La pirimidina analoghi nucleosidici formata nel corpo dal Deamminazione di citarabina.
Lavora con informazioni articoli su argomenti in ogni campo della conoscenza, di solito organizzate in ordine alfabetico, o un lavoro simile limitata ad un particolare campo o soggetto. (Dal ALA glossary of Library and Information Science, 1983)
Che è un antibiotico isolata dallo Streptomyces Antibioticus. Ha delle proprietà antineoplastici e ha ampio spettro di attività contro i virus del DNA su colture cellulari e una significativa attività antivirale contro le malattie causate da una serie di virus a involucro come l'herpes virus, il virus vaccinia e varicella zoster virus.
Il tipo di spugne che sono sessile, suspension-feeding, pluricellulare animali che usare flagellated cellule chiamate choanocytes a circolare l'acqua. La maggior parte sono ermafroditi sono forse un lato evolutiva filiale che hanno dato origine a nessun altro gruppo di animali. Tranne che per circa 150 specie d'acqua dolce, le spugne sono animali marini, sono una fonte di alcaloidi; steroli; e altre molecole complesse utile in medicina e un biologo ricercatore.
Un adenosina monofosfato analogico in cui Ribosio è sostituito da una molecola arabinose. E 'la monofosfato estere di VIDARABINE con antivirali e possibilmente antineoplastici proprieta'.
Il tipo specie di VARICELLOVIRUS causando la varicella (varicella) e HERPES zoster (fuoco di sant ’ Antonio) nell ’ uomo.
Basi delle purine o delle pirimidine attaccato ad un Ribosio o Deoxyribose. (Dal Re & Stansfield, un dizionario delle Genetics, 4th Ed)
Un gruppo di infezioni acute causate da virus herpes simplex tipo 1 o 2 caratterizzata dallo sviluppo di uno o più piccole vescicole piene di liquido eritematoso base in rilievo sulla pelle o le mucose. Si manifesta una infezione primaria o come si ripresenta a causa di una riattivazione di una infezione latente. (27) Dorland, Ed.

L'arabinofuranosiluracile, spesso abbreviato in Ara-U, è un analogo nucleosidico sintetico. Si tratta di un derivato dell'uracile con uno zucchero pentoso, l'arabinosio, legato al sito della N1.

Questo composto ha mostrato attività antivirale contro una varietà di virus, tra cui il virus herpes simplex (HSV) e il citomegalovirus umano (HCMV). Tuttavia, non è stato ampiamente utilizzato come farmaco a causa della sua tossicità.

L'arabinofuranosiluracile viene metabolizzato nella cellula in Ara-U triphosphate, che può essere incorporato nel DNA virale durante la replicazione, causando l'interruzione della catena del DNA e l'inibizione della replicazione virale.

È importante notare che questa è una definizione medica e scientifica dell'arabinofuranosiluracile e può essere complicata per i non esperti del campo.

"Encyclopedias as Topic" non è una definizione medica. È in realtà una categoria o un argomento utilizzato nella classificazione dei termini medici all'interno della Medical Subject Headings (MeSH), una biblioteca di controllo dell'vocabolario controllato utilizzata per l'indicizzazione dei documenti biomedici.

La categoria "Encyclopedias as Topic" include tutte le enciclopedie e i lavori simili che trattano argomenti medici o sanitari. Questa categoria può contenere voci come enciclopedie mediche generali, enciclopedie di specialità mediche specifiche, enciclopedie di farmacologia, enciclopedie di patologie e così via.

In sintesi, "Encyclopedias as Topic" è una categoria che raccoglie diverse opere di consultazione che forniscono informazioni complete e generali su argomenti medici o sanitari.

La vidarabina, nota anche come Ara-A o adenine arabinoside, è un farmaco antivirale utilizzato principalmente per trattare le infezioni causate dal virus herpes simplex (HSV), incluse l'herpes simplex encefalite e la cheratite herpetica. È anche stato usato per trattare alcuni tipi di leucemia e linfoma.

La vidarabina è un analogo dell'adenosina, un nucleoside presente nel DNA e nell'RNA. Funziona interrompendo la sintesi del DNA virale, il che impedisce al virus di replicarsi all'interno della cellula ospite.

Il farmaco viene somministrato per via endovenosa (direttamente nella vena) e può avere effetti collaterali come nausea, vomito, diarrea, mal di testa, vertigini, eruzioni cutanee e alterazioni della funzionalità renale ed epatica. In rari casi, può causare danni al midollo osseo e ai nervi periferici.

La vidarabina non è più comunemente utilizzata come farmaco di prima linea a causa dell'introduzione di agenti antivirali più sicuri ed efficaci, come l'aciclovir. Tuttavia, può ancora essere usato in casi particolari quando altri trattamenti non sono stati sufficientemente efficaci o non possono essere utilizzati a causa di allergie o altre controindicazioni.

In biologia e medicina, il termine "Porifera" si riferisce a un phylum di animali marini comunemente noti come spugne. Queste creature acquatiche sono caratterizzate dalla presenza di pori e canali che permettono all'acqua di fluire attraverso il loro corpo, facilitando la circolazione e lo scambio di ossigeno e nutrienti.

Le spugne Porifera sono prive di organi distintivi e sistemi tissutali complessi, ma presentano una struttura corporea unica costituita da una rete di cellule interconnesse all'interno di una matrice extracellulare chiamata spongina. Questa struttura consente loro di filtrare grandi volumi d'acqua per nutrirsi di microrganismi e particelle organiche sospese.

Nonostante la loro apparente semplicità, gli studiosi continuano a investigare i Poriferi per comprendere meglio l'evoluzione degli animali e le loro capacità rigenerative eccezionali, che potrebbero avere implicazioni future nella ricerca biomedica. Tuttavia, non esiste una diretta relazione tra la salute umana e le spugne Porifera, poiché sono principalmente organismi marini che vivono in ambienti acquatici.

La vidarabina fosfato, nota anche come ninformetore o Vira-A, è un farmaco antivirale utilizzato nel trattamento dell'infezione da citomegalovirus (CMV) e dell'herpes zoster oftalmico (HZO). È uno dei farmaci più comunemente usati per trattare le infezioni oculari causate dal virus del herpes simplex (HSV).

La vidarabina fosfato è un analogo della purina, una sostanza chimica che interferisce con la replicazione del DNA virale. Una volta assunto, il farmaco viene convertito nel corpo in vidarabina, che viene incorporata nella catena del DNA virale, impedendone così la replicazione e la diffusione dell'infezione.

Il farmaco è disponibile come soluzione iniettabile e deve essere somministrato per via endovenosa sotto la supervisione di un operatore sanitario. Gli effetti collaterali comuni della vidarabina fosfato includono nausea, vomito, diarrea, mal di testa, vertigini, eruzioni cutanee e dolore al sito di iniezione. In rari casi, può causare danni ai reni e al fegato, anemia, neutropenia e trombocitopenia.

La vidarabina fosfato è controindicata nelle donne in gravidanza e nelle persone con grave insufficienza renale o epatica. Prima di iniziare il trattamento con questo farmaco, è importante informare il medico di eventuali allergie, malattie croniche, farmaci assunti in precedenza e altri fattori che possono influenzare l'efficacia e la sicurezza del trattamento.

L'herpesvirus umano 3, noto anche come virus varicella-zoster (VZV), è un tipo di herpesvirus che causa due diverse malattie infettive in due fasi distinte durante la vita di una persona. Nella prima fase, provoca la varicella ( comunemente nota come morbillo della bambinaia) principalmente nei bambini, ma può verificarsi anche negli adulti. I sintomi includono febbre, brividi, mal di testa e stanchezza, seguiti da un'eruzione cutanea pruriginosa che si diffonde su tutto il corpo.

Dopo la guarigione dalla varicella, il virus non viene eliminato dal corpo, ma rimane inattivo nei gangli nervosi vicino alla spina dorsale per anni o persino decenni. Con l'indebolimento del sistema immunitario dovuto all'età avanzata o ad altre malattie, il virus può riattivarsi e causare la seconda fase della malattia nota come herpes zoster ( comunemente noto come fuoco di Sant'Antonio) che si manifesta con un'eruzione cutanea dolorosa e vescicolare lungo un lato del corpo, spesso nel torace o nella schiena.

La trasmissione dell'herpesvirus umano 3 si verifica attraverso il contatto diretto con le lesioni cutanee di una persona infetta o con goccioline respiratorie infette. Dopo l'esposizione, i sintomi della varicella compaiono generalmente entro 10-21 giorni. Non esiste una cura per il virus, ma i farmaci antivirali possono aiutare a gestire i sintomi e prevenire complicazioni. La vaccinazione è raccomandata per la prevenzione della varicella e dell'herpes zoster.

I nucleosidi sono composti organici costituiti da una base azotata legata a un pentoso (zucchero a cinque atomi di carbonio). Nella maggior parte dei nucleosidi naturalmente presenti, la base azotata è legata al carbonio 1' dello zucchero attraverso una glicosidica beta-N9-etere bond (negli purine) o un legame N1-glicosidico (negli pirimidini).

I nucleosidi svolgono un ruolo fondamentale nella biologia cellulare, poiché sono i precursori dei nucleotidi, che a loro volta sono componenti essenziali degli acidi nucleici (DNA e RNA) e di importanti molecole energetiche come l'ATP (adenosina trifosfato).

Esempi comuni di nucleosidi includono adenosina, guanosina, citidina, uridina e timidina. Questi composti sono cruciali per la replicazione, la trascrizione e la traduzione del DNA e dell'RNA, processi fondamentali per la crescita, lo sviluppo e la riproduzione cellulare.

In sintesi, i nucleosidi sono molecole organiche composte da una base azotata legata a un pentoso attraverso un legame glicosidico. Sono importanti precursori dei nucleotidi e svolgono un ruolo cruciale nella biologia cellulare, in particolare nei processi di replicazione, trascrizione e traduzione del DNA e dell'RNA.

L'herpes simplex è una comune infezione virale causata dal virus Herpes Simplex (HSV). Ci sono due tipi principali di questo virus, HSV-1 e HSV-2. L'HSV-1 è generalmente associato all'herpes labiale o del "guanciale", che causa vesciche o ulcere dolorose intorno alla bocca, mentre l'HSV-2 è solitamente responsabile dell'herpes genitale, causando vesciche o ulcere simili sulle aree genitali. Tuttavia, entrambi i tipi possono causare infezioni sia orali che genitali.

Dopo l'infezione iniziale, il virus entra nel sistema nervoso e può rimanere inattivo (latente) per periodi di tempo variabili. In alcune persone, il virus può riattivarsi periodicamente, provocando nuovamente sintomi e lesioni.

La trasmissione dell'herpes simplex si verifica principalmente attraverso il contatto diretto con le lesioni o le secrezioni infette. Il virus può essere trasmesso anche quando non ci sono lesioni visibili, soprattutto durante la riattivazione asintomatica del virus.

È importante notare che l'herpes simplex è una condizione cronica e ricorrente, il che significa che una volta che si ha l'infezione, di solito rimane nel corpo per tutta la vita. Non esiste una cura definitiva per l'herpes simplex, ma i farmaci antivirali possono aiutare a gestire i sintomi e prevenire le complicanze.

... potenziali agenti antitumorali a partire dalle proprietà biologiche uniche del composto noto come 1-β-D-arabinofuranosiluracile ...
... potenziali agenti antitumorali a partire dalle proprietà biologiche uniche del composto noto come 1-β-D-arabinofuranosiluracile ...
Arabinofuranosiluracile. 38562d36828 < Arabinonucleosidi. 38564d36829 < Arabinonucleotidi. 38569d36833 < Arabinosio. 38586, ...

Nessun FAQ disponibili che corrispondono a "arabinofuranosiluracile"

Nessun immagini disponibili che corrispondono a "arabinofuranosiluracile"