• L'azione diuretica della teofillina viene sfruttata nelle tisane e nei prodotti dietetici drenanti. (my-personaltrainer.it)
  • Anche per questo, prima ed al termine delle classiche corse podistiche o ciclistiche, viene offerta una bella tazza di the caldo, in cui la concentrazione di teofillina è comunque del tutto insufficiente per avere valenza terapeutica (circa 100-1000 volte più bassa rispetto ai 120-240 mg, per 3-4 volte al giorno, utilizzati nella terapia antiasmatica dell'adulto). (my-personaltrainer.it)
  • Per decenni la teofillina orale è stata utilizzata come broncodilatatore per trattare la BPCO , ma è caduta in disgrazia a causa degli effetti collaterali determinati dalle dosi elevate che sono necessarie per ottenere un effetto benefico, così come dalla disponibilità di trattamenti farmacologici più efficaci. (pharmastar.it)
  • La teofillina è stata utilizzata da pochi, ma la caffeina da molti e non c'è stato nulla da rilevare in entrambi i casi. (ieson.com)
  • Pertanto, a differenza di quanto si crede, il tè apporta buone dosi di caffeina (circa 20 mg per 100 ml), ma il suo contenuto in teofillina è alquanto ridotto (circa 1 mg in una tazza da 150 ml di tè nero molto forte , fino a meno di 1 mg/L negli infusi preparati con foglie delle varietà più delicate). (my-personaltrainer.it)
  • I pazienti adulti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ad alto rischio di riacutizzazione e trattati con corticosteroidi inalatori e teofillina a basse dosi come terapia aggiuntiva non presentavano un minor numero di esacerbazioni rispetto a quelli non trattati con la teofillina, secondo i risultati dello studio TWICS appena pubblicato sul Journal of American Medical Association (JAMA). (pharmastar.it)
  • Dal momento che alcune valutazioni precliniche hanno dimostrato che concentrazioni plasmatiche ridotte di teofillina (1-5 mg/l) potenziano gli effetti antiinfiammatori dei corticosteroidi nella BPCO, uno studio recente ha cercato di determinare se l'aggiunta di teofillina a basse dosi alla terapia con corticosteroidi per via inalatoria avrebbe ridotto il numero di esacerbazioni della malattia. (pharmastar.it)
  • Ha confrontato il numero di riacutizzazioni tra coloro che assumevano solo corticosteroidi inalatori (più placebo) e quanti ricevevano teofillina a basse dosi come terapia aggiuntiva. (pharmastar.it)
  • Gli autori hanno concluso che «tra gli adulti con BPCO ad alto rischio di esacerbazione trattati con corticosteroidi inalatori, l'aggiunta di teofillina a basse dosi, rispetto al placebo, non ha ridotto il numero di riacutizzazioni della BPCO nell'arco di un anno. (pharmastar.it)
  • Una terapia a base di teofillina può interferire - causando dei falsi risultati - con alcuni esami del sangue (come quelli per la glicemia , il colesterolo, acido urico, test di dipiridamolo- tallio). (segretiperstarbene.it)
  • Pertanto, quando fai esami del sangue informa il personale medico circa il fatto che già stai facendo una terapia a base di teofillina. (segretiperstarbene.it)
  • È stato dimostrato che la teofillina può risolvere il problema della scarsa sensibilità agli steroidi nei pazienti fumatori attivi con BPCO e/o asma bronchiale. (wikipedia.org)
  • La teofillina fu estratta dalle foglie di tè e chimicamente venne identificata intorno al 1888 dal biologo tedesco Albrecht Kossel. (wikipedia.org)
  • La teofillina in vitro ha dimostrato di poter ripristinare la ridotta attività della deacetilasi (HDAC) indotta dallo stress ossidativo stesso, ripristinando una normale sensibilità agli steroidi. (wikipedia.org)
  • La teofillina si distribuisce rapidamente nel fluido extracellulare, nella placenta, nel latte materno e nel sistema nervoso centrale. (wikipedia.org)
  • La teofillina può essere preparata per via sintetica a partire dalla dimetilurea e l'etil 2-cianoacetato. (wikipedia.org)
  • La concentrazione di teofillina è molto variabile in relazione al tipo di the, alla varietà e alla durata dell' infuso . (my-personaltrainer.it)