0 voti
13 visite
in Eruzioni Acneiformi da

Ciao a tutti! Sono una ragazza di 26 anni affetta da acne sul viso da ormai 6/7 anni. All'inizio del problema mi sono recata da un dermatologo che mi ha precritto una cura con detergente (lutsine) e crema isotetrinoina; ho fatto, inoltre, una ecografia, dalla quale mi sono state riscontrate ovaie multifollicolari. Ho dovuto sospendere la terapia dermatologica dopo pochissimi giorni perché ho avuto una violenta reazione allergica all'isotetrinoina. Mi sono state prescritte, allora, altre creme e detergenti, ma, vista l'assenza di risultati e, anzi, il peggioramento riscontrato per l'aggressività di queste cure e la predisposizione della mia pelle a sviluppare allergie e intolleranze, ho deciso di dare tregua al mio viso e di sospendere tutto, vedendo come si sarebbe evoluta la situazione. Effettivamente, tra i 21/22 anni e i 24, ho avuto un periodo di tregua in cui la mia pelle, anche se non perfetta, stava decisamente meglio ed era sotto controllo (avevo solo un pò di impurità sottopelle sulle guance, tipo grani di miglio, ma niente brufoli rossi e infiammati) A 24 anni, dopo la laurea, inizia una fase improvvisa di netto peggioramento che dura tuttora, con comparsa di acne anche in zone dove prima non ne avevo mai avuto, cioè la zona mandibolare e il collo (e non puntini sottopelle, ma brufoli rossi e grossi che tornano sempre negli stessi punti). Mi sono recata nuovamente dal ginecologo che mi ha prescritto gli esami del sangue e mi ha confermato la presenza di ovaie multifollicolari, ma, essendo il mio ciclo regolare e ovulando tutti i mesi, nonché avendo valori ormonali normali, non mi ha prescritto la pillola sconsigliandomela ai fini dell'acne. Sono andata da un'altra ginecologa per l'ecografia e anch'ella mi ha confermato la diagnosi  dell'altro medico, ma, al contrario di quest'ultimo, mi ha consigliato la pillola. A questo punto sono confusa e non so che fare. Prendo o no la pillola? Quest'ultima sarebbe curativa e risolutiva o solo palliativa per il periodo di assunzione? Ci sono alternative efficaci alla pillola? L'8 luglio ho una visita dermatologica in un centro che mi dicono essere valido...vale la pena tentare di nuovo una cura dermatologica aspettando, quindi, ad iniziare la pillola? scusate per la lunghezza del mio intervento, ma in questi anni ho provato di tutto, anche attraverso la cura dell'alimentazione e il passaggio a trucchi e detergenti ecobio senza siliconi e petrolati...ma la situzione non migliora e non so come intervenire, anche alla luce dei pareri discordanti avuti sulla pillola. Inoltre, pur essendo una ragazza solare e con una vita attiva e serena, inizio ad essere psicologicamente provata da questa situazione che dura da troppo tempo...so che ci sono cosa peggiori e il mio acne non è, peraltro, devastante e gravissimo, però io mi sento a disagio per questo problema e mi condiziona, specie ora che si avvicina l'estate e, con essa, situazioni che necessitano l'assenza totale di trucco...mi sento brutta e quando mi guardo allo specchio non mi piaccio e vorrei solo una pelle normale come tutti (senza contare le battutine poco sensibili che ho dovuto sopportarein questi anni e che mi hanno ammazzato definitivamente l'autostima). Inoltre ho paura che, se non intervengo, le cose peggiorino. Grazie in anticipo a chunque vorrà rispondermi e raccontarmi la sua esperienza e scusate il lungo sfogo. smiley

La tua risposta

Il nome che vuoi visualizzare (opzionale):
Privacy: Il tuo indirizzo e-mail sarà utilizzato esclusivamente per l'invio di queste notifiche.
Verifica anti-spam:
Per evitare questa verifica in futuro, fai il log in oppure registrati.
Benvenuti a lookformedical.com, dove si possono porre domande e ricevere risposte da altri membri della comunità.

Argomenti

974 domande

73 risposte

3 commenti

126 utenti

Limitazione di responsabilità: Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web.
...