Le "Malattie del bovino" sono un termine generale che si riferisce a varie condizioni patologiche che colpiscono i bovini, inclusi buoi, vacche, tori e vitelli. Queste malattie possono essere causate da fattori infettivi come batteri, virus, funghi o parassiti, oppure possono essere il risultato di fattori non infettivi come lesioni, disturbi metabolici o problemi genetici.

Esempi di malattie infettive del bovino includono la brucellosi, la tubercolosi, la leucosi enzootica bovina (BVD), l'infezione da virus della diarrea virale bovina (BVDV), la febbre Q, la paratubercolosi (malattia di Johne), la digital dermatitis e la mastite.

Le malattie non infettive del bovino possono essere causate da una varietà di fattori, come ad esempio:

* Disturbi metabolici: come la sindrome da acidosi ruminale (SARA), la displasia dell'anca o l'ipocalcemia post-partum.
* Lesioni: come distorsioni, fratture o lesioni da schiacciamento.
* Problemi genetici: come la sindrome da deficit di miosina, la sindrome da immunodeficienza combinata bovina (BCIS) o l'anemia emolitica congenita.

La prevenzione e il controllo delle malattie del bovino sono fondamentali per mantenere la salute e il benessere degli animali, nonché per garantire la sicurezza alimentare e la qualità del latte e della carne bovina. Ciò può essere ottenuto attraverso misure di biosecurity, vaccinazione, gestione appropriata dell'alimentazione e dell'ambiente, e monitoraggio regolare dello stato di salute degli animali.

In termini medici, il bestiame si riferisce comunemente al bestiame allevato per l'uso o il consumo umano, come manzo, vitello, montone, agnello, maiale e pollame. Possono verificarsi occasionalmente malattie zoonotiche (che possono essere trasmesse dagli animali all'uomo) o infezioni che possono diffondersi dagli animali da allevamento alle persone, pertanto i medici e altri operatori sanitari devono essere consapevoli di tali rischi e adottare misure appropriate per la prevenzione e il controllo delle infezioni. Tuttavia, il termine "bestiame" non ha una definizione medica specifica o un uso clinico comune.

La Sindrome di Creutzfeldt-Jakob (SCJ) è una malattia neurodegenerativa fatale e rara, caratterizzata da un declino rapido delle funzioni cognitive e motorie. È causata da prioni, proteine infettive anomale che si accumulano nel cervello, provocando la degenerazione del tessuto cerebrale. I sintomi includono demenza, problemi di coordinamento e movimento, cambiamenti di personalità, visione doppia o offuscata, rigidità muscolare, difficoltà nel parlare e deglutire, e convulsioni. La SCJ può essere ereditaria, sporadica o acquisita (attraverso contatto con materiale infetto, come nel caso della variante umana della malattia di Creutzfeldt-Jakob, collegata al consumo di carne bovina infetta da encefalopatia spongiforme bovina). Non esiste una cura nota per questa malattia e la maggior parte dei pazienti muore entro un anno dalla comparsa dei primi sintomi.

Il Sistema Monocita Macrofago (Monoñuclear Phagocyte System, MPS) è un insieme di cellule presenti in diversi tessuti corporei che hanno origine comune dalle cellule staminali ematopoietiche del midollo osseo. Queste cellule sono caratterizzate dalla loro capacità di fagocitosi, ovvero della capacità di inglobare e digerire particelle estranee o materiale indesiderato.

Il MPS include monociti, macrofagi tissutali, cellule dendritiche e cellule di Kupffer nel fegato. I monociti maturano nei macrofagi una volta che entrano nel circolo sanguigno e migrano nei tessuti per svolgere funzioni immunitarie specifiche. Le cellule dendritiche sono particolari cellule presentanti l'antigene che si trovano principalmente nei tessuti esposti all'ambiente esterno, come la pelle e i polmoni. Le cellule di Kupffer sono macrofagi specializzati che risiedono nei sinusoidi del fegato.

Il MPS svolge un ruolo cruciale nella difesa dell'organismo contro le infezioni, nell'eliminazione dei detriti cellulari e nel processo di riparazione tissutale. Inoltre, è anche implicato nello sviluppo e nella progressione di diverse malattie, come l'artrite reumatoide, la sclerosi multipla e il cancro.

L'encefalopatia spongiforme bovina (BSE), nota anche come "mucca pazza", è una malattia neurodegenerativa fatale che colpisce i bovini. Si tratta di una forma di encefalopatia transmissibile, causata da prioni, agenti infettivi composti esclusivamente da proteine anomale, resistenti al calore, alle radiazioni e ai normali metodi di disinfezione. La malattia è caratterizzata da cambiamenti degenerativi a livello del cervello, che assume un aspetto spugnoso a causa della perdita di neuroni e dell'accumulo di prioni. I sintomi includono cambiamenti nel comportamento, aggressività, iperestesia, disartria, atassia, incoordinazione, cecità e difficoltà nella deglutizione. La BSE è stata associata all'uso di farine animali contaminate nella alimentazione del bestiame e può essere trasmessa all'uomo attraverso il consumo di carne infetta, causando una variante umana della malattia nota come nuova variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD). Non esiste una cura conosciuta per la BSE e le misure preventive si basano principalmente sull'esclusione degli alimenti ad alto rischio dalla catena alimentare.

"Encyclopedias as Topic" non è una definizione medica. È in realtà una categoria o un argomento utilizzato nella classificazione dei termini medici all'interno della Medical Subject Headings (MeSH), una biblioteca di controllo dell'vocabolario controllato utilizzata per l'indicizzazione dei documenti biomedici.

La categoria "Encyclopedias as Topic" include tutte le enciclopedie e i lavori simili che trattano argomenti medici o sanitari. Questa categoria può contenere voci come enciclopedie mediche generali, enciclopedie di specialità mediche specifiche, enciclopedie di farmacologia, enciclopedie di patologie e così via.

In sintesi, "Encyclopedias as Topic" è una categoria che raccoglie diverse opere di consultazione che forniscono informazioni complete e generali su argomenti medici o sanitari.

I prioni sono proteine patologiche anomale e infettive che non contengono acido nucleico. Si accumulano in cervello e altri tessuti causando una serie di malattie neurodegenerative progressive e fatali, note come encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE). I prioni possono esistere in diverse forme conformazionali; la forma infettiva è resistente alla digestione proteolitica e alle condizioni ambientali estreme.

I prioni possono causare malattie trasmettendo la loro forma anomala a proteine normali presenti nel cervello, convertendole nella stessa conformazione patologica. Questo processo di conversione porta all'accumulo di aggregati di prioni insolubili e resistenti alle proteasi nel sistema nervoso centrale, determinando la degenerazione e la morte delle cellule nervose.

Esempi di malattie causate da prioni includono l'insorgenza spontanea della variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD) nell'uomo, il kuru e la scrapie nelle pecore, la encefalopatia spongiforme bovina (BSE) nella mucca pazza e l'encefalopatia trasmissibile del cervo delle Montagne Rocciose (CWD).

PrP^Sc (o Prion Protein Scrapie) è un tipo abnorme e patologico della proteina prionica (PrP), che si accumula nel cervello dei mammiferi infetti da prioni, come quelli che causano la malattia del creutzfeldt-jakob (MCJ) nell'uomo o l'encefalopatia spongiforme bovina (BSE) nei bovini.

La proteina prionica normale, PrP^C, è una proteina naturalmente presente nel cervello e in altri tessuti dei mammiferi ed è codificata dal gene PRNP. La proteina PrP^C ha una struttura conformazionale caratteristica, con una configurazione predominante alpha-elica. Tuttavia, sotto determinate condizioni, la proteina PrP^C può subire un cambiamento conformazionale e trasformarsi nella forma abnorme e patologica, PrP^Sc.

La proteina PrP^Sc è caratterizzata da una maggiore ricchezza di legami beta-foglietto rispetto alla forma normale, il che conferisce a questa proteina proprietà uniche, come la resistenza alle proteasi e all'agente denaturante guanidina. La PrP^Sc ha anche la capacità di indurre la conversione della proteina PrP^C in PrP^Sc, attraverso un processo chiamato "conversione prionica".

L'accumulo di PrP^Sc nel cervello è associato alla degenerazione neuronale e alla formazione di vacuoli spongiformi, che sono caratteristici delle encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE), un gruppo di malattie neurodegenerative fatali. L'esatto meccanismo attraverso il quale la PrP^Sc induce la patologia rimane oggetto di studio e dibattito, ma si ritiene che sia legato alla sua capacità di indurre l'aggregazione e l'accumulo di proteine prioniche anomale nel cervello.

Un mioclono è un riflesso involontario, breve e brusco della contrazione muscolare che può verificarsi da solo o in serie. Questi rapidi movimenti possono interessare uno o diversi muscoli e sono talvolta descritti come se la persona stesse "sbalordita" o "saltellando". I miocloni possono verificarsi occasionalmente durante il sonno o essere il sintomo di una varietà di condizioni, tra cui lesioni cerebrali, disturbi neurologici, infezioni, esposizione a tossine o effetti collaterali di alcuni farmaci. A volte, la causa dei miocloni rimane sconosciuta. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e può includere farmaci antiepilettici o modifiche al regime di farmaci esistenti.