Una specie di batteri anaerobi gram-positivi, in famiglia Clostridiaceae frequentemente usato per lo studio di enzimi.
Una specie di batteri gram-positivi nonmotile mobile o della famiglia Clostridiaceae. Molte specie sono state identificate con un qualche essere patogenico. Che si manifestino in acqua, terra, e nel tratto intestinale di umani e animali inferiori.
Una classe di enzimi in grado di catalizzare reazioni oxidation-reduction di amminoacidi.
Le cobamidi sono forme derivate della vitamina B12, che svolgono un ruolo cruciale nel metabolismo delle cellule e possono essere utilizzate terapeuticamente nei deficit di vitamina B12.
Un amminoacido nel ciclo fisiologico dell ’ urea attraverso la scissione di urea di arginina.
Un elemento con il simbolo atomica Se, numero atomico 34 anni, e il peso atomico 78.96. E 'essenziale per micronutrient mammiferi e altri animali ma e' tossica in grandi quantità. Selenio strutture intracellulare protegge contro danni ossidativo costituisce una componente essenziale di glutatione Perossidasi.
Un abitante della flora del colon in bambini e negli adulti. Produce una tossina che provoca emorragia, enterocolite pseudomembranosa (colite) in pazienti trattati con terapia antibiotica.
Le infezioni da batteri del genere Clostridium.
Una specie di batteri anaerobi gram-positivi, forma a bastoncino, in famiglia Clostridiaceae che produce proteine che con proverbiale neurotossicità. E 'l'agente etiologic di botulismo nell ’ uomo, uccelli selvatici, i cavalli e bestiame. Sette sottotipi antigenico (detta tipo di vaiolo esistono, ognuna producendo un'altra tossina botulinica, tossina botulinica). (Dell'organismo e le spore sono ampiamente distribuito in natura.
Una specie di batteri anaerobi gram-positivi, coccoid, questo è parte della normale flora degli umani. I suoi organismi patogeni sono degli opportunisti causando bacteremias e tessuti molli.
Un gruppo di enzimi in grado di catalizzare la riduzione della 1-pyrroline carbossilato di prolina in presenza di NAD (P) H. Include la 1.5.1.1 2-oxidoreductase (CE) e (CE) 5-oxidoreductase 1.5.1.2... riduce anche di pipecolate 1-piperidine-2-carboxylate e questi ultimi riduce anche 1-pyrroline-3-hydroxy-5-carboxylate di idrossiprolina.
Un'acuta infiammazione della mucosa intestinale caratterizzata dalla presenza di pseudomembranes o placche del piccolo intestino (colite enterite) e il grande intestino (colite pseudomembranosa). È comunemente associata a terapia antibiotica e Clostridium difficile colonizzazione.
Una specie di batteri gram-positivi in famiglia Clostridiaceae, usati per la produzione industriale di solventi.

"Clostridium sticklandii" è un batterio Gram-positivo, anaerobio, sporigeno, che si trova comunemente nel suolo e nell'intestino dei mammiferi. Prende il nome dal suo scopritore, F.A. Stickland.

Questo batterio è noto per la sua capacità di svolgere la fermentazione di amminoacidi a catena ramificata come la leucina e la valina, producendo acidi grassi a catena corta, ammoniaca e idrogeno. Alcune specie di "C. sticklandii" possono anche utilizzare l'alanina e la glicina come substrati per la fermentazione.

"C. sticklandii" è stato studiato come modello sperimentale per capire i meccanismi della fermentazione degli amminoacidi e della produzione di idrogeno da parte dei batteri anaerobici. Tuttavia, non è noto per causare malattie nell'uomo o negli animali sani.

"Clostridium" è un genere di batteri gram-positivi, anaerobici, sporigeni e mobile che si trovano comunemente nell'ambiente, nel suolo e nelle feci degli esseri umani e degli animali. Alcune specie di Clostridium sono normalmente presenti nella flora microbica intestinale dei mammiferi e sono generalmente innocue. Tuttavia, alcuni membri di questo genere possono causare malattie gravi e potenzialmente letali nell'uomo e negli animali.

Le specie patogene più note di Clostridium includono:

* Clostridium tetani: causa il tetano, una grave infezione che colpisce il sistema nervoso centrale e provoca spasmi muscolari dolorosi e rigidità.
* Clostridium botulinum: produce la tossina botulinica, che può causare il botulismo, una paralisi flaccida dei muscoli. Il botulismo può verificarsi sotto forma di intossicazione alimentare o come infezione del sistema nervoso periferico.
* Clostridium difficile: è un batterio opportunista che causa diarrea e colite pseudomembranosa, soprattutto dopo l'uso di antibiotici che alterano la flora intestinale normale.
* Clostridium perfringens: può causare una varietà di malattie, tra cui la gangrena gassosa, l'intossicazione alimentare e l'ascesso intraddominale.

I batteri del genere Clostridium producono spore resistenti che possono sopravvivere per lunghi periodi nell'ambiente e causare infezioni quando vengono ingeriti o entrano nel corpo attraverso lesioni cutanee. Le infezioni da Clostridium possono essere trattate con antibiotici, ma alcune specie sono resistenti a molti farmaci comunemente usati. In casi gravi, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere i tessuti necrotici o drenare gli ascessi.

Le ossidoriduttasi degli aminoacidi sono enzimi che catalizzano il trasferimento di elettroni da un substrato organico (solitamente un aminoacido) a un accettore di elettroni, più comunemente una molecola di ossigeno. Questi enzimi svolgono un ruolo cruciale nel metabolismo degli aminoacidi, aiutando a ossidarli per produrre energia o a ridurli per sintetizzare altri composti importanti per l'organismo.

Esistono diversi tipi di ossidoriduttasi degli aminoacidi, ciascuna delle quali catalizza una specifica reazione chimica. Alcuni esempi includono la L-amminoacido ossidasi, che catalizza l'ossidazione dell'ammina laterale degli aminoacidi aromatici e ramificati, e la D-amminoacido deidrogenasi, che catalizza la riduzione di D-amminoacidi in α-cheto acidi.

Le ossidoriduttasi degli aminoacidi sono presenti in molti organismi viventi, dai batteri ai mammiferi, e svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere l'equilibrio metabolico dell'organismo. Tuttavia, un'eccessiva attività di questi enzimi può portare a una serie di patologie, come ad esempio la fenilchetonuria, una malattia genetica causata da una mutazione nel gene che codifica per la fenilalanina idrossilasi, un enzima che normalmente converte l'aminoacido fenilalanina in tirosina. In assenza di questo enzima, i livelli di fenilalanina nell'organismo aumentano, causando danni neurologici e altri sintomi gravi.

Le cobamidi sono una classe di composti che comprendono la vitamina B12 e analoghi sintetici della stessa. La vitamina B12, nota anche come cianocobalamina, è un nutriente essenziale per il corretto funzionamento del cervello, del sistema nervoso e della formazione dei globuli rossi.

Gli analoghi sintetici delle cobamidi sono utilizzati in medicina come farmaci per trattare alcune forme di anemia, come ad esempio l'anemia megaloblastica, che può essere causata da carenza di vitamina B12 o da altri fattori. Questi farmaci possono anche essere utilizzati nel trattamento della neuropatia periferica associata alla carenza di vitamina B12.

Le cobamidi agiscono come cofattori enzimatici, aiutando a catalizzare reazioni chimiche importanti per la produzione di DNA e RNA, nonché per il metabolismo dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine. Una carenza di cobamidi può portare a sintomi come stanchezza, debolezza, perdita di appetito, costipazione, perdita di peso, pallore, formicolio alle mani e ai piedi, depressione e confusione mentale.

E' importante notare che l'assunzione di cobamidi deve essere sotto stretto controllo medico, poiché un sovradosaggio può causare effetti avversi gravi come disturbi gastrointestinali, reazioni allergiche e danni al sistema nervoso.

L'ornitina è un aminoacido chiave nell'organismo umano, che svolge un ruolo importante nel metabolismo delle proteine e nella produzione di altri composti essenziali. Viene classificata come un "aminoacido non essenziale", il che significa che l'organismo può sintetizzarla autonomamente a partire da altri aminoacidi, come la glutammato e laarginina.

L'ornitina è un intermedio nel ciclo dell'urea, un processo metabolico che aiuta a eliminare l'ammoniaca dall'organismo. L'ammoniaca, un sottoprodotto della degradazione delle proteine, è tossica per le cellule e deve essere convertita in una forma meno dannosa prima di essere escreta. Nel ciclo dell'urea, l'ornitina reagisce con l'ammoniaca e il carbonio per formare citrullina, che viene quindi convertita in arginina e infine in urea, che può essere eliminata dall'organismo attraverso i reni.

Oltre al suo ruolo nel metabolismo delle proteine e del ciclo dell'urea, l'ornitina è stata studiata per i suoi potenziali effetti sulla salute umana. Alcuni studi suggeriscono che possa avere proprietà neuroprotettive, antinfiammatorie e immunostimolanti, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per confermare questi effetti e determinare i dosaggi appropriati.

In sintesi, l'ornitina è un aminoacido non essenziale che svolge un ruolo cruciale nel metabolismo delle proteine e nella produzione di urea. Potrebbe avere anche altri benefici per la salute, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarli.

Il selenio è un oligoelemento essenziale per gli esseri umani e altri animali. Si trova in piccole quantità in alcuni alimenti come noci del Brasile, frutti di mare, carne e cereali integrali. Il selenio svolge un ruolo importante nel sistema di difesa antiossidante del corpo ed è necessario per la funzione normale della tiroide. Aiuta anche a prevenire i danni ai tessuti e supporta il sistema immunitario. Tuttavia, un'assunzione eccessiva di selenio può essere dannosa e causare sintomi come nausea, vomito, capelli fragili e unghie, irritabilità e disturbi nervosi. La dose giornaliera raccomandata (RDA) di selenio per gli adulti è di 55 microgrammi al giorno. È importante notare che il fabbisogno di selenio può variare a seconda dell'età, del sesso e di altri fattori.

'Clostridioides difficile', precedentemente noto come 'Clostridium difficile', è un batterio Gram-positivo, sporigeno, anaerobio che può essere trovato nei suoli e nell'intestino di mammiferi e uccelli sani. Tuttavia, quando le condizioni intestinali cambiano, ad esempio a seguito dell'uso di antibiotici a spettro ampio che alterano la normale flora intestinale, C. difficile può moltiplicarsi rapidamente e produrre tossine, causando una serie di disturbi intestinali, tra cui diarrea acquosa, crampi addominali, nausea e, in casi gravi, complicanze come colite pseudomembranosa. Le spore resistenti di C. difficile possono persistere nell'ambiente per mesi, facilitando la trasmissione interumana attraverso il contatto diretto o indiretto con le feci infette. Alcuni ceppi di C. difficile sono diventati resistenti a diversi antibiotici, rendendo più difficile il trattamento delle infezioni ricorrenti. I fattori di rischio per l'infezione da C. difficile includono l'uso prolungato o ripetuto di antibiotici, l'età avanzata, la degenza in ospedale e le condizioni mediche sottostanti che indeboliscono il sistema immunitario.

Le infezioni da Clostridium si riferiscono a un'infezione causata da batteri appartenenti al genere Clostridium. Questi batteri sono generalmente presenti nell'ambiente, nel suolo e nelle feci degli esseri umani e degli animali. Alcuni tipi di Clostridium possono causare malattie gravi e potenzialmente letali negli esseri umani.

Il Clostridium difficile (C. difficile) è uno dei tipi più noti di batteri Clostridium che causano infezioni nelle persone, specialmente dopo l'uso di antibiotici che alterano la normale flora intestinale. Le infezioni da C. difficile possono variare da lievi a severe e possono causare diarrea, crampi addominali, nausea e perdita di appetito. In casi gravi, l'infezione può portare a complicanze come la colite pseudomembranosa, che può causare infiammazione intestinale grave, ulcerazioni e persino perforazione intestinale.

Un altro tipo di infezione da Clostridium è il tetano, causato dal batterio Clostridium tetani. Questo batterio produce una tossina che può causare spasmi muscolari gravi e rigidità, specialmente nei muscoli della mandibola e del collo. Il tetano può essere prevenuto con un vaccino e trattato con antibiotici e immunoglobuline.

Altri tipi di infezioni da Clostridium includono la gangrena gassosa, causata dal batterio Clostridium perfringens, che può causare grave infezione dei tessuti molli e la miastenia gravis necrotizzante, una malattia rara ma grave causata da alcuni ceppi di Clostridium botulinum.

Il trattamento delle infezioni da Clostridium dipende dal tipo di batterio e dalla gravità dell'infezione. I farmaci antibiotici sono spesso usati per trattare le infezioni, ma possono essere inefficaci contro alcuni ceppi di batteri resistenti agli antibiotici. In casi gravi, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere i tessuti infetti e prevenire la diffusione dell'infezione.

'Clostridium botulinum' è un batterio gram-positivo, anaerobio, sporigeno e mobile che produce la potente neurotossina nota come botulino. Questa tossina è responsabile della malattia del botulismo, una condizione neurologica rara ma grave che può causare paralisi muscolare. I cibi contaminati da C. botulinum e la sua tossina sono le cause più comuni di botulismo negli esseri umani. Esistono diversi tipi di botulino (A-G), ma solo i tipi A, B, E e F causano malattie nell'uomo.

I cibi contaminati da C. botulinum possono non presentare un aspetto, un odore o un sapore alterati, il che rende difficile rilevare la presenza della tossina prima del consumo. I cibi ad alto rischio di contaminazione includono quelli in scatola o conservati in modo improprio, come verdure sottaceto, pesce affumicato e carni lavorate.

Il botulismo può anche verificarsi quando la tossina prodotta da C. botulinum entra nel corpo attraverso una ferita aperta o durante l'iniezione di droghe illecite contaminate. Questa forma della malattia è nota come botulismo da ferita.

In rari casi, il botulismo può verificarsi anche quando la tossina entra nel flusso sanguigno attraverso l'inalazione o l'ingestione di spore di C. botulinum. Questa forma della malattia è nota come botulismo inalatorio e può verificarsi dopo un'esposizione accidentale o intenzionale alla tossina, ad esempio durante un attacco bioterroristico.

Il trattamento del botulismo prevede l'uso di antitossine per neutralizzare la tossina e il supporto respiratorio per i pazienti con insufficienza respiratoria grave. La prevenzione è fondamentale per ridurre il rischio di contrarre il botulismo, inclusa l'adozione di pratiche sicure di conservazione degli alimenti e la vaccinazione contro il botulismo per le persone ad alto rischio, come i militari.

Peptostreptococcus è un genere di batteri anaerobici, Gram-positivi e non mobili che appartengono alla famiglia delle Peptostreptococcaceae. Questi batteri sono normalmente presenti nel microbiota umano, principalmente nella cavità orale, nell'intestino crasso e nella vagina.

Sebbene siano generalmente considerati commensali, possono causare infezioni opportunistiche in individui con sistemi immunitari indeboliti o in presenza di lesioni tissutali. Le infezioni da Peptostreptococcus possono verificarsi in diversi siti corporei, come cute e tessuti molli, polmoni, articolazioni, genitourinario e sistema nervoso centrale.

Le specie più comuni di Peptostreptococcus associate alle infezioni sono P. magnus, P. anaerobius, P. asaccharolyticus, e P. micros. Le infezioni da Peptostreptococcus possono verificarsi come infezioni miste con altri batteri anaerobi o aerobi. Il trattamento di queste infezioni richiede spesso la combinazione di antibiotici ad ampio spettro e la gestione delle condizioni predisponenti.

La pirrolina carbossilato riduttasi è un enzima che catalizza la reazione chimica della riduzione del gruppo carbossilato presente nella pirrolina a gruppo idrossile. La reazione esatta catalizzata da questo enzima è:

pirrolin-2-carbossilato + NAD(P)H + H+ -> pirrolidina-2-carbossilato + NAD(P)+ + H2O

L'enzima è presente in diversi organismi, tra cui batteri e piante. Nei mammiferi, questo enzima svolge un ruolo importante nella biosintesi dell'acido delta-1-piperidin-2-carbossilico, un aminoacido non proteogenico che è un precursore della tetraidrobiopterina, una cofattore essenziale per la sintesi di neurotrasmettitori e monoammine ossidasi.

La pirrolina carbossilato riduttasi è anche nota come pirrolin-2-carbossilato reduttasi, delta1-piperideina-2-carbossilato reduttasi, o L-piperideina-2-carbossilato reduttasi. La sua carenza può portare a una serie di disturbi metabolici, tra cui la carenza di tetraidrobiopterina e l'iperfenilalaninemia.

L'enterocolite pseudomembranosa (EP) è una condizione infiammatoria del colon e dell'intestino tenue, caratterizzata dalla formazione di pseudomembrane sulle mucose dell'intestino. Le pseudomembrane sono composte da fibrina, globuli bianchi e muco.

L'EP è spesso associato all'uso di antibiotici ad ampio spettro, che possono alterare la normale flora intestinale e portare a un'overgrowth di batteri patogeni come Clostridioides difficile (precedentemente noto come Clostridium difficile).

I sintomi dell'EP includono diarrea acquosa, crampi addominali, febbre e nausea. In casi più gravi, possono verificarsi complicazioni come colite fulminante o megacolon tossico, che possono richiedere un intervento chirurgico di emergenza.

La diagnosi di EP si basa solitamente sui sintomi e sulla conferma microbiologica della presenza di C. difficile nelle feci del paziente. Il trattamento prevede l'interruzione dell'uso degli antibiotici scatenanti, se possibile, e la somministrazione di farmaci specifici per il trattamento di C. difficile, come metronidazolo o vancomicina. In casi gravi o recidivanti, può essere considerata una terapia con fecal microbiota transplantation (FMT).

"Clostridium acetobutylicum" è un batterio gram-positivo, anaerobio, sporigeno appartenente al genere "Clostridium". Questo microrganismo è noto per la sua capacità di fermentare una vasta gamma di zuccheri e amidi in acidi organici, inclusi acido acetico e butirrico, ma anche in solventi come l'acetone e il butanolo.

La caratteristica distintiva di "C. acetobutylicum" è la sua capacità di svolgere un processo metabolico noto come "acidogenesi" e "solventogenesi". Durante l'acidogenesi, il batterio produce acidi organici, mentre durante la solventogenesi, i prodotti dell'acidogenesi vengono convertiti in solventi. Questo processo è influenzato da diversi fattori ambientali, come la disponibilità di substrati e le condizioni di crescita.

"C. acetobutylicum" ha un ruolo importante nell'industria biotecnologica, in particolare nella produzione di biocarburanti e di altri prodotti chimici a base biologica. Tuttavia, questo batterio può anche causare malattie nei esseri umani e negli animali, soprattutto quando entra nel flusso sanguigno o in tessuti danneggiati. In queste condizioni, "C. acetobutylicum" può produrre tossine che possono causare gravi danni ai tessuti e persino la morte.

Il Clostridium sticklandii è una specie di batterio appartenente alla famiglia delle Clostridiaceae. ^ bacterio.net, list of ...
Tsuda, Y. and Friedmann, H.C., Ornithine metabolism by Clostridium sticklandii. Oxidation of ornithine to 2-amino-4- ... Stadtman, T.C., Lysine metabolism by clostridia. XIIB 2,4-Diaminohexanoate dehydrogenase (2,4-diaminopentanoate dehydrogenase ...
... of the proproteins GrdE of protein B of glycine reductase and PrdA of D-proline reductase from Clostridium sticklandii: ...
... of the proproteins GrdE of protein B of glycine reductase and PrdA of D-proline reductase from Clostridium sticklandii: ...
Il Clostridium sticklandii è una specie di batterio appartenente alla famiglia delle Clostridiaceae. ^ bacterio.net, list of ...

Nessun FAQ disponibili che corrispondono a "clostridium sticklandii"