una classe di composti chimici che includono alcaloidi presenti naturalmente in piante come la belladonna, la mandragora e il datura. Questi alcaloidi hanno una struttura chimica caratteristica che include un anello tropano, un anello eterociclico a sei membri saturo contenente un atomo di azoto.

Gli effetti farmacologici dei tropani derivano dalla loro capacità di bloccare i recettori muscarinici dell'acetilcolina nel sistema nervoso centrale e periferico. Ciò può causare una varietà di effetti, tra cui midriasi (dilatazione della pupilla), tachicardia (aumento della frequenza cardiaca), secchezza delle mucose, confusione mentale e allucinazioni.

I tropani sono utilizzati in medicina per una varietà di scopi terapeutici, tra cui il trattamento del parkinsonismo, della nausea e del vomito indotti da chemioterapia, dell'asma bronchiale e della sindrome dell'intestino irritabile. Tuttavia, a causa dei loro effetti collaterali potenzialmente gravi, i farmaci a base di tropani devono essere utilizzati con cautela e sotto la supervisione di un medico qualificato.

È importante notare che i tropani possono anche essere utilizzati come sostanze d'abuso a causa dei loro effetti allucinogeni e disorientanti. L'uso non medico di queste sostanze può comportare gravi rischi per la salute, compresi overdose, coma e persino morte.

Arilalchilammina N-acetiltransferasi (NAT) è un enzima che catalizza il processo di acetilazione delle ammine aromatiche, composti chimici presenti in alcune sostanze come tabacco, farmaci e cibi. L'enzima NAT facilita l'aggiunta di un gruppo acetile ad una molecola di arilammina, modificandone la sua attività biologica e influenzando il suo metabolismo ed escrezione dall'organismo.

Esistono due forme principali di questo enzima, NAT1 e NAT2, che differiscono per le loro specificità di substrato e distribuzione tissutale. Le varianti genetiche di questi enzimi possono influenzare la velocità di acetilazione e quindi il rischio di effetti tossici o cancerogeni associati all'esposizione a determinati composti chimici.

L'attività dell'enzima NAT è stata studiata in relazione al metabolismo di diversi farmaci, come gli antidepressivi triciclici e la isoniazide, nonché alla suscettibilità individuale alle malattie legate all'esposizione ambientale a sostanze chimiche.

Gli inibitori dell'assorbimento dopaminergico sono un gruppo di farmaci che impediscono o riducono l'assorbimento della dopamina da parte delle cellule nervose nel cervello. La dopamina è un neurotrasmettitore importante che svolge un ruolo cruciale nella regolazione del movimento, dell'umore, del piacere e della ricompensa.

Questi farmaci funzionano bloccando il trasportatore della dopamina (DAT), una proteina presente sulla membrana delle cellule nervose che è responsabile del riassorbimento della dopamina rilasciata nella sinapsi dopo la sua attivazione come neurotrasmettitore. Inibendo l'attività di DAT, gli inibitori dell'assorbimento dopaminergico aumentano i livelli di dopamina disponibili nel sistema nervoso centrale, migliorando così la trasmissione del segnale dopaminergico.

Gli inibitori dell'assorbimento dopaminergico sono utilizzati nel trattamento di una varietà di condizioni neurologiche e psichiatriche, tra cui il morbo di Parkinson, la distonia, il deficit di attenzione/iperattività (ADHD) e la depressione resistente al trattamento. Alcuni esempi di inibitori dell'assorbimento dopaminergico includono il bupropione, l'amfetamina e il metilfenidato.

Tuttavia, è importante notare che l'uso di questi farmaci non è privo di rischi e può causare effetti collaterali indesiderati, come aumento della pressione sanguigna, tachicardia, insonnia, agitazione, allucinazioni e movimenti involontari. Pertanto, la prescrizione e l'uso di questi farmaci dovrebbero essere strettamente monitorati da un professionista sanitario qualificato.

L'ippocampo è una struttura a forma di cavalluccio marino situata all'interno dell'encefalo, più precisamente nel lobo temporale del cervello. Fa parte del sistema limbico ed è fortemente implicato in diversi processi cognitivi, tra cui la formazione della memoria a breve termine e il suo trasferimento nella memoria a lungo termine, nonché nella navigazione spaziale e nell'orientamento. L'ippocampo svolge un ruolo cruciale nel consolidare le informazioni ed è una delle prime aree cerebrali interessate dalle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer. Lesioni o danni all'ippocampo possono causare deficit di memoria e disorientamento.

Gli antipsicotici sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per trattare diverse condizioni psichiatriche, come la schizofrenia, il disturbo bipolare e alcuni sintomi della depressione maggiore. Agiscono modulando l'attività dei recettori dopaminergici nel cervello, in particolare i recettori D2.

Esistono due generazioni di antipsicotici:

1. Antipsicotici tipici o convenzionali (anche chiamati neurolettici): questi farmaci sono stati sviluppati per la prima volta negli anni '50 e includono sostanze come clorpromazina, haloperidolo e flufenazina. Possono causare effetti collaterali extrapiramidali (EPS), come rigidità muscolare, tremori e movimenti involontari, nonché altri effetti avversi come sonnolenza, aumento di peso e sedazione.

2. Antipsicotici atipici o di seconda generazione: sviluppati a partire dagli anni '90, presentano una minore probabilità di causare EPS rispetto agli antipsicotici tipici. Tra questi ci sono farmaci come clozapina, olanzapina, quetiapina e risperidone. Tuttavia, possono ancora provocare effetti collaterali significativi, come aumento di peso, diabete, dislipidemia ed eventi cardiovascolari avversi.

Gli antipsicotici vengono utilizzati per trattare i sintomi positivi della schizofrenia (allucinazioni, deliri e pensieri disorganizzati), ma possono anche essere utili nel controllo dei sintomi negativi (apatia, anedonia e difficoltà di pensiero astratto) e dei sintomi associati al disturbo bipolare.

È importante che gli antipsicotici vengano prescritti da professionisti sanitari esperti nella gestione delle malattie mentali, in quanto la loro scelta dipende dalla gravità della condizione clinica del paziente e dai possibili effetti collaterali. Inoltre, è fondamentale monitorare regolarmente i pazienti che assumono antipsicotici per valutarne l'efficacia terapeutica e il profilo di sicurezza.

I fluorobenzeni sono composti organici che contengono uno o più atomi di fluoro legati a un anello benzene. La struttura generale di un monosostituito fluorobenzene è C6H5F. Questi composti sono utilizzati in una varietà di applicazioni, tra cui come intermediari nella sintesi di farmaci e agrochimici. L'aggiunta di atomi di fluoro al anello benzene può influenzare le proprietà fisiche e chimiche del composto, come il punto di ebollizione, la densità e la reattività. È importante notare che l'esposizione a livelli elevati di fluorobenzeni può essere dannosa per la salute umana.

L'aggregazione piastrinica è un processo fondamentale nella normale emostasi, che aiuta a prevenire la perdita eccessiva di sangue dopo un danno al vaso sanguigno. Quando il rivestimento interno di un vaso sanguigno viene danneggiato, le piastrine presenti nel sangue vengono attivate e iniziano a legarsi tra loro formando aggregati, noti anche come coaguli di sangue.

Questo processo è mediato da una serie di segnali chimici e meccanici che portano all'attivazione delle piastrine e alla formazione di ponti proteici tra esse. Le piastrine contengono numerosi recettori sulla loro superficie che possono legarsi a molecole specifiche presenti sulle altre piastrine o sui tessuti danneggiati, come il fibrinogeno e il collagene.

Una volta attivate, le piastrine rilasciano anche sostanze chimiche che possono attirare altre piastrine al sito di danno e promuovere la formazione di coaguli più grandi. Questo processo è essenziale per la riparazione dei vasi sanguigni danneggiati e per il mantenimento dell'integrità vascolare.

Tuttavia, un'aggregazione piastrinica incontrollata o eccessiva può anche portare a complicazioni come trombosi, ictus e infarto miocardico. Pertanto, è importante mantenere un equilibrio appropriato dell'attività piastrinica per prevenire tali complicanze.

La sindrome da carcinoide maligno è una condizione rara ma grave causata dal cancro a crescita lenta noto come tumore carcinoide. Questo tipo di tumore produce e secerne grandi quantità di sostanze chimiche, come serotonina e istamina, nelle cellule del sistema nervoso autonomo.

La sindrome da carcinoide maligno si verifica quando queste sostanze chimiche vengono rilasciate nel flusso sanguigno e causano una serie di sintomi che possono influenzare diversi sistemi corporei. I sintomi più comuni includono arrossamento del viso e del collo, dolori addominali, diarrea, nausea, vomito, battito cardiaco accelerato, respiro affannoso e fiato corto.

La sindrome da carcinoide maligno può anche causare complicazioni gravi, come valvulopatia cardiaca, che si verifica quando l'eccessiva quantità di serotonina danneggia le valvole cardiache. Altri organi interni, come il fegato e i polmoni, possono anche essere colpiti dal tumore carcinoide.

La diagnosi della sindrome da carcinoide maligno può essere difficile a causa dei sintomi non specifici che possono assomigliare ad altre condizioni mediche. Tuttavia, la diagnosi può essere confermata attraverso test di imaging come la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica, e test del sangue o delle urine per misurare i livelli di sostanze chimiche prodotte dal tumore.

Il trattamento della sindrome da carcinoide maligno dipende dalla gravità dei sintomi e dall'estensione del tumore. La terapia può includere la chirurgia per rimuovere il tumore, la chemioterapia o la radioterapia per ridurre la crescita del tumore, e la terapia medica per gestire i sintomi.

Ondansetron è un farmaco antiemetico utilizzato per prevenire e trattare la nausea e il vomito indotti da chemioterapia, radioterapia e anestesia. Agisce come un antagonista dei recettori 5-HT3 situati nel sistema nervoso enterico e nel cervello. Questi recettori sono coinvolti nella trasmissione del segnale di vomito.

L'ondansetron è disponibile in diverse formulazioni, tra cui compresse orali, supposte, soluzioni per iniezione e soluzioni per infusione endovenosa. Il dosaggio e la durata del trattamento dipendono dalle indicazioni terapeutiche, dall'età e dal peso del paziente, nonché dalla funzionalità renale ed epatica.

Gli effetti collaterali più comuni dell'ondansetron includono costipazione, diarrea, mal di testa, sonnolenza e affaticamento. In rari casi, può causare aritmie cardiache, in particolare a dosaggi elevati o in pazienti con fattori di rischio preesistenti. Pertanto, è importante monitorare la frequenza cardiaca e l'ECG durante il trattamento con ondansetron in questi pazienti.

In sintesi, l'ondansetron è un farmaco antiemetico comunemente usato per prevenire e trattare la nausea e il vomito indotti da chemioterapia, radioterapia e anestesia. Agisce come un antagonista dei recettori 5-HT3 situati nel sistema nervoso enterico e nel cervello. Gli effetti collaterali più comuni includono costipazione, diarrea, mal di testa, sonnolenza e affaticamento.

In termini medici, l'ansia è una risposta normale del corpo allo stress che si manifesta con sentimenti di apprensione, preoccupazione, nervosismo o tensione. Tuttavia, quando questi sentimenti diventano eccessivi, persistenti e influenzano negativamente la vita quotidiana di una persona, possono essere classificati come disturbo d'ansia.

I disturbi d'ansia sono una categoria di condizioni mentali che includono diversi tipi di ansia, come il disturbo d'ansia generalizzato, il disturbo di panico, la fobia specifica, il disturbo d'ansia sociale e il disturbo post-traumatico da stress.

I sintomi dell'ansia possono includere:

* Battito cardiaco accelerato o irregolare
* Respirazione rapida o affannosa
* Sudorazione eccessiva
* Tremori o brividi
* Fatica o debolezza
* Difficoltà di concentrazione
* Irritabilità
* Insonnia
* Paura o panico inspiegabili

Se l'ansia diventa grave o persistente, può essere necessario un trattamento medico o psicologico per gestire i sintomi e migliorare la qualità della vita.

La clorgilina è un farmaco antidepressivo triciclico (TCA) che inibisce irreversibilmente l'enzima monoamino ossidasi (MAO), più precisamente la forma MAO-A. Questo porta ad un aumento dei livelli di neurotrasmettitori monoaminici come noradrenalina, serotonina e dopamina nel cervello, che sono implicati nella regolazione dell'umore.

La clorgilina è stata utilizzata nel trattamento della depressione resistente ad altri farmaci, ma a causa dei suoi effetti collaterali significativi e del rischio di reazioni avverse pericolose per la vita, come l'ipertensione indotta da tiramina (un aminoacido presente in alcuni cibi), è stata largamente sostituita da farmaci antidepressivi più recenti e sicuri.

L'uso della clorgilina richiede una stretta sorveglianza medica e la dieta del paziente deve essere attentamente controllata per evitare l'assunzione di cibi ricchi di tiramina, che possono causare un aumento pericoloso della pressione sanguigna.

I topi inbred C57BL (o C57 Black) sono una particolare linea genetica di topi da laboratorio comunemente utilizzati in ricerca biomedica. Il termine "inbred" si riferisce al fatto che questi topi sono stati allevati per molte generazioni con riproduzione tra fratelli e sorelle, il che ha portato alla formazione di una linea genetica altamente uniforme e stabile.

La linea C57BL è stata sviluppata presso la Harvard University nel 1920 ed è ora mantenuta e distribuita da diversi istituti di ricerca, tra cui il Jackson Laboratory. Questa linea genetica è nota per la sua robustezza e longevità, rendendola adatta per una vasta gamma di studi sperimentali.

I topi C57BL sono spesso utilizzati come modelli animali in diversi campi della ricerca biomedica, tra cui la genetica, l'immunologia, la neurobiologia e la farmacologia. Ad esempio, questa linea genetica è stata ampiamente studiata per quanto riguarda il comportamento, la memoria e l'apprendimento, nonché le risposte immunitarie e la suscettibilità a varie malattie, come il cancro, le malattie cardiovascolari e le malattie neurodegenerative.

È importante notare che, poiché i topi C57BL sono un ceppo inbred, presentano una serie di caratteristiche genetiche fisse e uniformi. Ciò può essere vantaggioso per la riproducibilità degli esperimenti e l'interpretazione dei risultati, ma può anche limitare la generalizzabilità delle scoperte alla popolazione umana più diversificata. Pertanto, è fondamentale considerare i potenziali limiti di questo modello animale quando si interpretano i risultati della ricerca e si applicano le conoscenze acquisite all'uomo.

Il tronco cerebrale è una struttura cruciale del sistema nervoso centrale che si trova alla base del cervello, dove si connette al midollo spinale. Si compone di tre parti: il mesencefalo, il ponte (o pontine tegmentum e basi) e il midollo allungato (o mielencefalo). Il tronco cerebrale contiene importanti centri nervosi che controllano funzioni vitali come la respirazione, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Inoltre, trasmette segnali neurali tra il cervello e il midollo spinale, consentendo la coordinazione di movimenti complessi e la ricezione di informazioni sensoriali. Lesioni o danni al tronco cerebrale possono causare gravi disfunzioni neurologiche o persino la morte.

La reserpina è un alcaloide indolico presente naturalmente che viene estratta dalle radici della pianta Rauwolfia serpentina. Viene utilizzata principalmente come farmaco antipertensivo per trattare l'ipertensione essenziale (pressione alta). Agisce riducendo la quantità di noradrenalina, serotonina e dopamina presenti nei neuroni presinaptici del sistema nervoso centrale e periferico, portando alla loro successiva deplezione. Questo meccanismo d'azione determina una diminuzione della resistenza vascolare sistemica e della pressione sanguigna.

Gli effetti collaterali associati all'uso di reserpina includono sedazione, sonnolenza, vertigini, secchezza delle fauci, disturbi gastrointestinali (come nausea, vomito e diarrea), rallentamento del ritmo cardiaco (bradicardia) e depressione. L'uso prolungato può causare anche un aumento di peso e disturbi sessuali.

La reserpina è disponibile in compresse orali e deve essere somministrata sotto la supervisione medica a causa dei suoi effetti collaterali e del potenziale rischio di overdose. È importante monitorare regolarmente la pressione sanguigna, il ritmo cardiaco ed eventuali segni di depressione durante l'assunzione di questo farmaco.

Un topo knockout è un tipo di topo da laboratorio geneticamente modificato in cui uno o più geni sono stati "eliminati" o "disattivati" per studiarne la funzione e l'effetto su vari processi biologici, malattie o tratti. Questa tecnica di manipolazione genetica viene eseguita introducendo una mutazione nel gene bersaglio che causa l'interruzione della sua espressione o funzione. I topi knockout sono ampiamente utilizzati negli studi di ricerca biomedica per comprendere meglio la funzione dei geni e il loro ruolo nelle malattie, poiché i topi congeniti con queste mutazioni possono manifestare fenotipi o sintomi simili a quelli osservati in alcune condizioni umane. Questa tecnica fornisce un modello animale prezioso per testare farmaci, sviluppare terapie e studiare i meccanismi molecolari delle malattie.

La vasocostrizione è un termine medico che descrive il restringimento del lume dei vasi sanguigni, principalmente le arteriole e i capillari. Questo processo è mediato da fattori endogeni o esogeni che causano la contrazione della muscolatura liscia presente nella parete vasale, determinando così una riduzione del calibro del vaso e un conseguente aumento della resistenza periferica al flusso sanguigno.

La vasocostrizione può essere causata da diversi fattori, come ad esempio neurotrasmettitori (come noradrenalina e serotonina), ormoni (come angiotensina II e endotelina), sostanze vasoattive (come le prostaglandine) o fattori fisici (come il freddo).

L'entità e la durata della vasocostrizione dipendono dal tipo di stimolo che l'ha innescata e dalla risposta dei vasi sanguigni a tale stimolo. La vasocostrizione può avere effetti sia locali che sistemici, ed è un meccanismo fisiologico importante nella regolazione della pressione arteriosa e del flusso sanguigno in diverse condizioni patologiche, come ad esempio l'ipotensione o lo shock. Tuttavia, un'eccessiva o prolungata vasocostrizione può causare danni ai tessuti e aggravare la situazione clinica del paziente.

Antagonisti dei recettori per la serotonina Altri progetti Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file ... Gli agonisti dei recettori della serotonina (5-idrossitriptamina o 5-HT) sono farmaci ad azione serotoninergica. Psichedelici ... La maggior parte di queste droghe agisce anche come agonista di altri recettori della serotonina (quindi non sono selettivi). ... La meta- clorofenilpiperazina (mCPP) è un agonista del recettore della serotonina 5-HT 2C -preferente che induce ansia e ...
Gli antagonisti dei recettori della serotonina sono farmaci inibenti alcune o tutte le azioni della serotonina. Gli antagonisti ... f ag ^ ts 8 Agonisti dei recettori per la serotonina Altri progetti Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o ... sebbene alcuni antagonisti della serotonina non selettivi possano avere una particolare affinità per uno specifico recettore 5- ... i recettori della dopamina D 1 e D 2, il recettore dell'istamina H1 e gli adrenorecettori A1. Ketanserina (antipertensivo). ...
Agonisti dei recettori per la serotonina Antagonisti dei recettori per la serotonina Portale Biologia Portale Medicina ( ... I recettori della serotonina sono recettori che si trovano sulla membrana cellulare delle cellule nervose e in altri tipi di ... I recettori della serotonina sono attivati dal neurotrasmettitore serotonina, che agisce come il loro naturale ligando. ... Recettori serotoninergici (o della serotonina), su medicinapertutti.altervista.org. Espressione dei recettori serotoninergici ...
mCCP attiva numerosi recettori della serotonina, includendo il 5ht2c. A causa della breve emivita del trazodone, se una dose ... Trazodone inibisce la ricaptazione della serotonina ma possiede una affinità molto minore per il trasportatore della serotonina ... livello dei recettori 5-HT2A e del recettore α1 adrenergico in aggiunta alla sua moderata attività antagonistica sul recettore ... del trazodone possono essere dovuti agli effetti agonistici sul recettore 5-HT1A e agli effetti antagonistici sui recettori 5- ...
La metisergide interagisce con i recettori della serotonina (5-HT). Il suo effetto terapeutico in caso di emicrania è dovuto ... all'effetto antagonista sul recettore 5-HT2B. La metisergide viene utilizzata esclusivamente per il trattamento dell'emicrania ...
... è un agonista selettivo del recettore per la serotonina dei sottotipi 1B e 1D, con una debole affinità per il recettore 5-HTl ... È un agonista del recettore della serotonina. È stato brevettato nel 1990 e approvato per uso medico nel 1997. Viene utilizzato ... La sua azione sui recettori 5-HT 1B/1D provoca vasocostrizione nei vasi intracranici e può inibire il rilascio di neuropeptidi ...
Il legame di un farmaco con un sito alternativo a un recettore (ad esempio su un altro recettore), se non interferisce con il ... PCPA è antagonista della serotonina); Farmaci che impediscono l'immagazzinamento si neurotrasmettitore nelle vescicole (es. ... Farmaci che si legano con un recettore attivandolo e mimano gli effetti di un dato neurotrasmettitore con i suoi recettori ( ... Le molecole di tali farmaci si legano con i recettori post-sinaptici, ma non li attivano poiché non aprono i canali ionici e ...
La molecola esplica la sua azione psichedelica tramite i recettori 5-HT2A della serotonina. Gli effetti sono modulati anche con ... Chimicamente la molecola è una triptamina affine al neurotrasmettitore serotonina. ... le interazioni con i recettori 5-HT1A. Gli effetti sono simili a quelli indotti dalla dimetiltriptamina anche se di durata ...
La modalità d'azione è una forte inibizione della ricaptazione della serotonina dalla fessura sinaptica. I recettori ... è stato uno dei primi antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) ad essere commercializzato ...
... agendo in particolare sui recettori della serotonina. La riproduzione del fungo ha luogo in primavera, quando dallo sclerozio ...
Questo riflesso ha inizio con la stimolazione dei recettori sensoriali ed è spesso associato a sensazioni di nausea, anche se ... Quindi, anticolinergici, antistaminici, antagonisti della dopamina, antagonisti della serotonina, e cannabinoidi sono usati ... A ciò si aggiungono i recettori periferici stimolabili da odori, sostanze chimiche, tossine, farmaci, stimoli meccanici, ... Gli antiemetici agiscono inibendo i recettori associati a vomito. ...
Questo gene è un membro della famiglia dei recettori della serotonina umana, che sono recettori accoppiati a G-proteine-che ... Parametro titolo vuoto o mancante (aiuto) Recettore della serotonina Copia archiviata, su iuphar-db.org. URL consultato il 25 ... Il recettore 5-idrossitriptamina 4 è una proteina che nell'uomo è codificata dal gene HTR4. ... Il recettore si trova nel tratto alimentare, nella vescica urinaria, nel cuore e nella ghiandola surrenale, nonché nel sistema ...
All'attivazione, le cellule EC rilasciano serotonina per agire sui recettori della serotonina sui neuroni ENS. A seconda della ... La serotonina nel SNE agisce in sinergia con altri ormoni digestivi per regolare i riflessi gastrointestinali sensoriali e ... attraverso la secrezione del neurotrasmettitore serotonina e altri peptidi. Poiché i nervi afferenti ed efferenti enterici non ... sono cellule epiteliali endocrine della mucosa gastrointestinale con la funzione di secernere serotonina e colecistochinina. ...
... è un antagonista della serotonina che agisce principalmente sui recettori 5-HT2A and 5HT2C. La molecola sembra anche ...
Agonisti del recettore della Serotonina 5-HT1D come: naratriptan, eletriptan o frovatriptan. Alcaloidi della Rauwolfia. Alfa-/ ... IMAO (MAO inibitori). Inibitori selettivi del reuptake della serotonina SSRI. Leflunomide. Levodopa. Linezolid. Litio. ...
Strutturalmente simili alla serotonina, agiscono bloccandone i recettori, e mostrano attività incrociata con LSD e psilocibina ... dal momento che possiede i più alti livelli di serotonina di tutto il corpo umano, la capacità di convertire la serotonina in ... carboline di interagire con il recettore 5-HT2A non è stata a tutt'oggi ancora chiaramente dimostrata, nemmeno sugli animali, ... in grado di avere effetti sui recettori serotoninergici sparsi nel corpo umano, in maniera analoga all'azione di altri ...
... sui recettori adrenergici alpha-1 e alpha-2, e sui sottotipi di recettori serotonina 5-HT1A e 5-HT2. Scansioni PET consecutive ... Tuttavia l'effetto antipsicotico si pensa sia mediato tramite attività antagonista sui recettori di dopamina e serotonina. ... Verosimilmente la maggiore selettività ed attività antagonista sui recettori 5HT2 rispetto ai recettori D2 spiega le proprietà ... La quetiapina ha inoltre un effetto antagonista sul recettore H1 dell'istamina e si pensa che questa sia la spiegazione ...
Questi farmaci agiscono bloccando la serotonina dal legame con il recettore 5-HT3. Ha una lunghissima durata d'azione, che non ... e inibitori del reuptake della serotonina-noradrenalina (SNRI), due tipi comuni di antidepressivi. Il Palonosetron è un ... è combinato con sostanze serotoninergiche come inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) ... esso induce una transizione conformazionale del recettore, internalizzandolo all'interno della membrana cellulare. Il ...
La molecola blocca il recettore postsinaptico 5HT2 ed inibisce la ricaptazione della serotonina. Nefazodone mostra anche una ... Diversamente dalla maggior parte degli inibitori della ricaptazione della serotonina, nefazodone presenta una bassa incidenza ... Nefazodone, idrossinefazodone e metaclorofenilpiperazina possiedono un'attività agonista su alcuni sottotipi di recettori ...
Anche il blocco della serotonina contribuisce all'effetto. Il melperone ha anche un marcato effetto anti-adrenergico (blocco α ... Il melperone ha effetto antidopaminergico relativamente debole bloccando i recettori postsinaptica D2 nei sistemi mesolimbico e ...
Gli effetti stimolatori sembrano invece essere dovuti all'agonismo ai recettori 5-HT2A della serotonina e α2-adrenergici. Un ... Sia la mitraginina che la 7-HMG agiscono come agonisti selettivi al recettore μ-oppioide; la 7-HMG sembra avere l'affinità ... altro componente attivo presente nella pianta, la Rincofillina, è un antagonista non competitivo dei recettori per NMDA. La ...
pazopanib) -anserin per gli antagonisti dei recettori della serotonina, in particolare gli antagonisti 5-HT2 (ad es. ... captopril) -sartan per gli antagonisti del recettore dell'angiotensina II (ad es. losartan) -tinib per gli inibitori della ...
... possiede inoltre la capacità di bloccare i recettori per l'acetilcolina, per la serotonina e per l'istamina (sottotipo H1). ... Il blocco irreversibile dei recettori α adrenergici è dovuto alla liberazione di etilenimmonio, un intermedio reattivo della ... La fenossibenzamina è un antagonista α adrenergico caratterizzato dalla capacità di bloccare irreversibilmente i recettori α1 e ... affaticamento e sedazione dovuti al blocco dei recettori adrenergici del sistema nervoso centrale. Ulteriori effetti avversi ...
La TEC sembra sensibilizzare due sottotipi di recettori per la serotonina (5-HT), aumentando la trasmissione del segnale. ... Inoltre la TEC riduce l'efficacia della norepinefrina e della dopamina inibendo gli auto-recettori rispettivamente nel locus ...
... della serotonina e sigma. I recettori NMDA sono recettori multimerici, ionotropici e glutammato sensibili composti da quattro ... L'ifenprodile è un inibitore di recettori NMDA, in particolare delle subunità GluN1 (recettore NMDA legato a glicina, subunità ... L'ifenprodile blocca selettivamente i recettori NMDA che contengono la subunità GluN2B. ^ Reynolds IJ, Miller RJ, Ifenprodil is ... l'ifenprodile inibisce i canali GIRK e interagisce con i recettori alfa1 adrenergici, ...
Sono molti gli ormoni ed i neurotrasmettitori che innescano la produzione di IP3 dopo interazione con i loro recettori. Esempi ... classici includono la serotonina, la noradrenalina, l'istamina, la colecistochinina, la bradichinina e l'angiotensina. ... L'IP3, una volta prodotto, lega ed attiva il recettore dell'inositolo trifosfato, una grossa proteina canale che si trova sulla ...
La duloxetina è un inibitore combinato della ricaptazione di serotonina (5-HT) e noradrenalina (NA). Essa inibisce debolmente ... la ricaptazione della dopamina con nessuna affinità significativa per i recettori istaminergici, dopaminergici, colinergici e ... è il principio attivo di un antidepressivo appartenente alla classe degli inibitori della ricaptazione della serotonina e ...
... è un antagonista della dopamina sui recettori D2-D1 e della serotonina sul recettore 5-HT2A. Non ha affinità per il recettore ... Un leggero aumento di peso durante il trattamento a lungo termine è comune e in parte dovuto al blocco del recettore 5-HT2A. È ... GABA (a cui si legano le benzodiazepine). Il blocco del recettore D2 nell'area postrema del tronco cerebrale è ritenuto ...
Cabergolina - Agonista dei recettori D2 della dopamina. Ropinirolo - Agonista non-ergolinico dei recettori D2, D3 e D4 della ... Precursore della serotonina, si trova in alta concentrazione nelle banane, nei polli e nel latte. La depressione clinica ... Protegge i neuroni dall'ipossia e stimola la crescita dei recettori di acetilcolina. Può inoltre portare alla rigenerazione dei ... Aumenta il livello di serotonina e dopamina nel cervello. Tirosina (richiede Vitamina B6 e Vitamina C) - Amminoacido essenziale ...
... è attribuito all'attivazione dei recettori 5-HT2A della serotonina. La sua azione provoca per alcune ore modificazioni del ...
Antagonisti dei recettori per la serotonina Altri progetti Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file ... Gli agonisti dei recettori della serotonina (5-idrossitriptamina o 5-HT) sono farmaci ad azione serotoninergica. Psichedelici ... La maggior parte di queste droghe agisce anche come agonista di altri recettori della serotonina (quindi non sono selettivi). ... La meta- clorofenilpiperazina (mCPP) è un agonista del recettore della serotonina 5-HT 2C -preferente che induce ansia e ...
Laggressività dipende da un gene che influenza i recettori della serotonina. Dr. Walter La Gatta 13 Marzo 2007 0 ... delle altre sentimenti di ostilità e rabbia fossero portatrici di un gene capace di influenzare i recettori della serotonina ... la serotonina infatti produce molti effetti nel cervello, sia negli uomini che nelle donne, ed in particolare è importante per ... coinvolto 550 donne di origine europea ed hanno cercato in loro le relazioni fra un gene collegato ai livelli di serotonina del ...
Migliora quindi lazione dei recettori della serotonina nel cervello. Allo stesso tempo, come i farmaci SSRI, sembra promuovere ... La serotonina svolge un ruolo importante nellumore (compresi i disturbi depressivi e dansia), nel sonno e in altri importanti ... I suoi effetti sembrano basarsi su uninterazione con vari altri recettori. Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora compreso ... Negli ultimi tempi, la ricerca si è concentrata soprattutto sugli effetti del CBD sulla serotonina, un neurotrasmettitore ...
... lLSD e la mescalina stimolano recettori per i neurotrasmettitori dopammina e serotonina. ... dei recettori. Per esempio, la morfina stimola recettori che fisiologicamente sono stimolati da trasmettitori chiamati ... delle terminazioni nervose dei neuroni che utilizzano la serotonina come neurotrasmettitore. La serotonina regola importanti ... Altre droghe si comportano come stimolanti indiretti dei recettori. Per esempio, gli psicostimolanti agiscono indirettamente ...
... stato possibile cristallizzare e studiare la struttura chimica della sostanza mentre si lega a un recettore del cervello umano ... Tag scienza - salute - lsd - droghe - recettori - cervello - serotonina - cervello umano - neuroscienze - acido lisergico - ... Una molecola di LSD (al centro) legata a un recettore della serotonina (in grande e grigio). Il coperchio che tiene a posto la ... è necessario riprodurre i recettori della serotonina in laboratorio; è inoltre molto difficile tenerli stabili (sono molto ...
La serotonina : distribuzione e funzioni. Recettori per la serotonina. Farmacologia del sistema serotoninergico: farmaci per ... Recettori ad attività tirosin chinasica per i fattori di crescita. Recettore dellinsulina.. Recettori ad attività guanilato ... Recettori di riserva. Down-regulation / desensibilizzazione e up-regulation dei recettori. Internalizzazione dei recettori di ... Il sistema GABAergico: recettori e farmaci. Sistema istaminergico. Recettori per le purine. Il sistema oppioide. Meccanismi ...
Il Sumatriptan ( principio attivo di Imigran ) è un agonista selettivo vascolare dei recettori 5HT1D della serotonina, privo ... È noto che la depressione è associata ad unalterazione del metabolismo della serotonina ( 5-HT ) a livello cerebrale. Zoloft ... Carcinoma alla mammella positivo per i recettori degli estrogeni: agonisti LHRH come trattamento adiuvante nelle donne in ... Il Sumatriptan appartiene alla classe degli agonisti selettivi dei recettori serotoninergici 5-HT1D e ha indicazione nel ...
un modulatore dei recettori per la serotonina 2A che tratta la psicosi (problemi psichiatrici, come le allucinazioni) nella ...
Si verificano cambiamenti anche nel recettore della serotonina 2A, spesso associato ai disturbi dellumore, e nei geni ...
Sembra che gli Omega-3 si leghino ad alcuni recettori che, insieme ai farmaci, favoriscono la produzione di serotonina, il ...
Non appena la melatonina si lega ai recettori presenti nel cervello, quindi, il sistema nervoso e i muscoli si rilassano e ci ... In realtà lorganismo sfrutta il triptofano per produrre prima la serotonina e successivamente la melatonina. ... Una volta prodotto, poi, questo ormone riesce a legarsi con alcuni recettori caratterizzati da una struttura particolare e a ... si tende a mettere in relazione gli alimenti ricchi di triptofano e melatonina o a mettere in relazione melatonina e serotonina ...
La stimolazione dei recettori per la serotonina, situati sul bottone post-sinaptico, determina allinterno della cellula ... Il ripetuto legame tra la serotonina e i suoi recettori provoca allinterno del neurone sensitivo del sifone lattivazione di ... Abbiamo visto che la serotonina svolge un ruolo importante nella memoria sia a breve termine che a lungo termine.. La funzione ... Lazione di inibizione della serotonina sulla Dopamina si svolgerebbe a livello asso-assonico e non sinaptico.. Quindi con ...
Potrebbero essere dovuti a alterazioni del metabolismo della serotonina e / o alterazioni che colpiscono i recettori della ... Considerando che la melatonina prodotta dalla serotonina, sembra logico che un deficit di serotonina si traduca in una ... Aumenta la neurotrasmissione GABAergica e regola il ritmo circadiano dei recettori GABAA a livello corticale. Daltra parte, la ... Questa ipotesi sarebbe valida anche per quelle patologie in cui vi una diminuzione della serotonina, come disturbo ossessivo- ...
... ansiolitici del CBD siano dovuti alla sua capacità di interagire con i recettori cerebrali che regolano i livelli di serotonina ...
1 - Serotonina: lormone del buonumore. La serotonina è un neurotrasmettitore presente nel sistema nervoso centrale e ha un ... Tutti sono collegati ai recettori che si trovano sulla superficie del cervello e regolano quindi il dolore, la gioia e gli ... Per mantenere alto il livello della serotonina è importante il triptofano, un aminoacido precursore della serotonina che ne ... La serotonina è la più famosa di tutti, ma ci sono anche gli estrogeni, la dopamina e lossitocina. ...
Sembra, inoltre, che nella donna i recettori per la serotonina siano più numerosi mentre è più basso il livello della proteina ... inoltre il sistema cerebrale della serotonina, il neurotrasmettitore che interferisce con il dolore, il sonno, lansia e la ...
... gastrointestinale che svolgono specifici sottotipi di recettori della serotonina e ha fornito prove che la serotonina non è ... La serotonina della mucosa innesca risposte infiammatorie che si oppongono allinvasione microbica, mentre la serotonina ... Più del 90% della serotonina del corpo si trova nellintestino, così come circa il 50% della dopamina del corpo, che è ... La serotonina è coinvolta in numerose e importanti funzioni biologiche: ciclo sonno-veglia, desiderio sessuale, senso di fame/ ...
Antiacidi ed antagonisti dei recettori H2: la somministrazione contemporanea di ARICLAIM con antiacidi contenenti alluminio e ... Duloxetina è un inibitore combinato della ricaptazione di serotonina (5-HT) e noradrenalina (NA). Duloxetina inibisce ... gli Inibitori della Ricaptazione della Serotonina/Noradrenalina [SNRI] e gli IMAO reversibili) non è raccomandato (vedere più ... specialmente con gli Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina [SSRI], ...
"Non abbiamo alcuna idea su quale interazione ci sia sulle condizioni psicosociali, processi biochimici, recettori e vie neurali ... che portano a disturbi mentali e circa le teorie, che i pazienti con depressione siano privi di serotonina mentre i pazienti ...
Farmaci non ormonali (p. es., inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, antagonisti del recettore della ... Modulatori selettivi dei recettori estrogenici Lospemifene, un SERM (un modulatore selettivi dei recettori estrogenici), può ... un inibitore della ricaptazione della serotonina) e il fezolinetant (un antagonista selettivo del recettore della neurocinina-3 ... gli inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina (p. es., la venlafaxina), gli antagonisti del recettore della ...
... va forse correlata al meccanismo di desensibilizzazione dei beta-recettori post-sinaptici e dei recettori 5-HT alterati da una ... Fuller, che aveva in precedenza lavorato sul ratto da laboratorio nel corso di ricerche sul sistema della serotonina, venne a ... A questo punto il quadro era completo: la benzodiazepina veniva captata da una sostanza proteica in prossimità del recettore ... Inibendo il meccanismo di uptake si lascia a disposizione del recettore post-sinaptico un maggior quantitativo di ...
Recettori Della Serotonina 5-Ht1. 4. + 67. Chetamina. 4. + 68. Piridoni. 4. + ...
Stimola i recettori 1a della serotonina (5HT1a-R). *Stimola i recettori Mu e Delta degli oppioidi endogeni ... ADP dal proprio recettore dando effetto stimolante. ...
La serotonina, che si presenta in quantità inferiore nei depressi, è però determinante durante linnamoramento. I dati emersi ... "È il gene impiegato per la produzione del tipo di recettore di dopamina D4 e viene perciò chiamato D4DR. Chimicamente è un gene ... Anche la sua lunghezza sembra determinante, così come lo è per il trasportatore di serotonina e per i geni Ob legati alla ... Anche se tutti gli esseri umani possiedono serotonina e adopamina, il loro dosaggio è differenziato da persona a persona, ...
aumenta la glicemia e riduce lattività dei recettori insulinici,. *inibisce la serotonina (ormone della "felicità"), ... Esso stimola la produzione di serotonina. Anche il cioccolato fondente ha lo stesso principio! ... approfondito i complessi rapporti tra serotonina, cortisolo, tiroide e depressione, anziche inventarsi lennesima potente e ...
Il deficit di serotonina altera sia lumore sia il ritmo sonno-veglia. Laumento della "sostanza P", anche più di 3 volte ... Il loro ruolo e di trasmettere gli stimoli dolorosi dei recettori (nocicettori) alle corna posteriori del midollo. Dal midollo ... Il deficit della serotonina, amplifica la risposta ad uno stimolo meccanico con aumento della contrattura muscolare. ... rispetto al normale, segue al deficit di serotonina. Questo comporta un aumento della percezione e del mantenimento del dolore. ...
prevalentemente recettori beta 1) e a livello dei vasi periferici. (recettori beta due e alfa).. La stimolazione dei recettori ... P2Y12 dellADP (adenosina difosfato). Inoltre riduce il rilascio della serotonina.. Laggregazione piastrinica è il meccanismo ... recettori adrenergici ai quali si legano le catecolamine (adrenalina,. noradrenalina).. I recettori adrenergici cardiovascolari ... La stimolazione dei recettori periferici beta 2 e alfa porta a vasocostrizione. con aumento delle resistenze periferiche e del ...
Ebbene, essi fungono da recettori celebrali esterni via serotonina, il neurotrasmettitore del benessere. La capacità di ...
... che agiscono sui recettori della serotonina: almotriptan, eletriptan, frovatriptan, naratriptan, rizatriptan, sumatriptan, ... sono comunque coinvolti neurotrasmettitori come la serotonina e proteine della membrana neuronale come la cosiddetta pompa del ...
in particolare a livello dei recettori della dopamina e della serotonina del sistema nervoso ... selettivi della ricaptazione della serotonina SSRI in quanto la serotonina é un modulatore ...
  • Oltre ad essere agonisti 5-HT 1B, i triptani quali sumatriptan, almotriptan, zolmitriptan, naratriptan, eletriptan, frovatriptan e rizatriptan sono anche agonisti del recettore 5-HT1D, questo contribuisce al loro effetto antiemicranico (causato dalla vasocostrizione dei vasi sanguigni nel cervello). (wikipedia.org)
  • Nello studio, il ricercatore Halder e colleghi, hanno coinvolto 550 donne di origine europea ed hanno cercato in loro le relazioni fra un gene collegato ai livelli di serotonina del cervello ed i livelli di ostilità e rabbia . (clinicadellatimidezza.it)
  • la serotonina infatti produce molti effetti nel cervello, sia negli uomini che nelle donne, ed in particolare è importante per regolare il sonno, gli stati emotivi ed il benessere fisico . (clinicadellatimidezza.it)
  • Per la prima volta è stato possibile cristallizzare e studiare la struttura chimica della sostanza mentre si lega a un recettore del cervello umano: ora gli effetti del 'trip' sono molto più chiari. (focus.it)
  • Quando il "viaggio" finisce, è perché il coperchio si muove e le molecole di LSD scivolano via, o ancora perché il cervello risucchia il recettore all'interno della rispettiva cellula, dove viene degradato e smaltito (assieme all'LSD). (focus.it)
  • Non appena la melatonina si lega ai recettori presenti nel cervello, quindi, il sistema nervoso e i muscoli si rilassano e ci si addormenta. (cucinarefacile.com)
  • Tutti sono collegati ai recettori che si trovano sulla superficie del cervello e regolano quindi il dolore, la gioia e gli stati d'animo. (melarossa.it)
  • Più del 90% della serotonina del corpo si trova nell'intestino , così come circa il 50% della dopamina del corpo , che è attualmente allo studio per migliorare la nostra comprensione della sua utilità nel cervello. (egm.it)
  • In sostanza, la capacità di essere empatici, e dunque di partecipare emozionalmente a qualcosa che culturalmente viene definito "bello", dipende anche dal livello di circolazione neuronale di serotonina nel nostro cervello. (neuroscienze.net)
  • All' interno del cervello, la serotonina ha origine principalmente nel tronco encefalico, all'interno di un gruppo di nuclei chiamati nuclei del rafe. (centrointerapia.it)
  • La serotonina non stimola quindi il cervello, ma bilancia gli effetti eccessivamente eccitatori di altri neurotrasmettitori. (centrointerapia.it)
  • Poiché la serotonina viene proiettata dal tronco encefalico e raggiunge la maggior parte delle regioni del cervello, ha un'ampia gamma di effetti su molti aspetti del comportamento. (centrointerapia.it)
  • Le parti del cervello responsabili della regolazione del sonno hanno anche recettori per la serotonina. (centrointerapia.it)
  • La serotonina è responsabile della stimolazione delle parti del cervello che controllano il sonno e la veglia. (centrointerapia.it)
  • la maggior parte della serotonina si trova nel tratto gastrointestinale piuttosto che nel cervello. (centrointerapia.it)
  • Il farmaco agisce sui recettori della serotonina e della noradrenalina nel cervello, ictus o infarto. (reseausolidariteong.com)
  • Considerando che i recettori responsabili della promozione dell'equilibrio sono presenti nel nostro cervello, pelle, sistema immunitario, digestivo e nervoso, alcune gocce potrebbero avere un impatto significativo! (canape.bio)
  • Il sistema endocannabinoide , con i suoi recettori cannabinoidi nel cervello, nel sistema nervoso centrale e periferico, negli organi, nel tessuto connettivo, nelle cellule immunitarie, nelle ghiandole, nel tratto digestivo e anche nella pelle, è responsabile della stabilità all'interno del corpo . (canape.bio)
  • Uno degli aspetti più noti è la sua azione sul sistema endocannabinoide , una rete di recettori e neurotrasmettitori presente nel cervello e in altre parti del corpo che regola una serie di funzioni fisiologiche, tra cui l'umore, il sonno, l'appetito e la percezione del dolore. (justbob.it)
  • La serotonina viene sintetizzata a partire dall'amminoacido essenziale triptofano nel cervello e nelle cellule enteroendocrine dell'intestino. (psicoadvisor.com)
  • Gli antidepressivi di classe SSRI (inibitori selettivi del reuptake della serotonina) come il Prozac sono comunemente prescritti per aumentare i livelli di serotonina nel cervello e migliorare i sintomi della depressione. (psicoadvisor.com)
  • La ricerca continua a indagare sui meccanismi di azione della serotonina e sulle sue interazioni con altri neurotrasmettitori nel cervello. (psicoadvisor.com)
  • Legandosi a specifici recettori nel cervello, gli endocannabinoidi amplificano l'azione della serotonina, un neurotrasmettitore che risolleva il tono dell'umore e allevia lo stress. (royalqueenseeds.it)
  • Ma questa connessione cervello-intestino (di cui ho scritto prima qui) non può essere misurato con precisione leggendo i livelli di serotonina . (espertonootropi.com)
  • Per la prima volta un gruppo di ricercatori è riuscito a osservare la molecola della sostanza psichedelica nel suo stato attivo, mentre era legata a un recettore della serotonina (un importante neurotrasmettitore del sistema nervoso centrale, coinvolto nella regolazione del tono dell'umore). (focus.it)
  • La serotonina è un neurotrasmettitore presente nel sistema nervoso centrale e ha un ruolo essenziale nel regolare alcune importanti funzioni. (melarossa.it)
  • Il Prof. Gershon ha identificato i ruoli nella fisiologia gastrointestinale che svolgono specifici sottotipi di recettori della serotonina e ha fornito prove che la serotonina non è solo un neurotrasmettitore e un fattore paracrino che avvia i riflessi mobili e secretori, ma anche come un ormone che influenza il riassorbimento osseo e l'infiammazione. (egm.it)
  • Ebbene, essi fungono da recettori celebrali esterni via serotonina, il neurotrasmettitore del benessere. (cameraf.ch)
  • Il nome scientifico della serotonina è 5-idrossitriptamina (5-HT) ed è un neurotrasmettitore del gruppo delle monoammine che contengono aminoacidi. (centrointerapia.it)
  • La serotonina è classificata come neurotrasmettitore inibitorio, in quanto ha effetti inibitori sui neuroni, diminuendo la probabilità che i neuroni emettano un potenziale d'azione. (centrointerapia.it)
  • Come abbiamo accennato in precedenza, infatti, il cannabidiolo può influenzare positivamente l'attività dei recettori della serotonina, un neurotrasmettitore chiave nella regolazione dell'umore, e alla base di questo fenomeno si potrebbe spiegare la sua capacità di ridurre i sintomi ansiosi e depressivi in alcuni individui . (justbob.it)
  • La serotonina è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo chiave nel sistema nervoso centrale (SNC) e nel sistema nervoso periferico. (psicoadvisor.com)
  • È spesso considerata un neurotrasmettitore "buon umore" poiché livelli adeguati di serotonina sono associati a una sensazione di benessere e stabilità emotiva. (psicoadvisor.com)
  • Nei pazienti con depressione maggiore potrebbe esserci un alterazione del sistema recettoriale tale che, anche se i livelli di serotonina non sono bassi, il neurotrasmettitore non riesce a svolgere le sue funzioni. (psicoadvisor.com)
  • A prescindere dalla causa, la maggior parte delle persone che soffrono di emicrania hanno livelli piuttosto squilibrati del neurotrasmettitore serotonina. (hemppedia.org)
  • I farmaci che aumentano i livelli di serotonina extracellulare come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (Fluoxetina, venlafaxina. (wikipedia.org)
  • Si ritiene che gli effetti ansiolitici del CBD siano dovuti alla sua capacità di interagire con i recettori cerebrali che regolano i livelli di serotonina e di endocannabinoidi nel corpo. (tredegar.org)
  • La capacità di innamorarsi pazzamente non sarebbe possibile senza una sequenza chimica capace di abbassare i livelli di serotonina" (Birken R., 2002:94). (neuroscienze.net)
  • Livelli di serotonina bassa sono stati osservati anche in pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo, è stata così collegata dalla psichiatra a quella particolare modalità di pensiero " ossessivo " e alla ruminazione . (psicoadvisor.com)
  • Nella depressione, infatti, non necessariamente si assiste a bassi livelli di serotonina. (psicoadvisor.com)
  • Livelli bassi di serotonina possono causare una dilatazione dei vasi sanguigni con conseguente aumento degli episodi di emicrania. (hemppedia.org)
  • La cannabis è risultata efficace nell'aumentare i livelli di serotonina e diminuire quindi il rischio di un attacco. (hemppedia.org)
  • Inoltre il tiglio aumenta i livelli ematici di serotonina. (nutrileya.it)
  • Si ritiene inoltre che la serotonina regoli l'ansia e riduca i sentimenti di depressione. (centrointerapia.it)
  • La quetiapina ha inoltre un effetto antagonista sul recettore H 1 dell'istamina e si pensa che questa sia la spiegazione dell'effetto sedativo del farmaco [4] . (angelomercuri.it)
  • Inoltre, la serotonina è coinvolta nella regolazione del sonno, dell'appetito, della temperatura corporea, della contrazione muscolare, della coagulazione del sangue e della funzione sessuale. (psicoadvisor.com)
  • Inoltre, questo composto ha un'elevata affinità e attività antagonista per il recettore della serotonina umano 5HT2C, la cui inibizione sembra essere coinvolta nel controllo della IOP. (univpm.it)
  • I loro effetti allucinogeni sono specificatamente mediati dall'attivazione del recettore 5-HT 2A. (wikipedia.org)
  • Si pensa che i loro effetti allucinogeni derivino dallo stimolo di questo recettore. (wikipedia.org)
  • Il Prof. Gershon ha anche scoperto che il trasportatore della serotonina (SERT) è espresso dagli enterociti (cellule che rivestono il lume intestinale) e dai neuroni enterici ed è fondamentale per la cessazione degli effetti mediati dalla serotonina. (egm.it)
  • In effetti, è difficile identificare un comportamento umano che non sia regolato in qualche modo dalla serotonina. (centrointerapia.it)
  • [3] Verosimilmente la maggiore selettività ed attività antagonista sui recettori 5HT2 rispetto ai recettori D2 spiega le proprietà antipsicotiche cliniche e la ridotta tendenza del farmaco ad indurre effetti avversi di natura extrapiramidale rispetto ad altri antipsicotici tipici. (angelomercuri.it)
  • La nostra sensibilità al bello, ossia la nostra capacità di avere reazioni emozionali di fronte a ciò che culturalmente viene definito bello, dipende dalla serotonina, che rende tale sensibilità esprimibile, e dalla cultura che mette in scena il bello. (neuroscienze.net)
  • Durante la neurotrasmissione, la serotonina viene rilasciata nella fessura sinaptica dai terminali del neurone presinaptico. (centrointerapia.it)
  • Quando raggiunge questa fessura, la serotonina viene assorbita dai recettori della serotonina sul neurone postsinaptico e prosegue lungo il neurone successivo attraverso gli impulsi elettrici, oppure viene ridotta da un enzima chiamato monoamino ossidasi o ancora viene riportata nel neurone presinaptico dal trasportatore della serotonina (SERT). (centrointerapia.it)
  • Il fatto che una persona stia dormendo o sia sveglia dipende da quale recettore della serotonina viene utilizzato. (centrointerapia.it)
  • Successivamente, il 5-HTP viene convertito in serotonina attraverso l'enzima decarbossilasi dell'amminoacido aromatico. (psicoadvisor.com)
  • Perché gran parte di questa serotonina arriva direttamente ai reni e viene escreta nelle urine. (espertonootropi.com)
  • Il deficit di serotonina altera sia l'umore sia il ritmo sonno-veglia. (medicitalia.it)
  • La serotonina è in grado di trasmettere le informazioni necessarie alla costrizione dei vasi, prende parte al processo implicato nella regolazione del ciclo sonno-veglia , ed è in grado di influenzare fortemente l'umore . (psicoadvisor.com)
  • E' assolutamente vero che questo serotonina può influenzare ansia, depressione e l'umore generale. (espertonootropi.com)
  • Specificamente sui recettori Dopamina D 1 e Dopamina D 2 , sui recettori adrenergici alpha-1 e alpha-2, e sui sottotipi di recettori serotonina 5-HT 1A e 5-HT 2 . (angelomercuri.it)
  • La serotonina svolge un ruolo importante nella regolazione dell'umore. (psicoadvisor.com)
  • L'intestino, è in grado di riprodurre e rilasciare serotonina (il cosiddetto ormone della felicità) alla ricezione di stimoli legati a ciò che ingeriamo. (egm.it)
  • La serotonina è spesso definita 'l'ormone della felicità' e influisce sull'umore, l'ansia e la regolazione del sonno e il CBD sembra avere un effetto positivo sui recettori associati a questa molecola , potenziando la sua azione e generando benefici in termini di benessere emotivo e riduzione dell'ansia. (justbob.it)
  • Ad esempio, la maggior parte dei serotonina nel tuo corpo è prodotto nel tuo intestino . (espertonootropi.com)
  • Per quanto riguarda le altre parti del corpo, la serotonina è utile anche per il sonno. (centrointerapia.it)
  • I recettori dell'ECS (Endocannabinoid System) dispongono, si potrebbe dire, di una connessione "wireless" con tutto il corpo e cercano costantemente di regolarlo verso una maggiore stabilità, indipendentemente dalle influenze e dalle fluttuazioni a cui è esposto. (canape.bio)
  • La serotonina svolge anche molte altre funzioni nel corpo. (psicoadvisor.com)
  • Questo fa sì che i recettori presenti nella nostra pelle inviino un segnale all'ipotalamo che per contrastare l'azione del freddo e difendere il corpo attiva delle risposte fisiologiche. (melarossa.it)
  • Spesso si tende a mettere in relazione gli alimenti ricchi di triptofano e melatonina o a mettere in relazione melatonina e serotonina. (cucinarefacile.com)
  • In realtà l'organismo sfrutta il triptofano per produrre prima la serotonina e successivamente la melatonina. (cucinarefacile.com)
  • Considerando che la melatonina prodotta dalla serotonina, sembra logico che un deficit di serotonina si traduca in una diminuzione della produzione di melatonina . (melatonina.it)
  • Per quanto riguarda la noradrenalina, la diminuzione del suo rilascio ai terminali noradrenergici porta a una minore stimolazione dei recettori α1 e β1 del pinealocyte e, di conseguenza, a una minore produzione di melatonina . (melatonina.it)
  • Infatti, la serotonina aiuta a riposare bene perché stimola la sintesi della melatonina (che regola il ritmo circadiano del sonno). (melarossa.it)
  • La serotonina : distribuzione e funzioni. (uniss.it)
  • Allo stesso modo, la serotonina contribuisce al mantenimento della salute delle ossa, all'alimentazione, alle funzioni sessuali e alla guarigione delle ferite attraverso la coagulazione del sangue. (centrointerapia.it)
  • La serotonina è spesso associata ai disturbi mentali, poiché svolge un ruolo chiave nella regolazione dell'umore, dell'ansia e di altre funzioni cognitive. (psicoadvisor.com)
  • Si verificano cambiamenti anche nel recettore della serotonina 2A, spesso associato ai disturbi dell'umore, e nei geni associati alla toelettatura e allo stress. (salus.it)
  • Sembra che le donne che mostravano più delle altre sentimenti di ostilità e rabbia fossero portatrici di un gene capace di influenzare i recettori della serotonina delle cellule cerebrali . (clinicadellatimidezza.it)
  • Nell'apparato digerente, la serotonina regola la motilità intestinale e può influenzare il processo di digestione. (psicoadvisor.com)
  • Per mantenere alto il livello della serotonina è importante il triptofano, un aminoacido precursore della serotonina che ne favorisce la produzione. (melarossa.it)
  • I dati emersi in seguito ad una ricerca sui depressi rivela che "mentre gli studenti «normali» presentavano il solito livello di serotonina, quelli «innamorati pazzi» ne registravano uno del 40 percento più basso. (neuroscienze.net)
  • I recettori adrenergici cardiovascolari si trovano a livello cardiaco (prevalentemente recettori beta 1) e a livello dei vasi periferici (recettori beta due e alfa). (infocardiovet.com)
  • La serotonina è la più 'famosa' di tutti, ma ci sono anche gli estrogeni, la dopamina e l'ossitocina. (melarossa.it)
  • Tuttavia l'effetto antipsicotico si pensa sia mediato tramite attività antagonista sui recettori di dopamina e serotonina. (angelomercuri.it)
  • L'aumento della " sostanza P ", anche più di 3 volte rispetto al normale, segue al deficit di serotonina. (medicitalia.it)
  • La depressione non arriva solo perché i valori della serotonina (i recettori del buonumore) sono bassi. (ilcigliodellupo.it)
  • Quando si parla di depressione la ricerca si è concentrata sulla sensibilità dei recettori per la serotonina. (psicoadvisor.com)
  • L'azione del sistema simpatico si esplica attraverso l'attivazione dei recettori adrenergici ai quali si legano le catecolamine (adrenalina, noradrenalina). (infocardiovet.com)
  • Il loro ruolo e di trasmettere gli stimoli dolorosi dei recettori (nocicettori) alle corna posteriori del midollo. (medicitalia.it)
  • La ricerca suggerisce che il cannabidiolo potrebbe avere proprietà antipsicotiche , con alcuni studi che indicano una sua efficacia nel modulare la funzione di recettori nervosi che svolgono un ruolo critico nella genesi di questi disturbi. (justbob.it)
  • Tuttavia, è importante sottolineare che il ruolo della serotonina nel sistema nervoso è complesso e la sua funzione non è completamente compresa. (psicoadvisor.com)
  • Uno dei principali interessi della serotonina e la sua funzione più nota è il suo effetto sulla regolazione dell'umore. (centrointerapia.it)
  • Ha un effetto positivo sul sistema nervoso centrale, disturbi neurologici inclusi, e blocca i recettori della serotonina. (cannadorra.it)
  • Contiene diversi alcaloidi attivi su trasportare della serotonina (SERT), fosfodiesterasi (PDE4), acetilcolinesterasi e recettori dei cannabinoidi. (visionecurativa.it)
  • Agisce su due recettori cannabinoidi (CB1 e CB2). (cannadorra.it)
  • La sua attività ipnotica è data anche dalla possibile presenza di triptofano, precursore della serotonina. (nutrileya.it)
  • Secondo il neurologo Russo, il CBD regola e attiva i recettori del sistema endocannabinoide e allevia il dolore. (hemppedia.org)
  • La serotonina è considerata un naturale stabilizzatore dell'umore e, quando funziona in modo normale, si ritiene che aiuti le persone a sentirsi felici, calme, concentrate ed emotivamente stabili. (centrointerapia.it)
  • agenti di rilascio della serotonina (Fenfluramina, MDMA. (wikipedia.org)
  • Subito dopo, l'organismo passa al rilascio di serotonina e ormone adrenocorticotropo (ACTH), inibitore del dolore e dell'infiammazione . (melarossa.it)
  • Gli agonisti dei recettori della serotonina (5-idrossitriptamina o 5-HT) sono farmaci ad azione serotoninergica. (wikipedia.org)
  • Tuttavia, è importante sottolineare che i disturbi mentali sono condizioni complesse e multifattoriali, e il coinvolgimento della serotonina può variare da disturbo a disturbo. (psicoadvisor.com)
  • La serotonina è necessaria nell'intestino per favorire una sana digestione. (centrointerapia.it)
  • sono agonisti indiretti non selettivi del recettore della serotonina. (wikipedia.org)
  • Gli antidepressivi vilazodone e vortioxetina sono agonisti parziali del recettore 5-HT 1A. (wikipedia.org)