Una fistola vescicale è un'abnorme comunicazione tra la vescica e un'altra struttura corporea, come l'intestino, la pelle o l'uretra. Questa condizione può verificarsi a seguito di infezioni, traumi, interventi chirurgici precedenti o malattie infiammatorie croniche come la colite ulcerosa e la malattia di Crohn. I sintomi più comuni includono minzione dolorosa, frequente necessità di urinare, incontinenza, dolore addominale e talvolta la presenza di feci o gas nelle urine. La diagnosi può essere confermata mediante esami di imaging come cistografia retrograda o cistoscopia. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e può richiedere interventi chirurgici correttivi, antibiotici o altri trattamenti specifici per la patologia di base.

L' vescica urinaria è un organo muscolare cavo, parte dell'apparato urinario, che serve a raccogliere e immagazzinare l'urina prodotta dai reni prima della sua eliminazione dal corpo. Si trova nella pelvi, sopra la prostata nell'uomo o la vagina nella donna. Ha una forma simile a una pera ed è in grado di modificare il suo volume in base alla quantità di urina che contiene, grazie alla sua capacità di distendersi e contrarsi. La vescica urinaria è costituita da quattro strati: la mucosa, la sottomucosa, la muscolatura detta detrusore e la fascia avventizia. Il suo innervazione è fornita dal sistema nervoso autonomo, con fibre simpatiche e parasimpatiche che regolano il riempimento e lo svuotamento della vescica.

Una fistola è un canale anormale che si forma tra due organi, due parti di un organo o da un organo a la pelle. Si tratta di una complicazione di alcune condizioni mediche o chirurgiche, come infezioni, trauma o interventi chirurgici.

Le fistole possono verificarsi in diversi distretti corporei e possono avere diverse cause e conseguenze. Ad esempio, una fistola anale è un canale che si forma tra l'ano e la pelle circostante, spesso causata da un'infezione o infiammazione della ghiandola anali. Una fistola respiratoria può formarsi tra i polmoni e la parete toracica a seguito di una infezione polmonare grave o di un intervento chirurgico al torace.

Le fistole possono causare sintomi come dolore, arrossamento, gonfiore, pus o perdite di sangue. Il trattamento dipende dalla causa e dalla localizzazione della fistola e può includere antibiotici, drenaggio, chirurgia o terapie mirate alla causa sottostante.

Urinary Bladder Neoplasms si riferiscono a tumori benigni o maligni che si sviluppano nel rivestimento interno dell' vescica, una sacca muscolare flessibile nella parte inferiore della pelvi che immagazzina l'urina prima che venga espulsa dal corpo. Questi tumori possono essere classificati in base al tipo di cellule da cui si originano e alla loro aggressività.

I tipi più comuni di Urinary Bladder Neoplasms sono:

1. Carcinoma a Cellule Transizionali (TCC): Questo è il tipo più comune di cancro della vescica, che rappresenta circa il 90% dei casi. Si verifica principalmente nelle persone over 55 anni e negli uomini sono colpiti più frequentemente rispetto alle donne. Il TCC si sviluppa dalle cellule di transizione che rivestono l'interno della vescica.

2. Carcinoma a Cellule Squamose: Questo tipo di cancro è meno comune e rappresenta circa il 4% dei casi di cancro della vescica. Si sviluppa dalle cellule squamose piatte che rivestono la parte superiore della vescica. Il carcinoma a cellule squamose può essere associato a infiammazioni croniche della vescica o alla presenza di una malattia chiamata schistosomiasi.

3. Adenocarcinoma: Questo tipo di cancro è raro e rappresenta meno dell'1% dei casi di cancro della vescica. Si sviluppa dalle ghiandole che secernono muco all'interno della vescica.

I sintomi di Urinary Bladder Neoplasms possono includere sangue nelle urine, dolore o fastidio durante la minzione, minzione frequente e urgenza, dolore pelvico o nella parte inferiore dell'addome. Il trattamento dipende dal tipo e dallo stadio del cancro e può includere chirurgia, chemioterapia, radioterapia o una combinazione di questi approcci.

La malattia della vescica urinaria si riferisce a una serie di condizioni che colpiscono la struttura e la funzione della vescica urinaria. La vescica urinaria è un organo muscolare cavo situato nella pelvi, che immagazzina l'urina prodotta dai reni prima dell'eliminazione.

Le malattie della vescica urinaria possono essere classificate in diverse categorie, tra cui:

1. Infezioni delle vie urinarie (IVU): si verificano quando i batteri entrano nella vescica e causano un'infezione. I sintomi includono dolore o bruciore durante la minzione, aumento della frequenza e urgenza della minzione, dolore addominale inferiore e urina torbida o maleodorante.
2. Infiammazione della vescica (cistite): può essere causata da infezioni batteriche, fungine o virali, o da cause non infettive come l'uso di determinati farmaci o radiazioni. I sintomi includono dolore o bruciore durante la minzione, aumento della frequenza e urgenza della minzione, dolore addominale inferiore e talvolta sangue nelle urine.
3. Calcoli vescicali: si formano quando i minerali nelle urine si cristallizzano e formano una pietra all'interno della vescica. I calcoli possono causare dolore, minzione frequente, difficoltà a urinare, sangue nelle urine e infezioni del tratto urinario.
4. Tumori della vescica: possono essere benigni o maligni. I tumori maligni della vescica sono una delle forme più comuni di cancro urologico. I sintomi includono sangue nelle urine, dolore durante la minzione, aumento della frequenza e urgenza della minzione e dolore addominale inferiore.
5. Neurogeni: i disturbi del sistema nervoso possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
6. Disturbi della motilità: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
7. Disturbi della funzionalità: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
8. Disturbi congeniti: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
9. Disturbi acquisiti: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
10. Disturbi infiammatori: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
11. Disturbi infettivi: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
12. Disturbi neoplastiche: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
13. Disturbi vascolari: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
14. Disturbi metabolici: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
15. Disturbi endocrini: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
16. Disturbi immunologici: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
17. Disturbi neurologici: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
18. Disturbi psicologici: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
19. Disturbi iatrogici: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.
20. Disturbi idiopatici: possono causare problemi alla vescica, come incontinenza o ritenzione urinaria. I sintomi includono perdite di urina involontarie, difficoltà a urinare e dolore pelvico.

## Cause della disfunzione erettile

Le cause della disfunzione erettile possono essere fisiche o psicologiche. Le cause fisiche più comuni includono:

- Malattie cardiovascolari, come l'ipertensione arteriosa e il diabete mellito;
- Disturbi endocrini, come l'ipogonadismo;
- Neuropatie periferiche, come la neuropatia diabetica;
- Farmaci, come i betabloccanti e gli antidepressivi;
- Alcolismo e fumo di sigaretta.

Le cause psicologiche più comuni includono:

- Ansia da prestazione;
- Depressione;
- Stress;
- Problemi relazionali.

## Sintomi della disfunzione erettile

I sintomi della disfunzione erettile possono variare a seconda della causa e dell'entità del disturbo. I sintomi più comuni includono:

- Difficoltà ad ottenere o mantenere un'erezione sufficiente per il rapporto sessuale;
- Riduzione della libido;
- Eiaculazione precoce o ritardata;
- Dolore durante l'erezione o l'eiaculazione.

## Diagnosi della disfunzione erettile

La diagnosi della disfunzione erettile si basa sulla storia clinica e sull'esame obiettivo del paziente. Il medico può richiedere esami di laboratorio, come il dosaggio degli ormoni sessuali, per escludere cause endocrine o neurologiche. In alcuni casi, può essere necessario eseguire una visita urologica e un ecodoppler penieno per valutare la funzionalità vascolare del pene.

## Trattamento della disfunzione erettile

Il trattamento della disfunzione erettile dipende dalla causa e dall'entità del disturbo. I farmaci orali, come il sildenafil (Viagra),

Una fistola arterovenosa (FAV) è una comunicazione anomala e anormale tra un'arteria e una vena che consente al sangue ossigenato di bypassare i normali percorsi capillari, portando a un aumento del flusso sanguigno e della pressione all'interno delle vene. Questo shunt arterovenoso può verificarsi in modo congenito o acquisito.

Le fistole arterovenose acquisite possono essere causate da traumi, interventi chirurgici, malattie infiammatorie o infezioni. Le fistole arterovenose possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo, ma sono più comuni nelle estremità inferiori e superiori.

Le FAV possono causare sintomi come gonfiore, dolore, calore, arrossamento e crampi alle estremità interessate. Nei casi gravi, le fistole arterovenose possono portare a complicanze come insufficienza cardiaca congestizia, trombosi venosa profonda o ulcere cutanee.

Il trattamento delle FAV dipende dalla causa sottostante e può includere terapia medica, chirurgia o embolizzazione per chiudere la comunicazione anormale tra l'arteria e la vena.

La fistola intestinale è un canale anormale che si forma tra il tratto digestivo (intestino) e la pelle o un'altra struttura interna, come un altro segmento dell'intestino o la vescica. Questa condizione può verificarsi a causa di varie patologie, come infiammazioni croniche dell'intestino (come morbo di Crohn), infezioni, tumori o complicanze chirurgiche.

Le fistole intestinali possono causare sintomi quali dolore addominale, diarrea, febbre, perdita di appetito e malessere generale. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e può includere antibiotici, farmaci antinfiammatori, interventi chirurgici o terapie mirate alla gestione della patologia di base. In alcuni casi, le fistole intestinali possono guarire spontaneamente, ma spesso è necessario un trattamento medico o chirurgico per una completa risoluzione del problema.

La fistola cutanea è un canale anormale che si forma tra una struttura interna dell'organismo e la superficie della pelle. Di solito, si sviluppa come conseguenza di un'infezione o di un'infiammazione prolungata che crea un punto di connessione tra l'interno del corpo e l'esterno.

Le fistole cutanee possono verificarsi in diverse parti del corpo, ma sono più comuni nelle aree dove ci sono ghiandole sudoripare o sebacee, come ascelle, inguine e regione perianale. Possono anche svilupparsi dopo interventi chirurgici o traumi, quando il tessuto cicatriziale si forma attorno a un corpo estraneo o a un drenaggio interno.

Le fistole cutanee possono causare sintomi come dolore, arrossamento, gonfiore e secrezione di pus o liquido chiaro dalla pelle. Possono anche aumentare il rischio di infezioni ricorrenti nella zona interessata. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e può includere antibiotici, drenaggio della fistola o, in alcuni casi, chirurgia per chiudere la connessione anormale.

La fistola bronchiale è una condizione medica rara in cui si forma un collegamento anomalo (fistola) tra l'albero bronchiale (la struttura che conduce l'aria all'interno dei polmoni) e la parete toracica o altri organi adiacenti, come l'esofago o i vasi sanguigni. Questa condizione può causare la fuoriuscita di secrezioni respiratorie, aria o sangue attraverso la cute o altri orifizi, a seconda della posizione e dell'estensione della fistola.

Le fistole bronchiali possono essere congenite (presenti dalla nascita) o acquisite (sviluppate successivamente). Le cause più comuni di fistole bronchiali acquisite includono infezioni polmonari severe, traumi toracici, interventi chirurgici precedenti e neoplasie maligne. I sintomi possono variare notevolmente, a seconda della gravità e dell'ubicazione della fistola, ma spesso includono tosse cronica, produzione di espettorato purulento o sanguinante, difficoltà respiratorie e infezioni ricorrenti del torace.

Il trattamento delle fistole bronchiali dipende dalla causa sottostante e dall'estensione della lesione. Le opzioni terapeutiche possono includere antibiotici per trattare le infezioni, drenaggio dei fluidi accumulati nel torace, riparazione chirurgica della fistola o l'uso di dispositivi endoscopici per chiudere la comunicazione anormale. In alcuni casi, possono essere necessari più interventi terapeutici per garantire la guarigione completa e prevenire le recidive.

La fistola urinaria è un'abnorme comunicazione tra l'uretere, la vescica o l'uretra e un'altra struttura cavitaria, come l'intestino, la vagina o la pelle. Di solito, si forma a seguito di un'infiammazione prolungata o di un trauma che interessa queste aree. Le fistole urinarie possono causare sintomi quali incontinenza urinaria, minzione dolorosa, infezioni del tratto urinario ricorrenti e fuoriuscita di urina dalla sede anomala della fistola. Il trattamento delle fistole urinarie può richiedere un intervento chirurgico per riparare la comunicazione anormale e prevenire complicanze, come infezioni ricorrenti o insufficienza renale. La causa più comune di fistola urinaria è l'isterectomia (asportazione dell'utero), specialmente se complicata da infezioni o lesioni dei tessuti circostanti. Altre cause includono radioterapia pelvica, trauma pelvico, malattie infiammatorie intestinali e cancro.

Una fistola vascolare è un'anomalia o una condizione patologica in cui si forma un canale abnorme (fistola) tra due vasi sanguigni. Questo tipo di fistola può verificarsi come complicanza di diversi fattori, come traumi, interventi chirurgici, malattie vascolari o infezioni.

Le fistole vascolari possono presentarsi in vari distretti corporei e avere diverse conseguenze cliniche, a seconda della loro localizzazione e dimensione. Ad esempio, una fistola artero-venosa (AV) si verifica quando c'è un collegamento diretto tra un'arteria e una vena. Questo tipo di fistola può causare un aumento del flusso sanguigno e della pressione all'interno dei vasi interessati, portando a complicanze come ischemia (ridotta irrorazione sanguigna) in alcune aree o ipertensione arteriosa in altre.

Le fistole vascolari possono essere trattate con diverse tecniche terapeutiche, tra cui la chirurgia tradizionale, l'embolizzazione endovascolare (utilizzando dispositivi medici per occludere il canale anormale) o la radioembolizzazione (utilizzando radiazioni per chiudere la fistola). Il trattamento dipende dalla causa sottostante, dalle dimensioni e dalla localizzazione della fistola.

Una fistola rettale è un canale anormale che si forma tra il retto e la pelle intorno all'ano. Di solito si sviluppa come complicanza di un'infezione o infiammazione dell'ano o del retto, come l'ascesso anale o la malattia di Crohn. I sintomi più comuni includono dolore durante la defecazione, perdite di pus o feci dal passaggio anomalo, arrossamento e gonfiore nella zona perianale. Il trattamento può variare dall'uso di antibiotici e cure locali per la pulizia e il drenaggio dell'ascesso, alla chirurgia per chiudere la fistola. È importante consultare un medico se si sospetta una fistola rettale, poiché se trascurata può portare a complicazioni come infezioni ricorrenti o croniche, ascessi e persino sepsi.

"Encyclopedias as Topic" non è una definizione medica. È in realtà una categoria o un argomento utilizzato nella classificazione dei termini medici all'interno della Medical Subject Headings (MeSH), una biblioteca di controllo dell'vocabolario controllato utilizzata per l'indicizzazione dei documenti biomedici.

La categoria "Encyclopedias as Topic" include tutte le enciclopedie e i lavori simili che trattano argomenti medici o sanitari. Questa categoria può contenere voci come enciclopedie mediche generali, enciclopedie di specialità mediche specifiche, enciclopedie di farmacologia, enciclopedie di patologie e così via.

In sintesi, "Encyclopedias as Topic" è una categoria che raccoglie diverse opere di consultazione che forniscono informazioni complete e generali su argomenti medici o sanitari.

Polyglactin 910 è un tipo di sutura assorbibile utilizzata in chirurgia. È composta da copolimeri alfa-idrossiesteri di glicolide e lattide. Questo materiale è progettato per fornire una forza di tensione adeguata durante il processo di guarigione dei tessuti, dopo di che viene gradualmente riassorbito dall'organismo.

La sutura Polyglactin 910 ha un tempo di degradazione di circa 60-90 giorni, il che la rende adatta per una varietà di applicazioni chirurgiche, tra cui la chirurgia generale, la chirurgia ginecologica e la chirurgia della pelle. Tuttavia, non è raccomandata per l'uso in aree soggette a movimento significativo o infezione, poiché ciò può accelerare il processo di degradazione e compromettere la forza della sutura.

In generale, Polyglactin 910 è considerato un materiale sicuro ed efficace per l'uso in chirurgia, sebbene, come con qualsiasi dispositivo medico, possano verificarsi reazioni avverse individuali.

Il gioco d'azzardo è definito in campo medico come l'attività di scommettere denaro o beni materiali con incertezza sul risultato, con la motivazione principale di vincere una somma maggiore. Il gioco d'azzardo può diventare un disturbo quando causa disagio clinicamente significativo o compromissione in aree personali, lavorative o altre importanti aree funzionali.

Il Disturbo da Gioco d'Azzardo è riconosciuto come una condizione mentale a sé stante nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), pubblicato dall'American Psychiatric Association. I criteri diagnostici includono: preoccupazione per il gioco d'azzardo, la necessità di scommettere quantità crescenti di denaro per raggiungere l'eccitazione desiderata, sintomi di astinenza quando si tenta di smettere di giocare d'azzardo, frequenti tentativi falliti di controllo o interrompere il gioco d'azzardo, e comportamento di gioco d'azzardo che continua nonostante le conseguenze negative.

Il gioco d'azzardo problematico può avere effetti negativi sulla salute mentale e fisica, compresi l'ansia, la depressione, i problemi finanziari e le relazioni interpersonali danneggiate. Può anche portare a comportamenti illegali come frodi o appropriazione indebita per finanziare ulteriori attività di gioco d'azzardo.

In medicina, la comunicazione si riferisce al processo di scambio di informazioni, idee, emozioni, valori e aspettative tra i pazienti, i familiari e i fornitori di assistenza sanitaria. Essa può avvenire attraverso diversi canali, come la conversazione verbale, il linguaggio del corpo, la scrittura o l'uso di tecnologie assistive. La comunicazione efficace è fondamentale per stabilire una relazione terapeutica, per comprendere appieno le esigenze e i bisogni dei pazienti, per prendere decisioni informate insieme ai pazienti e per fornire cure centrate sulla persona. Una comunicazione chiara, empatiche e rispettosa può anche contribuire a ridurre l'ansia e la paura dei pazienti, a promuovere la loro adesione alle raccomandazioni terapeutiche e a migliorare i loro esiti clinici.

MedlinePlus è un servizio online fornito dal National Library of Medicine (NLM), che fa parte dei National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti. Fornisce informazioni affidabili e facilmente accessibili sui vari aspetti della salute, comprese le condizioni mediche, i farmaci, i procedimenti sanitari, i servizi di assistenza sanitaria e i diritti dei pazienti.

MedlinePlus raccoglie informazioni da fonti autorevoli, come il National Institutes of Health, l'Agenzia per la Ricerca Sanitaria e le organizzazioni sanitarie leader a livello nazionale e internazionale. Il contenuto è sottoposto a revisione editoriale regolare per garantire che sia accurato, equilibrato e aggiornato.

Il sito web di MedlinePlus è progettato per essere intuitivo e facile da usare, con funzionalità come la ricerca semplice e avanzata, i glossari medici, le linee guida interattive e gli strumenti di salute. Disponibile in inglese e spagnolo, MedlinePlus offre anche servizi multimediali, tra cui video, podcast e immagini animate per aiutare a illustrare i concetti medici complessi.

MedlinePlus è una risorsa preziosa per il pubblico in generale, nonché per professionisti sanitari, studenti di medicina, ricercatori e altri che cercano informazioni affidabili sulla salute.

L'ascesso è un accumulo di pus, che è una combinazione di batteri morti, globuli bianchi e fluido corporeo, all'interno di una cavità del tessuto corporeo. Solitamente si forma in risposta a un'infezione batterica o ad alcuni tipi di funghi.

L'ascesso può verificarsi in qualsiasi parte del corpo, tra cui la pelle, i polmoni, i denti, il cervello o gli organi interni. I sintomi possono includere dolore, arrossamento, gonfiore, calore e sensibilità nella zona interessata, nonché febbre e brividi se l'ascesso è profondo nel corpo.

Il trattamento dell'ascesso di solito comporta la drenatura del pus attraverso un piccolo taglio o incisione chirurgica, seguita dall'uso di antibiotici per eliminare l'infezione sottostante. In alcuni casi, se l'ascesso è molto grande o in una posizione difficile da raggiungere, può essere necessario un intervento chirurgico più invasivo per drenarlo completamente.

È importante cercare cure mediche immediate se si sospetta di avere un ascesso, poiché se lasciato untreated, può diffondersi ad altre parti del corpo e causare gravi complicazioni, come la setticemia o l'insufficienza d'organo.

I canali ionici sono proteine integrali di membrana che permettono il passaggio selettivo degli ioni attraverso la membrana cellulare. Sono essenziali per la comunicazione cellulare, la regolazione del potenziale di membrana e l'equilibrio elettrolitico delle cellule. I canali ionici si aprono e chiudono in risposta a vari stimoli, come il potenziale di membrana, la ligandazione, la tensione meccanica o il calcio intracellulare. Possono essere specifici per determinati ioni, come sodio, potassio, cloro o calcio. Le disfunzioni dei canali ionici possono portare a varie patologie, tra cui malattie neuromuscolari, cardiovascolari e neurologiche.