duttale


  • viceversa si è capito solo successivamente che il reale luogo di genesi è il "TDLU" ovvero l'Unità Duttale Termino-Lobulare, analogamente al carcinoma duttale. (wikipedia.org)
  • Bisogna differenziarlo da una forma simile, il carcinoma duttale in situ. (wikipedia.org)
  • Il carcinoma duttale in situ è una neoplasia epiteliale maligna a carico della mammella che origina dalle cellule dell'unità Unità Duttale Termino-Lobulare (TDLU) che cresce all'interno dei dotti o dei lobuli ma è delimitato dalla membrana basale, la quale non è infiltrata. (wikipedia.org)
  • Di carcinoma in situ di tipo duttale ne esistono differenti forme e pattern anatomo-patologici distinti. (wikipedia.org)
  • Carcinoma duttale in situ (DCIS) è la presenza di cellule anomale all'interno di un condotto latte nel seno. (malattiaclinica.com)
  • Rappresenta un fattore di rischio compreso tra il 15-20% a 15-20 anni per lo sviluppo di un carcinoma invasivo (sia duttale che lobulare) omo/controlaterale. (wikipedia.org)
  • Il carcinoma duttale infiltrante alla mammella è la forma di cancro al seno più diffusa. (completenews.xyz)
  • Ci sono due principali tipi di cancro al seno: Carcinoma duttale che inizia n. (completenews.xyz)
  • Se una biopsia del seno è fatto che mostra una delle seguenti operazioni al microscopio , il rischio di sviluppare successivamente cancro al seno è aumentata anche : papilloma della mammella , carcinoma duttale in situ , carcinoma lobulare in situ , adenosi sclerosante , e iperplasia atipica. (blogspot.com)

lobulare in situ


  • Per carcinoma lobulare in situ (LCIS) in campo medico, si intende una forma di carcinoma mammario della donna. (wikipedia.org)
  • presenta aspetti citologici e strutturali sovrapponibili a quelli del carcinoma lobulare in situ (LCIS) dal quale si differenzia in termini quantitativi (meno di metà del lobulo interessato). (wikipedia.org)
  • La neoplasia intraepitaliale lobulare viene suddivisa in tre gradi: LIN1: iperplasia lobulare atipica LIN2: carcinoma lobulare in situ classico (LCIS) LIN3: carcinoma lobulare in situ con necrosi centrale o pleomorfo o a cellule ad anello con castone. (wikipedia.org)

mammella


  • Precedentemente i carcinomi della mammella venivano classificati in base della somiglianza ai dotti o ai lobuli delle aree interessate. (wikipedia.org)
  • Nonostante sia ormai dimostrato che tutti i carcinomi della mammella derivano dalla zona TDLU, permane questo tipo di classificazione. (wikipedia.org)
  • Nel trattamento adiuvante delle pazienti con carcinoma della mammella in stadio iniziale con linfonodi positivi, le dosi endovenose di epirubicina consigliate variano da 100mg/m² (come singola dose al giorno 1) a 120mg/m² (frazionata in due dosi al giorno 1 e 8) ogni 3-4 settimane, in combinazione con ciclofosfamide e 5-fluorouracile per via endovenosa e tamoxifene per via orale. (sanihelp.it)
  • Il carcinoma midollare in campo medico, è una forma di carcinoma della mammella, una tipologia di tumore maligno. (wikipedia.org)
  • Il carcinoma lobulare invasivo in campo medico, è una forma di carcinoma della mammella, una tipologia di tumore maligno che rappresenta un 10-14% delle forme possibili. (wikipedia.org)

Neoplasia


  • Una lesione intraepiteliale squamosa di alto grado (HSIl o HGSIL) indica una moderata o severa neoplasia cervicale intraepiteliale o carcinoma in situ. (wikipedia.org)
  • Il 90% delle neoplasia maligne orali rappresentato dal carcinoma a cellule squamose o epidermoide, mentre i rimanente 10% imputabile a neoplasie del gruppo degli adenocarcinomi (papillare, cistico e mucoide indifferenziato. (libero.it)

intraepiteliale


  • Per carcinoma in situ, detto anche carcinoma intraepiteliale, si intende una proliferazione di cellule epiteliali atipiche che presentano vari caratteri morfologici e biologici di malignità, ma non possiedono la capacità infiltrante, ossia la possibilità di invadere i tessuti situati oltre la membrana basale, né quindi i vasi sanguigni, né i vasi linfatici. (wikipedia.org)

meno


  • L'attuazione dello screening mammografico si è notato un aumento d'incidenza di questo tipo di carcinomi, da meno del 5% fino ad una quota del 15-30% di tutti i carcinomi. (wikipedia.org)

cellule squamose


  • Il carcinoma a cellule squamose interessa soprattutto il margine anterolaterale della porzione mobile della lingua. (libero.it)
  • La seconda sede di sviluppo del carcinoma a cellule squamose il pavimento della bocca, vicino al frenulo della lingua, l dove sboccano le ghiandole sottomandibolari o dotto di Wharton. (libero.it)

gastrico


  • Dal punto di vista istologico l'early gastric cancer può essere di tipo intestinale o di tipo diffuso: riconosce gli stessi tipi istologici del carcinoma gastrico. (wikipedia.org)

casi


  • Il numero di carcinomi diagnosticati allo screening supera le 13.000 unità nel biennio 2012-13 (contro circa 1.700 lesioni benigne), con un tasso di identificazione dei tumori stabile negli ultimi due periodi: intorno a 4,6 casi ogni 1.000 donne sottoposte a screening. (osservatorionazionalescreening.it)
  • Nel 13% dei casi il carcinoma è presente in entrambe le mammelle. (wikipedia.org)

altri


  • Altri termini utilizzabili per definire l'early gastric cancer sono: carcinoma di superficie, carcinoma intramucoso, superficial cancer, microinvasing cancer e altri. (wikipedia.org)

massimo


  • L'early gastric cancer (EGC), è un carcinoma limitato alla mucosa ed alla sottomucosa, e quindi è un carcinoma in situ Tis, oppure al massimo T1. (wikipedia.org)

sono


  • Di tutti i carcinomi identificati con questa metodica, inoltre, quasi la metà sono CDIS. (wikipedia.org)
  • Viceversa, nelle lesioni localizzate del carcinoma del colon-retto sono spesso presenti aree adenomatose riconducibili a precedenti formazioni polipoidi. (wikipedia.org)

tumore maligno


  • Il carcinoma del colon-retto (CRC) è il tumore maligno più frequente originato nel colon, nel retto e nell'appendice. (wikipedia.org)

tipo


  • L'aumento dell'incidenza di questo tipo di carcinomi è dato dalla loro presentazione alla mammografia. (wikipedia.org)

sede


  • Con il termine latineggiante "In situ" si vuole indicare qualcosa che rimane nella sede che le compete. (wikipedia.org)