• anale
  • Per quanto detto, tra i più importanti fattori di rischio ricordiamo i rapporti sessuali non protetti (mancato utilizzo di metodi di barriera come il preservativo ), specie se di natura anale ma non solo (nelle femmine la proctite può essere dovuta a perdite vaginali infette che entrano a contatto con la regione anale), la promiscuità sessuale e la presenza di malattie infiammatorie intestinali. (my-personaltrainer.it)
  • Fistole
  • Le possibili complicanze di una proctite trascurata o non responsiva ai trattamenti medici includono anemia (legata agli episodi emorragici), ulcere rettali (erosioni della mucosa intestinale) e fistole (vere e proprie perforazioni della mucosa enterica, che a seconda del livello a cui si manifestano mettono in comunicazione strutture normalmente separate, come diversi tratti di intestino , pelle ed intestino, vescica ed intestino o vagina ed intestino). (my-personaltrainer.it)
  • gonorrea
  • Se ad esempio gli antibiotici si rivelano particolarmente utili in caso di proctiti infettive di natura batterica (chlamydia, gonorrea), risultano del tutto inutili ed addirittura pericolosi in caso di infezioni virali (herpes genitale), per le quali sono eventualmente indicati i farmaci antivirali . (my-personaltrainer.it)
  • presenza
  • La presenza di ulcere genitali o proctite o l'aver avuto rapporti sessuali con persone provenienti dalle zone endemiche deve far sospettare la possibilità di una infezione da C. trachomatis, ma la lesione primaria spesso passa inosservata soprattutto nel sesso femminile in cui si verifica all'interno della vagina e non dà segni di sé in quanto indolente. (wikipedia.org)