Non può essere altro che un linfoma?


Gentili signori,
circa 6 anni e mezzo fa mi è stata diagnosticata una stenosi dell'uretra a seguito di un periodo di infezioni urinarie ricorrenti, con altri sintomi come sudorazioni notturne, brividi e fastidio ai linfonodi ascellari. Quattro anni fa ho avuto una febbre alta durata un paio di giorni e curata con antibiotici, senza però infezioni urinarie. Di nuovo si è presentata la coda di sintomi con in più un bozzetto all'ascella destra che è regredito in queste settimane fin quasi a scomparire (poi rivelatosi una specie di ciste acquosa all'ecografia). All'epoca, le analisi di laboratorio (emocromo completo, ves, ldh ed epstein-barr e cytomegalovirus) erano a posto, avevo fatto una lastra al torace negativa e un'ecografia dei linfonodi superficiali. A distanza di quattro anni, con saltuari episodi infettivi (uno l'anno circa), di nuovo nell'ultimo mese si sono riproposti gli stessi sintomi (2 episodi di febbre che non andava via, con malessere generalizzato e di nuovo sudorazione notturna). Ho fatto le analisi durante la fase acuta e i valori non normali sono i linfociti a 17,8%, 30 mg/dl di proteine nelle urine e VES 16, proteina c-reattiva a 43,6. Elettroforesi delle sieroproteine,, emocromo, azotemia, creatininemia, proteine totali, transaminasi, fosfatasi alcalina e il resto delle urine sono a posto.Sono molto impaurito e mi chiedo se la situazione è compatibile anche con patologie che non siano tumori.
Grazie per l'aiuto
----------

non credo davvero che questo sia il genere di quesiti da fare su Answers dove non c'è nessuno competente e le risposte che potresti avere potrebbero risultare lesive della tua salute!
Rivolgiti ai medici, nessuno meglio di loro con esami alla mano e con te davanti per poterti visitare, potranno dirti ciò di cui chiedi!  (+ info)

cosa significa avere un raggruppamento monoclonale in zona gamma do po aver effettuato un esame elettroforesi?


Le gammopatie monoclonali sono un gruppo di malattie caratterizzate da una eccessiva produzione di immunoglobuline da parte delle plasmacellule del midollo emopoietico.

Il termine di gammopatia si riferisce al fatto che le immunoglobuline sono evidenziate per la maggior parte nella regione gamma dell'elettroforesi proteica, che in questi casi presenterà il cosiddetto "picco", conseguenza dell'eccesso di immunoglobuline.

Il termine monoclonale indica che queste proteine sono prodotte tutte da un solo clone di plasmacellule e sono uguali fra di loro, a differenza delle normali immunoglobuline che sono policlonali.

Le principali gammopatie monoclonali sono:

la gammopatia monoclonale di incerto significato
il mieloma multiplo e sue varianti
la macroglobulinemia di Waldenström
le malattie delle catene pesanti
l'amiloidosi
la malattia da deposito delle catene leggere.
il mieloma micromolecolare (che produce solo catene leggere)
il mieloma non secernente (che non produce immunoglobuline)
il plasmocitoma solitario
la leucemia plasmacellulare.


La causa delle gammopatie monoclonali è sconosciuta. Alcune di esse sono delle vere e proprie neoplasie dei linfociti B, le cellule da cui originano le plasmacellule.

Nella maggioranza dei casi tuttavia non si riesce ad identificare la causa o ad evidenziare l'esistenza di una neoplasia, almeno al momento della diagnosi.
Le gammopatie monoclonali sono molto frequenti nella popolazione e la loro incidenza aumenta con l'aumentare dell'età: sono infatti praticamente sconosciute prima dei 30 anni, per cui è probabile che molte di esse siano la conseguenza del normale processo di invecchiamento del sistema immunitario.

Molte persone non hanno sintomi imputabili ad una gammopatia monoclonale ma hanno una o più malattie croniche associate: diabete, allergie, infezioni croniche, neoplasie di altri organi ecc. che, probabilmente, provocano una stimolazione cronica dei linfociti B che può sfociare, con il passare del tempo, nell'emergenza di un clone di plasmacellule molto numeroso che producono tutte la stessa immunoglobulina. In molti di questi casi, la gammopatia monoclonale potrebbe rappresentare il risultato di una intensa risposta del sistema immunitario a qualche antigene in genere sconosciuto, come dimostrato dal fatto che, a volte, dopo la guarigione dalla malattia associata, si può assistere alla scomparsa della gammopatia monoclonale per eliminazione della stimolazione cronica sul sistema immunitario  (+ info)

un paio di valori sballati nelle analisi del sangue?


ho visto ora le analisi del sangue e alcuni valori sono sballati.
ho 18 anni e sono in buona salute.
i valori fuori dalla norma sono

Colesterolo 105 (su una media di 130/200)
Trigliceridi 49 (su una media di 50/200)
Sideremia 50 (su una media di 60/140)
BETA1% 4.9 (su una media di 6.0/10.0)
Note Elettroforesi: si segnala lieve deficit nella zona beta1

qualcuno sa cosa sono questi valori, se sono importanti, e cosa dovrei fare?
(so che non sono niente di grave, sono fuori di poco e sto bene, ma volevo saperne comunque di più)
non ho mai fatto una dieta in vita mia e mangio tranquillamente dolci...
ho la sindrome di Gilbert. può essere collegata?
----------

Dieta stretta eh? Rilassati e mangia una fetta di torta, questi valori dicono solo che mangi un po' pochi grassi (non che sia una cosa brutta, ma senza esagerare).

Allora potrebbe essere un piccolo disturbo metabolico, ripeti le analisi tra un mesetto, se non sono cambiate o se sono peggiorate approfondisci la questione. Un po' di valori sballati sono normali una volta...  (+ info)

elettroforesi proteica-gamma?


ho ritirato gli esami del sangue e il valore elettroforesi proteica-gamma e' di 20,2% quando il massimo e' 19.
cosa puo compotare tale valore.
gli altri tutti nella norma.
grazie
----------

innanzitutto un valore di 20,2% non è poi così alto è si sopra la norma ma non è altissimo, il valore gamma nell'elettroforesi è l' esame che da come risultato il valore delle immunoglobuline, cioè gli anticorpi, quindi tutti i valori dell'elettroforesi pr.- gamma che risultino alti comportano degli sbalzi negli anticorpi. dire a cosa portano questi sbalzi di valore nn è possibile perché nn si può specificare una malattia soltanto esaminando i valori dell'elttroforesi, se però hai dei dubbi recati dal medico e lui ti saprà sicuramente dire cosa puoi avere oppure no.CIAO  (+ info)

Qualcuno sà se il picco monoclonale si vede nell'elettroforesi del siero?


si,si nota un allungamento nella banda gamma,beta o gamma-beta a seconda della quantità di anticorpi monoclonali presenti nel siero  (+ info)

chi mi aiuta a capire che cosa sono queste anaisi?


salve sono una ragazza di 25 anni e da una visita ematologica la dottoressa mi ha richiesto quedti esami vorrei capire a cosa servono
emocromo con reticolociti
elettroforesi
tipizzazione linfocitaria
proteine totali
ahq dha ena screaning
----------

ciao io non sono un medico ma ho fatto già questi esami e ti posso dire che
emocromo con reticolociti si tratta dei globuli rossi e del midollo osseo
elettroforesi stabiliscono le proteine presenti nel sangue
tipizzazione linfocitaria aiuta a capire se ci sono malattie del sangue
proteine totali valuta la presensa di disturbi del metabolismo e dei reni
e le ultime analisi purtrioppo non ti so dire ma che sintomi hai?  (+ info)

Sapete la differenza tra sindrome nefrosica e sindrome nefritica?


nonostante il nome simile sono due quadri totalmente diversi causati da glomerulopatie.
La sindrome nefrosica è caratterizzata da importante perdita di proteine con urine (almeno 3 g nelle 24 ore) e si presenta con edemi diffusi. Inoltre è presente ipercolesterolemia e un caratteristico profilo dell'elettroforesi sieroproteica (bassa albumina, alte alfa2, ipogammaglobulinemia).
La sindrome nefritica è invece caratterizzata da alterazioni urinarie varia in genere microematuria e proteinuria modesta, ma a volte anche macroematuria. Spesso c'è anche ipertensione. Alcune forme portano inoltre ad un'insufficienza renale acuta e rapidamente progressiva.
Questo naturalmente a grandi linee....  (+ info)

Ho una Esofagite Peptica di Grado A vi presento i dati del sangue fatti prima della terapia?


Che cosa ne pensate del calo nei neutrofili, sta a indicare la immunizzazione della condizione gastrica o altro ?






* le stelline stanno a evidenziare i punti sballati


VES 5 mm ( 1 - 15 )
Emocromo con formula
Globuli Bianchi 5.20 migl./mmc ( 4.00 - 10.90 )
Globuli Rossi 4.47 * mil./mmc ( 4.5 - 5.9 )
Emoglobina 13.6 g/dl ( 13.5 - 17.5 )
Ematocrito 41.5 % ( 41 - 53 )
MCV 92.8 fl ( 80 - 99 )
MCH 30.3 pg ( 26 - 36 )
MCHC 32.7 g/dl ( 31 - 37 )
RDW 13.1 cv% ( 12.6 - 15.8 )
Piastrine 184 migl./mmc ( 140 - 440 )
MPV 8.5 fl ( 6.3 - 12.5 )
Gr.Neutrofili 27.6 %
Linfociti 59.5 %
Monociti 9.8 %
Gr.Eosinofili 2.3 %
Gr.Basofili 0.8 %
Gr.Neutrofili 1.42 * migl./mmc ( 1.8 - 7.7 )
Linfociti 3.06 migl./mmc ( 1 - 4.5 )
Monociti 0.50 migl./mmc ( 0.1 - 1 )
Gr.Eosinofili 0.12 migl./mmc ( 0 - 0.35 )
Gr.Basofili 0.04 migl./mmc ( 0 - 0.1 )
Osservazioni microscopiche: Alcuni linfociti attivati
Glucosio 68 * mg/dl ( 70 - 110 )
Creatinina 1.0 mg/dl ( 0.5 - 1.4 )
Acido urico 4.7 mg/dl ( 2 - 7 )
Colesterolo 159 mg/dl v.desiderabile <200
GOT - AST 25 U/L ( 1 - 37 )
GPT - ALT 14 U/L ( 1 - 40 )
Gamma gt 13 U/L ( 1 - 50 )
Potassio 4.2 mEq/L ( 3.5 - 5.3 )
Ferro 52 gamma/dl ( 50 - 150 )
Ferritina 52 ng/ml ( 14 - 300 )
Elettroforesi proteine siero
Albumine 62.5 * % ( 50.9 - 61.9 )
Alfa1 globuline 3.7 % ( 2.6 - 5.8 )
Alfa2 globuline 8.8 % ( 8.7 - 13.8 )
Beta1 globuline 5.1 * % ( 5.3 - 8.3 )
Beta2 globuline 5.0 % ( 3.8 - 7.0 )
Gamma globuline 14.9 % ( 11.7 - 20.1 )
Rapporto A/G 1.67 * ( 1.04 - 1.62 )

Tracciato elettroforetico non fornisce informazioni

aggiuntive a quelle
desumibili dalle singole
frazioni proteiche
Proteine totali 7.5 g/dl ( 6 - 8 )


Urine chimico-fisico-microscopico

Colore giallo
u-Peso specifico 1.023 ( 1.007 - 1.027 )
u-pH 5.5 ( 5.5 - 6.5 )
u-Glucosio assente mg/dl assente
u-Proteine 5 mg/dl ( 0 - 10 )
u-Emoglobina assente mg/dl assente
u-Corpi chetonici assente mg/dl assente
u-Bilirubina assente mg/dl assente
u-Urobilinogeno 0.20 mg/dl ( 0 - 1.0 )
----------

Salve,

i dati sono piuttosto buoni, non sembra ci sia nulla di preoccupante.

La neutropenia è lieve e da probabile infezione virale. Anche molti farmaci possono causare neutropenia. Può essere anche una condizione costituzionale. Il dato non è preoccupante e va semmai ricontrollato nel tempo.

Nel frattempo parlane col tuo medico e vedrai che saprà tranquillizzarti ed eventualmente proporre altri esami per svelare la cuasa di questa condizione (es dosaggio degli ANCA, anticorpi diretti contro il citoplasma dei neutrofili), comunque non preoccupante secondo me.

Il tuo medico avrà l'opportunità di visitarti e di ricostruire al meglio la tua storia clinica, passi fondamentali per una corretta diagnosi.  (+ info)

1  2  3  4  5  6