I nervi toracici sono un gruppo di nervi spinali che emergono dalla colonna vertebrale nella parte superiore del torace. Ci sono solitamente sei nervi toracici (T1-T6) su ciascun lato del corpo. Essi contribuiscono alla formazione dei plessi brachiali, che forniscono l'innervazione ai muscoli e alle articolazioni della parte superiore del corpo, inclusi il petto, le spalle, gli arti superiori e il collo. I nervi toracici sono responsabili anche dell'innervazione sensoriale della pelle di queste aree del corpo. Anomalie o lesioni dei nervi toracici possono causare dolore, formicolio, debolezza o paralisi nella parte superiore del corpo.

La scapola, nota anche come spalla ossea o omoplate, è un osso piatto e triangolare situato nella parte posteriore della cavità toracica. Si articola con il clavicola formando l'articolazione acromioclavicolare e con l'omero formando l'articolazione scapolomerale. La scapola fornisce l'attacco per diversi muscoli importanti che partecipano ai movimenti dell'arto superiore, tra cui il deltoide, i muscoli rotatori della spalla e i muscoli tricipiti. Inoltre, la scapola protegge i vasi sanguigni e i nervi che si dirigono verso l'arto superiore. La sua forma e le sue caratteristiche anatomiche consentono una notevole gamma di movimenti della spalla, rendendola un osso fondamentale per la funzionalità dell'arto superiore.

La Sindrome da Compressione Nervosa (SCN) è un disturbo neurologico causato dalla compressione o strozzamento di un nervo per lungo tempo. Questa condizione può verificarsi in qualsiasi parte del corpo dove un nervo passa attraverso un'apertura stretta ed è soggetto a pressione.

L'SCN si manifesta solitamente con sintomi come dolore, formicolio, intorpidimento, debolezza o perdita di sensibilità nella zona del corpo innervata dal nervo interessato. Ne esistono diverse forme, a seconda della parte del corpo interessata:

1. Sciatalgia (SCN lombare): è la forma più comune e si verifica quando il nervo sciatico viene compresso nella regione lombare (parte bassa della schiena). I sintomi includono dolore, intorpidimento o debolezza che si irradiano dalla parte bassa della schiena, attraverso la natica e la gamba fino al piede.
2. Sindrome del tunnel carpale (SCN del polso): si verifica quando il nervo mediano è compresso nel passaggio noto come canale carpale, situato nel polso. I sintomi includono dolore, formicolio o intorpidimento alle dita, specialmente al pollice, indice e medio, e alla mano.
3. Sindrome del tunnel cubitale (SCN del gomito): si verifica quando il nervo ulnare è compresso nel solco del processo coronoide dell'ulna, a livello del gomito. I sintomi includono dolore, intorpidimento o debolezza al gomito, all'avambraccio e al quarto e quinto dito della mano.
4. Sindrome del canale di Guyon (SCN del polso): si verifica quando il nervo ulnare è compresso nel canale di Guyon, situato nel palmo della mano. I sintomi includono dolore, intorpidimento o debolezza al pollice, all'indice e al medio, e alla mano.
5. Sindrome del nervo femoro-cutaneo laterale (SCN dell'anca): si verifica quando il nervo femoro-cutaneo laterale è compresso a livello dell'inguine o della coscia. I sintomi includono dolore, intorpidimento o debolezza alla parte anteriore e laterale della coscia, all'anca e al ginocchio.

Il trattamento delle sindromi da compressione nervosa dipende dalla causa sottostante e può includere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), fisioterapia, terapia occupazionale, iniezioni di corticosteroidi o chirurgia.

In termini anatomici, la spalla si riferisce alla complessa articolazione formata dalla testa dell'omero (osso del braccio superiore), che si articola con la cavità glenoidea della scapola (osso della spalla). Questa articolazione è nota come articolazione glenomerale e ha un'ampia gamma di movimento, il che la rende una delle articolazioni più mobili del corpo umano.

La spalla comprende anche altre due articolazioni importanti: l'articolazione acromioclavicolare (tra l'estremità laterale della clavicola e l'acromion della scapola) e l'articolazione sternoclavicolare (tra la clavicola e il manubrio dello sterno).

Insieme, queste articolazioni, insieme ai muscoli, ai tendini e ai legamenti circostanti, consentono una vasta gamma di movimenti, tra cui flessione, estensione, abduzione, adduzione, rotazione interna ed esterna.

Le condizioni mediche che possono influenzare la spalla includono lesioni come distorsioni, lussazioni e fratture, nonché malattie degenerative come artrosi e tendinite.