L'estradiolo deidrogenasi è un enzima che catalizza la reazione di ossidoriduzione dell'estradiolo a estrone, convertendo il gruppo idrossile del carbonio 17β in un gruppo carbossile. Questo enzima svolge un ruolo importante nel metabolismo degli estrogeni e può esistere in due forme: NAD-dipendente ed NADP-dipendente. La forma NAD-dipendente è più diffusa e si trova principalmente nei tessuti non riproduttivi, dove svolge un ruolo nella regolazione della biosintesi degli estrogeni. La forma NADP-dipendente è presente invece principalmente nel placenta e nei testicoli, dove catalizza la reazione opposta, convertendo l'estrone in estradiolo.

L'estradiolo deidrogenasi svolge un ruolo chiave nella regolazione della produzione di estrogeni e del loro metabolismo, ed è stata identificata come un fattore importante nello sviluppo di alcune patologie, come il cancro al seno e all'endometrio. Alterazioni nel livello di attività di questo enzima possono infatti influenzare l'equilibrio ormonale e contribuire allo sviluppo di queste malattie.

I secosteroidi sono composti steroidei che hanno subito la perdita o l'eliminazione di uno o più anelli carboniosi nella loro struttura. Il termine "secosteroidi" è spesso utilizzato per descrivere derivati della serie steroidica che presentano una modifica strutturale caratteristica, vale a dire la presenza di un legame chimico spezzato all'interno del tradizionale anello tetraciclico steroideo.

Il più noto secosteroide è la vitamina D, che viene sintetizzata nel corpo umano dopo l'esposizione alla luce solare sulla pelle. Nella forma di vitamina D3 (colecalciferolo), il composto possiede un legame spezzato tra il carbonio 9 e il carbonio 10, che lo distingue dalle forme tradizionali degli steroidi. Questa modifica strutturale conferisce alla vitamina D3 la capacità di subire una conversione enzimatica in diversi metaboliti attivi, i quali svolgono un ruolo cruciale nella regolazione dell'omeostasi del calcio e del fosfato a livello osseo e sistemico.

Altri esempi di secosteroidi comprendono gli analoghi sintetici della vitamina D, utilizzati nel trattamento di diverse patologie quali l'ipoparatiroidismo, l'osteoporosi e il rachitismo. Questi composti presentano una struttura simile a quella della vitamina D3, con modifiche specifiche apportate al fine di migliorarne la biodisponibilità, la potenza o la selettività d'azione terapeutica.

L'estradiolo è un ormone steroideo naturale appartenente alla classe degli estrogeni. È il principale estrogeno prodotto dalle ovaie e svolge un ruolo cruciale nello sviluppo e nella regolazione del sistema riproduttivo femminile, compreso lo sviluppo dei caratteri sessuali secondari femminili durante la pubertà.

Negli uomini, l'estradiolo viene prodotto in piccole quantità principalmente dal testosterone nel fegato e nei tessuti periferici.

L'estradiolo svolge un ruolo importante nella salute delle ossa, nel mantenimento della densità ossea e nella prevenzione dell'osteoporosi in entrambi i sessi. Inoltre, è responsabile del mantenimento della salute del cervello, del cuore e di altri organi vitali.

I livelli anormalmente bassi o alti di estradiolo possono causare vari problemi di salute, come la menopausa precoce nelle donne, l'infertilità, l'osteoporosi, i disturbi cardiovascolari e alcuni tipi di cancro.

L'estradiolo è anche comunemente usato nel trattamento ormonale sostitutivo (THS) per alleviare i sintomi della menopausa nelle donne in postmenopausa. Tuttavia, l'uso dell'estrogeno solitamente comporta rischi e benefici che devono essere attentamente considerati da un medico prima di prescriverlo.

La L-lattato deidrogenasi (LDH) è un enzima presente in diversi tessuti del corpo umano, compresi i muscoli, il fegato, il cuore, i globuli rossi e il cervello. La sua funzione principale è catalizzare la conversione del lattato in piruvato durante il processo di glicolisi, un percorso metabolico che produce energia nelle cellule.

L'LDH è presente come tetramero, costituito da diverse combinazioni di due tipi di subunità: M (muscolare) e H (cuore). Queste subunità si combinano per formare cinque isoenzimi diversi, LDH-1 a LDH-5, che possono essere rilevati e misurati nel sangue. I diversi isoenzimi sono distribuiti in modo differente nei vari tessuti, il che può fornire informazioni utili sulla localizzazione di lesioni o danni cellulari quando i livelli di LDH aumentano.

Un aumento dei livelli di LDH nel sangue può essere un indicatore di una varietà di condizioni patologiche, come infarto miocardico, anemia emolitica, ittero, trauma contusivo, infezioni, cancro e altre malattie che causano danni ai tessuti. Pertanto, la misurazione dei livelli di LDH può essere utile come test diagnostico per valutare lo stato di salute generale del paziente e monitorare le risposte al trattamento.

L'alcol deidrogenasi (ADH) è un enzima che catalizza la reazione di ossidazione dell'etanolo ad acetaldeide. Questo processo è una parte cruciale del metabolismo dell'alcol etilico nell'organismo umano. L'acetaldeide prodotta da questa reazione viene quindi ulteriormente ossidata in aceto dall'acetaldeide deidrogenasi a livello della matrice mitocondriale.

L'ADH è presente in diversi tessuti del corpo umano, tra cui il fegato, lo stomaco e il cervello. Tuttavia, il fegato è l'organo principale responsabile del metabolismo dell'alcol etilico. L'attività di questo enzima può variare da individuo a individuo, con alcune persone che metabolizzano l'alcol più velocemente rispetto ad altre. Questa variazione può essere dovuta a fattori genetici o ambientali.

L'ADH è una classe di enzimi che comprende diverse isoforme, ciascuna con differenti proprietà catalitiche e substrati specifici. Ad esempio, alcune isoforme possono ossidare l'etanolo ad acetaldeide più velocemente di altre. Queste differenze possono avere implicazioni per la suscettibilità individuale alla dipendenza da alcol e ai danni associati all'uso cronico di alcol.

In sintesi, l'alcol deidrogenasi è un enzima importante che svolge un ruolo chiave nel metabolismo dell'alcol etilico nell'organismo umano. La sua attività può variare da individuo a individuo e può avere implicazioni per la suscettibilità individuale alla dipendenza da alcol e ai danni associati all'uso cronico di alcol.

La gliceraldeide-3-fosfato deidrogenasi (G3PD o GAPDH) è un enzima chiave nel metabolismo energetico, più precisamente nel processo di glicolisi. La sua funzione è quella di catalizzare la reazione di ossidoriduzione che converte il gliceraldeide-3-fosfato (G3P) in 1,3-bisfosfoglicerato (BPG), producendo anche una molecola di NADH dal NAD+.

L'equazione chimica della reazione catalizzata dalla G3PD è:

D-gliceraldeide-3-fosfato + Pi + NAD+ -> 1,3-bisfosfoglicerato + NADH + H+

Questa reazione è fondamentale per la produzione di ATP (adenosina trifosfato), l'energia chimica utilizzata dalle cellule per svolgere le loro funzioni. La G3PD svolge un ruolo cruciale nel mantenimento dell'equilibrio energetico cellulare e nella regolazione del metabolismo glucidico.

Una carenza o un'alterazione della funzione di questo enzima possono portare a diversi disturbi metabolici, come la deficienza congenita di gliceraldeide-3-fosfato deidrogenasi (GAPDH), che può manifestarsi con sintomi quali ritardo dello sviluppo, ipotonìa, convulsioni e acidosi metabolica.

La Aldeide Deidrogenasi (ALDH) è un enzima presente in diversi tessuti del corpo umano, compreso il fegato, i reni e il cervello. La sua funzione principale è quella di ossidare le aldeidi, che sono molecole chimiche con un gruppo aldeidico (-CHO), a loro volta derivanti dal metabolismo di alcuni aminoacidi e dell'alcol etilico.

L'ALDH catalizza la reazione di ossidazione delle aldeidi in acidi carbossilici, utilizzando come cofattore il NAD+ (nicotinamide adenina dinucleotide). Questa reazione è importante per eliminare le tossine e prevenire l'accumulo di sostanze nocive nel corpo.

L'ALDH svolge anche un ruolo cruciale nella detossificazione dell'etanolo, che viene metabolizzato in acetaldeide prima di essere convertito in acido acetico dall'ALDH. La velocità con cui l'acetaldeide viene metabolizzata dall'ALDH può variare da persona a persona, e questa variazione è stata associata alla suscettibilità individuale all'intossicazione da alcol.

Inoltre, alcune forme di ALDH sono state identificate come fattori genetici che possono proteggere contro lo sviluppo del cancro. Ad esempio, l'ALDH3A1 è stato associato alla ridotta incidenza di tumori della pelle e dell'apparato respiratorio.

In sintesi, la Aldeide Deidrogenasi (ALDH) è un enzima importante che svolge un ruolo cruciale nella detossificazione del corpo umano, eliminando le tossine e prevenendo l'accumulo di sostanze nocive. La sua attività può variare da persona a persona ed essere associata alla suscettibilità individuale all'intossicazione da alcol e alla protezione contro lo sviluppo del cancro.

La glutammato deidrogenasi (GDH) è un enzima che catalizza la reazione di ossidazione del glutammato a α-chetoglutarato nel ciclo dell'acido citrico. Questa reazione produce anche ammoniaca e nicotinamide adenina dinucleotide (NADH) come sottoprodotti. La GDH svolge un ruolo chiave nel metabolismo degli aminoacidi e nell'equilibrio dell'azoto, poiché è responsabile della conversione dell'ammoniaca in glutammato, che può quindi essere utilizzata per la sintesi di altri aminoacidi. L'attività della GDH è regolata da diversi fattori, tra cui il livello di NAD+/NADH e il pH. Un'anomalia nella funzione della GDH può portare a disturbi del metabolismo degli aminoacidi e dell'equilibrio dell'azoto, come l'encefalopatia epatica.

La glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD) è un enzima presente nelle cellule, in particolare nei globuli rossi. È responsabile della produzione di nicotinamide adenina dinucleotide fosfato (NADPH), che protegge i globuli rossi dalla lisi (degradazione).

La G6PD catalizza la reazione di ossidoriduzione del glucosio-6-fosfato a 6-fosfo-glucono-delta-lattone, riducendo il NADP+ in NADPH. Questa reazione è la prima nella via dei pentosi fosfati, un percorso metabolico che fornisce precursori per la biosintesi di molecole importanti come acidi nucleici e carboidrati complessi, nonché una fonte di riduzione per la protezione contro lo stress ossidativo.

Una carenza congenita dell'attività enzimatica della G6PD può portare a una condizione nota come favismo, che si manifesta con anemia emolitica acuta dopo l'ingestione di fave o altri trigger ambientali. Questa condizione è più comune nelle popolazioni maschili e in alcune aree geografiche specifiche, come il Mediterraneo, l'Africa subsahariana, il Medio Oriente e l'Asia meridionale.

La malicodeidrogenasi è un enzima (specificamente, una ossidoreduttasi) che catalizza la reazione di ossidoriduzione tra il malonil-CoA e la NAD+, producendo acetil-CoA, CO2 e NADH. Questa reazione è parte del ciclo dell'acido citrico e svolge un ruolo cruciale nel metabolismo dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine. La malicodeidrogenasi è presente in molti organismi viventi, tra cui batteri, piante e animali.

L'attività di questo enzima è strettamente regolata all'interno della cellula, poiché svolge un ruolo chiave nel bilanciare la produzione di energia (attraverso la formazione di acetil-CoA) e la riduzione del NAD+ in NADH. La malicodeidrogenasi è anche un bersaglio importante per alcuni antibiotici, come l'isoniazide, che inibiscono l'attività dell'enzima e interrompono il metabolismo dei batteri.

Gli recettori dell'estradiolo sono proteine transmembrana o intracellulari che le cellule utilizzano per rilevare e rispondere all'esposizione agli estrogeni, un tipo di ormone steroideo sessuale femminile. L'estradiolo è la forma più potente e prevalente di estrogeni nel corpo umano. I recettori dell'estradiolo sono presenti in una varietà di tessuti, tra cui quelli riproduttivi, ossei, cardiovascolari e cerebrali.

Quando l'estradiolo si lega a questi recettori, attiva una serie di risposte cellulari che possono influenzare la crescita, lo sviluppo e il mantenimento dei tessuti in cui sono presenti i recettori. Ad esempio, nei tessuti riproduttivi femminili, l'estradiolo svolge un ruolo cruciale nella regolazione del ciclo mestruale e nello sviluppo degli organi sessuali secondari femminili. Nei tessuti ossei, può influenzare la densità minerale ossea e aiutare a prevenire l'osteoporosi.

I recettori dell'estradiolo sono anche presenti nel cervello, dove possono influenzare il comportamento, l'umore e la cognizione. Alcune ricerche suggeriscono che i cambiamenti nei livelli di estrogeni e negli effetti dei recettori dell'estradiolo possano essere associati a disturbi come la depressione postpartum e la malattia di Alzheimer.

In sintesi, i recettori dell'estradiolo sono proteine che mediano gli effetti degli estrogeni sul corpo umano. Possono influenzare una varietà di processi fisiologici, tra cui la riproduzione, lo sviluppo osseo e il comportamento.

L'isocitrato deidrogenasi (IDH) è un enzima chiave presente nel ciclo di Krebs, che si verifica all'interno delle mitocondrie delle cellule. L'IDH catalizza la reazione di ossidazione decarbossilazione dell'isocitrato in α-chetoglutarato, producendo anche NADH come cofattore ridotto nel processo.

Esistono due forme principali di isocitrato deidrogenasi nel corpo umano: IDH1 e IDH2. Mentre entrambe le forme catalizzano la stessa reazione chimica, si trovano in diversi compartimenti cellulari (IDH1 nel citoplasma e IDH2 nelle mitocondrie) e possono avere ruoli distinti all'interno del metabolismo cellulare.

Una mutazione di questo enzima, specialmente nella forma IDH2, è stata identificata in diversi tipi di tumori, come gli astrocitomi e i glioblastomi, che sono forme aggressive di tumore al cervello. Queste mutazioni possono portare a una produzione alterata di metaboliti, contribuendo potenzialmente allo sviluppo del cancro. Pertanto, l'isocitrato deidrogenasi è un bersaglio importante per la ricerca sul cancro e lo sviluppo di terapie mirate.

L'alcol ossidoreductasi, nota anche come alcol deidrogenasi (ADH), è un enzima che catalizza la reazione di ossidazione dell'etanolo in acetaldeide. Questo processo metabolico avviene principalmente nel fegato e fa parte del più ampio sistema di detossificazione dell'organismo dai composti xenobiotici, come l'alcol etilico presente nelle bevande alcoliche.

La reazione catalizzata dall'alcol ossidoreductasi è la seguente:

Etanolo + NAD+ -> Acetaldeide + NADH + H+

L'enzima svolge un ruolo chiave nel metabolismo dell'alcol etilico e, di conseguenza, nella sua clearance dall'organismo. Le variazioni genetiche che influenzano l'attività di questo enzima possono contribuire a differenze individuali nella suscettibilità all'intossicazione da alcol e alla dipendenza da alcol.

L'alcol ossidoreductasi è presente in diversi tessuti, tra cui fegato, intestino tenue, stomaco e cervello. Tuttavia, il fegato è la sede principale del metabolismo dell'alcol etilico, dove l'enzima svolge un ruolo cruciale nel mantenere i livelli ematici di alcol entro limiti normali e prevenire l'intossicazione.

La Diidrolipoamide Deidrogenasi (DLD) è un enzima multimerico che fa parte del complesso multi-enzimatico della piruvato deidrogenasi (PDC) e dell'alfa-chetoglutarato deidrogenasi (KGDH). Questo enzima svolge un ruolo chiave nei processi di ossidazione del piruvato e dell'alfa-chetoglutarato, che sono fondamentali per la produzione di energia nelle cellule attraverso il ciclo di Krebs.

Nel dettaglio, l'enzima DLD catalizza la reazione di ossidazione della diidrolipoamide, un cofattore lipoidico ridotto durante le reazioni di ossidazione del piruvato e dell'alfa-chetoglutarato. La diidrolipoamide viene ossidata a lipoamide, con la conseguente riduzione della FAD (flavina adenina dinucleotide) a FADH2. Successivamente, la FADH2 può essere riossidata dalla NAD+ (nicotinammide adenina dinucleotide) per rigenerare FAD e produrre NADH, che può essere utilizzato nel processo di produzione di ATP attraverso la catena respiratoria.

La DLD è una proteina costituita da quattro subunità identiche (E3), che formano un tetramero. Questo enzima è presente in molti tessuti, ma è particolarmente abbondante nel cervello e nel fegato. La carenza di questo enzima può causare una serie di disturbi metabolici, tra cui acidosi lattica, encefalopatia, ritardo mentale e altri sintomi neurologici.

La carboidrato deidrogenasi è un enzima che catalizza la reazione di ossidazione dei carboidrati, come il glucosio e il fruttosio. Questo enzima estrae equivalenti di elettroni dai substrati carboidrati sotto forma di NADH o NADPH, a seconda del tipo specifico di carboidrato deidrogenasi.

L'NAD+ (nicotinamide adenine dinucleotide) o l'NADP+ (nicotinamide adenine dinucleotide fosfato) vengono ridotti a NADH o NADPH, rispettivamente, durante questo processo. L'ossidazione del substrato carboidrato produce di solito un composto che contiene un gruppo aldeidico o chetonico.

Esistono diversi tipi di carboidrati deidrogenasi, come la glucosio deidrogenasi, la fruttosio deidrogenasi e la galattosio deidrogenasi, ciascuna delle quali è specifica per un particolare substrato carboidrato. Questi enzimi svolgono un ruolo importante nel metabolismo dei carboidrati e sono fondamentali per la produzione di energia nelle cellule.

La succinato deidrogenasi (SDH) è un enzima presente nella membrana interna mitocondriale che svolge un ruolo cruciale nel processo di respirazione cellulare. È una parte importante del complesso II, che include anche flavoproteina e iron-sulfur proteine.

L'SDH catalizza la conversione del succinato in fumarato nell'ultima tappa della catena respiratoria degli acidi tricarbossilici (TCA cycle o ciclo di Krebs), producendo anche FADH2, un importante portatore di elettroni. Questo processo è accompagnato dal trasferimento di protoni attraverso la membrana mitocondriale interna, contribuendo alla creazione del gradiente di protoni necessario per la sintesi di ATP.

La succinato deidrogenasi è anche nota come complesso II della catena respiratoria ed è costituita da quattro subunità: SDHA, SDHB, SDHC e SDHD. Mutazioni in geni che codificano per queste subunità possono portare a disfunzioni enzimatiche e sono associate a varie malattie ereditarie, come alcune forme di cancro e neuropatie.

In sintesi, la succinato deidrogenasi è un importante enzima mitocondriale che svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia cellulare attraverso il ciclo degli acidi tricarbossilici e la catena respiratoria.

L-iditolo 2-deidrogenasi è un enzima (EC 1.1.1.14) che catalizza la reazione di ossidazione del L-iditolo a L-sorbosio utilizzando NAD+ come cofattore. Questa reazione fa parte del metabolismo dei carboidrati e più specificamente della via della pentosa fosfato.

L'enzima è presente in diversi organismi, tra cui batteri, funghi e piante. Nei mammiferi, l'enzima è espresso principalmente nel fegato e nei reni. La L-iditolo 2-deidrogenasi svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo del glucosio e della risposta allo stress ossidativo, poiché il suo prodotto di reazione, il L-sorbosio, può essere ulteriormente metabolizzato per produrre NADPH, una molecola essenziale per la difesa antiossidante cellulare.

Una carenza o un'alterazione dell'attività della L-iditolo 2-deidrogenasi può essere associata a diversi disturbi metabolici e patologici, come ad esempio la galattosemia, una malattia genetica che si manifesta con un'intolleranza al lattosio.

"Encyclopedias as Topic" non è una definizione medica. È in realtà una categoria o un argomento utilizzato nella classificazione dei termini medici all'interno della Medical Subject Headings (MeSH), una biblioteca di controllo dell'vocabolario controllato utilizzata per l'indicizzazione dei documenti biomedici.

La categoria "Encyclopedias as Topic" include tutte le enciclopedie e i lavori simili che trattano argomenti medici o sanitari. Questa categoria può contenere voci come enciclopedie mediche generali, enciclopedie di specialità mediche specifiche, enciclopedie di farmacologia, enciclopedie di patologie e così via.

In sintesi, "Encyclopedias as Topic" è una categoria che raccoglie diverse opere di consultazione che forniscono informazioni complete e generali su argomenti medici o sanitari.

La malattia di Alexandre è un disturbo neurologico estremamente raro che colpisce il sistema nervoso centrale. Prende il nome da Pierre Alexandre, il neurologo francese che per primo ha descritto la condizione nel 1976. È anche conosciuta come leucoencefalopatia progressiva subacuta di Alexandre o malattia di Alexander demielinizzante.

La malattia di Alexandre è causata da una mutazione del gene AARS2, che fornisce istruzioni per la produzione dell'enzima alanyl-tRNA sintetasi 2 mitocondriale. Questo enzima svolge un ruolo importante nella produzione di proteine mitocondriali, che sono necessarie per il normale funzionamento delle cellule. La mutazione del gene AARS2 porta a una carenza dell'enzima alanyl-tRNA sintetasi 2 mitocondriale, che provoca danni ai mitocondri e alla mielina, la guaina protettiva che circonda i nervi nel cervello e nel midollo spinale.

I sintomi della malattia di Alexandre di solito si sviluppano durante l'infanzia o l'adolescenza e possono includere debolezza muscolare progressiva, spasticità, difficoltà di movimento, atassia, convulsioni, deterioramento cognitivo e problemi di vista. La malattia è progressiva, il che significa che i sintomi tendono a peggiorare nel tempo. Non esiste una cura nota per la malattia di Alexandre, e il trattamento si concentra sulla gestione dei sintomi.

In medicina e fisiologia, la cinetica si riferisce allo studio dei movimenti e dei processi che cambiano nel tempo, specialmente in relazione al funzionamento del corpo e dei sistemi corporei. Nella farmacologia, la cinetica delle droghe è lo studio di come il farmaco viene assorbito, distribuito, metabolizzato e eliminato dal corpo.

In particolare, la cinetica enzimatica si riferisce alla velocità e alla efficienza con cui un enzima catalizza una reazione chimica. Questa può essere descritta utilizzando i parametri cinetici come la costante di Michaelis-Menten (Km) e la velocità massima (Vmax).

La cinetica può anche riferirsi al movimento involontario o volontario del corpo, come nel caso della cinetica articolare, che descrive il movimento delle articolazioni.

In sintesi, la cinetica è lo studio dei cambiamenti e dei processi che avvengono nel tempo all'interno del corpo umano o in relazione ad esso.

L'estrono è un tipo di estrogeno, che è un ormone steroideo sessuale femminile. Viene prodotto principalmente dalle ovaie e in misura minore dal grasso corporeo e dalle ghiandole surrenali. L'estrono è la forma predominante di estrogeno presente nelle donne in postmenopausa.

L'estrono svolge un ruolo importante nello sviluppo e nella funzione dei sistemi riproduttivo e scheletrico femminili, così come nel mantenimento della salute della pelle e delle mucose. Tuttavia, livelli elevati o prolungati di estroni possono aumentare il rischio di alcuni tipi di cancro al seno e all'endometrio nelle donne in postmenopausa.

L'estrono può anche essere convertito in altri ormoni estrogeni, come l'estradiolo ed il suo metabolismo è soggetto a vari fattori genetici e ambientali che possono influenzare il rischio di sviluppare patologie legate agli estrogeni.