Esami del sangue: se monociti alti ?


Ho fatto gli esami del sangue e mi risultano i monociti alti 11.0% e la media dovrebbe essere tra i 3.40 e i 9.00 %. Cosa potrei avere ?
Sono in ansia. Grazie
Grazie mille a tutti,
però ho anche gli eosinofili bassi 0.07 al posto di 0.20-0.80, ma non so cosa siano :(
----------

Per una risposta competente,precisa e sicura clicca sul link e poi al centro su "Chiedi",segui le istruzioni-

http://www.medicitalia.it/  (+ info)

Alcune domande sui Granulocidi, Monociti ETC.. 10PT?


Volevo sapere in'anzitutto COSA SONO i

Granulociti Neutrofili E qual'è la loro funzione
Monociti E qual'è la loro funzione
Granulociti Esinofili E qual'è la loro funzione
Granulociti Neutrofili E qual'è la loro funzione


Poi vorrei sapere se un'individuo ha questi organismi(o uno di essi) Alti o bassi, cosa ciò comporta all'organismo e che disturbi si anno!?
ESEMPIO*
Cosa causano i Monociti alti o monociti bassi all'organismo? e i sintomi quali sono?
E così per tutti gli altri organismi sopracitati.

E per finire cosa può causare, generalmente una loro alterazione,( cioe l'essere,Troppi, o troppo pochi)

10 punti al migliore.. siate più precisi possibili e rispondete a tutte le Domande. GRAZIE!
----------

Granulociti neutrofili: cellule molto mobili dotate di attività fagocitaria, intervengono nelle fasi iniziali della risposta infiammatoria come costituenti del pus. Nel sesso femminile possono presentare un nucleo con appendice di cromatina a bacchetta di tamburo, il cosiddetto "corpo di Barr" (cromosoma X) Contengono vari enzimi idrolitici, perossidasi, lactoferrina, lisozima ed enzimi in grado di degradare i mediatori dell'infiammazione. Una volta migrati nel tessuto infiammato e svolta la loro azione vanno incontro a distruzione che porta alla costituzione del pus.

Granulociti basofili: sono i precursori dei mastociti tissutali, i loro granuli contengono istamina, eparina, leucotrieni e vari enzimi quali perossidasi, fosfatasi acida, arilsolfatasi. Svolgono funzione analoga a quella dei mastociti.

Nel sangue i leucociti sono tra 4.000 e 10.000 per mm cubo; la durata della loro vita varia da poche ore per i granulociti a mesi per i monociti ad anni per alcuni tipi di linfociti. Valori superiori possono essere determinati da infiammazioni o infezioni: se aumentano i neutrofili l'infezione è di natura batterica, se aumentano i linfociti è tendenzialmente di origine virale, se aumentano quelli eosinofili si può pensare o ad una allergia o ad una infestazione da parassiti. Quando i globuli bianchi raggiungono picchi altissimi (da 30 mila a centinaia di migliaia) si hanno le leucemie. Un calo di leucociti si può trovare in quadri di infezione molto gravi, sintomatici di stati di esaurimento del sistema di difesa, di danni al midollo osseo, che è anche il posto in cui vengono creati insieme agli altri globuli bianchi, (ad esempio a causa di medicine, radioterapia o sostanze chimiche), in molte infezioni da virus e in alcune malattie del sistema sanguigno.  (+ info)

Risultati dei monociti?


analisi del sangue tutto nella norma:EMOCROMO
ma i monociti mi mettono paura!!!
il valore riscontrato è 0.849 mentre i valori normali vanno da 0.1 a 0.8

Domani vado dal mio medico ma sn preoccupata
----------

Ma di cosa vuoi essere preoccupata?? Che hai i monociti che sforano il valore max di 0.049?
Stai tranquilla, oltretutto domani andrai dal medico... don't worry!

PS: per la cronaca comunque anche se tu avessi scritto monociti a 5, non ti si potrebbe dire nulla visto che non ti si può fare l'anamnesi nè dici nulla sul tuo stato di salute...  (+ info)

C'è un dottore che può leggermi i risultati dell'analisi del sangue?


Globuli bianchi 4,57(nella norma)
Globuli rossi 4,11(nella norma)
Emoglobina 7,8(bassa)
Ematocrit0 28,0(basso)
Mcv 68,1(basso)
Mch 19,0(basso)
Mchc 27,9(basso)
Rdw 18,6(alto)
Piastrine 285(nella norma)
Mpv 11,0(nella norma)
Linfociti 38,1(nella norma)
Monociti 12,7(alti)
Neutrofili 46,5(nella norma)
Eosinofili 1,8(nella norma)
Basofili 0,9(nella norma)
Test di Quick 86(nella norma)
Inr 1,12(nella norma)
T.di Tromboplastina Parz. 29,6(nella norma)
Ratio 0,93(nella norma)
Fibrinogeno 217(nella norma)
Antitrombina III 104(nella norma)
Glicemia 77(nella norma)
Azotemia 25(nella norma)
Creatina 0,81(nella norma)
Clearance stimata 89,6
(secondo MDRD)
Got 24(nella norma)
Gpt 20(nella norma)
Gamma gt 16(nella norma)
Sodio 140(nella norma)
Potassio 3,7(nella norma)
Amilasi 46(nella norma)
Sideremia 13(bassa)
Colesterolo 145(nella norma)
Trigliceridi 64(nella norma)
Colesterolo hdl 49(nella norma)
Colesterolo ldl 83(nella norma)
Proteina C reattiva <0,1(nella norma)
Ferritina 2,6(bassa)
Tsh 3,77(nella norma)
Ft4 0,92(nella norma)
Ft3 3,48(nella norma)
Lh 5,85(nella norma)Fase follicolare
Fsh 3,6(nella norma)Fase follicolare
17Beta Estradiolo (E2) 134,40(alto)Fase follicolare
Ecco questi sono tutti i risultati,qualcuno sa dirmi qualcosa?
Non ditemi di andare dal medico perchè in questi giorni non è disponibile,ed io nel frattempo vorrei capirci qualcosa.
Grazie a tutti quanti.
----------

Sei sano come un pesce!!!  (+ info)

MI potete dare un'opinione su questi risultati delle analisi del sangue?


i valori sballlati sono:
Monociti-->13,9 % (3-12)
eosinofili-->6% (0-5)


grazie mille
----------

di solito questi valori salgono con un infezione in corso visto che i monociti e gli eosinofili sono globuli bianchi che intervengono in difesa del sistema immunitario.Parlane con il tuo medico sara sicuramente piu eusadiente.ciao  (+ info)

senso di mancamento e flaccidità degli arti?


Buongiorno ...
Scrivo a nome di mio padre, 69 anni – 72 Kg – h 1,75
A metà dicembre è stato al pronto soccorso per EPISODI DI ASTENIA IMPROVVISA PRECEDUTI DA VAMPATE DI CALORE, DELLA DURATA DI POCHI SECONDI, CHE SONO AUMENTATI NEGLI ULTIMI GIORNI – SPO2 99 FC 78 PAO 160/95.
ANAMNESI: da circa 20 giorni episodi lipotimici, ingravescenti; oggi 8 episodi che regrediscono in ca 5 secondi, mai cadute nè pdc, nè algie
APR
Lombalgia e cervicalgia
Ecodoppler TSA riferito come neg ca 3 aa fa
Pregresso trauma con fratture costali a dx 3 aa fa
ESAME OBIETTIVO: pz vigile, orientato, EOC toni validi ritmici, Fc 100 m’ R, EOA trattabile, non dolente alla palpazione superficiale e profonda
ESAMI DI LABORATORIO: MSC neg – eseguita visita neurologica ( APR: Lombalgia da diversi anni per la quale assume saltuariamente FANS (dicloreum), epigastralgie, 3 anni fa episodio di lipotimia nella retroversione del collo con caduta all’indietro, trauma cranico in sede occipitale; stress emotivo per problematiche familiari, assume da tre giorni lexotan. Da due settimane comparsa di numerosi episodi giornalieri di sensazione di calore a partenza dall’addome e ascendente sino al volto della durata di pochi secondi, senza perdita di coscienza, ma talora associato a sensazione di ipostenia e flaccidità agli arti. Tali episodi sembrano verificarsi maggiormente in concomitanza con i cambi posturali, ma talora anche da seduto o da sdraiato. La moglie riferisce che talvolta quando gli succede, sembra bloccarsi per qualche secondo. EON vigile, mnesico, non disturbi nel linguaggio nè dei nervi cranici. Prove cerebellari eseguite correttamente bilat. ROT vivaci simmetrici, non ipostenia Mi e MII, non defici di forza distrettuale. Ha eseguito EEG caratterizzato da un ritmo di fondo ben organizzato su cui si sovrascrivono potenziali Theta puntuti a maggiore espressione sulle regioni frontali e al vertice. Alla TC encefalo riscontro di sfumata area ipodensa in sede frontale dx sottocorticale. Programmato domani mattina controllo EEG. Indicato completamento ambulatoriale con RM encefalo + colonna e successiva rivalutazione neurologica. Si consiglia Frisium 1 cp alla sera, riposo.
ANALISI DEL SANGUE: Glicemia 106 – Azotemia 56 ( 10-50***) – Creatininemia 1 – Sodiemia 142 – Potassiemia Siero Emolizzato – Emocromo: globuli bianchi 8.7 – globuli rossi 4.54 – emoglobina 13.7 – ematocrito 41 (42-52 ***) - Vol. corpuscolare medio 90 – Contenuto emoglobinico medio 30.1 – Contenuto emoglobinico corpuscolare medio 33.3 – piastrine 246 – RDW CV 12 – Neutrofili 63.5 – Linfociti 26.1 – Monociti 7.6 – Eosinofili 2.7 – Basofili 0.1
Trattenuto in ospedale per una notte per monitoraggio ECG, domani EEG. Bromazepam 15 gtt.
Mattino seguente:
Asintomatico, alcuni episodi di calore a partenza epigastrica anche durante la notte.
PA 140/80 non variazioni con l’ortostatismo – FC 70 – Sat 100%
ECO mirato in urgenza:
CUORE: non versamento pericardico. Radice aortica, aorta ascendente ed arco arotcio di norma
ADDOME: aorta non completamente visualizzabile per meteorismo, ma di calibro regolare.
ECG: di norma, invariato.
EEG in veglia. Descrizione: attività di fondo caratterizzata da un ritmo alpha a 12 Hz, simmetrico, modulato in ampiezza, ben sostenuto, reagente. Sulle regioni frontali e al vertice sono stati registrati potenziali theta puntuti. In corso di HPN non sono state osservate significative variazioni del tracciato. SLI inattivante. Conclusioni: tracciato EEGrafico caratterizzato dalla presenza di grafoelementi aguzzi a maggiore espressione sulle regioni frontali e al vertice da interpretare alla luce della storia clinica.
TC CRANIO. In sede sottocorticale del lobo frontale dx si osserva sfumata aera ipodensa di non univoca interpretazione. Non alterazioni focali del parenchima cerebrale nè segni di emorragie cerebro-meningee. Il sistema ventricolare è in asse, con dimensioni nei limiti della norma.
Dimesso con la seguente diagnosi: POSSIBILE SINDROME COMIZIALE (in corso di completamento diagnostico). Indicata visita neurologica associata a terapia antiacida.

A partire dal 24/12, non riesce a muoversi per dolori nella zona lombosacrale. Viene consigliata una visita neurochirurgica preceduta da risonanza magnetica alla colonna in toto.

29/12/08 ECO(COLOR) DOPPLER TRONCHI SOVRAORTICI
Referto: si rilevano ispessimenti intimali lungo entrambe le carotidi comuni ed al bulbo carotideo di sn; al bulbo carotideo di dx presenza di placca iperecogena a superficie regolare, non determinante stenosi emodinamicamente significativa; non ulteriori lesioni ateromasiche lungo i tratti esplorabili dei rami di biforcazione carotidea. Le arterie succlavie e le arterie vertebrali sono pervie, con velocitogrammi nella norma, bilateralmente.

31/12/08 RMN DEL CERVELLO E DEL TRONCO ENCEFALICO SENZA E CON CONTRASTO
Referto: sono state eseguite scansioni sagittali, assiali e coronali con sequenze FLAIR, EPI pesate in diffusione e spin-echo T1, DP eT2 pes
31/12/08 RMN DEL CERVELLO E DEL TRONCO ENCEFALICO SENZA E CON CONTRASTO
Referto: sono state eseguite scansioni sagittali, assiali e coronali con sequenze FLAIR, EPI pesate in diffusione e spin-echo T1, DP eT2 pesate in condizioni basali dopo somministrazione ev di mdc paramagnetico. Non si osservano lesioni cerebellari e del tronco encefalico. Le cisterne della base sono libere. Non si osservano processi espansivi in corrispondenza degli angoli ponto-cerebellari. In ambito sovratentoriale si apprezzano numerosi piccoli focolai in corrispondenza della sostanza bianca sottocorticale e profonda, frontale bilaterale, con iperintensità nelle sequenze a lungo TR, isointensità in T1, prive di enhancement dopo mdc, riferibili ad aree gliotiche su base vascolare cronica. Non si osservano segni di lesioni ischemiche recenti. Le strutture della linea mediana sono in asse.
09/1/09 RISONANZA MAGNETICA LOMBO-SACRALE, COLONNA CERVICALE E COLONNA DORSALE
Sono state utilizzate le tecniche dello SE, FSE e GE. Sono state acquisite immagini T1 e T2 pesate lungo i piani sagittale ed assiale.
Colonna cervicale: sono riconoscibili modeste manifestazioni osteofitosiche dei margini somatici nel tratto compreso tra C4 e C7. A livello C4-C5 il disco intersomatico appare lievemente protuso in sede posteriore laterale dx, con impronta sul profilo ventro-laterale dx del sacco durale.Protudono modicamente i dischi intersomarici C5-C6 e C6-C7, con impronta sul profilo ventrale del sacco durale e contatto con il bordo anteriore del midollo spinale. Risultano lievemente ipertrofici i massicci articolari a livello C5-C6 e C6-C7, con lievi impronte sul profile posteriore del sacco durale. Le dimensioni del canale spinale sono nei limiti della normalità. Non sono apprezzabili significative alterazioni del segnale a espressione di mielopatia.
Colonna toracica: sono apprezzabili manifestazioni osteofitosiche dei margini somatici più accentuati caudalmente con prevalenza sul versante anteriore dx con aspetto a ponte in alcuni livelli. Non sono apprezzabili altre significative alterazioni a carico dell’astuccio osteo-discolegamentoso. I dischi intersomatici toracici risultano sostanzialmente contenuti; i forami di coniugazione sono liberi. Le dimensioni del canale spinale sono nei limiti della normalità. Il midollo spinale esplorato appare normale per volume, morfologia e caratteristiche di segnale.
Colonna lombo sacrale: a livello L4-L5 è apprezzabile un’ernia discale espulsa in sede posteriore paramediana sn, in gran parte migrata verso direzione caudale lungo quasi tutto il muro posteriore del corpo vertebrale L5 sempre sul versante sn, determinante impronta sul profilo ventro-laterale sn del sacco durale ed impegno del recesso laterale sn, con conflitto disco-radicolare interessante la radice nervosa L5 di sn. A livello L2-L3, il disco intersomatico risulta protuso in sede posteriore mediana-paramediana sn, con impronta sul profilo ventro-laterale sn del sacco durale. Protrude anche il disco intersomarico L3-L4, con impronta sul profilo ventrale del sacco durale. Si segnala inoltre un live debordo dell’ultimo disco intersomatico, senza significative ripercussioni endocanalari ed endoforaminali. In genere risultano appuntiti i dischi intersomatici. Piccoli emangiomi vertebrali sono apprezzabili all’interno dei alcuni corpi vertebrali, senza significato clinico.
Complessivamente le dimensioni del canale spinale sono nei limiti della normalità. In cono midollare appare integro, normo-appesantito e normo-intenso.

14/1/09 Nuovo accesso al pronto soccorso per lombosciatalgia acuta ed episodi mancamento (circa 60-70 al giorno ... anche ad intervalli di qualche minuto l’uno dall’altro).
ANAMNESI: lombosciatalgia sn in ernia discale nota. Già eseguita RSM colonna in toto in data 09/1/09 da cui risultano 3 ernie cervicali + 3 lombari.
DIAGNOSI: lombosciatalgia sn in plurime ernie discali.
Dimesso dopo una sol. Fis. 250 ml+contramal 1 fiala + plasil 1 fiala + antra 1 fila + bentelan 4 mg 1 fiala
Indicazione terapeutica: dicloreum 1 fiala im per 6 gg – nexium 20, 1 cp al mattino per 10 gg, muscorile 1 fiala im due volte al giorno per 5 gg, deltacortene 5 mg, 1 cp dopo colazione per 5 gg, poi ½ cp dopo colazione a gg alterni, quindi sospendere. Riv. c/o il curante.
16/1/09 VISITA NEUROCHIRUGICA:
Paziente affetto da lombosciatalgia subacuta sin irradiata nel territorio di L5 ed S1. All’esame obiettivo neurologico si rileva positività alla manovra di Làsegue a sin per gradi minimi, importante ipostenia nella estensione del piede sin (grado medio – grave); ipostenia tattile superficiale nei territori di L5 ed S1 sin di grado lieve-medio; ipoelicitabilità dell’achilleo sin rispetto al dx. La RMN mostra una voluminosa ernia discale in L4 – L5, espulsa e migrata caudalmente. Si consiglia soluzione chirurgica. Terapia sino all’intervento SERACTIL 400 mg 2cp/dì per 8 gg.
27/1/09 VISITA NEUROLOGICA:
Visita di controllo in paziente che riferisce fugaci episodi di calore ascendente dall’addome al volto. Viene riferito talora dai presenti come apparente blocco. Concomitaneo stress emotivo ed ernia discale L4-L5 espulsa per le quali è previsto trattamento NCH nei prossimi giorni. Gli episodi tendono a diminuire dopo l’inizio della terapia con FRISIUM (attualmente sospeso). Rimane di incerta interpretazione la natura dei disturbi (su base ansiosa??? Critici ???). Si consiglia di associare Lyrica 75 mg 1 cp alla sera. Visita di controllo tra un mese.
29/1/09 RX TORACE:
Esiti di fratture costali a dx. Non evidenti chiare lesioni addensanti a focolaio. Seni costo frenici liberi. Ombra cardiaca nei limiti. Modesto rinforzo del disegno peribronchitico.
29/1/09 ricovero in ospedale per intervento chirurgico ernia discale lombo sacrale.
Anamnesi patologica prossima: lombalgia cronica di vecchia data con episodi di riacutizzazione e remissione, trattati con terapia farmacologica. In dicembre us, in conseguenza di uno sforzo prolungato, riacutizzazione della lombalgia con successiva irradiazione del dolore all’arto inferiore sin nel territorio corrispondente al dermatomero di L5 ed S1, parestesie formicolanti e sensazione di addormentamento al primo dito del piede sx. Con terapia farmacologica non si sono ottenuti benefici. In data 30/1/09 il paziente è stato sottoposto ad intervento in erniectomia e discectomia L4-L5 con tecnica microchirurgica ed approccio da sn. Si raccomanda riposo per almeno un mese. Terapia con Bentelan 4 mg 1 fiala im/die per altri 3 giorni, Contramal SR 100 1 cp. X 2 die per 5 gg, + Lyrica 75 mg 1 cp x 2/die.
06/03/09 VISITA NEUROLOGICA POST INTERVENTO
Successivamente all’intervento NCH completa regressione della sintomatologia (episodi di calore ascendente dall’addome al volto). Si consiglia visita neurochirugica tra 15 gg.

27/03/09 VISITA NEUROCHIRUGICA POST INTERVENTO:
Operato per ernia discale il 30/1/09. Al controllo odierno si presenta in buone condizioni generali e si rileva un buon recupero del deficit piede dx. Scomparsa della sintomatologia algica. Può reintegrarsi nelle attività quotidiane evitando comunque carichi sulla colonna vertebrale.
A PARTIRE DAL 31/03/09, SONO RICOMPARSI GLI EPISODI DEFINITI DA MIO PADRE COME DEI MANCAMENTI, CON FLACCIDITA’ AGLI ARTI, DELLA DURATA DI QUALCHE SECONDO PER UN TOTALE DI CIRCA 10-15 EPISODI GIORNALIERI. IL MEDICO CURANTE HA PRESCRITTO UN’ENCEFALOGRAMMA E GLI ESAMI DEL SANGUE .

Ecco i valori degli esami:
glicemia 119 (70-110) ***
colesterolo 265 (50-220) ***
trigliceridi 141 (0-170)
AST 39 (0-34) ***
ALT 59 (0-49) ***
GGT 138 (2-30) *******
globuli bianchi (4-10)
globuli rossi 4,64 (4,5-6,00)
emoglobina 15 (13-17,5)
ematocrito 42,2 (42 – 52)
neutrofili 55 (40-74)
linfociti 34,8 (19-48)
monociti 6,9 (2-9)
Eosinofili 2,9 (0-7)
basofili 0,4 (0,0-1,5)

SECONDO IL VOSTRO PARERE ..... A COSA SONO DOVUTI? A CHI DOBBIAMO RIVOLGERCI? COSA DOBBIAMO FARE? GRAZIE PER LA VOSTRA CORTESE COLLABORAZIONE.
----------

ciao daniela ,,,ho letto tutto e da tutti questi esami non mi sembra sia venuto fuori nulla di patologico ,,,,,tranne quella possibile sindrome comiziale che non mi sembra possibile (io sono solo un'infermiera quindi questo è un mio commento come se il paziente fosse mio parente )non so cosa consigliarti ,,,se fossero solo sintomi di una cervicale che è messa maluccio? assieme a un bel po d'ansia?  (+ info)

In presenza del virus HIV i valori dell'esame del sangue sono fuori norma?


Ciao a tutti, una persona sieropositiva puo' avere i valori di un esame emocromocitometrico fuori norma? Mi riferisco a valori come i globuli rossi e bianchi, le piastrine, emoglobina, ematocrito,neutrofili, linfociti, monociti, ecc. ecc. Grazie!
----------

puoi essere sieropositiva ed avere tutti i valori nella norma
l'unico metodo per saperlo è fare il test.
so che è difficile prendere la decisione ma fare congetture e stare in ansia non serve
in bocca al lupo e buon natale!!!!  (+ info)

il virus HIV sballa i normali parametri sanguigni?


Ciao a tutti, una persona sieropositiva puo' avere i valori di un esame emocromocitometrico fuori norma? Mi riferisco a valori come i globuli rossi e bianchi, le piastrine, emoglobina, ematocrito,neutrofili, linfociti, monociti, ecc. ecc. Grazie!
----------

Si certo qualche valore per forza deve essere sballato, però i valori sballati possono essere dipesi da 3000 motivi, quindi se una persona pensa di aver contratto il virus dell HIV deve fare per forza le analisi del sangue specifiche.  (+ info)

1  2  3  4  5  6