"Encyclopedias as Topic" non è una definizione medica. È in realtà una categoria o un argomento utilizzato nella classificazione dei termini medici all'interno della Medical Subject Headings (MeSH), una biblioteca di controllo dell'vocabolario controllato utilizzata per l'indicizzazione dei documenti biomedici.

La categoria "Encyclopedias as Topic" include tutte le enciclopedie e i lavori simili che trattano argomenti medici o sanitari. Questa categoria può contenere voci come enciclopedie mediche generali, enciclopedie di specialità mediche specifiche, enciclopedie di farmacologia, enciclopedie di patologie e così via.

In sintesi, "Encyclopedias as Topic" è una categoria che raccoglie diverse opere di consultazione che forniscono informazioni complete e generali su argomenti medici o sanitari.

In termini medici, l'occhio è l'organo di senso responsabile della vista. È costituito da diversi strati e componenti che lavorano insieme per rilevare e focalizzare la luce, quindi convertirla in segnali elettrici inviati al cervello dove vengono interpretati come immagini.

Gli strati principali dell'occhio includono:

1. La sclera, la parte bianca esterna che fornisce supporto e protezione.
2. Il cornea, la membrana trasparente all'estremità anteriore che aiuta a focalizzare la luce.
3. L'iride, il muscolo colorato che regola la dimensione della pupilla per controllare la quantità di luce che entra nell'occhio.
4. Il cristallino, una lente biconvessa che lavora con la cornea per focalizzare la luce sull retina.
5. La retina, un sottile strato di cellule nervose sensibili alla luce sulla superficie interna dell'occhio.

La vista avviene quando la luce entra nell'occhio attraverso la cornea, passa attraverso l'apertura della pupilla regolata dall'iride e quindi attraversa il cristallino. Il cristallino fa convergere i raggi luminosi in modo che si concentrino sulla retina. Qui, i fotorecettori nella retina (coni e bastoncelli) convertono la luce in segnali elettrici che vengono inviati al cervello attraverso il nervo ottico per essere interpretati come immagini.

È importante sottolineare che questa è una descrizione generale dell'anatomia e della fisiologia dell'occhio; ci sono molte condizioni mediche che possono influenzare la salute e il funzionamento degli occhi.

Il nervo ottico, noto anche come II nervo craniale o cranial nerve II (CN II), è il secondo dei dodici nervi craniali ed è principalmente responsabile della trasmissione degli impulsi visivi dal bulbo oculare al cervello. È un nervo sensoriale che trasporta le informazioni visive dalle cellule fotorecettori presenti nella retina dell'occhio (coni e bastoncelli) al midollo allungato e al talamo, dove tali impulsi vengono elaborati e interpretati dal cervello come immagini visive.

Il nervo ottico è costituito da circa un milione di fibre nervose che si originano dalle cellule gangliari della retina e convergono per formare il nervo ottico nel punto in cui lascia l'occhio, noto come disco ottico o papilla. Il nervo ottico passa attraverso l'orbita dell'occhio e si dirige verso il cranio, dove entra nella cavità cranica attraverso il forame ottico. Una volta all'interno del cranio, il nervo ottico si unisce al nervo encefalico per formare il chiasma ottico, dove le fibre nervose dai due occhi si sovrappongono e si riorganizzano in base alla loro posizione laterale.

Le fibre nervose che trasportano informazioni visive dalla metà nasale della retina (compreso il punto cieco) incrociano la linea mediana nel chiasma ottico, mentre quelle dalla metà temporale della retina continuano a decorrere lateralmente. Questo schema di crociamento e separazione delle fibre nervose consente al cervello di elaborare le informazioni visive provenienti da entrambi gli occhi in modo coordinato, garantendo una visione binoculare e la percezione della profondità.

Dopo il chiasma ottico, le fibre nervose continuano a decorrere nel tratto ottico, che si divide in due strutture separate: la via dorsale (o strato genicolato laterale) e la via ventrale (o strato genicolato mediale). La via dorsale è coinvolta principalmente nell'elaborazione delle informazioni relative alla forma, al colore e al movimento degli oggetti visivi, mentre la via ventrale è responsabile dell'identificazione e del riconoscimento degli stimoli visivi. Entrambe le vie si proiettano poi alle aree corticali della corteccia visiva primaria (area V1) e ad altre aree associate nella corteccia occipitale, dove vengono elaborate ulteriormente le informazioni visive per la consapevolezza cosciente e l'integrazione con altri sistemi sensoriali.

In sintesi, il nervo ottico è una struttura vitale del sistema visivo che trasporta informazioni visive dall'occhio al cervello, permettendo la percezione della luce, delle forme e dei colori, nonché la capacità di riconoscere e identificare gli oggetti nello spazio circostante. I danni o le lesioni al nervo ottico possono causare una significativa perdita della visione o cecità parziale o completa, rendendo fondamentale la sua protezione e il mantenimento della sua salute attraverso stili di vita sani e visite regolari con un oftalmologo qualificato.

Le malattie dell'occhio, nota anche come oftalmopatie o affezioni oculari, si riferiscono a un ampio spettro di condizioni che colpiscono la struttura e la funzionalità degli occhi. Queste possono variare dalla nascita (congenite) o acquisite durante la vita, e possono essere isolate o associate ad altre malattie sistemiche.

Esempi di malattie dell'occhio includono:

1. Cheratopatia: una condizione che colpisce la cornea, la membrana trasparente sulla superficie anteriore dell'occhio.
2. Glaucoma: un gruppo di condizioni che danneggiano il nervo ottico, spesso associato ad un aumento della pressione intraoculare.
3. Cataratta: opacizzazione del cristallino, la lente naturale dell'occhio, che porta a una visione offuscata.
4. Distacco della retina: quando la retina si stacca dai suoi strati sottostanti, causando perdita di visione.
5. Degenerazione maculare legata all'età (AMD): un deterioramento della parte centrale della retina chiamato macula, che è responsabile della visione centrale ad alta risoluzione.
6. Retinopatia diabetica: danni alla retina causati dal diabete mellito.
7. Conjunctivitis: infiammazione della congiuntiva, la membrana mucosa che riveste la superficie interna delle palpebre e la parte anteriore del bulbo oculare.
8. Blefarite: infiammazione delle ciglia e delle palpebre.
9. Strabismo: una condizione in cui gli occhi non sono allineati correttamente, puntando in direzioni diverse.
10. Ambliopia: riduzione della visione in un occhio, spesso dovuta a un disallineamento degli occhi o a una differenza di rifrazione tra i due occhi.

Questi sono solo alcuni dei disturbi oftalmici più comuni che possono influenzare la vista e la salute degli occhi. Se si sospetta di avere un problema agli occhi, è importante consultare un oftalmologo per una diagnosi e un trattamento appropriati.

La sclera, in anatomia, si riferisce alla parte robusta e bianca dell'occhio che fornisce supporto strutturale. È la parte esterna fibrosa della tonaca vascolare dell'occhio ed è continua con la cornea, la quale è trasparente e ricopre la parte anteriore dell'occhio.

La sclera è composta principalmente da collagene e protegge l'interno dell'occhio dai danni meccanici. Ha anche un ruolo importante nel mantenere la forma sferica dell'occhio. A differenza della cornea, la sclera non è trasparente, il che è la ragione per cui appare bianca.

La sua superficie può essere ricoperta da una membrana sottile e trasparente chiamatacongiuntiva. Alcune condizioni mediche possono influenzare la sclera, come l'infiammazione (sclerite), il rigonfiamento (edema della sclera) o il cambiamento del colore (sclera bluastra).

Il test di radioimmunoassorbimento (RIA) è un metodo sensibile e specifico per misurare la concentrazione di molecole biologicamente attive, come ormoni, vitamine, farmaci e antigeni, in diversi campioni biologici. Questo test utilizza la reazione antigene-anticorpo insieme a una sostanza radioattiva per quantificare l'entità dell'antigene presente nel campione.

Nel RIA, il principio di base è che gli anticorpi hanno un'elevata affinità e specificità per gli antigeni corrispondenti. Il metodo prevede l'aggiunta del campione incognito contenente l'antigene a una quantità fissa di anticorpi marcati con un isotopo radioattivo (solitamente iodio-125 o carbonio-14). Quando l'antigene nel campione si lega agli anticorpi, forma un complesso che non può più interagire con altri anticorpi marcati.

Successivamente, il campione viene centrifugato per separare i complessi antigene-anticorpo dal siero contenente gli anticorpi radioattivi non legati. La quantità di radioattività presente nella porzione superiore (siero) viene misurata e confrontata con una curva di calibrazione preparata utilizzando campioni standard con concentrazioni note dell'antigene target.

La misura della radioattività residua è inversamente proporzionale alla concentrazione dell'antigene nel campione, poiché maggiore è la quantità di antigene presente, minore sarà la quantità di anticorpi marcati che si legano. In questo modo, il RIA fornisce una stima quantitativa altamente sensibile e precisa della concentrazione dell'antigene target nel campione iniziale.

Il test di radioimmunoassorbimento è stato ampiamente utilizzato in passato per la diagnosi di varie condizioni cliniche, come malattie infettive, disturbi endocrini e tumori maligni. Tuttavia, a causa delle preoccupazioni relative all'uso di sostanze radioattive e della disponibilità di metodi alternativi più sicuri ed efficienti, il suo utilizzo è diminuito negli ultimi anni.

La rifrazione oculare è un termine utilizzato in oftalmologia per descrivere la capacità dell'occhio di curvare e piegare la luce in modo che possa essere focalizzata correttamente sulla retina. Questo processo è essenziale per una visione chiara e nitida.

La rifrazione oculare avviene attraverso la cornea, il cristallino e l'umore vitreo. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea, che è la parte più esterna e trasparente dell'occhio. La cornea ha una forma curva che rifrange (o piega) la luce in modo che possa entrare all'interno dell'occhio.

Dopo aver attraversato la cornea, la luce passa attraverso il cristallino, una lente naturale presente nell'occhio che aiuta a focalizzare la luce sulla retina. Il cristallino può modificare la sua forma per adattarsi alla distanza dell'oggetto osservato, in modo da mantenere una visione nitida indipendentemente dalla distanza.

Infine, l'umore vitreo è un gel trasparente che riempie lo spazio tra il cristallino e la retina, fornendo supporto strutturale all'occhio e aiutando a mantenere la forma del bulbo oculare.

Se la rifrazione oculare non è corretta, si può verificare un'anomalia visiva nota come errore di refrazione, che include miopia (vedere sfocato da lontano), ipermetropia (vedere sfocato da vicino) e astigmatismo (distorsione della visione dovuta a una curvatura irregolare della cornea o del cristallino). Questi errori di refrazione possono essere corretti con l'uso di occhiali, lenti a contatto o interventi chirurgici come la cheratotomia laser ad eccimeri (LASIK) o la cheratectomia fotorefrattiva (PRK).